Rete Radio Montana - Sicurezza in montagna con le comunicazioni radio

VOI NON CAPITE, VOI NON AVETE CAPITO, VOI TRAVISATE, VOI PENSATE MALE, VOI NON CAPITE, VOI NON AVETE CAPITO , VOI TRAVISATE, VOI PENSATE MALE, VOI NON CAPITE, VOI NON AVETE CAPITO,, VOI TRAVISATE, VOI PENSATE MALE, VOI NON CAPITE, VOI NON AVETE CAPITO, , VOI TRAVISATE, VOI PENSATE MALE, VOI......

Non solo NOI capiamo, ma ci si rende conto che A) ripeti in continuazione le stesse formule e gli stessi concetti come fosse un mantra tibetano, presumo pensando di convincerci, B) tratti tutti come se fossero l'eventuale interlocutore che ti ha infastidito altrove ealla fine anche qui, ma mica tutti ervamo su altri forum o social, C) l'iniziativa, privata indiscutibilmente, è stata gerarchizzata in modo quanto meno opaco e con quali criteri non si sa, D) non mi ricordo una lista dei coordinatori (stavo per scrivere Gerarchi, oh Duce) e le loro qualifiche, E) siete arrivati, per il bene superiore ed indiscutibile a chiedere dati personali con un mucchio di giustificazioni ma senza nessuna garanzia di riservatezza.
Quindi ti chiarisco il punto, se perdi la fiducia dei tuoi interlocutori, non la riguadagni facile, se non sai comunicare senza addossare agli altri la responsabilità della tua incomunicabilità, sei poco credibile.

Per me, per come ti sei mosso la credibilità e la fiducia l'hai persa, se qualcuno mi chiederà cosa ne penso, sarò onesto "ottima idea di base rovinata da eccessive ambizioni personali e pessima dirigenza e gestione opaca". Questo il mio giudizio e la mia opinione. E mo' arrangiati!
 
A) ripeto in continuazione perché continuate a dire cose a metà o sbagliate. L'ultima? Il discorso che hai fatto sui dati personali...... Perché se avevi dubbi hai accettato? Io, sinceramente, non darei mai i miei dati se non mi è chiaro qualcosa. Perché, pertanto, ti sei iscritto???

B) come già scritto, mi sono riferito a qualche elemento (più di uno) che so con certezza che è la stessa identica persona che ha scritto altrove (alcuni hanno anche lo stesso Nick). Non devi sentirti chiamato in causa.

C) C'è un Gruppo di Lavoro nazionale e diversi Gruppi di Lavoro regionali. Come ogni struttura, è normale ci sia una "gerarchia". C'è nel volontariato, c'è a livello aziendale, etc. Sennò ognuno fa come gli pare.

D) se scorri l'elenco degli utenti già trovi chi sono i Responsabili. E buono ad appellare termini di qualsiasi orientamento politico, che sia di là o sia di qua.

E) questa è una bella cavolata che hai detto. C'è una informativa sulla privacy chiara e conforme al nuovo G.D.P.R.. Pensa, abbiamo anche un tutore legale che ci supporta. Informativa che avresti dovuto leggere (e che se sei iscritto, hai espressamente accettato per intero). Quali altre garanzie vorresti?

Perdere la fiducia di 10 contro 1800 che ci continuano a supportare? Mmmh, do più retta ai 1800 che ai 10, sinceramente. E se "in giro" vengono riportate informazioni false, diffamazioni o frasi che tendono a calunniare, ciascuno poi ne risponde personalmente e in altre sedi (non mi riferisco a te, ma parlo in generale).

Per il resto, se non lo hai già fatto, visto che se hai tutti questi dubbi (anzi, certezze da come parli), puoi premere il tasto ABBANDONA dopo aver effettuato il login.
 
Non avendo ricevuto nulla che confermi la mia nuova iscrizione non mi considero più iscritto.

Se lo sono anche senza aver ricevuto nessuna comunicazione non sbatterti, sarò depennato in automatico e comunque proprio per gli atteggiamenti ed il modello gestionale che esprimi, non mi interessa più.
 
Non per tenere le parti di Simone ma su questo progetto è stato fatto comunque un gran lavoro con costi e tempo dedicato. Indubbiamente ci sono delle problematiche da risolvere ma le potenzialità future sono molto interessanti. Chi non crede in questa iniziativa e in chi ci sta lavorando può benissimo decidere di non farne parte, mica siamo obbligati, ma trovo quantomeno inopportuna tutta questa polemica. Suvvia andate in montagna e divertitevi con o senza reteradiomontana
 
Non avendo ricevuto nulla che confermi la mia nuova iscrizione non mi considero più iscritto.

Se lo sono anche senza aver ricevuto nessuna comunicazione non sbatterti, sarò depennato in automatico e comunque proprio per gli atteggiamenti ed il modello gestionale che esprimi, non mi interessa più.
Io non lo so se sei iscritto o meno. Esiste il tasto "verifica stato adesione", che trovi nella schermata di login di RERAMONET, proprio per capire se sei registrato, se sei in attesa di effettuare la migrazione al nuovo portale (mantenendo l'identificativo originario), se sei sospeso o se non fai parte.

Se non hai mai fatto la migrazione, non verrai depennato.

Se vuoi essere eliminato, con conseguente eliminazione di tutti i dati, devi accedere e cliccare sul tasto dedicato.
 
Avevo deciso di non replicare più a questa conversazione perché stava già assumendo toni che non mi piacevano, ma visto che vengo tirato continuamente in ballo come uno dei provocatori che ha portato il malumore su questa pagina mi sento di tornare ad intervenire.
Innanzitutto (@Gawen) questa non è la pagina ufficiale di RRM ma un forum dove Simone è venuto lecitamente a presentare e pubblicizzare il suo progetto: dopo 40 pagine di "bravo bene bis", diversi anni e qualche modifica importante trovo altrettanto lecito che qualcuno gli palesi il suo punto di vista, esattamente come è un tuo punto di vista definirla "inopportuna polemica".
Sto rientrando da una uscita con la mia compagna, anticipando quelli che erano i nostri progetti proprio per mettere alla prova le nuove funzioni implementate. Siamo usciti in 2, partendo dai 1350 e arrivando ai 2000 della Cima delle Tre Potenze (Appenino Tosco-Emiliano, versante "pistoiese"). In 2 avevamo 3 telefoni con le Sim di 5 differenti operatori. Poco altro, un paio di radio, borracce, qualche panino e il drone. Il sistema ha funzionato? Si...per 5 volte ho lasciato la mia posizione. É stato facile? Dipende: bazzico spesso in quelle zone e so perfettamente (abbiamo entrambi genitori ulra80enni...) quale operatore funziona sul particolare masso di ogni versante. È stato veloce? Scarico, senza ciaspole, senza bastoncini, senza guanti e condizioni meteo favorevoli è bastato cercare la rete dati su una delle sim, accedere al portale e cliccare sul tasto verde. È stato pratico? Ripeto..ero nelle migliori condizioni per usare un paio di cellulari. Ho effettuato collegamenti radio? No. Niente su 8/16, qualcosa che non ha niente a che fare con RRM togliendo il subtono, 4 chiacchiere in LPD con qualcuno che stava controllando gli impianti di risalita.
Le mie considerazioni spicciole? Il sistema è utile e sulla carta funziona. La sua utilità è ovviamente palese per chi fa uscite magari in solitaria, in zone impervie e oggettivamente pericolose....che però solitamente son proprio quelle dove non si ha la connessione dati. Per questa ristretta cerchia di utenti (che sono quelli che hanno maggiore interesse ad affidarsi al sistema) l'unica opzione è pubblicare in anticipo il loro percorso. Il restante... diciamo 90%?..è composto da gente come me, che difficilmente esce da sola, difficilmente lo fa per più di 3 o 4 giorni e le cui eventuali emergenze vengono gestite e risolte dai compagni di escursione. Questi son però quelli che concorrono a rendere la rete fitta di nodi e possono rappresentare la salvezza di quelli che stanno "sopra". Ricapitolando, abbiamo un gruppo sparuto che si affida ad un gruppo molto più ben nutrito che volontariamente si presta a garantirgli il suo "ascolto". Questa per me è la RRM che può funzionare. Quando poi il discorso si amplia ad altre strutture che trovano ovviamente utile sapere su chi possono contare tra la "manovalanza" nel caso qualcuno "sopra" ne abbia bisogno...il discorso cambia. Perché questo comporta che non sia più sufficiente accendere una radio...."bisogna" usare il cellulare, controllare dove si abbia una connessione dati per aggiornare la posizione, indicare il termine della propria escursione. Cose che a mio modesto parere alla lunga cadranno nell'oblio. Eh..direte.."rimarrà la possibilità di farlo da PC "...il che è inutile ai fini esposti. A mio avviso nel giro di pochi mesi l'entusiasmo di tanta gente scemerà, tornerà ad essere pubblicata solo una parte infinitesima delle uscite, e le nuove regole in merito alla cancellazione degli account falcidierà gli account. Tutto perché il gioco funziona fintanto che i molti sotto trovano facile e stimolante fare del volontariato per i pochi sopra, soprattutto se le regole che gli si impongono diventano, alla lunga, antipatiche. Risultato: in montagna ci sarà tanta gente con radio al seguito ma pochi saranno quelli che concorreranno al progetto RRM.
Quanto agli attuali iscritti attivi....1700 è un bel numero Simone, ma a fronte di quanti indicativi rilasciati?
 
Ultima modifica:
rispondo questa volta poi da qua stacco , ho pensato un pò sulla questione .
RRM alla fine e' un progetto pensato da un privato , quindi ne deduco che metta giustamente paletti e obblighi a suo piacimento . ci sono 1700 utenti circa e le uscite programmate a quanto vedevo io , erano una decina poco piu ogni we , gli altri operano al buio come facevo io , che spesso decideva al mattino che giro fare .

detto questo , giustamente chi ha progettato questa RRM la porta avanti come meglio crede , come detto , io ho cliccato abbandona , portero' ancora molte volte la radio e userò il nominativo che meglio credo ...

un saluto da (ex) charlie 657 ...
 
Quanto agli attuali iscritti attivi....1700 è un bel numero Simone, ma a fronte di quanti indicativi rilasciati?
1844 (aggiornato alle ore 16.28 odierne) su 1844 rilasciati. Precisi precisi. E giorno dopo giorno tanti sono i vecchi iscritti che fanno la migrazione (ne mancano circa 2083 che pertanto confermerebbero il loro vecchio identificativo) o nuovi iscritti che non erano mai stati iscritti prima.

detto questo , giustamente chi ha progettato questa RRM la porta avanti come meglio crede , come detto , io ho cliccato abbandona , portero' ancora molte volte la radio e userò il nominativo che meglio credo ...

un saluto da (ex) charlie 657 ...
... che verrà assegnato ad un altra persona residente in Lombardia.
--- ---

Comunque sia, qui https://www.facebook.com/ReteRadioMontana/videos/256613435454496/ potete vedere una diretta che è stata interrotta poco fa, che fa vedere la mappa aggiornata in tempo reale con su riportati gli utenti della RRM in ascolto sul CANALE 8-16. In verde chi è in movimento (escursionismo, etc.), e in blu chi ha la radio accesa da casa.

Calcolando che l'applicativo per la pubblicazione delle attività è stato attivato da pochi giorni, la RRM comincia a "prendere forma". Sono fiducioso per i prossimi giorni/week-end.
 
206892
 
Ultima modifica:
Avevo avvertito anche io un po' di arroganza sul 8-16 ma non essendo interessato alla materia specifica non mi ha sfiorato più di tanto.
Per me non è un semplice errore il subtono è un errore imperdonabile in caso di necessità.
 
Utenti della RRM in attività outdoor in questo momento, costantemente sintonizzati sul CANALE 8-16, la frequenza radio di libero uso in banda PMR-446 impiegata per scopi di sicurezza in montagna. In caso di necessità sono rintracciabili via radio e sono abili a ricevere chiamate di emergenza da altri escursionisti nei dintorni per poi rigirarle al Soccorso Alpino via telefono.

LIMA 388 in salita verso il Monte Viglio (2156 m) nei Monti Cantari:

207136


ECHO 156 in salita verso il Picco di Vallandro (2842 m) nelle Dolomiti di Braies:

207137


INDIA 199 in salita verso il Monte Altissimo (1589 m) nelle Alpi Apuane:

207138

--- ---

Situazione attuale 8-16:

207292
 
Ultima modifica:
Sabato 19/09/2020 il CANALE 8-16 è stato utilizzato in una situazione di emergenza all'interno del Parco Nazionale dela Majella, in un punto in cui non c'era segnale telefonico a circa 2 Km dalla SS17.

Una donna, ferita e disorientata a seguito di una caduta, è stata soccorsa dal 118: a lanciare l'allarme è stato il marito, non iscritto alla Rete Radio Montana, che ha lanciato l'allarme via radio sul CANALE 8-16.

A ricevere l'SOS è stato l'utente “OSCAR 91”, che si trovava in escursione sull'Altopiano di Femmina Morta (Monte Amaro), il quale prontamente ha chiamato il 112. I Carabinieri, acquisite le informazioni necessarie, hanno poi trasferivano la chiamata alla Centrale Operativa del 118.

Il telefono, messo in vivavoce, permetteva ai soccorritori di ascoltare direttamente le comunicazioni radio della persona in difficoltà, la quale forniva via radio tutte le informazioni necessarie alla gestione dell'intervento.

La donna soccorsa è stata quindi trasportata all'Ospedale di Sulmona (AQ) per le cure del caso.

Info: www.reteradiomontana.it/emergenze-gestite
 
Lo scorso 10 ottobre 2020 alle 13.30 circa, in zona Prealpi Orobiche - Resegone, il CANALE 8-16 è stato impiegato a supporto di una situazione di emergenza, conclusasi con il decesso di un escursionista.

Gli amici dell'infortunato, non riuscendo a telefonare ai soccorsi, hanno chiesto aiuto a CHARLIE 842, il quale si trovava sullo stesso sentiero, in discesa dal Rifugio Azzoni. Gli escursionisti, molto agitati, riferivano che un loro amico era precipitato nel canalone sottostante.

C842 diramava immediatamente una richiesta di soccorso, che veniva ricevuta da CHARLIE 343 e da CHARLIE 726. CHARLIE 343 riusciva a comprendere le coordinate geografiche comunicate, ed allertava immediatamente il 112NUE, per poi parlare con la Centrale Operativa del 118 (che nel frattempo ascoltava le comunicazioni radio dal telefono utilizzato in viva voce, e che già da tempo è a conoscenza della RRM).

Circa 10 minuti dopo l'allerta, interveniva l'elisoccorso della base di Bergamo, che purtroppo constatava il decesso dell'escursionista di 59 anni.

R.I.P.

Info: https://www.reteradiomontana.it/emergenze-gestite
 
Nella giornata di ieri, 14/11/2020, il Servizio Regionale Emilia-Romagna del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) e il Soccorso Alpino Guardia di Finanza (SAGF) del Monte Cimone, sono stati attivati a seguito di un incidente in montagna in zona Monte Rondinaio (Appennino Tosco-Emiliano), tramite chiamata radio avvenuta sul CANALE 8-16 della Rete Radio Montana.

Nello specifico, non essendoci copertura telefonica nella zona dell'incidente, un escursionista che si trovava vicino alla donna infortunata ha diramato una chiamata di emergenza via radio, che è stata ricevuta da un altro escursionista che, avendo copertura telefonica, ha contattato il 118.

I dettagli ai seguenti link:

www.facebook.com/171078653299301/posts/940044836402675/

www.modenatoday.it/cronaca/infortunio-soccorso-alpino-lago-santo-14-novembre-2020.html
 
io non sono iscritto ma la "sentinella del monte bracco" è attiva da pasqua a natale circa. Avevo trovato una radio nell'immondizia,smontata,messa per sola ricezione sul balcone di casa e altoparlante dentro

Finora non ho sentito nessuna chiamata di soccorso
 
Salve mi sono appena iscritto a Rete Radio Montana (nominativo FOXTROT 560).
Qualcuno di voi è iscritto?
L'iniziativa è interessante e io avevo pure provato ad iscrivermi, ma il responsabile non ha voluto darmi il nominativo radio, perchè (secondo lui) andare in montagna solo per fare (non 1, ma 2...!) settimane bianche all'anno era troppo poco... E vabbè, pazienza ...Anzi, 'sticaxxi !
...Tanto la radio la posso usare comunque e, se dovessi sentire una richiesta di soccorso, farei quello che sarà necessario...
 
Ultima modifica:
Corso di Orientamento
Alto Basso