Escursione Riserva Monte Casoli e Selva Malano

Dati

Data: 10/4/2022
Regione e provincia: Lazio, Viterbo
Località di partenza: Bomarzo, Parco dei Mostri
Località di arrivo: Bomarzo, Parco dei Mostri
Tempo di percorrenza: 6h 27min
Chilometri: 17,60
Grado di difficoltà: E
Descrizione delle difficoltà: identificare alcuni guadi nei fossi della selva di Malano
Periodo consigliato: meglio non in estate
Segnaletica: no
Dislivello in salita: 835m
Dislivello in discesa: 835m
Quota massima: 267m
Accesso stradale: girando attorno al parco dei mostri, verifica su traccia il punto più vicino di accesso
Traccia GPS: https://www.avventurosamente.it/xf/pagine/mappa/?do=loadmarker&id=8572

Descrizione
Dopo le uscite di Vitorchiano/Corviano e di Bassano/Chia/Mugnano, mi restava un giro per chiudere la mia personalissima "triade della Tuscia": la Riserva di Monte Casoli, con prolungamento ai due Sassi del Predicatore che nelle precedenti uscite non avevo potuto raggiungere, causa battute di caccia al cinghiale. Cercando in rete per trovare informazioni e spunti, tuttavia, mi sono imbattuto in una traccia interessante su Wikilock, che proponeva un attraversamento della parte destra della Selva di Malano (quella tra Bomarzo e l'abbazia di San Nicolao, per intenderci), ricca di spunti ma apparentemente fuori traccia...una specie di caccia al tesoro, insomma. Il momento era perfetto (giornata soleggiata, non fango dei giorni prima, non troppi rovi per la primavera imminente). E per l'occasione, anche un compagno di eccezione, @Montinvisibili.

Alle 8.00 siamo al punto di partenza e, dopo una suggestiva vista panoramica della Riserva del Monte Casoli dove arriveremo per pranzo, subito ci addentriamo nella boscaglia. La mattinata è piuttosto fredda, la boscaglia attorno a noi è fitta e abitata dai classici massi eruttivi della Tuscia, ma davanti a noi si offre una evidente traccia non riportata su mappe, che coincide con quella scaricata da internet: forse sarà tutto molto più semplice del previsto (e in effetti così sarà).

Riserva Monte Casoli
1649606589916.jpeg


Boscaglia e massi eruttivi
1649606624911.jpeg


Poche centinaia di metri ed incontriamo i primi tesori di giornata: le "pietre scolpite", una sorta di edicola doppia primordiale finemente cesellata; le "pietre parlanti", una specie di grotta antropomorfa; e un primo "sasso del predicatore".

Le pietre scolpite
1649606717898.jpeg



Le pietre parlanti
1649606841119.jpeg


1649606865060.jpeg


Primo sasso del predicatore
1649606885905.jpeg


Qui ci accorgiamo di non essere molto lontani dall'abbazia di san Nicolao, una chiesa antica posta sulla parta bassa della via che verticalmente taglia in due la Selva di Malano, a cui nè io nè Marco nelle nostre rispettive esplorazioni eravamo riusciti ad arrivare causa un cancello chiuso....ma qui potremmo tentare un "assalto" da destra, attraverso la boscaglia, deviando dalla traccia scaricata dalla rete e navigando a vista verso l'indicazione gps. Il rischio di fare molta strada e poi trovarsi bloccati e dover tornare indietro scornati e in ritardo c'è...ma la voglia ci piglia entrambi e ci proviamo. Alcune difficoltà non mancano: il guado del Fosso Serraglio, la risalita a tratti ripida attraverso un noccioleto e poi l'uscita dalla proprietà (e si perchè sempre un cancello c'è!) passando sotto la rete come probabilmente fanno i cinghiali....ma alla fine ce la facciamo e il trofeo è valsa la fatica e in regalo troviamo anche la tomba romana.

Discesa al fosso del Serraglio
1649607311292.jpeg


Abbazia San Nicolao
1649607354900.jpeg


1649607378599.jpeg


Tomba romana
1649607414935.jpeg


Finalmente usciti dall'oscurità spinosa della valle del Serraglio, si aprono a noi nuovi squarci: la rupe soprastante l'abbazia, inespugnabile; alberi fioriti di pero (?); una dolce lontananza.

Rupe sopra l'abbazia
1649607618515.jpeg


Fiori di pero?
1649607831216.jpeg


Lontananza

1649607863086.jpeg


La parte "eroica" del percorso, che poi così eroica non era, è finita ed ora risaliamo verso nord la strada che divide in due la Selva di Malano, ritrovando nell'ordine la Tomba di Coelius, con iscrizioni che l'altra volta non avevo notato, il secondo Sasso Predicatore che si trova un po' più a nord sulla destra e una curiosa costruzione cubica limitrofa.

Tomba di Coelius
1649607919943.jpeg


Secondo sasso del predicatore
1649607965639.jpeg


Ara cubica

1649607996975.jpeg


Qui iniziamo una seconda esplorazione della Selva di Malano, poco questa volta nella sua parte sinistra che approccia Corviano e che, come già prima la parte destra, sembra ancora connotata dai colori invernali, con pochi segni della nuova primavera. Ma anche qui, scendendo lungo la traccia, troviamo una nuova piccola quantità di tesori: una seconda bellissima edicola arcaica (che a entrambi sembra il pezzo più bello di giornata); un po' oltre e con un po' di fuori pista la "Tomba del re e della regina" (ormai ai piedi di Corviano).

Primi segni di primavera
1649608347379.jpeg


Edicola arcaica
1649608184454.jpeg


Tomba del re e della regina
1649608486175.jpeg


1649608506520.jpeg


Questa parte della Selva è molto più alta della prima, ampiamente adibita a noccioleti e quindi decisamente più antropizzata: troviamo alcuni piccoli casotti di campagna, un trattore al lavoro ed alcuni operai della raccolta. Rientrando verso est, troviamo il terzo Sasso del Predicatore, da cui si gode un'ampia vista su tutta la valle, quindi scendiamo ancora un po' nel folto per identificare alcune mura ciclopiche riportate sulla mappa.

Casotto
1649608649815.jpeg


Sasso del predicatore
1649608677493.jpeg


Mura ciclopiche
1649608801458.jpeg


La giornata è stata ormai fatta più fuori pista che dentro, così non costa fatica decidere di rientrare sul nostro tracciato tagliando nel fitto fino a rintracciare "la via antica".

Bosco fuori pista
1649608921524.jpeg


Tomba sulla via antica
1649608966480.jpeg


Ormai sono le 12.00 passate, il languore comincia a farsi largo nonostante gli snack, e la strada aperta e luminosa che conduce a Monte Casoli gratifica non poco e lascia un gusto di libertà.

1649609042878.jpeg


1649609075118.jpeg


1649609098150.jpeg


Arriviamo così a Monte Casoli, quello che è stato l'inizio della mia programmazione e che invece è la fine del nostro cammino. Marco mi racconta di quando l'ha vista diversi anni fa, in condizioni molto migliori di oggi: in effetti i rovi la fanno da padrone e solo alcune grotte sono accessibili. Alcune piccole e primordiali, altre gigantesche e probabilmente più recenti, quasi tutte con segni visibili di utilizzo millenario. Ne resto affascinato, come mi succede ogni volta che ho la sensazione fisica di camminare nelle orme di chi è venuto prima di me e di attraversare luoghi dove generazioni e generazioni di uomini hanno vissuto ed abitato gli stessi luoghi.

Chiesa Monte Casoli
1649609281824.jpeg


Abitato rupestre
1649609321437.jpeg


1649609402401.jpeg


1649609369079.jpeg


1649609427922.jpeg


1649609447988.jpeg


1649609465977.jpeg


Un ultimo passaggio archeologico, attraversiamo una piccola suggestiva via cava, che si biforca in due e riporta una nicchia abitata da un'iconcina più recente, quindi finalmente ci fermiamo per il meritato pasto.

Via Cava

1649609727610.jpeg


1649609750512.jpeg


1649609771035.jpeg


Il caldo si è fatto pressante, ma ormai la giornata è finita, alla macchina mancano un paio di chilometri di rilassante carrareccia, con viste di campi accarezzati dal vento, la prospettiva del borgo di Bomarzo, la lontana presenza del Terminillo innevato sullo sfondo. La giornata è stata più lunga di quanto l'orologio dica, anche se non faticosa, trascorsa tra un pizzico di esplorazione e mille chiacchiere piacevoli. E' tempo di ritirare il premio del g(i)usto, che grazie ad un errore del locandiere si rinforza di un "doppio" tagliere con birra media e caffè. La felicità è spesso una cosa molto semplice!

Prato
1649609947676.jpeg


Bomarzo

1649609970311.jpeg


Il premio del g(i)usto
1649610012629.jpeg


Due Camminatori
1649610052069.jpeg


Alla prossima!
 

Allegati

  • 1649607888222.jpeg
    1649607888222.jpeg
    525,9 KB · Visite: 17
  • 1649609345720.jpeg
    1649609345720.jpeg
    595,9 KB · Visite: 16
Splendido racconto che trasmette in pieno la selva di emozioni che ieri, grazie anche a una luminosità perfetta, questo territorio ci ha regalato.
Giornata neanche troppo faticosa, anche se 17 km in poco più di sei ore non sono pochi se consideriamo tutte le meraviglie che ci hanno fermato e per quanto tempo ci siamo contorti tra i rovi.
Questa parte della Tuscia mi lascia sempre perplesso: a pensare quanto è diversa da quella classica che conosciamo fatta di tufi marroni e di etruschi. Qui la vulcanica pietra scura e il retaggio romano hanno lasciato memorie che per qualche motivo si sono obliterate e nascoste maggiormente.
 
Nella quantità di tesori che abbiamo visto, trovarne alcuni non censiti sulle mappe mi ha fatto percepire quanto nascosto sia il patrimonio di questi territori. Come tutta la parte della Selva attorno al Serraglio. O, dalla parte verso Corviano, quell'iscrizione latina su pietra antica o un possibile ulteriore sasso predicatore emergente da sottoterra.
 
Corso di Orientamento
Alto Basso