Escursione Ritorno al Perrone del Corvo: e vetta fu!!

Parchi del Lazio
Monti Lepini
Data: 08/09/2013
Regione e provincia: Lazio, Roma
Località di partenza: Pian delle Faggeta (Carpineto Romano)
Località di arrivo: Vetta del Perrone del Corvo
Tempo di percorrenza: andata 1h20m, ritorno 2h20m (abbiamo percorso tutta la cresta del Perrone in direzione sud)
Grado di difficoltà: EE
Descrizione delle difficoltà: sentieri inesistenti da crearsi su terreni ripidi e franosi attraverso vegetazione molto fitta (rovi, cespugli spinosi e non, alberi, rami secchi, tronchi)
Segnaletica: nessuna, ovviamente. Vi e' un bollino rosso in corrispondenza dell'alta via dei Lepini, a circa quota 950metri, ma trattasi di percorso abbandonato a se' stesso
Dislivello in salita: 155m (sarebbero pochi, ma percorsi su quel terreno in quelle condizioni si fanno sentire..
Dislivello in discesa: idem
Quota massima: 1035m
Accesso stradale: da Carpineto Romano si sale per la strada che porta al Pian delle Faggeta (880m)

Avevo gia' steso una recensione su questa cima minore e poco conosciuta dei Lepini, ma impervia e soprattutto non segnata da alcun tipo di sentiero http://www.avventurosamente.it/vb/161-lazio/22246-wild-lepini-avventura-al-perrone-del-corvo.html
La volta scorsa ero andato da solo in avanscoperta, raggiungendo solamente l'anticima piu' meridionale (quella piu' a destra, guardando da Pian delle Faggeta), non senza fatica e tribolazioni.
Stavolta, dopo aver coinvolto Dario (Dariozzolo nel forum) in questo mio progetto, abbiamo provato a salire da un'altra parte e abbiamo raggiunto lo scopo :)
Sapevo che pochi in precedenza avevano mai raggiunto tale cima..un certo Fabio era fra questi, confermandomi che non esistesse alcun sentiero di salita..quindi abbiamo deciso di crearci il nostro, che poi si e' rivelato abbastanza logico e rapido, almeno per la salita.

Abbiamo parcheggiato l'auto a Pian delle Faggeta. Esattamente venendo da Carpineto, 300 metri prima del parcheggio "ufficiale", si svolta sulla sinistra su una strada sterrata che conduce ad uno slargo sotto ad una formazione rocciosa. Si continua a percorrere a piedi la sterrata in direzione del Perrone e si abbandona il percorso prima che questo scenda di quota sulla sinistra.
Ci si trova quindi in linea d'aria di fronte, leggermente a sinistra, rispetto alla quota piu' bassa della cresta, esattamente fra un recinto sulla destra e una collinetta impervia e rocciosa sulla sinistra.
Si comincia quindi a salire senza sentiero fra la roccia a sinistra e lo steccato sulla destra, cercando di avvicinarsi alla base della parete dove la cresta raggiunge l'altitudine minima. La salita, come gia' menzionato, avviene su terreno abbastanza malagevole, franoso, ripido..con cespugli e tronchi e rovi alternati a roccette e sassi instabili..si guadagna quota metro metro metro, cercando di volta in volta passaggi fra la vegetazione, facendo a volte zig-zag ma comunque mantenendo sempre la direzione est, che conduce alla cresta.
Dopo circa un'ora di scomoda salita si raggiunge finalmente la cresta (quota 1020m circa)!! a sinistra vi e' l'anticima piu' settentrionale (1013m), davanti si vede la Cona di Selvapiana ed il Malaina, sulla destra invece si vede la vetta del Perrone, separata pero' da alcuni tratti di roccia che e' meglio aggirare sulla sinistra (a destra vi sono tratti strapiombanti), scendendo leggermente di quota lungo l'altrettanto ripido e scosceso versante che da verso la SP Carpinetana.
Il tratto che separa la parte piu' bassa della cresta dalla vetta e' comunque altrettanto scomodo e da "inventare".
Raggiunta finalmente la vetta si gode uno stupendo panorama sul Semprevisa, Capreo, Pian delle Faggeta da una parte e sul versante del Malaina dall'altra.

Per il ritorno abbiamo scelto di percorrere la cresta in direzione sud, sino a raggiungere la sella a quota 961m dove passa l'alta via dei Lepini. Il percorso e' stato di due volte piu' lungo dell'andata in quanto rocce alternate a cespugli e rovi rallentavano la marcia costringendo a cercare ogni volta un modo meno doloroso per passare :D

Insomma, agli avventurosi consiglio veramente questa cima sconosciuta ai piu', raggiunta forse da non piu' di una decina di persone in tutto..
 

Allegati

Ultima modifica di un moderatore:
D

Derrick

Guest
Urca!

Felicitazioni per la bella avventura e l'esito positivo.

C'è solo il dispiacere per la conferma che l'AV dei Lepini esiste solo sulla carta.
 
Urca!

Felicitazioni per la bella avventura e l'esito positivo.

C'è solo il dispiacere per la conferma che l'AV dei Lepini esiste solo sulla carta
Caro Fabrizio, grazie!!! fa sempre piacere, soprattutto fatte da un altro malato di Lepini come te.
Purtroppo l'alta via dei Lepini, nonostante sia molto piu' comoda rispetto ai non sentieri di salita e discesa dal Perrone, e' completamente lasciata a se' stessa..
 

Allegati

Ultima modifica:
allego qui sopra il tracciato del percorso fatto all'andata. Il "buco" poco prima della vetta e' spiegato dal fatto che siamo scesi di quota sulla destra per aggirare alcuni salti di roccia
 
Raga un consiglio a tutti coloro che vogliono fare il nostro stesso percorso...mettente i pantaloni lunghi anche se fanno 50° all'ombra...molto meglio il caldo al dolore dei rovi ahahah
 
Alex,
vedo che il tuo motto lo rispetti sempre, e con Dario state affilando un'avventura appresso all'altra, complimenti.

Secondo me se nascesse anche il club dei 1000 m, ci sarebbe molta più gente anche da queste parti :)
 
Alex,
vedo che il tuo motto lo rispetti sempre, e con Dario state affilando un'avventura appresso all'altra, complimenti.

Secondo me se nascesse anche il club dei 1000 m, ci sarebbe molta più gente anche da queste parti
Grazie Diego, cerco di essere degno del mio motto :music:
Scherzi a parte, vi sono molte cime sotto i 2000 (qualcuna di poco, qualcun'altra di un bel po') che meritano davvero, per vari motivi..sia paesaggistici che avventurosi.
Se non sbaglio, proprio tu salisti su una montagnetta vicino Trapani di appena 600 metri, ma con passaggi di arrampicata tutt'altro che banali. A volte si puo' vivere un'avventura non solo sui monti sopra i 2000, ma anche su quelli sopra i 1000, basta saperli cercare :)
 


Alto Basso