Ritrovato l'italiano disperso in Australia

da ANSA.IT

L'italiano disperso in Australia
è morto sulle Blue Mountains

Emilia-Romagna.
'Il cadavere dell'escursionista italiano scomparso è stato individuato sulle Blue Mountains', ha spiegato la polizia dello Stato australiano del nuovo Galles del Sud. Il giovane, originario di Cesenatico, '24 anni era scomparso mercoledì scorso'. Era partito in escursione da solo.
--- Aggiornamento ---

Il suo nome è Mattia Fiaschini.
Lo scrivo perché essendo un escursionista esperto dell'emilia romagna, magari qualcuno di voi lo conosceva.
Pare che fosse andato a vedere i danni degli incendi, del resto non si sa nulla.
 
Il suo nome è Mattia Fiaschini.
Non lo conosco.

Sulle Blue Mountains ci sono stato, ma con una guida (italoaustraliana, un Italiano trasferitosi in Australia per lavoro nei primi anni '60, costruendo tralicci per l'alta tensione, ma che poi ha sempre voluto mantenere i contatti con la sua terra e si è messo a fare la guida ai turisti italiani :biggrin:)
 
vorrei dire la mia sul fatto di essere soli in escursione ... non diamo giudizi affrettati : non si sanno le cause certe dell'incidente. Al giorno d'oggi essere soli fisicamente non vuole dire essere isolati. E poi pare che fosse una persona abbastanza esperta . In questi casi si sente spesso dire che l'interessato è caduto in un burrone o cose simili. Può darsi, ma è più facile che gli sia capitato un imprevisto vero e proprio, ingestibile.
 
vorrei dire la mia sul fatto di essere soli in escursione ... non diamo giudizi affrettati : non si sanno le cause certe dell'incidente. Al giorno d'oggi essere soli fisicamente non vuole dire essere isolati. E poi pare che fosse una persona abbastanza esperta . In questi casi si sente spesso dire che l'interessato è caduto in un burrone o cose simili. Può darsi, ma è più facile che gli sia capitato un imprevisto vero e proprio, ingestibile.
Infatti, non c'è nulla di male ad essere soli fisicamente in una escursione, basta esserne consapevoli e affrontare le cose con umiltà considerando bene le proprie forze/capacità e informandosi bene sulle condizioni atmosferiche e fisiche del luogo.
Mattia, pur essendo giovane, era una persona esperta di escursionismo, e l'itinerario credo fosse alla sua portata, e presumo quindi abbia preso tutti gli accorgimenti necessari.
In una escursione però ci possono essere degli incidenti/imprevisti, e penso anch'io che gli sia accaduto qualcosa del genere.
 
Purtroppo può capitare.
Una volta scendendo da una montagna EE, sono finito seduto per terra e sono scivolato per un 4/5 metri.
Se alla fine dei 4/5 metri avessi trovato una balza rocciosa...
Avevo ai piedi scarponi pesanti, con suola vibram in buone condizioni.
 
Ultima modifica:

Alto Basso