Recensione Roselli Nikkarinpuukko

#1
Roselli Nikkarinpuukko (75€)

Heimo Roselli
roselli.jpg

fondò la propria azienda nel 1976, dopo due anni di forgiatura da autodidatta, ad Harmoinen, paese 90 km a est di Tampere, nella Finlandia centrale.

Dato il periodo in cui cominciò la sua attività può fregiarsi, e non perde occasione per farlo, di essere uno dei fabbri che ha contribuito alla rinascita della forgiatura in terra di Finlandia.
In quegli anni si stava vivendo un’impennata verso la produzione industriale, con la conseguente sostituzione degli oggetti forgiati con degli equivalenti prodotti in serie a prezzo inferiore. I coltelli non fecero eccezione e i fabbri che continuarono a forgiare lame si contavano sulle dita delle mani: Kustaa Lammi, Altti Kankaanpää, Yrjö Puronvarsi, Veikko Hakkarainen, Roselli e pochi altri.

Nel corso degli anni '80 e '90 Roselli passò dalla forgiatura con martello a quella attuale con pressa idraulica e dime; i coltelli, da convessi a tutta altezza e a codolo passante, diventarono “scandi” e a codolo nascosto; i foderi dismisero la cucitura sul retro e adottarono quella mista. Ora alla H. Roselli Oy lavorano, oltre al fondatore, una decina di operai specializzati.


lama
lunghezza - 87 mm
larghezza - 21 mm
spessore - 3 mm
acciaio - W75
biselli - piani
tagliente - 17°, appena convesso
durezza - ~ 60 HRC

manico
lunghezza - 112 mm
larghezza - 28 mm max.
spessore - 20 mm max.

peso
coltello - 75 g
con fodero - 111 g


La lama è stata stampata da una barra di W75, una lega pura di Fe e C con 0,75% di C. La lama acquisisce forma tramite vari passaggi di pressa e dima, smerigliatura e rifinitura su levigatrice. Ha sezione piatta non rastremata. Il trattamento termico è fatto a gruppi di 25 lame circa, temprate in olio e quindi rinvenute in forno. I biselli sono portati a 17° con una leggerissima convessatura del filo.

Il manico, in betulla careliana, è sgrossato a macchina, quindi rifinito a levigatrice con grana media. Ha un collare in alpacca da 3 mm, proporzioni medie, si rastrema molto in altezza e, soprattutto, in spessore, verso la lama. Ha un accenno di pomo uncinato e una sezione a goccia rovesciata.

Il fodero, realizzato con cuoio spesso 2 mm, è cucito a macchina. Il cuoio della bocca è piegato e incollato verso l’interno per migliorare la ritenzione; la lama è avvolta da un salvafilo di plastica. Il passante per la cintura ha due semplici asole. La ritenzione è molto efficacie, ma non è comunque necessaria molta forza per sfoderare il coltello.

01.jpg

02.jpg

03.jpg

04.jpg

05.jpg



In uso

Fra i Roselli, il Nikkarinpuukko è quello che si è distaccato meno dai puukko tradizionali, nonché il meno specializzato, diventando ovviamente il modello con spettro d’uso più ampio, combinando dimensioni sufficienti, ma non grandi, a un peso ridotto. Non è comunque il Roselli più venduto e usato.
È bilanciato verso il manico, ma la differenza di peso fra lama a e manico è così poca da sembrare quasi neutro.

Prima di iniziare l’ho stroppato con paste Bark River nera (#3000) e verde (#6000).
Cominciamo con i troll in platano stagionato sei mesi.
07.jpg

08.jpg

09.jpg

10.jpg

Il puukko ha dimostrato un buon mordente sia lavorando in favore sia contro le fibre. Ho percepito un po’ di resisitenza solo mentre lavoravo con la pancia della lama per intagliare la parte conica del secondo cappello. Un calo del mordente a rasoio era percepibile già dopo il primo troll e, alla fine del secondo, il coltello ha cominciato a faticare quando ho dovuto lavorare in senso opposto alle fibre. Il manico ha sempre consentito un ottimo controllo, permettendo di lavorare a una buona velocità e dosando bene la forza necessaria. A fine lavoro, dopo aver anche spianato due nodi, il filo era intonso, mentre il mordente a rasoio era praticamente andato su tutta la sua superficie. L’ho quindi ripristinato con dieci passate per lato di pasta nera prima e verde poi.
11.jpg


Proseguiamo con lo spirito in pioppo stagionato tre mesi.
12.jpg

13.jpg

14.jpg

15.jpg

A causa del filo convesso il puukko non ha mostrato un mordente particolarmente incisivo a piallare in senso opposto alle fibre, ad assottigliare lo spessore per spezzare il ramo e spianare il piede a fine lavoro. A tagliare in favore delle fibre era invece discreto. La punta, combinata con i biselli piuttosto acuti, si è dimostrata sufficientemente agile per creare il profilo dei lati del naso, ma non abbastanza rastremata per lavorare bene attorno al labbro. In questo caso anche la larghezza della lama ha influito.
Il manico si è nuovamente dimostrato assolutamente ottimo per controllo e comodità.
A fine lavoro il filo era intono, ma il mordente a rasoio era completamente andato. L’ho quindi ripristinato con dodici passate per lato su pasta verde.
16.jpg


Concludiamo con la spatola in abete bianco.
17.jpg

18.jpg

19.jpg

20.jpg

21.jpg

Mordente buono, manico comodo, spigoli del dorso non sufficientemente vivi da dare fastidio. Nessun particolare problema nella sgrossatura del dorso e della parte anteriore della spatola.
Durante la sgrossatura della pancia il puukko è rimasto comodo e rapido, ma a metà circa del lavoro il mordente era calato drasticamente e la forza da esercitare tirando il coltello verso di me cresceva in fretta. Prima di continuare ho quindi dato quindici passate su pasta verde.
Completare la curva della pancia e tutti le rifiniture è stato abbastanza facile, anche se, di nuovo, la velocità con cui il filo perde mordente, mi ha richiesto più tempo che con il Puukkopaja, non ostante tutto. Piallate il piatto della spatola per ridurne lo spessore è stato a volte poco pratico a causa della tendenza del filo convesso e scivolare sulla superficie piuttosto che mordere. La giunzione fra manico e spatola è risultata, inoltre, meno pulita.
A fine lavoro il filo era intonso e il mordente a rasoio era andato.
22.jpg



Conclusioni

Probabilmnete il manico più comodo e agile fra i puukko semiindustriali. Con un acciaio da utensili, capace di formare carburi e quindi di una tenuta del filo migliore, sarebbe un puukko di gran lunga più sfruttabile. Il W75 e le geometrie acute lo relegano invece al solo legno verde. Il trattamento termico, che per stessa ammissione della Roselli non permette di determinare con precisione la durezza finale, influenzata dalla posizione della singola lama all’interno del forno al momento del rinvenimento, non è sufficiente per garantire prestazioni a lungo termine su legno secco. Facilissimo da riaffilare, ma decisamente molto rapido a perdere il filo. Se lo stroppare il coltello ogni 20-25 minuti non è un problema, allora tutto bene.
06.jpg
 

Ultima modifica:
#5
Grazie.!qui pur avendo letto le altre recensioni. Senza aver fatto i test ma dalle foto e dalla pulizia dei tagli direi che questo e il kauvahan puukkopaja sono un po inferiori agli altri due artigianali. Ma belli tutti e 4 e belle le recensioni. I commenti ai test aiutano a capire le difficoltà che hai incontrato ed ognuno di noi può quasi sentire il coltello fra le mani, anche se purtroppo non è così. vediamo Isakki che è quello che conosco meno a parte i due artigianali.
 
#7
Grazie.!qui pur avendo letto le altre recensioni. Senza aver fatto i test ma dalle foto e dalla pulizia dei tagli direi che questo e il kauvahan puukkopaja sono un po inferiori agli altri due artigianali. Ma belli tutti e 4 e belle le recensioni. I commenti ai test aiutano a capire le difficoltà che hai incontrato ed ognuno di noi può quasi sentire il coltello fra le mani, anche se purtroppo non è così. vediamo Isakki che è quello che conosco meno a parte i due artigianali.
Anche la Iisakki ora è un'azienda con diversi dipendenti, ma la storia va indietro parecchio.
 
Ultima modifica:
#8
Bella recensione Federico e belle anche le foto e la storia dei produttori.
Guardando il coltello mi è sembrato molto simile al Roselli Carpenter. Vado sul sito Roselli per capirne le differenze ma è scritto in finlandese. Cambio la lingua in inglese... ed ecco svelato l'arcano mistero. :)
 
#11
Fra tutti quelli che mi sono passati fra le mani dal 2005, gli unici che ho visto con biselli piani a zero dalla fabbrica sono i Mora da intaglio, che però sono solitamente riaffilati prima su mola e poi su pietra, diventando concavi con microbisello. Tutti gli altri portati a zero, qualunque fosse il tipo di bisello, avevano il filo convessato.
 

Discussioni simili

Contenuti correlati

Alto