Recensione Rough Wolf WP4

Salve a tutti, Ieri ho pubblicato una foto del mio WP4 e dai commenti ricevuti mi è sembrato che poteste essere interessati a una sua recensione, per cui ho deciso di procedere.

Per chiarezza ci tengo a precisare che non ho frequentato i corsi della scuola di sopravvivenza di cui il progettista del coltello è istruttore capo e non conosco direttamente nessuno che vi abbia partecipato. In alcune occasioni li ho contattati attraverso il loro forum e mi hanno dato l’impressione di persone schiette e dirette, non molto portate per le pubbliche relazioni ad ogni costo…

Le valutazioni che ho fatto si basano quindi sulle mie esperienze passate come utilizzatore di lame in ambiente naturale. Ho quindi ritenuto fosse il caso di scrivere anche qualche cosa al riguardo.


Alcune delle lame che ho usato nel bosco durante gli anni.
CompressaRecensione WP4IMG_6173.jpg



Pratico il survival dalla fine degli anni 80 all’epoca ero un ragazzino, sono del 1976, brado per i boschi della valle dell’Olba ho sempre usato molto le lame la mia prima dotazione comprendeva un seghetto pieghevole, un marazzo tradizionale urbasco e un Opinel.
CompressaRecensione WP4IMG_6134.jpg



Anni dopo lo stesso modello di seghetto pieghevole comparve anche nell’edizione italiana del manuale di Ray Myers, io lo avevo già da un po’ sostituito poiché mi ero accorto che per le mie esigenze avrei dovuto realizzare un fodero per appenderlo alla cintura o allo zaino considerazione che mi portò a preferirgli un seghetto a lama fissa di pari peso, dall’aumento di ingombro trascurabile, con solido e sicuro fodero nativo in plastica e molto più performante in quanto con molta più lama tagliente e meno manico pesante e ingombrante. Non ho più usato seghetti pieghevoli.
CompressaRecensione WP4IMG_6139.jpg



Negli anni 90 dopo la prima Guerra del Golfo, e la pubblicazione dei saggi de Andy Macnab in particolare il biografico Azione Immediata il mondo della sopravvivenza fu molto influenzato dalla dottrina del SAS in materia. In quegli anni la Fox di Maniago inizio la produzione del suo celebre Kukri industriale in Inox 440A che sostituì il mio marazzo.
Non ho mai provato un “vero Kukri” citato espressamente da Mcnab, ma credo sia una lama parecchio diversa dal Fox se non altro per l’altezza dei biselli.
Il fox fu il mio primo, e in certo senso ultimo, coltellone fulltang in inox.
CompressaRecensione WP4IMG_6143.jpg


Riguardo al WP4 devo dire che vi ho ritrovato molti aspetti funzionali del “Survival Tattico” di quegli anni e della scuola SAS di derivazione coloniale.

Negli anni 2000 non fui indifferente al bushcraft in chiave nordica, non ho però mai usato una accetta, le ho preferito la versione, secondo me molto ben concepita, Fiskars/Gerber del tradizionale Vesuri scandinavo, una specie di roncola in inox su un manico da accetta, acquistata presso il reparto giardinaggio di un grande “Fai da Te” di Genova.

Da un ferramenta di recente ho invece acquistato il mio Bahaco/Mora arancione, sempre in inox, con cui ho sostituito senza troppi rimpianti il mio solito Opinel n12 carbonioso l’ultimo di diversi esemplari posseduti nel corso degli anni, ultima lama carboniosa nella mia dotazione, che dopo quasi 15 anni di olio di gomito sembrava però più bello di quando era nuovo, trovo però il Mora più funzionale.
CompressaRecensione WP4IMG_6149.jpg

Col diffondersi del bushcraft il contiguo mondo del survival si è arricchito di tecniche di “quasi archeologia sperimentale” e intaglio del legno. Osservando in foto l’incavo del WP4 e soprattutto la “pinna” predisposta per una presa in stile paleoworking, come fosse ad esempio l’ ilio di un erbivoro di media taglia, ero curioso di verificarne la funzionalità.


Ho così ordinato il mio Rough Wolf WP-4 Desert, consegnatomi a casa il giorno successivo.
La prima impressione è quella di una eccezionale compattezza per un coltello con il quale progetto di sostituire il mio intero corredo di lame. Siamo vicini agli ingombri di un coltello tattico come il Ka-Bar USMC. Il peso con fodero del WP-4, 775g è inferiore a quello del Kukri fox, 835g esempio datato ma abbastanza riuscito di grosso coltello da taglio.
CompressaRecensione WP4IMG_6038.jpg



Mentre raccoglievo informazioni in rete sul WP4 ho letto di come molti lo accostino al coltello da ceppo, capisco che vi possa essere qualche similitudine ma si tratta di due utensili molto diversi se non altro perché il WP4 ha nella versatilità il suo punto di forza ed è un coltello da bosco come il marazzo tradizionale o il manaresso San Giustina, mentre una lama concepita per ridurre le dimensioni della legna da ardere tagliandola sul ceppo con la maggiore facilità possibile ha nell’elevata specializzazione la sua ragion d’essere che però la penalizza in quasi qualunque altro utilizzo.
CompressaRecensione WP4IMG_6062.jpg


La lama del WP4 è di fabbrica affilata a rasoio e con i biselli così alti nonostante lo spessore ho da subito pensato avesse, anche grazie al peso, ottime doti di taglio e penetrazione e avevo ragione. Ho trovato comoda e pratica l’ impugnatura il suo allargarsi alla base è utile quando si usa l’energia cinetica del colpo per tagliare con la torsione laterale della lama tecnica utile ad esempio per realizzare la base di appoggio di una candela svedese.


Non ho mai capito l’utilità dei vani porta oggetti nei manici dei coltelli da sopravvivenza e ho completamente ignorato quello de WP4, FACENDO UN GROSSISSIMO ERRORE!!! Vi spiegherò in seguito perché…



Devo ora precisare una cosa: il coltello da sopravvivenza che cercavo, e credo di avere trovato nel WP4, per me, si usa senza guanti!

Scrivo così proprio per l’importanza che do alla protezione delle mani, cercherò di spiegarmi meglio: nel bosco molte risorse importanti dal legno di acacia, alle piante di more, ai ricci del castagno sono irte di spini e non mancano gli ostacoli che richiedono di essere afferrati con forza per venire superati anche se sono taglienti o pungenti. Per questo porto sempre con me un paio di guanti, che per proteggere sufficientemente i palmi delle mani quando afferro con forza qualcosa che potrebbe ferirmi, sono internamente foderati di kevlar. Ma che non sono adatti a rendere più “morbido” il manico del coltello. Per i lavori anche pesanti se il coltello è fatto bene è sufficiente impugnarlo correttamente.
CompressaRecensione WP4IMG_6174.jpg
CompressaRecensione WP4IMG_6176.jpg



La prima prova affrontata dal WP4 nel bosco che vi sottopongo è la realizzazione di un trapano a volano in legno di castagno stagionato, una pianta schiantata dalla neve lo scorso inverno, le dimensioni del trapano sono generose per via del tannino che potrebbe rendere difficoltosa l’ accensione.
CompressaRecensione WP4IMG_6118.jpg


Il “chopping” con questo coltello è fenomenale taglia il legno duro come fosse burro grazie a peso e bilanciamento la compattezza lo rende estremamente preciso, ciò riduce la forza necessaria per tagliare al punto da renderlo preferibile al seghetto Felco 611.

Durante il batoning la geometria della lama rende alla perfezione in termini di efficacia e controllo.
CompressaRecensione WP4IMG_6073.jpg

CompressaRecensione WP4IMG_6085.jpg
CompressaRecensione WP4IMG_6095.jpg


Sfruttando il peso della lama è poi estremamente facile anche su legna non più verde eliminare la corteccia e sagomare il volano.

CompressaRecensione WP4IMG_6076.jpg
CompressaRecensione WP4IMG_6080.jpg

CompressaRecensione WP4IMG_6122.jpg


Sfruttando l’ampio incavo per la presa avanzata e la “pinna” per lavorare di punta è stato facile realizzare la cruna.
CompressaRecensione WP4IMG_6079.jpg


Sfruttando poi una combinazione di varie tecniche di intaglio del legno ho realizzato il cursore.
CompressaRecensione WP4IMG_6127.jpg
CompressaRecensione WP4IMG_6180.jpg
CompressaRecensione WP4IMG_6218.jpg
CompressaRecensione WP4IMG_6206.jpg
CompressaRecensione WP4IMG_6233.jpg


Ho poi preparato la tavoletta di accensione.

CompressaRecensione WP4IMG_6237.jpg

CompressaRecensione WP4IMG_6296.jpg


Naturalmente perché funzioni una volta assemblato il trapano deve essere correttamente bilanciato, riuscire cioè a stare in equilibrio sulla punta del pignone, e non va mai lasciato posato a terra a causa dell’umidità

CompressaRecensione WP4IMG_6295.jpg


CompressaRecensione WP4IMG_6594.jpg


Preparo poi il campo, scelgo di sfruttare alcune piante di castagno, più o meno della misura di un palo del telefono, morte in piedi da sufficiente tempo per essere ben stagionate.

Il mio piano è abbatterne 5 o 6 sezionandole poi in pezzi da 2,5 e 1,5 metri da incastrare tra loro senza legature per farmi un letto su cui dormire.

Questo tipo di campo offre il vantaggio di non consumare il cordino che ho comperato al Brico, non intaccare il verde del bosco e di essere ritenuto per tradizione una pratica “quasi” socialmente accettabile dai proprietari di boschi dell’Appennino, quando te ne vai non lasci il bosco come lo hai trovato, ma gli lasci una catasta di legna già tagliata.


Il WP4 ha dato subito prova di una eccezionale capacità di taglio dandomi modo di abbattere tronchi di legno tenace in pratica con il solo movimento del polso.
CompressaRecensione WP4IMG_6356.jpg
CompressaRecensione WP4IMG_6383.jpg

CompressaRecensione WP4IMG_6324.jpg


Ero a metà del secondo tronco quando la “Vendetta di Rambo” ha colpito ancora, in pratica il coltello mi si è smontato in mano

CompressaRecensione WP4IMG_6451.jpg


in seguito con l’aiuto di un esperto ho capito cosa è avvenuto, le viti e i bulloni del WP4 non sono conici e quindi tendono a svitarsi con l’uso e in fabbrica li lasciano un po’ lenti apposta per darti modo di inserire un mini kit di sopravvivenza nel manico in stile Rambo e poi fissare il tutto con un po’di loctite media.

Io mi ero completamente disinteressato della cosa così la vite durante il chopping si è allentata e ho perso il dado.

Aiutandomi con un attrezzo di fortuna ricavato da una rondella che avevo nel portafoglio, sono riuscito a rimettere insieme il coltello con una legatura e a proseguire il lavoro.
CompressaRecensione WP4IMG_6454.jpg



Anche così ballando letteralmente nel manico il WP4 riesce a “castorizzare” senza problemi i tronchi sia in piedi che dopo averli abbattuti senza far rimpiangere il Felco 611, che però non mi si è mai smontato durante l'uso.
CompressaRecensione WP4IMG_6551.jpg

CompressaRecensione WP4IMG_6583.jpg


CompressaRecensione WP4IMG_6565.jpg

CompressaRecensione WP4IMG_6596.jpg

CompressaRecensione WP4IMG_6602.jpg


Ho poi montato la struttura del letto usando la tecnica degli incastri.
Compressa Recensione WP4IMG_6729.jpg

Compressa Recensione WP4IMG_6857.jpg

Compressa Recensione WP4IMG_6875.jpg

Compressa Recensione WP4IMG_6749.jpg

Compressa Recensione WP4IMG_7011.jpg

Compressa Recensione WP4IMG_6995.jpg


Compressa Recensione WP4IMG_7003.jpg


Ho poi acceso il fuoco...

Compressa Recensione WP4IMG_7028.jpg

Compressa Recensione WP4IMG_7307.jpg


Compressa Recensione WP4IMG_7275.jpg

Compressa Recensione WP4IMG_7339.jpg

Compressa Recensione WP4IMG_7349.jpg

Compressa Recensione WP4IMG_7357.jpg

Compressa Recensione WP4IMG_7367.jpg

Compressa Recensione WP4IMG_7376.jpg

Compressa Recensione WP4IMG_7413.jpg
 

Ultima modifica:
Il giudizio sul WP4 è sicuramente positivo, sotto molti punti di vista rappresenta il coltello che ho sempre cercato. Non felicissima l'idea del vano nel manico, ma delle nuove viti hanno risolto il problema dell'impugnatura che tende a smontarsi...
Queste foto sono di un anno fa da allora il WP4 è senza dubbio divenuto la mia lama preferita...
 
@Zed non penserai di cavartela così, spero!
1.dopo averci lavorato senza guanti per quei lavori, come trovi l'impugnatura? È comoda o infastidisce?

2.provato ad utilizzarlo per intagli? Piccoli incastri, trappole, e cose così

3.come ti trovi col fodero? Sembra un po' ingombrante ma molto versatile, provato ad utilizzarlo in diverse configurazioni?

4.come ti sembra la tenuta del filo?

5. Come ti sembra la riaffilatura? (se l'hai fatta tu)

6. In generale, la forma non ortodossa del wp4, non sembra così istintiva nell'utilizzo, non sembra possa dare al wp4 quella versatilità d'uso tipica di alcuni camp knife, piuttosto sembra che il wp4 sia uno strumento specializzato per il chopping ed i lavori pesanti ; concordi, o in realtà trovi il wp4 comodo e maneggevole come coltelli dalla forma più classica?
Grazie
Gabri.
 
Ultima modifica:
Si vabbè, ma chi sei, ray mears? :D
La miglior recensione che abbia mai letto fatta da un italiano, se mai uno volesse comprare questo coltello ed avesse dubbi, dovrebbe leggere qui
 
Recensione a dir poco magnifica! Complimenti.. E' un coltello che mi ha sempre attirato e incuriosito ma che mi lasciava anche molti dubbi.. Non c'è dubbio che nelle mani giuste sappia dire la sua!
 
ottima recensione.

domandone: come e' sui polsi? contraccolpi o movimenti strani, tendenza a piegarsi lateralmente? per uno con i polsi distrutti e con un fisico da marmellata del discount come me quella forma aiuta molto?
 
E' stato un vero piacere, leggerti e vedere le foto. Complimenti per la manualità da riferimento. Bella lama ha sempre affascinato anche me.
 
Grazie a Tutti per l'apprezzamento!!!

@Zed non penserai di cavarsela così, spero!
1.dopo averci lavorato senza guanti per quei lavori, come trovi l'impugnatura? È comoda o infastidisce?

2.provato ad utilizzarlo per intagli? Piccoli incastri, trappole, e cose così

3.come ti trovi col fodero? Sembra un po' ingombrante ma molto versatile, provato ad utilizzarlo in diverse configurazioni?

4.come ti sembra la tenuta del filo?

5. Come ti sembra la riaffilatura? (se l'hai fatta tu)

6. In generale, la forma non ortodossa del wp4, non sembra così istintiva nell'utilizzo, non sembra possa dare al wp4 quella versatilità d'uso tipica di alcuni camp knife, piuttosto sembra che il wp4 sia uno strumento specializzato per il chopping ed i lavori pesanti ; concordi, o in realtà trovi il wp4 comodo e maneggevole come coltelli dalla forma più classica?
Grazie
Gabri.
Ciao Gabri, ti rispondo punto per punto...:si:

1.Dopo averci lavorato senza guanti non ho provato alcun fastidio l'impugnatura è senz'altro comoda sia arretrata a cercare la massima incisività di "choppo", sia con il dito indice appena oltre oltre la guardia per il micro chopping di precisione, sia con il dito indice affondato nel finger hole per avere un bilanciamento neutro per gli intagli di precisione che sulla "pinna" per il carving di punta.

2.Si uso il wp4 anche per gli intagli di precisione, riguardo alle trappole ti posso dire che non faccio distinzione tra animali d'affezione, selvatici e nocivi, quindi sono in un certo senso un animalista. Comunque le so costruire e usare, ma il discorso è un un po' OT... Ti metto sole qualche foto come esempio di intagli di precisione... Il rocchetto porta cordino è una mia invenzione..

Compresse Trappole bushcraftIMG_8046.jpg

Compresse Trappole bushcraftIMG_8008.jpg

Compresse Trappole bushcraftIMG_8011.jpg

Compresse Trappole bushcraftIMG_7984.jpg

Compresse Trappole bushcraftIMG_7979.jpg

Compresse Trappole bushcraftIMG_8013.jpg

Compresse Trappole bushcraftIMG_8015.jpg

Compresse Trappole bushcraftIMG_8020.jpg


Compresse Trappole bushcraftIMG_8034.jpg

Compresse Trappole bushcraftIMG_8038.jpg

Compresse Trappole bushcraftIMG_8042.jpg

Compresse Trappole bushcraftIMG_8043.jpg


3.Il fodero è meno ingombrate di quanto sembra in quanto è realizzato in sola plastica rigida senza rivestimenti in cordura e copre la sola lama. Lo porto direttamente alla cintura coprendo il wp4 con la maglia a favore della discrezione...

4.Circa la tenuta del filo faccio riferimento alla mia personale scala di misurazione:

1) "non taglia", quando la lama scivola sull'unghia
2) "taglia", quando la lama non scivola, in gergo si dice "prende" sull'unghia
3)"taglia bene" quando riesce a fare il micro ricciolo sull'unghia
4)"a rasoio" quando taglia senza sforzo i peli del braccio
5)"a rasoio come si deve" quando taglia i peli e il taglio dell'unghia scivola sopra per tutta la lunghezza
senza incontrare resistenze da microdenti

Diciamo che partendo dal livello 5 dopo un giorno di uso intenso si scende al livello 3.

5. La riaffilatura è agevole, io uso da anni, con lame di questo tipo, il sistema Lansky e mi trovo molto bene, riesco facilmente a riportare il filo in condizione 5. Ho anche un acciaino Puma e diverse pietre che uso su altre lame, ma le sconsiglio per il wp4 che per funzionare al meglio deve essere affilato con la massima precisione.

6. Volendo fare un discorso in generale i coltelli "camp tradizionali" nascono dalla riscoperta in epoca coloniale delle lame tribali tuttofare di cui sono una rivisitazione semplificata, per venire incontro alle, tutto sommato minori, necessita dell'utente cui erano destinate. Quando si è sentita la necessità di ampliarne nuovamente lo spettro di utilizzo alcuni progettisti hanno pensato di aggiungervi seghettate sul dorso e/o
lame dai biselli differenziati, altri, come in questo caso, su un'unico filo imperniare diverse possibilità di impugnatura, 4 le principali sul wp4, in modo da poter affrontare dal chopping all'intaglio di fino, nel caso del wp4 questa scelta a dato esiti molto felici...

Sperando di essere stato esauriente
Ciao a tutti
 
Ultima modifica:
ottima recensione.

domandone: come e' sui polsi? contraccolpi o movimenti strani, tendenza a piegarsi lateralmente? per uno con i polsi distrutti e con un fisico da marmellata del discount come me quella forma aiuta molto?
Ciao,
con i polsi è generoso, per aiutarti ti consiglio di usare un laccetto come dragona facendolo passare anche dentro alla presa, lasciandolo in bando è facile tagliarla, se dovesse succedere che resta bloccato per via del ridotto angolo dei biselli, dato che è assicurato per la dragona basta colpire leggermente il dorso dell'impugnatura con il palmo della mano...
 
Ammetto che senza vedere prima una prova sul campo anche io avrei preso un abbaglio, in fondo i forum servono a questo, condividere esperienze e conoscenze :)
Grazie a Zed per la sua dimostrazione
 

Autore Discussioni simili Forum Risposte Data
Orso_Bruno Utensili da taglio 15
Hunter Utensili da taglio 9

Discussioni simili


Contenuti correlati

Alto