Sacco in piuma ultralight (550 gr) +8/+2...a 66€

Ciao a tutti!

Proseguo nella rassegna di prodotti "cheap & light" ;)

Nei soliti forum americani di escursionismo ultralight, hanno parlato più volte di questo leggerissimo e...abbordabilissimo sacco a pelo ultralight del produttore cinese Aegismax (in piuma 800 cuin):

1.jpg

2.jpg

Si nota subito l'impostazione molto minimale, senza capuccio: al suo posto si consiglia semplicemente di usare...un berretto (o in casi estremi un passamontagna). Se ce l'avessi io lo userei tenendomi addosso oltre che il berretto anche il piumino leggero del deca che tengo sempre in zaino, che ha un capuccio molto avvolgente, quindi per me ci può stare...

Il prodotto è da poco disponibile, oltre che in taglia "medium" (440gr, 180x78cm, 55€ spedito qui) anche in taglia "large" (550gr, 200x86cm, 66€ spedito qui), quest'ultima sicuramente più adatta alla stazza di noi europei!
(attenti ad ogni modo che, non avendo il sacco il capuccio, le lunghezze non sono direttamente paragonabili a quelle di un sacco "classico"!)

Da chiuso il volume è ridottissimo, siamo sui 3 litri non compresso, 2 litri compresso:

3.jpg

Cerniera YKK

Le temperature non sono certificate, qualche americano che l'ha provato dice che sono realistiche, qualcun'altro (ma qui vado a memoria) diceva che lui ci dorme benone fino a 10 gradi...

Qui un video di un tizio che lo prova sul campo:

Qui qualche discussione del succitato forum americano:
https://backpackinglight.com/search/?q=aegismax

Qui ne parlano ampiamente i colleghi francesi (viva google translator!):
http://www.randonner-leger.org/forum/viewtopic.php?id=26025

Lo stesso produttore ne vende poi di vari altri tipi, tutti rigorosamente UL in piuma, spesso a sole poche decine di € in più, ad esempio con forma rettangolare, o con più imbottitura, o semplicemente di impostazione più classica (mummia con capuccio)
 
Ultima modifica:
In poche parole un sacco light con dubbi sulla tenuta minima ma decisamente economico. Può essere una buona scelta per chi non lo utilizza in situazioni al limite. Mi piace questa tua "rubrica" ^^
 
dubito che sia un 800 cuin altrimenti a dieci gradi ci arriva senza problemi...
Da quel che ho letto nessuno ha mai messo in dubbio la qualità della piuma; le criticità relativamente alla tenuta termica sono dovute all'assenza di capuccio (e lì dipende da uno cosa si infila in testa quando fa i suoi "test" soggettivi...) e alla mancanza di una "patta" copri cerniera, quindi vi sono punti da cui il calore può uscire facilmente.

Se ce l'avessi, il mio piano sarebbe di usarlo con berretto in pile + piumino leggero (ma con capuccio): a naso secondo me così vestito un 5° dovrei reggerli senza grossi problemi.... ed il tutto con un sacco che quasi non ti accorgi di avere in zaino! :D
 
Ultima modifica:
Da valutare anche l'uso aggiuntivo come liner di un sacco "normale", per far guadagnare magari quei 5-10° di confort ad un sacco da mezza stagione e poterlo così usare d'inverno.

Potrebbe essere quindi usato come sacco estivo + come liner per rinforzare quando serve un sacco da mezza stagione
 
Un bel prodotto sembra molto interessante per situazioni non estreme veramente comodo come ingombro!!!!!!!
 
io il mio sacco lo uso più o meno sempre così, visto che porto la giacca in piuma.
ma sotto gli zero gradi ci sono andato...come fanno a verificare che è un 800?
 
...come fanno a verificare che è un 800?
Quello che intendevo affermare non è tanto che la piuma è sicuramente 800 cuin, quanto che la maggior criticità del sacco è la presenza di zone non isolate (es cerniera senza patta e capuccio assente) più che l'ipotetico uso di piuma con rating magari non esattamente uguale a quanto dichiarato...
 
sono i "cubic inch per oz", in pratica indica il volume che una determinata massa di piuma occupa: 800/900/950 cuin sono le piume di migliore qualità (e maggior costo), che garantiscono il miglior isolamento termico a parità di peso e la migliore comprimibilità
 
sono i "cubic inch per oz", in pratica indica il volume che una determinata massa di piuma occupa: 800/900/950 cuin sono le piume di migliore qualità (e maggior costo), che garantiscono il miglior isolamento termico a parità di peso e la migliore comprimibilità
Grazie mi hai illuminato!!!!! Quindi mi sembra di capire che piu è alto questo numero e migliore è il sacco giusto????
 
...E cosa ne dite dell'uso aggiuntivo come "liner" per "rinforzare" sacchi da mezza stagione? Vi sembra pratico/realistico o mica tanto?

Alcune carenze del sacco (mancanza capuccio e patta), quando infilato dentro ad un altro, andrebbero in secondo piano...
 
può essere... solo che la piuma ha bisogno di aprirsi, quindi il sacco da mezza stagione deve essere bello grande.
in più c'è il rischio, specie se quello esterno è sintetico, di portare alle basse temperature lo zero termico (non ricordo esattamente il nome, ma c'è) verso l'interno e quindi bagnare la piuma, che non è bello.
 
Ho il blue wing da circa 2 anni è posso condividere con voi le mie impressioni. L'ho usato in rifugio, in bivacco con una bivy bag, e come liner per un altro sacco a pelo sotto un tarp.

IMG_20161126_180322.jpg

-Materiali: niente da dire, finora ha retto bene. la cerniera è molto comoda, in molti altri sacchi a pelo che ho avuto aveva la tendenza di impigliarsi nel tessuto, qui c'è un rinforzo lungo tutta la lunghezza e non succede. La cerniera inoltre è isolata lungo tutta la lunghezza.
IMG_20161126_180446.jpg
IMG_20161126_180606.jpg
Il tessuto è morbido e comodo,e tiene le piume bene; in quanto a traspirabilità è una questione soggettiva immagino, io non sudo molto in generale e in quel senso non ho avuto problemi, ma ho sicuramente visto tessuti + traspiranti. Per qualcuno potrebbe essere un fattore.

-Prezzo: per chi si chiede se è possibile o no,soprattutto confrontandolo con i sacchi in piumino delle altre marche, ho provato a fare il calcolo dei singoli materiali (compreso il piumino 800), e devo dire che è perfettamente congruente. Se ipotizziamo che il lavoro sia svolto "senza sindacati", il prezzo è possibile. Inoltre lo spessore del piumino è compatibile con il cuin che viene indicato. Ho fatto un rapido calcolo superficie/cuin/peso/spessore che dovrebbe avere ed è uscito un risultato congruente con le misure effettive. Ho fatto riferimento a quanto scritto qui http://thru-hiker.com/projects/down_quilt.php.

-Dimensioni: sono alto 1,78 e per me sono giuste giuste, nè più nè meno. Il peso totale è 607 sulla mia bilancia.
IMG_20161126_185525.jpg

-Prestazioni: secondo il mio parere, la ditta non è del tutto disonesta, ho l'impressione che si siano basati esattamente sul genere di calcoli di cui ho parlato sopra, la temperatura "matematica" è effettivamente quella. Ma dal vivo, ci sono molti fattori che incidono.
La cosa forse + importante di tutte: è costruito con cuciture complete, tra un comparto e l'altro delle piume ci sono cuciture prive di isolamento, e quindi punti freddi, cosa che in parte vanifica l'essersi presi la briga di isolare la cerniera.

IMG_20161126_180726.jpg
IMG_20161126_180733.jpg
Io l'ho sempre usato con bivi bag o dentro un altro sacco a pelo, quindi non è mai stato un problema x me, ma tenetelo presente. Anche, i comparti non sono continui tra sopra e sotto, cioè sono separati da una cucitura. Con i comparti continui si può spostare fisicamente la piuma da sopra a sotto e nei punti dove si sente + freddo. Manca anche un collare per gli spifferi. I sacchi in piuma delle marche famose che costano di + a parità di piumino hanno tutti questi accorgimenti.
Da solo, direi che va bene per 5-10 gradi, come peraltro hanno iniziato a scrivere anche sul sito di alibaba, ma tenete presente che io la notte di solito ho freddo, e la temperatura mi sembra un tantino esagerata x molti dei sacchi a pelo che ho provato, anche della decathlon per dire.
-Esperienze:Il primo viaggio che l'ho usato avevo un tarp e una bivy bag (che aggiunge un po' di calore), indossando intimo termico lungo e passamontagna di pail, sui 1800-2000 metri in luglio. La mattina c'era spesso rugiada (non so se significa che la temperatura scendesse sotto zero di notte), e la notte avevo sempre freddino, ma comunque non abbastanza da non riuscire a dormire.
Per il rifugio l'ho usato aperto come coperta, con solo i piedi dentro. La cerniera si può aprire solo fino a un certo punto.
Come parte di un sistema modulare lo uso insieme a un sacco sintetico ma + leggero e aggiungendo vestiti in base alle necessità (termico lungo; tuta di pail comprensiva di passamontagna guanti e calze; piumino, con cui si sta un po' strettini),per 3+ stagioni. Per l'inverno pieno comunque consiglierei qualcosa di diverso, anche perchè appunto le dimensioni non sono adatte per aggiungere molti strati di vestiti. Sulla questione dello 0 termico non saprei, finora non ho avuto problemi.

-Conclusioni: è ottimo soprattutto per il peso, e il prezzo. La temperatura reale di utilizzo è 5-10°, ma per quel peso è effettivamente un ottimo affare. Ha alcune lacune tecniche che possono o no essere un problema. Personalmente lo ricomprerei.
 

Discussioni simili



Alto Basso