• Informiamo tutti gli utenti che attualmente abbiamo un problema sul server che non ci permette di inviare e ricevere e-mail. Pertanto momentaneamente non è possibile effettuare nuove registrazioni e ricevere notifiche via mail. Stiamo provvedendo per risolvere il malfunzionamento nel più breve tempo possibile.

Scarpe basse da trekking

Cosa ne pensate delle scarpe basse tipo quelle di avvicinamento usate per il trekking tipo le tx4 della sportiva ? Come ogni cosa ci sono dei pro e contro, tipo come contro la cavigli libera ma come pro questo ti porta a essere piu agile e sopratutto pesano molto meno rispetto allo scarpone.... ovviamente parliamo di trekking al massimo giornalieri e comunque con un peso nello zaino limitato.
 
Io uso scarpe basse da trekking per l'estate e mi trovo molto bene.
All’inizio anch’io temevo per le caviglie ma in realtà l’abitudine rafforza e migliora il tuo appoggio. E un appoggio corretto migliora l'aderenza e la tua stabilità.
Il rischio di una distorsione rimane maggiore. È quindi una valutazione molto personale.
Sullo sfasciume di un ghiaione non sono una buona scelta.
 
Dipende dal percorso che si fa.
In un medio percorso nel bosco o su pendenze non impossibili con poca ghiaia, soprattutto in discesa, si possono ampiamente utilizzare (è quello che faccio anch'io quando faccio alcuni percorsi di allenamento "per fare gamba")
 
Su sentiero fino ai 3mila metri estivi sono la mia calzatura preferita.
Non impermeabili (no Gore-tex), molto traspiranti, che si asciugano in fretta.

Nel bosco fitto (rovi non insoliti oppure le insidiose pigne delle conifere), su sfasciumi e pietraie o nevai/ghiacciai ci vogliono calzature più pesanti e strutturate.
 
Se ne è già ampiamente dibattuto in altre discussioni prova con la funzione cerca, comunque dipende da che tipo di escursioni fai e dalle tue caratteristiche, senza contare che ci sono scarpe basse diverse: trail, pedule, approach, etc.
 
Ultima modifica:
Su sentiero fino ai 3mila metri estivi sono la mia calzatura preferita.
Non impermeabili (no Gore-tex), molto traspiranti, che si asciugano in fretta.

Nel bosco fitto (rovi non insoliti oppure le insidiose pigne delle conifere), su sfasciumi e pietraie o nevai/ghiacciai ci vogliono calzature più pesanti e strutturate.
E starei attento anche a puntare sulla non impermeabilità visto che basta un guado e le scarpe impermeabili le rimpiangi eccome

Per me sono una buona scelta su sentieri battuti, dove non occorrono degli scarponi, in modo da andare più leggeri e spediti, parlo del tipo di scarpe da trail running, morbide e basse. Quelle da avvicinamento sono sicuramente più adatte a terreni più tecnici ma secondo me in quel caso meglio uno scarpone più alto e protettivo..
 
Personalmente per i percorsi che faccio io,sentieri battuti e con medie asperità le mie calzature leggere da trail vanno più che bene,almeno nella stagione estiva, ovviamente in inverno adotto uno scarponcino impermeabile.
 
Le scarpe basse le ho sempre usate per gli avvicinamenti, anche in quota, solo se il sentiero è discreto o non ci sono sfasciumi.
 
io personalmente per le escursioni estive dopo vari tentativi ho trovato la mio zona di comfort e performance con scarpe basse da trail, ho provato le speedgoat modello ultra-trail della hoka one one
511z5nHfGnL.jpg

ed adesso faccio fatica a ricordare la mia carriere escursionistica prima di loro,

le ho portate su tutte le vette del gran sasso e fino ai 3600 mt del monte Vioz, perfette!

ovviamente per quote così alte si tratta di un utilizzo esclusivamente estivo

un saluto
 

Alto Basso