Recensione Scarpe da wading del decathlon "pesca 100"

sto parlando di queste :)

https://www.decathlon.it/p/stivalet..._campaign=nazionale-awininfluencer-conversion

costerebbero 40 e, sono in offerta a 32 e li ho presi.

per anni ho cercato qualcosa che mi permettesse di affrontare indifferentemente argini e acqua "da dentro", con terreni e fondali di qualsiasi composizione

a dire il vero, grazie alla mia meravigliosa combinazione di scarso equilibrio e tendini inesistenti o trifolati, unita agli argini ripidi e spesso scivolosi, ho sperimentato involontariamente vari tipi di calzatura in condizioni di ammollo (leggasi: cadevo in fosso o canale, tiravo due parolacce e, rassegnato, continuavo a pescare da li'). le scarpe da ginnastica o gli scarponcini ammortizzano bene e proteggono il piede da piante ecc, alla lunga tendono a rovinarsi e scivolano di brutto, se sono bassi le storte non mancano. le crocs tendono a sfilarsi e non proteggono il calcagno i sandali tengono ma il piede e' esposto, le scarpe da barca o da scoglio offrono un minimo di protezione laterale e da sotto ma ammortizzano zero, i calzari da sub anche peggio pero' restano adesivi e tengono una buona temperatura del piede. alla fine ho preso le scarpe da wading, approfittando dell'offerta.

siccome non avrei usato i waders (e all'interno i calzini), sono andato a prendermi dei simil calzini sottili da sub in neoprene in un negozio specializzato qua a pd. costo dell'operazione, una ventina di e.

approfittando dei parenti friulani, ho deciso per una prova pratica in 2 parti.

le scarpe da wading nascono per essere usate sotto acqua. ma io sono insensato, e quindi ho deciso di provarle nelle condizioni meno favorevoli, sulla terraferma, in una prova in 2 parti.

prima parte: sentiero delle cascate del kot. temperatura dell'aria sui 30 gradi, tenuto conto che a quell'ora quella parte della vallata e' in ombra

il sentiero e' brevissimo, solo 600 m, ma non e' propriamente dei piu' facili, con rocce esposte, parti piuttosto inclinate, tratti umidi/bagnati e, dato che sono illogico, anche un paio di miei fuoripista in mezzo alle piante. non ci sono gli odiosissimi roveti e le robinie tipiche del veneto, ma comunque di vegetazione pungente e rognosa ce n'e' eccome. gran parte della gente, data la breve distanza, lo fa tranquillamente con scarpe da ginnastica, ma non e' la soluzione migliore.

photo_2022-08-04_12-20-20 (2).jpg



al posto degli scarponi indosso i calzini in neoprene, le scarpe da wading e parto. ecco, se a voi da' fastidio avere i piedi caldi e sudati non pensateci nemmeno, premete la x in alto a destra e abbandonate questa recensione. a dire il vero non erano neanche troppo caldi, ma piuttosto sudati perche' il neoprene non traspira molto.

photo_2022-08-04_12-20-19.jpg


photo_2022-08-04_12-20-19 (3).jpg


se la cavano bene, anche meglio del previsto. non sono l'ideale in questa stagione, sono un po' rigide e scomode, tengono caldo ma hanno una buona presa.

purtroppo anche la buca della cascata era a corto di acqua, quindi ho deciso di non fare li' la prova a mollo. ho provato su qualche roccia bagnata e camminando dove l'acqua passa sopra le rocce. c'era uno stegosauro che prendeva il sole, cosa che ho apprezzato, se notate questa frase ditelo. ovviamente, l'attrito in questi punti tende a zero, ma vi assicuro che con scarpe da ginnastica o scarponi normali non e' affatto meglio (ci vado almeno una volta ad ogni giro che faccio in friuli in estate).

un km e 200 metri, anche se sconnessi e con un certo dislivello, non sono una prova indicativa. comunque non ho avuto nessun fastidio o sfregamento ai piedi. certo, non ci farei un giro da 10 km (o forse in inverno...), ma per un paio di km vanno benissimo.

secondo round, a mollo nel natisone. l'acqua e' un po' bassa pero' comunque c'e', freddina come al solito, o forse sono io freddoloso. sono scarpe da wading? io ci vado a nuotare, in una delle "spiaggette dei poveri" del fiume friulano! via le cargo, sotto ho il costume da bagno.

il fondale non e' semplice, con ciottoli grossi e massi in acqua. certo, spesso ci sono andato anche a piedi nudi, o con i calzari leggeri da sub, ma non e' l'ideale

photo_2022-08-04_12-20-19 (2).jpg


nessun problema, sia termico che di sassi! la suola rigida protegge davvero bene. ovviamente entra dentro acqua sia nelle scarpe che nei calzini, ma ne entra poca e quindi il piede viene raffreddato poco.

photo_2022-08-04_12-20-20.jpg


ovviamente tendono a galleggiare

photo_2022-08-04_12-20-21 (2).jpg


ma il loro lavoro lo fanno eccome (da notare il photobomb da parte di un simpatico pesciolino :p )

photo_2022-08-04_12-20-21 (3).jpg


e arriviamo al punto clou, le scivolosissime rocce con alghe!!! no, non esiste, si vola anche con queste. in compenso, essendo rigide, proteggono benissimo il piede dalle storte, e ne ho rischiate parecchie tra scivoloni e cavolate varie. altra cosa, effetto collaterale del fatto che tendano a galleggiare, riducono un po' la forza di impatto :)

photo_2022-08-04_12-20-21 (4).jpg


e nuotando? non ho fatto una foto in cui nuoto perche' non riuscirei a farla bene, ed ero da solo. sono un po' scomode e non permettono di mettere il piede disteso, ma comunque si riesce a fare qualcosa. e, se perfino un ferro da stiro come me riesce a fare qualche bracciata e una decina di metri, posso esserne abbastanza tranquillo.

poi, al tramonto, sono emerso e sono andato alla macchina (sentiero sterrato piu' strada asfaltata piu' erba) con le scarpe bagnate, e a parte perdere acqua in un modo cartoonoso quanto ovvio ad ogni passo non ho avuto nessunissimo problema, sempre un'ottima presa.

NON ho provato ad usarle per guidare. potrei provare tranquillamente nel campo dei parenti, personalmente pero' ritengo la prova inutile in quanto sarebbe pericoloso guidare con calzature cosi' rigide, pertanto lo sconsiglio.


in conclusione, per quanto mi riguarda, prova superata. NON sostituiscono i calzari da sub, i sandali, le scarpe da scoglio o gli scarponcini, ma li affiancano per questo scenario d'uso molto particolare, che pero' io affronto relativamente spesso, e quindi per me sono il complemento ideale.

so che il mio e' un caso specifico. per l'utente "normale", sono adatti alle escursioni? ni. se uno sa che stara' molto in ammollo, es camminando in un fiume, pescando o facendo altre attivita' a piede bagnato, senza dubbio si. per escursioni miste, dentro e fuori dall'acqua, dipende. per brevi camminate totalmente all'asciutto, sono accettabili, pur con la rigidezza e il fatto che fanno sudare. per escursioni lunghe fuori dall'acqua ovviamente nope!!!

grazie per aver letto tutto il papiro :)
 
E' sempre interessante conoscere cosa offre il mercato e sicuramente oggi ho imparato qualcosa di nuovo.

Avendo fatto (non in tempi recenti) molte escursioni in campagna indossando i classici stivali da lavorante agricolo dovrei avere una discreta capacità di sopportare calzature non traspiranti, va detto però che lo stivale prende aria da sopra (*) queste evidentemente no.

Feci a suo tempo anche un tentativo di passeggiata in un fiumiciattolo (acque calme, fondo in parte acciottolato in parte sabbioso) usando scarpe in tela "sacrificabili" ma in effetti la scarpa bassa con la suola quasi liscia non è il massimo.

Queste sembrerebbero dar luogo a molte possibilità, non è chiaro se la suola sia abbastanza resistente per lunghi percorsi misti (ascitto e bagnato), perché immagino che nella pesca ci si muova relativamente poco (non Km, comunque).

Riguardo ai calzini non ho chiarissimo il vantaggio del calzino in neoprene rispetto a quello in tessuto (magari sintetico) perché credo che il piede sia comunque bagnato, o sbaglio?


(*) cosa che implica la possibilità di "allagamento" ed il conseguente "sconsiglio" per il guado, giusto?
 
gli stivali normali ovviamente si allagano se entra acqua da sopra. non sono l'ideale per il guado perche' fanno molta resistenza e rischi che si sfilino.

anche queste scarpe fanno entrare l'acqua, ma sono fatte apposta per questo, non si sfilano :)

i calzini al neoprene servono per usarli in acqua senza waders e il resto. i calzini normali imbarcherebbero molta acqua e fango, e si farebbe fatica a lavarli, inoltre si suderebbe parecchio, quelli in neoprene sono piu' adatti, si risciacquano in un secondo e non si rovinano con l'acqua
 
Già c'é il problema della "tenuta" della scarpa che deve restare correttamente calzata.

Sì, il calzino assorbe acqua / melma ed andrebbe considerato "sacrificabile" (=buttare piuttosto che lavare, ovviamente mi riferisco a calzini da 4 soldi) poi dipende da quante volte ci si va, potrebbe diventare un costo (oltre che uno spreco).
 
tieni conto di una cosa: sono scarpe da wading. il loro uso e' con i waders, che sono impermeabili, e dentro i waders usi un calzino leggero.

io ho deciso di usarle in un contesto "non loro" soprattutto nel primo caso (mi riservo una ulteriore prova "totalmente asciutto e calzino in spugna" piu' avanti), parzialmente anche nel secondo caso siccome volevo nuotare/sguazzare piu' che camminare sul fondo.
 
Si, anche se non di molto. Nel mio caso, dato l'uso ho scelto il numero giusto che porto di solito, tanto sono un po' larghetti e mi ci trovo

Altra buona cosa: se nuoti non sono il top, ma non si sfilano. Per inciso 2 giorni fa sono andato su un altro torrente, e, dopo aver provato entrambe, ho preferito usare i calzari leggeri da sub perché le rocce erano più tonde
 
Corso di Orientamento
Alto Basso