Sci da fondo

Buonasera a tutti, scrivo per sapere se qualcuno nel forum utilizza sci da fondo per muoversi anche fuori dai normali tracciati battuti, quindi in neve fresca.
Ovviamente per un uso prevalentemente in piano, ad esempio piane di Castelluccio per capirci.
Mi sto iniziando ad interessare a questa cosa perché amo lo sci da fondo, anche se sono abbastanza alle prime armi, e ho dei vecchi sci da tecnica classica a cui devo cambiare attacchi e allora magari potrei utilizzarli per questo in modo da non lasciarli lì a prendere polvere.
Se qualcuno ha esperienza mi piacerebbe confrontarmi un po' per vedere se la cosa è fattibile, ecc.
 
Lo facevo miliardi di anni fa. Non vedo particolari problemi ad andare a spasso su sentieri non battuti.
Hai già gli sci, prova. Nel caso ti aggradi, perlomeno anni fa esistevano degli sci da escursione un pochino più larghi degli sci da fondo quindi più comodi per il fuoripista con relative pelli di foca. A salire nessun problema, a scendere dipende dal terreno. Ps non parlo di sci da alpinismo.
 
Si si so benissimo la differenza, diciamo che le varie tipologie di sci le ho provate tutte :rofl: quindi so quello che mi aspetta.
Per quanto riguarda gli attacchi hai qualche consiglio da darmi? Dal punto di vista della conoscenza dei materiali sono quasi a zero.
Ti dico è un attività per me "secondaria" generalmente in inverno faccio percorsi più o meno alpinistici, quindi vorrei non buttarci troppi soldi, almeno per ora.
 
Mah a dire il vero di solito le differenze di costo tra un attacco turistico ed uno da gara x es non sono eclatanti. La differenza di costo la si vede sulle scarpe.
Io starei su attacchi turistici e scarpe di conseguenza. Fai sempre in tempo a spendere poi se la cosa appassiona.
Giusto per esempio, ho iniziato a praticare sci di fondo all’etá di 7 anni negli anni 70 ed i primi anni andavamo a piedi ad un pratone e ci battevamo la pista e sciavamo con dei normalissimi sci con le striscioline di pelle di foca nella zona tenuta. Ci abbiamo sciato per anni tranquillamente. Poi abbiamo iniziato ad andare dove c’erano le piste battute ma com spirito escursionistico quindi spesso e volentieri deviavamo per boschi.
Questo per dire che se sei alle prime armi e la tua zona è molto pianeggiante, con qualsiasi attrezzo ci vai.
 
Li ho sempre utilizzati nei circuiti battuti, più o meno difficili, e mi piace come attività. La sensazione di scivolare ad ogni spinta, l'andamento ritmato e il silenzio mi fanno sentire più a contatto con la neve e l'inverno. Vorrei utilizzarli su neve non battuta per gli ovvi vantaggi di galleggiamento e perché secondo me hanno potenzialità maggiori rispetto alle ciaspole, negli ambienti dove mi piace andare quando c'è tanta neve e non me la sento di fare salite con piccozza e ramponi.
Poi ovviamente ognuno ha i suoi gusti e le sue esperienze.
Comunque non credo di essere l'unico a cui piacciano, per fortuna :)
 
MA per la tua esigenza esiste l'attrezzatura da sci alpinismo. Lo sci da fondo è pericoloso in discesa, è pericoloso sui traversi ghiacciati. insomma, ogni uscita diventa un pò un'incognita.
 
A dire il vero li utilizzerei proprio in piano niente pendii.
Comunque anche per questo motivo vorrei investirci poco.
 
C'è una strada che le attraversa, anzi più di una tutte e tre che convergono su Castelluccio.
Essendo anche abbastanza in alto in buone annate come queste si accumula molta neve.
 


Alto Basso