Segaccio potatura e legislatura

Ciao a tutti sto per acquistare un classico seghetto pieghevole da giardinaggio/potatura bahco laplander con la lama da 19cm..insomma il classico, che mi porterò dietro in montagna, campagna, per escursioni, trekking e pesca per tagliare legna da ardere sul posto, arbusti e rami; ci sono leggi e regole da sapere per questo utensile considerato da giardinaggio/potatura?..è considerata arma? o cos'altro?
vorrei giusto capire almeno per essere informato su eventuali limiti, restrizioni o altro, grazie mille :)
 
se te lo trovano ti danno 12 anni e 20.000 euro di multa.......................ma quale legislazione ci deve essere dietro un segaccio!!!!!!!!!! ma x favore!!!!!!!!
ma camminate di più e fatevi meno pippe mentali
 
Alex, Marinaio ha ragione da vendere ma per non farti rimanere male per aver ricevuto una franca e schietta risposta come non sempre succede, potrei dirti che avere un segaccio dietro non costituisce alcun problema. Semmai puo' costituirlo se ci tagli arbusti verdi e in territorio Parco.Gia' accendere un fuoco potrebbe esserlo ma se e' permesso, il fuoco lo accendi con legna secca,da preferire, che puoi spezzare facilmente con le ginocchia o saltandoci su' con gli scarponi.Quindi alla fine sto' segaccio a che ti serve....:)
 
se te lo trovano ti danno 12 anni e 20.000 euro di multa.......................ma quale legislazione ci deve essere dietro un segaccio!!!!!!!!!! ma x favore!!!!!!!!
ma camminate di più e fatevi meno pippe mentali
Ma stai calmo. Era solo una domanda.
Che maleducazione oh, c'è gente che chiede cose BEN PIU' BANALI o che ripete sempre le stesse cose nonostante se ne sia già parlato sul forum e tu dopo che ho chiesto una cosa su un seghetto quasi a punta lungo il doppio di un vic ma con seghettatura mi vieni a rispondere in questo modo, ma calmati va; volevo solo un'info.
 
Alex, Marinaio ha ragione da vendere ma per non farti rimanere male per aver ricevuto una franca e schietta risposta come non sempre succede, potrei dirti che avere un segaccio dietro non costituisce alcun problema. Semmai puo' costituirlo se ci tagli arbusti verdi e in territorio Parco.Gia' accendere un fuoco potrebbe esserlo ma se e' permesso, il fuoco lo accendi con legna secca,da preferire, che puoi spezzare facilmente con le ginocchia o saltandoci su' con gli scarponi.Quindi alla fine sto' segaccio a che ti serve....:)
Grazie dell'info e della risposta più educata, ho chiesto perchè non sò nulla riguardo al girare in escursione/pesca e relativo tragitto in auto con un segaccio a serramanico paragonabile benissimo a un coltello con lama da 20cm essendo a punta (il bshco ho specificato) con l'unica differenza di esser seghettato (cosa che non esclude affatto la pericolosità inferiore rispetto a un vic, opinel ecc...); ..riguardo al "a che ti serve.." per lo stesso scopo a cui serve a tutte le persone che lo hanno su questo forum (può servire per tutto molto piu di un accetta) e perchè andando a pescare in posti fitti di vegetazione è capitato già più volte a me ed amici per un motivo o per un altro di lanciare lateralmente e far incastrare il terminale con amo ed artificiale su rami di alberi a bordo sponda lasciandoci giù 10 euro a botta di artificiale (spesso anche il preferito o quello che hai da anni o che non producono più) e l'unico modo per recuperarlo se non viene via tirandolo o se spezzi il filo a forza di tirare o se non arrivi fisicamente in alcun modo dove è incastrato è tagliare il ramo (e fidati che con il seghetto del vic che taglia alla perfezione la cosa diventa lunga e scomoda certe volte)..e non sono uno a cui piace tagliare senza motivo ma quando si perdono decine di euro non potendo fare altro se posso lo faccio..se è per un esca da un paio d'euro taglio il filo e me ne frego che faccio prima! Ovviamente l'ho preso principalmente per lavori di potatura, se era solo per escursione ne prendevo uno da 5 euro!
 
C'e' di solito della prevenzione nelle risposte perche' spesso abbiamo assistito a domande davvero troppo disarmanti,cicliche e ....sorvoliamo, ma certamente non e' il tuo caso. Comprerei un richiudibile che sta' nella cassetta,non e' un'arma.Il discorso sulle armi poi e' lunghissimo, basterebbe solo la classificazione tra proprie ed improprie a farci perdere quarti d'ora a leggere cosa dice la Legge in proposito ma il segaccio se inserito in un contesto: uscita di pesca sportiva non lo e',lo e' se stazioni nervoso in una Piazza piena di gente!....Buo....ehmmm in bocca al lupo per gli artificiali.:) ( dovro' spolverare la cassetta prima o poi..)
 
Se gli attrezzi per potatura fossero armi, io sarei un marines :lol:
Premesso che in escursione ognuno si porta quel che vuole, ma il segaccio solo per far legna mi pare tanto poco avventuroso!
Sono 56 anni che vado in giro e non ne ho mai sentito la mancanza.... ginocchiate e calcagnate mi paiono piu' da uomochenondevechiederemai.
Ma che volete farci... da quando leggo questo forum, mi sono accorto di aver sprecato una vita :D
 
attento semmai a tagliare rami lungo i fiumi soprattutto se facenti parte di parchi.... ho in mente un paio di fiumi nella mia zona dove ti massacrano di multe anche se provi a portarti via un legno secco arenatosi sull'argine... Figurarsi permettersi di tagliarne di vivi :p
 
Non è una questione di legge, ma di giustificato possesso, se vai in escursione un segaccio da potatura può essere lecito, se lo porti in discoteca di sicuro no !!!!
E' come se i CC fermassero un muratore il sabato sera con un martelletto demolitore nel baule della macchina, penso che penserebbero più in negativo rispetto a quello che penserebbero nel fermarlo il lunedì mattina !!!!!

:)
 
A chi risp dicendo è inutile per fare legna, occhio a tagliare ecc dico solo: leggete bene..che ho detto e specificato GIà TUTTO sopra!
Sia il motivo della domanda, sia perchè la scelta del seghetto sia la mia buona fede; è ovvio che se si tratta di Parco naturale non si può far nulla di tutto ciò, anzi spesso è anche vietata la pesca e infatti avevo già detto "..se posso lo faccio" perciò se non si può ovviamente non faccio nulla ne tagliare un ramo da 4/5 cm e ancor meno pescare..non sono ne il tipo che si mette ad abbattere rami o alberi senza stretto motivo ne il tipo con la fissa della pesca (il 99% delle volte rilascio sia io che i miei amici)
Ho capito che è considerato un attrezzo e nulla di più..grazie a tutti per le informazioni e i consigli! :)
 
Piaccia o non piaccia il segaccio in questione, giuridicamente, può essere considerato alla stregua di un qualsiasi coltello, di una forbice, di un martello, di una picozza, etc., etc.
Anche a me "non piaccia" ma è così...
 
Purtroppo @giaccinto ....... HA PERFETTAMENTE RAGIONE :cry: ...... qualsiasi oggetto può, in un determinato contesto, essere contestato :biggrin: e divenire, come per magia, un arma.

....... anche le forbicine con le punte arrotondate ...... volendo ..... possono far del male e, di conseguenza, qualcuno potrebbe dire che in realtà non ti servono per tagliarti le unghie, o quanto meno non solo, ma che in realtà sono un arma ....... di distruzione di massa (esagero ovviamente ma la sostanza è così).

In sintesi, qualsiasi oggetto appuntito (non c'è bisogno che sia una punta a spillo per essere definito appuntito) e/o tagliente necessita di una motivazione per essere "portato" ...... poi più l'oggetto è tagliente e/o appuntito e più la motivazione dev'essere comprovata e dimostrabile.

Ovviamente, purtroppo, è sempre in relazione a chi guarda e non da chi porta ...... in altre parole ....... se trovate uno 'tronzo potrebbe contestare anche un cacciavite e questo perchè non tanto è facile trovare un "simpaticone" ma perchè un cacciavite (grosso) potrebbe esser usato, ad esempio, come arnese di scasso oltre che come arma (con la giusta pressione buca tranquillamente la carne ..... purtroppo :cry:) PERO' non ho mai sentito di qualcuno che ha subito guai per un segaccio (certo se è nello zaino/cintura e tu sei in piazza navona durante un comizio allora ...... ).

Ciao :), Gianluca
 
@Piervi ...... a voler essere più realisti del RE ..... per cui ragionando un pò per assurdo o per estremi ...... purtroppo è così ..... prova a farti ritrovare con una mazza da baseball in macchina e vedrai che ti verrà chiesto di giustificare la sua presenza eppure, concettualmente, non è molto diversa che da un segaccio; per concettualmente intendo che sia la mazza che il segaccio sono oggetti destinati ad una attività perfettamente lecita e che non necessitano di certo di una qualsiasi autorizzazione per essere trasportati.

Dopo di che sono concorde con te, e con altri, che l'argomento "segaccio" sia probabilmente l'ultimo dei problemi (legali) che uno dovrebbe preoccuparsi nell'ottica di una escursione MA se uno si pone quel tipo di problema la risposta non può essere che quella data.

Alla fine ogni "cosa" và contestualizzata e un segaccio, per un giardigniere, non è altro che uno strumento come lo è una forbice per un elettricista o il bisturi per un medico ma sono comunque strumenti che, in un altro contesto, in mano ad altri, potrebbe diventare qualcosa di diverso ed ovviamente un rappresentante delle forze dell'ordine, non trovandosi davanti (o non riconoscendo) un giardigniere, un elettricista o un medico potrebbe sollevare delle obbiezioni ....... potrebbe NON vuol dire che è sicuramente così ...... è solo una probabilità remota quanto vuoi ma pur sempre una probabilità o possibilità.

Nessun terrorismo psicologico (da parte mia) ...... è solo l'interpretazione della legge ..... nulla di più.

Ciao :), Gianluca
 
A differenza di te che vivi a Mantova, il mio paese conta 1000 anime per cui tutti ci conosciamo e tra l'altro mi sono registrato col mio nome e ho pure inserito mie foto sul forum, per cui se voglio evitare battute, frizzi e lazzi, la domenica mattina al bar, devo prendere un po' di distanza da certe elugubrazioni mentali che (pur conoscendo la legge) non mi sarebbero mai venite in mente di pensare prima di frequentare questo forum.
:lol:
:)
 
Ultima modifica:
segaccio nello zaino

La risposta sebbene semplice, non è del tutto così banale, del resto io gestisco un canale you tube dedicato a sopravvivenza e coltelli e questa tematica mi tocca tutti i giorni.
Per noi che coltellini e coltellacci sono pane quotidiano esistono due piani del discorso: uno strettamente giuridico e uno prettamente pratico vediamo di chiarirli entrambi.

PUNTO DI VISTA GIURIDICO:

I COLTELLI NON SONO ARMI, ma strumenti atti ad offendere ossia significa che ad eccezione di alcuni tipi di coltelli es pugnali baionette ecc.. che hanno come unico fine l'offesa della persona (armi proprie).
Mentre il PORTO il TRASPORTO e la DETENZIONE delle armi proprie è sempre comunque vietato(salvo specifica autorizzazione) solo il PORTO degli strumenti atti ad offendere(COLTELLI ) è subordinato alle circostanze di tempo e di luogo quindi a discrezione del tutto opinabile e soggettiva interpretazione delle forze dell'ordine, il trasporto e la detenzione invece non sono mai perseguibili per legge.

PUNTO DI VISTA PRATICO

Se portate in tasca o nel porta-oggetti della macchina anche un coltellino svizzero o una forbicina rischiate qualcosa asseconda di chi incontrate, generalmente finchè siete su una qualsiasi strada statale provinciale o comunale rischiate di essere fermati per controlli, per cui il mio consiglio è di non portare l'oggetto nell'immediata disponibilità ma all'interno dello zaino o chiuso nella bauliera della macchina in questo caso non state PORTANDO l'oggetto ma TRASPORTANDO, ((l'immediata disponibilità è la differenza che corre tra porto e trasporto).
Solo una volta giunti a destinazione abbandonata la strada carrozzabile potrete finalmente prendere con voi il vostro fido amico.
Attenzione però anche in questo caso valgono le stesse regole sul porto e le circostanze di tempo e di luogo quello che cambia è che semmai vi potrebbe fermare la provinciale e la forestale invece che Polizia o Carabinieri, i quali essendo (più cittadini) e in genere in città non essendo naturale girare con coltelli e coltellini sono più propensi a denunciare qualsiasi portatore di lame o giustificato o non giustificato che sia (tanto per non sbagliarsi)i primi invece essendo corpi più abituati ad operare in ambiente boschivo o di montagna a rapportarsi con cacciatori pescatori pastori tagliaboschi insomma tutta gente che coltelli normalmente porta probabilmente hanno un occhio più abituato e tollerante nei confronti delle lame e ne conoscono bene anche l'utilità relativa alle circostanze.
Detto questo il consiglio è sempre quello del grano salis, un conto è giustificare un opinel perchè mi ci sbuccio una mela o ci affetto un salame, un conto è farsi trovare col coltello di rambo attaccato alla coscia o il macete di predator dietro la schiena.
Detto questo so di essere forse stato un pò noioso ma purtroppo nella pratica molte persone che conosco sono state addirittura DENUNCIATE perchè trovate con il coltello dentro lo zaino chiuso nella bauliera della macchina!
Non per andare contro quanto detto sopra nè per creare confusione, ma per farvi capire che la distinzione tra porto e trasporto è una definizione soprattutto giurisprudenziale e spesso le forze dell'ordine non se ne curano molto e intanto vi denunciano, per cui avere almeno voi le idee chiare e far presente subito le vostre ragioni ,vi potrebbe salvare oltre che da un'immediata denuncia anche da un lungo processo e dalle spese di avvocati per dimostrare che eravate nel giusto.
Tornando al caso del segaccio lo risolverei così:
Se te lo trovano dietro la bauliera e nello zaino puoi rispondere che non è un'arma che è uno strumento che stai trasportando perchè non è nell'immediata disponibilità che quindi non è porto ma trasporto e nessuna legge lo vieta.
Se invece la forestale te lo trova nel bosco in tasca eviterei di dire che ci seghi la legna per il fuoco (vietato) o peggio che ci tagli i rami degli alberi, il mio consiglio è proprio di non tirarlo fuori dallo zaino e di lasciarlo bene nel fondo semmai chiuso con una fascetta di plastica per renderlo non immediatamente utilizzabile in questo modo non potendosi configurare in nessun modo il "porto dell'oggetto" ma solo trasporto, legalmente dovresti essere a posto, nemmeno qualcuno potrebbe o dovrebbe chiederti giustificazioni, spero di essere stato chiaro, ciao a presto e ...ci vediamo nei boschi ;))
 
Quoto flint al 100%!

sono stato a discutere mezzora con un rappresentante delle forze dell'ordine
per spiegargli a cosa mi serviva il vic che mi portavo dietro!:no:

pensate che in gran bretagna gli inglesi posso portare liberamente_anche in città_ tutti i folder slip joint!! qua invece..:azz:

cmq se si mette nello zaino nel 99 per cento dei casi si è sicuri che non ti fanno niente!

ciao
 
Caro Marco, le cose che dici te si son gia' dette centinaia di volte e fanno anche parte del buon senso delle persone normali
Nella famigerata carneficina della scuala Diaz durante il G8 di Genova, le forze dell'ordine hanno esibito, in pompa magna, come prova che si trattava di estremisiti, coltellini svizzeri e opinel sequestrati ai manifestanti (non so se ricordate i filmati delle tv pubbliche: che pena!)
I poliziotti responsabili del pestaggio son stati condannati lo stesso.
 
Quoto flint anche io, soprattutto nella parte in cui ti dice che qualche problema potrebbe fartelo la forestale più che i CC.
Comunque, io nello zaino ce l‘ho, non è indispensabile ma può essere utile.
 

Discussioni simili



Alto Basso