Escursione Sentiero attrezzato Ivano Dibona,

Parchi del Veneto
  1. Parco Regionale delle Dolomiti d'Ampezzo
Ciao Gianca,



Data: luglio 2009
Regione e provincia: Veneto prov. Belluno
Località di partenza: Passo Tre Croci
Località di arrivo: Passo Tre Croci
Tempo di percorrenza: Circa 6/7 ore
Chilometri:
Grado di difficoltà: Sentiero attrezzato
Descrizione delle difficoltà: Sentiero attrezzato d'alta quota
Periodo consigliato: Estate
Segnaletica: Buona
Dislivello in salita: 100 mt. (impianti)
Dislivello in discesa: 1.300 mt
Quota massima: 2950 mt.
Accesso stradale: SS. 48 Cortina - P.so Tre Croci


A mio giudizio è il bel sentiero attrezzato di tutte le dolomiti, ricalca vecchi sentieri degli alpini della prima guerra mondiale, panorami mozzafiato e numerosissime testimonianze della guerra, ricordo la prima volta che lo percorsi più di trent'anni fa:cry:, fra i resti di una baracca a circa 2.900 mt di quota c'era una stufa, una tavola resti di sedie e un tagliere in legno per la polenta, ora l'inciviltà e la cronica brutta abitudine di raccogliere cimeli a fatto si tutte queste testimonianze di vita quotidiana siano sparite.

Nei pressi del Passo tre Croci, lungo la SS. 48 che sale da Cortina D'Ampezzo, presso la Capanna Rio Gere si prende la seggiovia che porta al rif. Son Forca 1.698 mt., nei pressi del rifugio una ovovia
1.jpg
ci porterà fin sulla terrazza del rif. Lorenzi a forcella Staulanza 2,919 mt., da qui una serie di scale metalliche ci porterà rapidamente in quota,
2.jpg
si notano da subito opere militari, caverne, ricoveri e resti vari, il percorso ci condurrà ad attraversare un ponte sospeso, il più lungo delle dolomiti 27 mt,
3.jpg
per poi passare per una affilata cresta, peraltro ben protetta da cavo metallico
4.jpg
spettacolare la visione dei resti di un ricovero in muratura abbarbicato alla montagna, impressionante il vuoto sottostante, viene da pensare : ma come facevano a vivere in quelle condizioni d'inverno?.
5.jpg
il percorso continua con qualche saliscendi, ma sempre con andamento in discesa,
6.jpg

7.jpg
il sentiero è attrezzato ma non difficile, certo da non sottovalutare non è comunque una ferrata vera e propria, qualche passaggio verticale, chi soffre di vertigini avrebbe qualche difficoltà .........
8 (2).jpg

9.jpg
sotto di noi la conca di Cortina
10.jpg
man mano che si scende cambiano i passaggi, dalle rocce si passa a desolate distese di ghiaia per poi seguire strette cenge dove da lontano è impossibile scorgere il percorso
11.jpg

12.jpg
qualche bel passaggio
13.jpg
a forcella Padeon si trova il bivacco Magg. Carlo Buffa di Perrero in posizione splendida, bello da vedere e piacevole la sosta seduti sul suo terrazzo per pranzare, ma l'interno è sporco e in cattive condizioni per la maleducazione dei visitatori e le numerose infiltrazioni d'acqua dal tetto.
14.jpg

15.jpg
la croda Rossa di sesto
16.jpg

17.jpg
Raponzolo di roccia
18.jpg
un ultimo passaggio
19.jpg
il canale di discesa
20.jpg
Il percorso integrale porterebbe fino al paese di Ospitale, noi optiamo per una variante che ci farà risparmiare circa 2 ore, arrivati alla forcella Bassa (segnale) giriamo a sinistra e scendiamo nella val Padeon e ritorniamo al rif. Son Forca.
Portarsi da bere, lungo il percorso non c'è acqua, occhio alle bruciature, si è sempre al sole e non sottovalutate la lunghezza del percorso e la quota.
Percorso denso di storia in un ambiente unico per la sua bellezza, vivamente consigliato.
Ciao a tutti.
 
Ultima modifica di un moderatore:
fai sempre delle escursioni spettacolari!!
veramente complimenti!

PS oltre a chiedermi come ci vivevano, mi sono anche chiesta: "ma come diavolo le hanno costruite??"o_O

ciao ale
 
Bellissima escursione
l'ho fatta circa due settimane fa visto che mi trovavo in ferie in un campeggio di Cortina.
Però essendo allergico alle funivie sono partito direttamente dalla strada Cortina Dobbiaco nei pressi dell'albergo Ospitale molto presto e percorso il sentiero Dibona in salita fino al rifugio Lorenzi e poi ho fatto anche la ferrata Bianchi che porta in cima al Cristallo di Mezzo 3154 m e fino qui 6 ore e per la discesa dopo il ponte sospeso ho raggiunto forcella grande e deviato a destra per un vallone detritico fino al Col Verde e da qui per una discesa ripidissima su ghiaione e poi per sentiero molto impervio ed esposto ( è stata la parte più impegnativa del giro) all'albergo Ospitale dopo circa 10 ore di camminata e circa 1700 m di dislivello in salita.
Sono arrivato all'auto stravolto ma completamente appagato e soddisfatto perchè anch'io ritengo che questa sia una delle più belle escursioni che si possano fare in Dolomiti e completa poichè c'è il lato storico con tante testimonianze della guerra, quello paesaggistico, si percorre un ambiente maestoso e selvaggio e se lo si percorre in salita e al mattino presto anche solitario, e tecnico poichè la ferrata che porta in cima al Cristallo è abbastanza impegnativa ed esposta ma divertente e panoramicissima.
Posto alcune foto della ferrata Bianchi e della cima del Cristallo perchè quelle del sentiero Dibona di Gianca sono già bellissime
ciao Roberto
 

Allegati

  • Foto0761.jpg
    Foto0761.jpg
    70,4 KB · Visite: 1.387
  • Foto0765.jpg
    Foto0765.jpg
    38,7 KB · Visite: 1.215
  • Foto0772.jpg
    Foto0772.jpg
    65,8 KB · Visite: 1.100
  • Foto0781.jpg
    Foto0781.jpg
    92,5 KB · Visite: 1.210
  • Foto0787.jpg
    Foto0787.jpg
    93,6 KB · Visite: 1.026
fai sempre delle escursioni spettacolari!!
veramente complimenti!

PS oltre a chiedermi come ci vivevano, mi sono anche chiesta: "ma come diavolo le hanno costruite??"o_O

ciao ale

Bella domanda! Portare a quelle quote tutto il necessario è già un'impresa epica, proviamo ad immaginare cosa serviva giornalmente a centinaia di soldati, oltre al vario materiale, travi, chiodi, cemento, lamiere, cartone catramato, porte, finestre, tavoli, sedie, vestiario, munizioni, armi, ecc.
Non riesco ad immaginare come sia stata la loro vita d'inverno con metri di neve o quando per giorni interi soffiava la bufera .........
E poi chiamano eroi i soldati d'oggi!!!!!
 
Grazie a tutti.

Per Robitili: Grande, sei forte! Fare il Dibona partendo da Ospitale e fare il giro che hai fatto non è da tutti.:si:
Complimenti.

Ho fatto anch'io la Bianchi assieme al Dibona, ma sempre salendo con gli impianti e più di trent'anni fa.
 
Alto Basso