Parchi della Basilicata
Parco Nazionale del Pollino
Data: 10 Agosto 2020
Regione e provincia: Basilicata Potenza
Località di partenza: Colle dell'Abete 1269 m
Località di arrivo: idem
Tempo di percorrenza: 7 ore anello
Chilometri: 18
Grado di difficoltà: E fino alle cime Serra d'Abete e Monte Serra, EE l'intero anello
Descrizione delle difficoltà: Nessuna fino alle cime.L'anello è un percoso lunghissimo ma privo di difficoltà
Periodo consigliato: Evitare in piena estate o nelle giornate troppo calde.Oppure si possono fare le cime A/R partendo il mattino presto.
Segnaletica: Segni bianco rossi CAI 912 molto sbiaditi lungo il crinale
Dislivello in salita: 969 m.
Quota massima: 1447 m.
Accesso stradale: A2 uscita Campotenese direzione Rotonda.Alla Madonnina piegare a destra sulla Ruggio Visitone,proseguire per Colle Impiso,Piano Visitone,tre chilometri dopo.
Traccia GPS: https://it.wikiloc.com/percorsi-escursionismo/anello-serra-dellabete-monte-serra-54695447

Descrizione

212583


Piccole ma belle. Definirei così queste due elevazioni minori che dominano il paese di Viggianello. Piccole perché Serra dell'Abete, alta 1400 metri si raggiunge colmando solo 130 metri circa di dislivello partendo da Colle dell'Abete, sulla strada Ruggio Visitone a qualche chilometro da Piano Visitone. Per Monte Serra bisogna allungarsi verso nord ovest perdendo quota fino a Piano Jacco 1190 m. e poi salire in breve ai 1228 m. della cima. Il discorso cambia se si parte da Viggianello o dalla frazione di Torno, attraverso un sentiero che veniva usato per portare gli animali in quota. In questo caso l'ascensione diverrebbe un po’ più impegnativa.Belle perché costituiscono un classico pilastro tettonico sulla Valle del Mercure. Di conseguenza la loro posizione estremamente privilegiata offre all'occhio dell'escursionista la vista di estesi e ampi panorami. Nel tratto inferiore è anche possibile rinvenire fossili come le Diatomee cementati in conglomerati grossolani. Nonostante le quote basse esse descrivono un ambiente roccioso aspro e severo. Il nome Serra dell'Abete risale a fine ottocento, quando prima dei grandi disboscamenti era coperta da abeti giganteschi. Tuttora ne sopravvivono solo sparuti esemplari.

Avendo solo una mezza giornata disponibile avrei dovuto fare una cosa breve e facile ma sono riuscito a trasformare il facile nel difficile. Credo di avere del talento nel complicarmi a volte la vita gratuitamente. Alla fine ho percorso la bellezza di diciannove chilometri e un migliaio di metri di dislivello, manco avessi fatto una grande attraversata.Parto di buon mattino da Colle dell'Abete, fa già caldo ma la brevità dell'escursione mi dovrebbe consentire di rientrare dopo un paio d'ore. Salgo velocemente seguendo il filo di cresta e incrociando i segni biancorossi del sentiero CAI 912 molto sbiaditi. Il panorama comincia a diventare interessante. Più in alto incontro oltre i soliti faggi, anche alcuni esemplari di abete bianco fino a giungere presto in vetta dove è posta una croce in legno. Panorama mozzafiato sui Giganti del Pollino a nord, da Serra Crispo a Serra del Prete. Verso ovest si eleva la cresta boscosa che unisce Timpa del Corvo, Timpone Stirpe e il Grattaculo. Si scorge anche la punta della Coppola di Paola mentre nel vallone ai piedi della montagna sorgono le piccole frazioni di S.Pasquale e Prastio. Peccato soltanto che l'afa renda la vista un po’offuscata.

Proseguendo lungo il filo di cresta si attraversa il bellissimo anfiteatro roccioso che unisce i due culmini di Serra d'Abete. Verso nord si vede la più bassa e glabra cima di Monte Serra. Per raggiungerla bisogna però scendere lungo un pendio ripido verso Piano Jacco dove compaiono numerose fioriture di calcatreppole ametistine. Da qui’ il panorama si amplia ulteriormente su tutta la Valle del Mercure, i monti Ciagola, Spina e Zaccana, Sirino e Monte Alpi. Verso est si estende anche il crinale della Caramola. Vista mozzafiato in tutte le direzioni dunque. Come ho affermato varie volte, non è detto che il panorama più vasto sia sempre appannaggio delle cime elevate e importanti. A volte dipende dalla posizione.

A questo punto le mie intenzioni sarebbero quelle di scendere per una traccia di sentiero lungo la spalla ovest di monte Serra, segnata anche sulla mia mappa, ma per accorciare mi sposto molto più a sinistra direzione sud ovest tagliando in diagonale il ripido pendio per raggiungere prima la rotabile che unisce Viggianello a Prastio. Ma qui’ mi vado ad infrascare in una bassa macchia di ginestre e piccoli arbusti contorti ed aggrovigliati. Più scendo più peggiora la situazione. Per uscirne sono costretto a invertire la marcia, superare un fosso intricato di vegetazione e guadagnare quota fino ad un costone più spoglio. Provo a scendere da quì puntando non senza difficoltà una fascia boscosa di querce che costeggia la strada. Alla fine in un caldo afoso e soffocante raggiungo la strada e faccio una pausa all'ombra per riprendermi prima di percorrere i due chilometri sull’asfalto che mi separano da Prastio.

Raggiunta la ridente frazione mi fermo presso un'abitazione per chiedere dell'acqua e informazioni circa la prosecuzione. Sulla mappa infatti è segnata una traccia che si stacca lì vicino, risale una ripida pendice e, percorso un crinale identificabile come Serra Malarosa dovrebbe arrivare a Colle dell'Abete punto di partenza. Purtroppo la signora mi sconsiglia vivamente di intraprendere questa traccia perché potrebbe essere chiusa dalla fitta macchia. Più avanti alcuni operai che stanno ripulendo la strada mi confermano la stessa cosa.Testardamente provo ad infilarmi in un sentiero che si inoltra nella boscaglia ma è tutto un groviglio. Sarebbe un rischio proseguire. In effetti si tratta spesso di antichi tratturi frequentati dai pastori ma non più in uso da tempo richiusi dalla vegetazione. In ogni caso si potrebbe verificare la condizione di questo tracciolino partendo dall'alto e quando fa meno caldo. Preferisco così tornare sui miei passi e riguadagnare la strada principale. Piu' avanti ad una fontana mi rinfresco ulteriormente e mi rassegno a compiere il giro più lungo.

Bisogna percorrere prima la strada asfaltata fino a che essa termina presso una masseria e poi intraprendere la lunghissima e interminabile pista sterrata che risalendo Valle Zaperna collega Prastio a Piano Visitone passando per Timpa del Pertugio e poi per Piano Zaperna. L'ambiente è di solenne faggeta mentre percorro il sentiero guadagnando quota molto gradualmente. Purtroppo non basta il caldo, ma ci si mettono anche mosche e tafani a tormentarmi fino alla fine. Dopo un’estenuante ed infinita sgroppata raggiungo Piano Visitone invaso non solo dalle mosche ma anche da una miriade di turisti. Punto deciso verso una delle fontane dalle freschissime acque presenti nel pianoro e letteralmente mi ci butto dentro. Ma ancora non è finita perché devo percorrere altri tre chilometri,meno male a scendere per raggiungere l'auto che mi aspetta a Colle dell'Abete chiudendo in tal modo questo lunghissimo e imprevisto anello.

212554


212555


212556


212557


Calcatreppola ametistina
212558


212559


Abete bianco
212560


212561


Prastio
212562


212563


212564


212565


212566


212567


212568


Valle del Mercure
212569


212570


212571


212572


212573


212574


212575


Serra Ciavole, Dolcedorme,Pollino e Serra del Prete in lontananza
212576


212577


Monte Serra e Serra d'Abete dal basso
212578


Valle Zaperna
212579


212580


Piano Visitone
212581


212582
 

Discussioni simili



Alto Basso