Parchi della Basilicata
Parco Nazionale del Pollino
Data: 29 agosto 2020
Regione e provincia: Basilicata,Potenza
Località di partenza: Piano Ruggio
Località di arrivo: Vetta Serra del Prete e ritorno
Tempo di percorrenza: 6.30 ore l'anello
Grado di difficoltà: E
Descrizione delle difficoltà: Nessuna in particolare.Dal Belvedere del Malvento ho tralasciato il sentiero ufficiale per seguire il bordo del costone che è un pò esposto.Per il resto ordinaria amministrazione.
Periodo consigliato: sempre
Segnaletica: segni bianco rossi e omini di pietra
Dislivello in salita: 631 m.
Quota massima: 2181 m.
Accesso stradale: A2 uscita Campotenese,direzione Rotonda.Alla madonnina piegare verso la strada di montagna fino al grande pianoro di Ruggio

Descrizione

214148


Durante questa solitaria la memoria inevitabilmente è tornata a quel freddo pomeriggio di fine febbraio quando risalimmo la Slavina sul fianco orientale di Serra del Prete per ammirare il tramonto in vetta. L'incredulità per ciò che stava accadendo a causa del Covid rimase impressa nella nostra mente in modo indelebile. Seguì il lockdown che ci costrinse a non vedere i nostri monti per un po’di tempo lasciandoci sospesi in una irreale e spasmodica attesa. Questo ritorno su Serra del Prete è stato dunque una sorta di urlo liberatorio forse per esorcizzare quelle passate sensazioni.

Rispetto allo scorso inverno, la salita avviene per il versante sud ovest partendo direttamente da Piano Ruggio. D'estate non amo particolarmente questa zona per via della marea di merenderos che la invadono come cavallette. Giungervi però alle cinque del mattino, mentre albeggia e non c'è nessuno, in perfetta solitudine, con la mole immensa e scura di Serra del Prete che incombe e le ultime stelle che si spengono, rende il luogo assolutamente superlativo e magico. E’ la massima espressione della pace dei sensi.

In realtà non sarei proprio da solo. Con me c'è un simpatico pastore maremmano che comincia a seguirmi, e lo farà quasi fino in vetta. Qui’sul Pollino capita spesso di incontrare dei cani che finiscono col seguirti per tutta l'escursione. Frontale in testa mi avvio attraversando il pianoro in diagonale per raggiungere il terrazzo panoramico del Belvedere del Malvento, senza dubbio la località turistica più frequentata di tutto il Pollino. Prima di giungere alla staccionata piego a sinistra nella faggeta per andare ad ammirare uno degli alberi monumentali del Pollino, il fiabesco “Faggio delle sette sorelle”. È un maestoso esemplare dotato di un imponente apparato radicale il cui perimetro ad un metro circa da terra misura 470 cm di circonferenza. È cosi chiamato, perché si è formato dalla fusione naturale di sette alberi di faggio.

Il Belvedere, posto tra i contrafforti occidentali di Serra del Prete e la pendice orientale del Timpone Capanna era utilizzato in passato come stazione della teleferica per il trasporto del legname. Da qui’ si domina l'intera piana di Castrovillari e i costoni rocciosi di Serra del Prete dove svettano alcuni pini loricati, gli unici sul Pollino che si possono ammirare da vicino compiendo solo un percorso turistico. Mentre i primi raggi di sole baciano le cime dei monti di Orsomarso mi avvio non per il sentiero ufficiale ma lungo le rocce esposte del bordo del costone per andare ad osservare un bel Pino loricato dalla chioma a bandiera che svetta in piena parete e che mi attira particolarmente.

Al di sopra del Pino, dopo aver risalito alcune roccette, riprendo la traccia segnata che segue fedelmente il crinale tra graziose fioriture di cardi pallottola azzurri. Rientro di nuovo in faggeta lungo un pendio ripido per uscire subito dopo di nuovo allo scoperto dove mi si apre un paesaggio lunare. Più che sul Pollino pare di essere sulla Maiella o sui monti Sibillini con i loro inconfondibili dolci e ondulati declivi. A est dominano la scena Serra del Pollinello e il Pollino da dove trapelano i primi raggi di sole. Dal lato opposto una magnifica visione d'insieme su Piano Ruggio e i monti disposti a corona. Come lame la sua luce calda e morbida del mattino lambisce il mare d'erba che ricopre le praterie d'alta quota. In fondo le balze terminali del Dolcedorme si elevano su tutto il paesaggio.

Giunto ad un culmine panoramico a quota 2030 si cambia direzione. Procedo ora verso est all'interno di una vasta dolina in cui compaiono quattro bellissimi inghiottitoi, il primo enorme e profondo, gli altri inferiori, tradendo la natura carsica di queste terre. Serra del Prete è caratterizzata da una morfologia unica, presentandosi nella parte sommitale come un vasto altopiano, tanto che da lontano, venendo da ovest non riesci a distinguere la cima che raggiungo alle 8.30.

Splendido il colpo d'occhio dal suo culmine. Il monte Pollino si mostra nel suo profilo più bello, il tormentato versante nord ovest fatto di brecciai, canaloni e pareti verticali festonate di pini loricati. Si abbraccia lo spettacolare e verdeggiante circo glaciale di Serra del Prete a “braccioli di poltrona”, testimonianza questi di un antico ghiacciaio di epoca wurmiana. Di fronte, a est la Serra delle Ciavole e Serra Crispo adagiate sugli assolati pianori del Pollino.

Dalla terza elevazione del parco, 2181 m lo sguardo spazia in tutte le direzioni. È uno spettacolo ammirare il paesaggio che si estende verso ovest, nord ovest dove le quinte di monti del Pollino e dell'Orsomarso infine si perdono all'orizzonte come il Cozzo del Pellegrino e il Petricelle. E oltre ancora si distingue chiaramente il golfo di Policastro con il piramidale Monte Bulgheria in bella evidenza. Poi altre cime cilentane che vanno a fondersi con il Sirino ed infine il monte Alpi. È un tripudio di sensazioni ed emozioni che la luce meravigliosa di oggi esalta in tutte le sue sfumature.

Al ritorno scendo al Belvedere e fino all'auto mi imbatto in una marea di gente come non l'ho mai vista. Sembra l'invasione degli unni. In ogni caso Serra del Prete è una vetta che consiglio vivamente perché non oppone difficoltà particolari. Partendo dal Belvedere di Malvento i circa 600 m. di dislivello di colmano dolcemente senza pendenze accentuate. Allo stesso tempo offre al visitatore sensazioni uniche perché ti proietta in un paesaggio lunare regalando panorami circolari senza eguali in tutte le direzioni.

214149

Serra del Prete all'alba

214150


214151

Il faggio delle sette sorelle

214156


214157


214158


214159


214160

Morano Calabro

214161


214162


214163


214164

Da sinistra Timpone Viggianello e Timpone Capanna


214165


214166


214167


214168


214169

Cardo pallottola

214170

Mare Ionio e Golfo di Sibari

214171

Serra del Pollinello e Dolcedorme dietro

214172


214173


214174


214175

In primo piano monti La Spina e Zaccana,dietro il Sirino

214176

Monte Bulgheria (Cilento)

214177


214178


214179

Nuove generazioni

214180


214181

Rifugio De Gasperi

214182

Monte Alpi

214183


214184


214186

Piano Ruggio

214187

Golfo di Policastro e Monte Bulgheria

214188

Cozzo del Pellegrino a sinistra

214189

Petricelle e La Caccia

214190

Serra d'Abete e Monte Serra

214191

Latronico e Monte Alpi

214192

Inghiottitoio

214193


214194

Serra Ciavole al centro,Pollino a destra

214195

...intruso...:unsure:

214196

Pollino

214197


214198


214199

Serra del Prete cresta sud est

214200
 
Ultima modifica:
Che bello!! Sei un grande! Io sto cercando di organizzare per questa domenica o per la prossima, ma ho degli amici che sono delle piante grasse! :biggrin:
Vorrei fare Lago Duglia - Serra di Crispo! Se ci vado, posto le foto!! Grazie ancora, è sempre bello leggere i tuoi post.
 
Complimenti e grazie per aver condiviso.
Grazie a te
--- Aggiornamento ---

Che bello!! Sei un grande! Io sto cercando di organizzare per questa domenica o per la prossima, ma ho degli amici che sono delle piante grasse! :biggrin:
Vorrei fare Lago Duglia - Serra di Crispo! Se ci vado, posto le foto!! Grazie ancora, è sempre bello leggere i tuoi post.
Grazie.Quella delle piante grasse è troppo forte.Dai non essere cattivo con i tuoi compagni.Su Serra Crispo ci sono stato a settembre partendo dalla Madonna di Pollino.Luogo fantastico,l'apoteosi dei pini loricati.Attendo poi il tuo post
 
Bellissime foto.Prospettive diverse bellissime e molto interessanti. Ho in programma anch'io Lago Duglia ma vorrei raggiungere Acqua tremola e poi giu verso la sorgente San Francesco ecc. ecc. partendo da vicino Casino Toscano.Stiamo organizzando ma ancora non sappiamo quando farla, giusto per cambiare prospettiva altrimenti sono sempre le stesse cose e ci si annoia persino a fotografare..
 
Bellissime foto.Prospettive diverse bellissime e molto interessanti. Ho in programma anch'io Lago Duglia ma vorrei raggiungere Acqua tremola e poi giu verso la sorgente San Francesco ecc. ecc. partendo da vicino Casino Toscano.Stiamo organizzando ma ancora non sappiamo quando farla, giusto per cambiare prospettiva altrimenti sono sempre le stesse cose e ci si annoia persino a fotografare..
Grazie.In questo periodo sicuramente saranno i colori autunnali a cambiare lo scenario.Mi hanno chiesto di rifare Serra del Prete, però dal versante Nord giusto per godere dei colori e perché da Colle Impiso non hai avvicinamento.
 
Io domenica ci vado con gli amici!!! (CAI 950).
Domenica scorsa l'ho fatta da solo (per ricordarmi il sentiero e per appurarmi delle condizioni) e per 13 km e 800 m di dislivello, ci ho impiegato 4 ore 20' circa. Ero volutamente solo e per le mie possibilità, sono andato abbastanza spedito.

Domenica so già come finirà: a metà percorso mi chiederanno di tornare indietro!! Sono piante grasse!! (Ho preparato la Vecchia Romagna, almeno mi consolo!) :lol::rofl::rofl::rofl::biggrin::biggrin::biggrin::biggrin:

E questa volta porterò i bastoncini e ginocchiere, in discesa ho sofferto un po' alle ginocchia.
 
Io domenica ci vado con gli amici!!! (CAI 950).
Domenica scorsa l'ho fatta da solo (per ricordarmi il sentiero e per appurarmi delle condizioni) e per 13 km e 800 m di dislivello, ci ho impiegato 4 ore 20' circa. Ero volutamente solo e per le mie possibilità, sono andato abbastanza spedito.

Domenica so già come finirà: a metà percorso mi chiederanno di tornare indietro!! Sono piante grasse!! (Ho preparato la Vecchia Romagna, almeno mi consolo!) :lol::rofl::rofl::rofl::biggrin::biggrin::biggrin::biggrin:

E questa volta porterò i bastoncini e ginocchiere, in discesa ho sofferto un po' alle ginocchia.
Da Colle Impiso sono 600 metri di dislivello e non credo siano 13 chilometri.Non so da dove sei partito.La salita in ogni caso è bella ripidella
 
Breve OT: anch'io voglio scoprire i dintorni di Lago duglia,lago fondo ecc. Adesso dopo aver percorso in lungo e largo i piani e quasi tutte le vette, voglio camminare in quelle zone e se mi esprimo correttamente,intendo il lato nord est del Parco.C'e' tanto da vedere da quelle parti mi sa', solo che per avvicinarsi almeno a Casino Toscano, bisogna percorrere la carrareccia che oltrepassa Colle Marcione per diversi chilometri e non sempre e' in buono stato. A proposito..avete alternative migliori a quella strada? Un saluto.
 
Breve OT: anch'io voglio scoprire i dintorni di Lago duglia,lago fondo ecc. Adesso dopo aver percorso in lungo e largo i piani e quasi tutte le vette, voglio camminare in quelle zone e se mi esprimo correttamente,intendo il lato nord est del Parco.C'e' tanto da vedere da quelle parti mi sa', solo che per avvicinarsi almeno a Casino Toscano, bisogna percorrere la carrareccia che oltrepassa Colle Marcione per diversi chilometri e non sempre e' in buono stato. A proposito..avete alternative migliori a quella strada? Un saluto.
Difficile.Purtroppo di alternative non ce ne stanno tante.Dovresti recarti a Terranova del Pollino via Acquatremola per lago Duglia/Fondo ma è lontano e d'inverno bisogna vedere se passi,altrimenti a Terranova dalla Sinnica (un macello) o da San Lorenzo Bellizzi la strada per Colle di Conca è buona per zona Timpe.Ma per inoltrarti in Fagosa verso le Serre conviene lasciare l'auto alla sorgente Acquasaleta e farsi un paio di Km a piedi per Casino Toscano se non hai un fuoristrada....un pò lunghetto.
 
Grazie Pollino,immaginavo che non ci fossero grandi alternative. La partenza da Acquasalata l'ho gia' sperimentata e vorrei,se la strada lo permette arrivare con l'auto almeno alle casette poste dove inizia la salita ma tutto dipende dal fondo stradale messo alla prova da mezzi agricoli enormi e dalla pioggia. Vedremo...beh.... ti ringrazio e scusami per l'OT. Approfitto per un saluto a Jack!!
 

Discussioni simili



Alto Basso