Escursione Serra Dolcedorme

Parchi della Calabria
Parco Nazionale del Pollino
<<Cielo grigio e vento vogliono dire una giornata in cui è bello non andare da nessuna parte: si sta giù in cabina, a fare lavoretti che si è continuato a rimandare, a studiare le carte nautiche e i portolani e a programmare la prossima destinazione>>. D'accordo con il Robert Pirsig di Lila, in questo periodo che più che cielo grigio e vento siamo in nembi di tempesta, mi ritrovo a pianificare future sgambate e a sognare su passate escursioni. Questa, di ormai 10 anni or sono, mi ha fatto respirare una particolare aria di libertà.

Serra Dolcedorme
Quota
2.267 m
Data 8 luglio 2010
Sentiero parzialmente segnato
Dislivello 1.460 m
Distanza 23,63 km
Tempo totale 8:45 h
Tempo di marcia 7:42 h
Cartografia Pollino Lucano
Descrizione Dal parcheggio di quota 1.550 per il Colle dell’Impiso (1.573 m), il Rifugio Gaudolino (1.684 m, +55 min.), Monte Pollino (2.248 m, +1,45 h), la Sella Dolcedorme (1.975 m, +45 min.), la Timpa di Valle Piana (2.163 m, +35 min.) e la vetta (+20 min.). Ritorno per la Sella delle Ciavole (1.880 m, +45 min.), la Serra delle Ciavole (2.127 m, +37 min.), l’anticima nord della Serra delle Ciavole (2.130 m, +15 min.), i piani di Pollino, di Toscano e del Vacquarro e la macchina (+1,45 h). Dal Colle Gaudolino occorre cercare e seguire un sentiero verso quota 1.985 leggermente più a est di quello effettivamente seguito. Magnifica escursione in ambiente maestoso e solitario. Giornata splendida con vista fino allo Jonio.
https://www.montinvisibili.it/serra dolcedorme
 

Allegati

<<Cielo grigio e vento vogliono dire una giornata in cui è bello non andare da nessuna parte: si sta giù in cabina, a fare lavoretti che si è continuato a rimandare, a studiare le carte nautiche e i portolani e a programmare la prossima destinazione>>. D'accordo con il Robert Pirsig di Lila, in questo periodo che più che cielo grigio e vento siamo in nembi di tempesta, mi ritrovo a pianificare future sgambate e a sognare su passate escursioni. Questa, di ormai 10 anni or sono, mi ha fatto respirare una particolare aria di libertà.

Serra Dolcedorme
Quota
2.267 m
Data 8 luglio 2010
Sentiero parzialmente segnato
Dislivello 1.460 m
Distanza 23,63 km
Tempo totale 8:45 h
Tempo di marcia 7:42 h
Cartografia Pollino Lucano
Descrizione Dal parcheggio di quota 1.550 per il Colle dell’Impiso (1.573 m), il Rifugio Gaudolino (1.684 m, +55 min.), Monte Pollino (2.248 m, +1,45 h), la Sella Dolcedorme (1.975 m, +45 min.), la Timpa di Valle Piana (2.163 m, +35 min.) e la vetta (+20 min.). Ritorno per la Sella delle Ciavole (1.880 m, +45 min.), la Serra delle Ciavole (2.127 m, +37 min.), l’anticima nord della Serra delle Ciavole (2.130 m, +15 min.), i piani di Pollino, di Toscano e del Vacquarro e la macchina (+1,45 h). Dal Colle Gaudolino occorre cercare e seguire un sentiero verso quota 1.985 leggermente più a est di quello effettivamente seguito. Magnifica escursione in ambiente maestoso e solitario. Giornata splendida con vista fino allo Jonio.
https://www.montinvisibili.it/serra dolcedorme
Sto pensando di andarci proprio in questi giorni.
 
<<Cielo grigio e vento vogliono dire una giornata in cui è bello non andare da nessuna parte: si sta giù in cabina, a fare lavoretti che si è continuato a rimandare, a studiare le carte nautiche e i portolani e a programmare la prossima destinazione>>. D'accordo con il Robert Pirsig di Lila, in questo periodo che più che cielo grigio e vento siamo in nembi di tempesta, mi ritrovo a pianificare future sgambate e a sognare su passate escursioni. Questa, di ormai 10 anni or sono, mi ha fatto respirare una particolare aria di libertà.

Serra Dolcedorme
Quota
2.267 m
Data 8 luglio 2010
Sentiero parzialmente segnato
Dislivello 1.460 m
Distanza 23,63 km
Tempo totale 8:45 h
Tempo di marcia 7:42 h
Cartografia Pollino Lucano
Descrizione Dal parcheggio di quota 1.550 per il Colle dell’Impiso (1.573 m), il Rifugio Gaudolino (1.684 m, +55 min.), Monte Pollino (2.248 m, +1,45 h), la Sella Dolcedorme (1.975 m, +45 min.), la Timpa di Valle Piana (2.163 m, +35 min.) e la vetta (+20 min.). Ritorno per la Sella delle Ciavole (1.880 m, +45 min.), la Serra delle Ciavole (2.127 m, +37 min.), l’anticima nord della Serra delle Ciavole (2.130 m, +15 min.), i piani di Pollino, di Toscano e del Vacquarro e la macchina (+1,45 h). Dal Colle Gaudolino occorre cercare e seguire un sentiero verso quota 1.985 leggermente più a est di quello effettivamente seguito. Magnifica escursione in ambiente maestoso e solitario. Giornata splendida con vista fino allo Jonio.
https://www.montinvisibili.it/serra dolcedorme
Non appena ho visto il titolo mi è venuto un tonfo al cuore,poi ho letto la data.....e allora....vabbè.Purtroppo si soffre vista la situazione,vedo le mie montagne un pò imbiancate ma per adesso restiamo a guardarle.A parte i blocchi ci sono altre priorità a cui pensare.Mi consolo postando a breve l'ultima uscita su Serra del Prete a fine febbraio.Un caro saluto e.......occhio...mi raccomando.
 
@carabosse, a tempo debito ti toccherà allargare il raggio delle tue incursioni.
Al tempo della mi visita era segnata solo la parte valliva dei sentieri, lasciano alla libera interpretazione le alte quote.
Devo dire che negli ultimi anni la mia sezione Cai ha fatto un lavoro mastodontico e certosino nel ripristinare tracciati che erano diventati illegibili,crearne di nuovi e recuperarne altri perduti. Tutto assolutamente gratis.Però non nego che ci sono ancora zone,soprattutto nell'Orsomarso che andrebbero curate meglio e sentieri che si sono chiusi perchè impraticati,per non parlare di zone dove ancora essere umano non ha messo piede.Io personalmente non sono uno che batte spesso i sentieri segnati e che va spesso all'avventura o in esplorazione e forse non ho la percezione corretta del problema,ma da qualche anno,ripeto le cose sono molto migliorate.Per questo c'è una sezione dedicata nel sito cai castrovillari.Devo aggiungere anche che adesso una grossa mano ci è data da Wikiloc e dall'intera rete di escursionisti che se ne serve.
 
@carabosse, a tempo debito ti toccherà allargare il raggio delle tue incursioni.
Al tempo della mi visita era segnata solo la parte valliva dei sentieri, lasciano alla libera interpretazione le alte quote.
sperando che che a luglio non ci sarà più la quarantena c'è tempo prima che scenda così al sud ma ci ho fatto un pensierino, certo che quest'anno mi sono limitato a due passi nelle valli di Comacchio
 

Discussioni simili



Alto Basso