SIKA 150 - impressioni dopo qualche rapida uscita nel bosco

Visto sempre solo on-line, facci sapere come si comporta e che risultati da in campo!!
È il sika 150!
--- Aggiornamento ---


Come hai fatto le incisioni?
Come hai fatto le incisioni?
Buongiorno Ragassuoli, scusate il ritardo e l'assenza.
Confermo è il Sika 150 in pratica 15cm di Lama e 4mm di spessore con profilo praticamente full flat, manicatura in G10 ben profilata e con ottimo grip anche con mani abbastanza sudate....ho il vizio di non usare spesso i guanti (quelli in pelle/cuoio che di solito si trovano nei centri fai da te hanno sempre taglie troppo grosse per la mia mano).

tagliente arriva con una buona affilatura ma non a rasoio come piace a me per cui dopo qualche breve test riaffilato e riprofilato a 17.5° circa con l'economicissimo RUIXIN PRO e pietre diamantate.

Veniamo alle impressioni dopo qualche rapida uscita nel bosco.


Il coltello è stato subito messo alla prova con batoning più o meno pesante. L'ho testato su dei tronchi di pino molto stagionato e considerando che aveva ormai perso la corteccia credo che era un albero caduto da qualche anno. Diametro di circa 10/12cm la penetrazione è stata direi ottima fintanto che le fibre contorte del tronco non hanno fatto incastrare e piegare pesantemente la lama. Ho temuto si spezzasse o di danneggiasse in modo permanente. (purtroppo mi son dimenticato fi far due foto...troppo preso dall'attività di test :) )Una volta disincastrato tutto è tornato alla normalità.

Nel chopping invece risulta poco efficace e speravo si comportasse meglio ma ha il peso troppo sbilanciato sul manico ed anche utilizzandolo in presa arretrata la situazione non migliora.

Credo che sia dovuto principalmente a due fattori spessore della lama di soli 4mm ed il manico non presenta fori di alleggerimento, infatti, il suo baricentro risulta spostato leggermente dietro l'incavo per l'indice.

Nell'utilizzo normale come ad esempio produrre feather stick il mio polso di affatica presto cosa che tende ad accadere molto meno in presa avanzata utilizzando il finger choil molto comodo ma per lavori o sforzi prolungati meglio usare i guanti altrimenti qualche fastidio prodotto dallo spigolo della lama può capitare.

Uno degli usi maggiori avendo il giocattolo nuovo è stato nel processare il cibo attività per cui lavora in modo eccellente dalla carne ai formaggi stagionati.

Ho effettuato anche un test di penetrazione sulla parte superiore di una latta d'olio da 5l (dovevo recuperare l'ultima parte che era rimasta all'interno...non si deve sprecare) e purtroppo il filo si è danneggiato non poco. :cry::ignore::-x come si vede dalle img sotto. Poi risolto con una nuova affilatura....

Ma veniamo al fodero, ottima ritenzione del coltello e non si avvertono "sbacchettamenti" della lama al suo interno, vie fornito con firerod ed ha una buona ritenuta che dell'acciarino ma per sicurezza ho comunque inserito un cordino elastico di ritenuta. Quello che è veramente poco confortevole è la clip per la cintura che se da un lato è comoda in quanto permette velocemente di infilarlo alla cintura non permette un'estrazione del coltello senza tirar via il fodero stesso dalla cintura, cosa un po' fastidiosa.

Ho comprato questo coltello per il suo costo, parliamo di 59€ e per testare una lama di lunghezza 15cm ed un profilo full flat che per le mie esigenze dopo un po' di ore sul campo credo sia sufficiente per le mie esigenze che se tendo a preferire per geometria e comodità il Garberg.

Le incisioni sono state eseguite con stencil in vinile, soluzione satura di aceto di mele (quello avevo) e sale un alimentatore variabile impostato a circa 2A di corrente massima e tensione se non ricordo male intorno al 9V.
Ho collegato il polo positivo alla lama ed il negativo al cotone idrofilo ben imbevuto di soluzione ed ho proceduto a più applicazioni di 6/8 secondi ciascuna provvedendo a cambiare l'ovatta appena anneriva e la corrente erogata si abbassava al di sotto si 1A.
--- Aggiornamento ---

Ecco alcune foto dello stencil applicato per l’incisione
--- Aggiornamento ---

Queste invece alcune foto dell’uscita test di domenica
 

Allegati

Ultima modifica:
Buongiorno Ragassuoli, scusate il ritardo e l'assenza.
Confermo è il Sika 150 in pratica 15cm di Lama e 4mm di spessore con profilo praticamente full flat, manicatura in G10 ben profilata e con ottimo grip anche con mani abbastanza sudate....ho il vizio di non usare spesso i guanti (quelli in pelle/cuoio che di solito si trovano nei centri fai da te hanno sempre taglie troppo grosse per la mia mano).

tagliente arriva con una buona affilatura ma non a rasoio come piace a me per cui dopo qualche breve test riaffilato e riprofilato a 17.5° circa con l'economicissimo RUIXIN PRO e pietre diamantate.

Veniamo alle impressioni dopo qualche rapida uscita nel bosco.


Il coltello è stato subito messo alla prova con batoning più o meno pesante. L'ho testato su dei tronchi di pino molto stagionato e considerando che aveva ormai perso la corteccia credo che era un albero caduto da qualche anno. Diametro di circa 10/12cm la penetrazione è stata direi ottima fintanto che le fibre contorte del tronco non hanno fatto incastrare e piegare pesantemente la lama. Ho temuto si spezzasse o di danneggiasse in modo permanente. (purtroppo mi son dimenticato fi far due foto...troppo preso dall'attività di test :) )Una volta disincastrato tutto è tornato alla normalità.

Nel chopping invece risulta poco efficace e speravo si comportasse meglio ma ha il peso troppo sbilanciato sul manico ed anche utilizzandolo in presa arretrata la situazione non migliora.

Credo che sia dovuto principalmente a due fattori spessore della lama di soli 4mm ed il manico non presenta fori di alleggerimento, infatti, il suo baricentro risulta spostato leggermente dietro l'incavo per l'indice.

Nell'utilizzo normale come ad esempio produrre feather stick il mio polso di affatica presto cosa che tende ad accadere molto meno in presa avanzata utilizzando il finger choil molto comodo ma per lavori o sforzi prolungati meglio usare i guanti altrimenti qualche fastidio prodotto dallo spigolo della lama può capitare.

Uno degli usi maggiori avendo il giocattolo nuovo è stato nel processare il cibo attività per cui lavora in modo eccellente dalla carne ai formaggi stagionati.

Ho effettuato anche un test di penetrazione sulla parte superiore di una latta d'olio da 5l (dovevo recuperare l'ultima parte che era rimasta all'interno...non si deve sprecare) e purtroppo il filo si è danneggiato non poco. :cry::ignore::-x come si vede dalle img sotto. Poi risolto con una nuova affilatura....

Ma veniamo al fodero, ottima ritenzione del coltello e non si avvertono "sbacchettamenti" della lama al suo interno, vie fornito con firerod ed ha una buona ritenuta che dell'acciarino ma per sicurezza ho comunque inserito un cordino elastico di ritenuta. Quello che è veramente poco confortevole è la clip per la cintura che se da un lato è comoda in quanto permette velocemente di infilarlo alla cintura non permette un'estrazione del coltello senza tirar via il fodero stesso dalla cintura, cosa un po' fastidiosa.

Ho comprato questo coltello per il suo costo, parliamo di 59€ e per testare una lama di lunghezza 15cm ed un profilo full flat che per le mie esigenze dopo un po' di ore sul campo credo sia sufficiente per le mie esigenze che se tendo a preferire per geometria e comodità il Garberg.

Le incisioni sono state eseguite con stencil in vinile, soluzione satura di aceto di mele (quello avevo) e sale un alimentatore variabile impostato a circa 2A di corrente massima e tensione se non ricordo male intorno al 9V.
Ho collegato il polo positivo alla lama ed il negativo al cotone idrofilo ben imbevuto di soluzione ed ho proceduto a più applicazioni di 6/8 secondi ciascuna provvedendo a cambiare l'ovatta appena anneriva e la corrente erogata si abbassava al di sotto si 1A.
--- Aggiornamento ---

Ecco alcune foto dello stencil applicato per l’incisione
--- Aggiornamento ---

Queste invece alcune foto dell’uscita test di domenica
Grazie per la bella ed approfondita recensione! :si:

L'unica cosa che mi stupisce è che del D2 si rovini così tanto per bucare una latta in ferro dolce... o_O

Ho effettuato anche un test di penetrazione sulla parte superiore di una latta d'olio da 5l (dovevo recuperare l'ultima parte che era rimasta all'interno...non si deve sprecare) e purtroppo il filo si è danneggiato non poco. :cry::ignore::-x come si vede dalle img sotto.
 
Grazie per la bella ed approfondita recensione! :si:

L'unica cosa che mi stupisce è che del D2 si rovini così tanto per bucare una latta in ferro dolce... o_O


Infatti sono rimasto malissimo!!!! Temprato troppo alto? o perchè l'ho riprofilato a 17.5°? mi rendo conto che preferisco le doti di taglio puro alla resistenza!!
 
Dalle foto il filo sembra scheggiato e non piegato, quindi probabilmente temprato alto o... male :biggrin:

Però forse anche il filo a 17,5°...
Sentiamo il parere degli esperti.
 
Buongiorno Ragassuoli, scusate il ritardo e l'assenza.
Confermo è il Sika 150 in pratica 15cm di Lama e 4mm di spessore con profilo praticamente full flat, manicatura in G10 ben profilata e con ottimo grip anche con mani abbastanza sudate....ho il vizio di non usare spesso i guanti (quelli in pelle/cuoio che di solito si trovano nei centri fai da te hanno sempre taglie troppo grosse per la mia mano).

tagliente arriva con una buona affilatura ma non a rasoio come piace a me per cui dopo qualche breve test riaffilato e riprofilato a 17.5° circa con l'economicissimo RUIXIN PRO e pietre diamantate.

Veniamo alle impressioni dopo qualche rapida uscita nel bosco.


Il coltello è stato subito messo alla prova con batoning più o meno pesante. L'ho testato su dei tronchi di pino molto stagionato e considerando che aveva ormai perso la corteccia credo che era un albero caduto da qualche anno. Diametro di circa 10/12cm la penetrazione è stata direi ottima fintanto che le fibre contorte del tronco non hanno fatto incastrare e piegare pesantemente la lama. Ho temuto si spezzasse o di danneggiasse in modo permanente. (purtroppo mi son dimenticato fi far due foto...troppo preso dall'attività di test :) )Una volta disincastrato tutto è tornato alla normalità.

Nel chopping invece risulta poco efficace e speravo si comportasse meglio ma ha il peso troppo sbilanciato sul manico ed anche utilizzandolo in presa arretrata la situazione non migliora.

Credo che sia dovuto principalmente a due fattori spessore della lama di soli 4mm ed il manico non presenta fori di alleggerimento, infatti, il suo baricentro risulta spostato leggermente dietro l'incavo per l'indice.

Nell'utilizzo normale come ad esempio produrre feather stick il mio polso di affatica presto cosa che tende ad accadere molto meno in presa avanzata utilizzando il finger choil molto comodo ma per lavori o sforzi prolungati meglio usare i guanti altrimenti qualche fastidio prodotto dallo spigolo della lama può capitare.

Uno degli usi maggiori avendo il giocattolo nuovo è stato nel processare il cibo attività per cui lavora in modo eccellente dalla carne ai formaggi stagionati.

Ho effettuato anche un test di penetrazione sulla parte superiore di una latta d'olio da 5l (dovevo recuperare l'ultima parte che era rimasta all'interno...non si deve sprecare) e purtroppo il filo si è danneggiato non poco. :cry::ignore::-x come si vede dalle img sotto. Poi risolto con una nuova affilatura....

Ma veniamo al fodero, ottima ritenzione del coltello e non si avvertono "sbacchettamenti" della lama al suo interno, vie fornito con firerod ed ha una buona ritenuta che dell'acciarino ma per sicurezza ho comunque inserito un cordino elastico di ritenuta. Quello che è veramente poco confortevole è la clip per la cintura che se da un lato è comoda in quanto permette velocemente di infilarlo alla cintura non permette un'estrazione del coltello senza tirar via il fodero stesso dalla cintura, cosa un po' fastidiosa.

Ho comprato questo coltello per il suo costo, parliamo di 59€ e per testare una lama di lunghezza 15cm ed un profilo full flat che per le mie esigenze dopo un po' di ore sul campo credo sia sufficiente per le mie esigenze che se tendo a preferire per geometria e comodità il Garberg.

Le incisioni sono state eseguite con stencil in vinile, soluzione satura di aceto di mele (quello avevo) e sale un alimentatore variabile impostato a circa 2A di corrente massima e tensione se non ricordo male intorno al 9V.
Ho collegato il polo positivo alla lama ed il negativo al cotone idrofilo ben imbevuto di soluzione ed ho proceduto a più applicazioni di 6/8 secondi ciascuna provvedendo a cambiare l'ovatta appena anneriva e la corrente erogata si abbassava al di sotto si 1A.
--- Aggiornamento ---

Ecco alcune foto dello stencil applicato per l’incisione
--- Aggiornamento ---

Queste invece alcune foto dell’uscita test di domenica
Grazie sei stato molto esaustivo
 
Dalle foto il filo sembra scheggiato e non piegato, quindi probabilmente temprato alto o... male :biggrin:

Però forse anche il filo a 17,5°...
Sentiamo il parere degli esperti.
Credo sicuramente il mix delle due cose ma comunque non mi aspettavo che con una latta si scheggiasse in quel modo. Il problema è che se vuoi ripristinare sul campo non puoi perché è bello duro ed in un punto “bastardo” infatti sono andato di affilatore guidato con diamantate e non con pietre perché quelle che ho sono cinesi troppo morbide! Infatti se prenderò coltelli migliori in M390 o Sleipner dovrò comprare delle Shapton!!!
 
Oddio un post dedicato!!! non ne avevo il coraggio sebbene in effetti ho monopolizzato il Tread!!!
Grazie a chi lo ha spostato!!!:):):)
--- Aggiornamento ---

Bene visto l’onore non posso che darvi due dettagli in più, ovvero, un particolare della manicatura, della clip a bassa ritenuta e del sistema di ritenuta dell’acciarino
--- Aggiornamento ---

Come si vede dalla foto del particolare della manicatura il lato superiore non arriva al limite del bordo del manico ma resta più basso di circa 1mm (cosa che ho riscontrato anche nel sika 130). All'inizio pensavo fosse un "difetto" ma in realtà ha il suo perché o almeno la spiegazione che mi sono dato è che nell'utilizzo del coltello in batoning questo in qualche modo protegge le guancette dai colpi.
Alla presa comunque non risulta assolutamente fastidioso.

Le guancette sul lato inferiore invece sono perfettamente a filo senza soluzione di continuità con il manico.

Comode e confortevoli anche le scanalature per l'appoggio del pollice ed il dorso del coltello essendo ben levigato non da fastidio. Per l'utilizzo dell'acciarino invece hanno inserito una piccola area con bordo a 90° di circa un centimetro, avrei preferito fosse più estesa.

Il sistema di ritenuta dell'acciarino invece anche se risulta essere solo una piega ha una buona presa forse dovuto al fatto che verso la fine è conica e non perfettamente cilindrica. In ogni caso laccetto elastico d'obbligo!
 

Allegati

Ultima modifica:
prova interessante :) in pratica se la passa peggio dei fratelli 130 e soprattutto 100 (tutt'altra cosa ma molto apprezzato)

sarebbe da vedere anche il sika 200, ma in italia non si trova da secoli
 
Il filo era forse troppo acuto per il lavoro per cui è stato usato, tagliare alluminio, comunque un metallo. Il d2 non aiuta assolutamente, la tempra dubbia nemmeno. Ti faccio i complimenti per la bella recensione e l'impegno, anche nella personalizzazione della lama, ma purtroppo questo marchio del decathlon continua a farmi venire l'orticaria. Sinceramente, comprate altro. Per pochi soldi meglio mora, hultafors, polar ecc. Per cifre più alte, come in questo caso, si apre un mondo..
 
Il filo era forse troppo acuto per il lavoro per cui è stato usato, tagliare alluminio, comunque un metallo. Il d2 non aiuta assolutamente, la tempra dubbia nemmeno. Ti faccio i complimenti per la bella recensione e l'impegno, anche nella personalizzazione della lama, ma purtroppo questo marchio del decathlon continua a farmi venire l'orticaria. Sinceramente, comprate altro. Per pochi soldi meglio mora, hultafors, polar ecc. Per cifre più alte, come in questo caso, si apre un mondo..
Ciao Zoro comprendo la tua orticaria e ieri sera mi è salito anche il crimine, ovvero, vi è un particolare che fino ad oggi non ho svelato quando è arrivato il coltello ho avuto la sensazione che non fosse planare ed infatti ho smontato le guancette e poggiato su un piano il coltello girava come al gioco della bottiglia!!!! (nulla di esagerato ma le pale mi son girate)
Decido di soprassedere ed anche perchè non mi andava di far chilometri per riportarlo indietro ed attendere ancora una settimana.
Ieri sera mentre lo ripulivo dopo un uso casalingo (per il cibo va benissimo) mi son reso conto che il batoning ha prodotto i sui danni ovvero il bisello si è piegato.

Adesso non ho il coltello con me ma appena posso farò le foto!.
--- Aggiornamento ---

prova interessante :) in pratica se la passa peggio dei fratelli 130 e soprattutto 100 (tutt'altra cosa ma molto apprezzato)

sarebbe da vedere anche il sika 200, ma in italia non si trova da secoli
Ciao Walterfishing,

ho anche il 130 riprofilato a scandi con microbisello e ti devo dire che tra tutte le schifezze che posseggo è superiore per peso ed ergonomia ed usabilità anche all'atra ciofeca di VIC MASTER MIC L appena trovo tempo vi annoierò con le mie impressioni.
 
Che fosse piegato dopo la tempra, può essere dovuto proprio alla fase di tempra, più critica.. Il fatto è che un buon controllo di qualità dovrebbe scartare queste lame.

Per il resto ok che si chippi al filo, un d2 duro, ma che si piega pure non ci siamo.. Geometria e trattamento termico sbagliato.

Per la recensione di Floriano preparo i pop corn!!
 
A causa della pubblicità a questa spazzatura (perché i sika sono spazzatura) che fanno certi youtuber per aumentare la propria popolarità, molta gente poi li compra.
 
Io ne avevo presi due di sika, il 90 e il 100.....quello col manico in osso(non specificato di che animale... :help: ) mai tagliato nemmeno la carta ma solo da vetrina.
L'altro l'ho usato un paio di volte per poi riporlo nella cassetta della mia collezione!:biggrin:
 

Discussioni simili



Alto Basso