Smart working in montagna

Di necessità virtù. E non solo virtù ma anche bellezza, comodità, tranquillità, frescura, concentrazione... insomma chi ha scelto, potendo o dovendo, di lavorare in montagna in mezzo ai boschi isolato al fresco con il PC al seguito, quest'anno è la persona più felice del mondo!

Le uniche accortezze sono di scegliere bene il luogo, poiché il vero isolamento in montagna a quote di almeno 1500m e la possibilità di collegarsi alla rete sono inversamente proporzionali, ed essere ben equipaggiati per ogni necessità elettrica e non.

Smart-working-in-montagna.jpg
 
Tanta invidia! Sarei nelle condizioni di poterlo fare anche io in realtà, ma la batteria del mio MBP è andata e non saprei come gestire il lato energetico, salvo procurarmi un pannello ben più grande di quello che già ho!
 
E' un power bank con uscita USB-C PD (power delivery), fornisce da 5V a 20V in base al dispositivo che colleghi, se supporta PD. Il mio PC non supporta PD ma si trovano facilmente adattatori USB-C PD per le marche più comuni di PC, ad esempio io ho questo: https://www.amazon.it/gp/product/B07SG3B2CZ
Il power bank ha una capacità di 70Wh e unito alla batteria del portatile ho oltre 12 ore di autonomia.
Una cosa fondamentale è che il power bank deve essere in grado di erogare una potenza istantanea sufficiente a caricare il PC mentre lo si utilizza, in media intorno ai 50W, altrimenti lo si potrà utilizzare esclusivamente per mantenere in carica il PC quando la batteria del PC è carica, oppure (ma non è detto) caricare il PC quando è spento.
 
Ahh ma stupendo quell'adattatore. Avevo studiato soluzioni simili ma non avevo mai pensato ad un semplice adattatore. Per tua esperienza l'usb-c PD regola in automatico il voltaggio in uscita? Ad es. io avrei necessità di gestire un Macbook air (14,5v) e un dell (da 19v). Immagino servano due adattatori distinti.
 
Caspita, i miei rispetti, soprattutto perché io non sarei capace di concentrarmi sul lavoro stando in un bosco in montagna: troppe distrazioni (insetti, uccelli, panorama, ecc. ecc.). Ho bisogno di un ambiente con pochi stimoli sensoriali...
 
avrei necessità di gestire un Macbook air (14,5v) e un dell (da 19v)
Il Macbook air se è la versione con carica USB-C PD non ha bisogno di alcun adattatore, solo un cavo USB-C buono, altrimenti immagino si trovi un adattatore PD per Macbook air. Per il Dell puoi prendere l'adattatore che ho io se compatibile con il tuo (adattatore 7.4 x 5,0 MM).
Caspita, i miei rispetti, soprattutto perché io non sarei capace di concentrarmi sul lavoro stando in un bosco in montagna: troppe distrazioni (insetti, uccelli, panorama, ecc. ecc.).
Guarda in realtà a me concilia tantissimo per concentrarmi, considera che i rumori che sento sono il fruscio delle foglie degli alberi con il vento, qualche uccello, a volte il ronzio di qualche mosca e raramente rumori di mammiferi (ne ho visti molti tra l'altro, tra cui caprioli, lepri, martore). A me disturba molto invece il rumore della città, auto, vicini, schiamazzi, ecc.
 
Ummm sì il problema sarebbe la connessione internet più che altro, oltre agli insetti... Ma si potrebbe studiare un'area con zanzariera.

Poi dipende dal lavoro, alle volte non si necessita di chissà che connessione...

Ma ora sono in vacanza fortunatamente. :D

Certo che tra connessione dati, batteria e solare di soldi ne devi spendere un bel po'... Più o meno quanto costa questo lusso?
 
Per gli insetti più fastidiosi come le zanzare basta stare oltre i 1500m ed è difficile trovarli. Formiche e mosche sono quelli più fastidiosi a queste altitudini ma dentro il bosco le mosche sono poche e le formiche in fondo non danno molto fastidio se si ha l'accortezza di non sporcare con cibo. Non sento la necessità di una zanzariera.

Nessun lusso, la connessione dati la pago 13 euro per 100GB al mese e dove sono io prende circa 15Mbit al secondo, più che sufficiente per qualsiasi esigenza. Il power bank l'ho pagato 70 euro e l'adattatore 9 euro. Non ho pannello solare poiché ho la possibilità di ricaricare il tutto la sera.
 

Alto Basso