snack e cibo da macchina

come da titolo. a volte, per i miei viaggi a distanza, mi serve qualcosa di comodo da mangiare in macchina, al massimo fermandosi qualche minuto.

purtroppo devo tenermi anche qualcosa di piu' sostanzioso perche' mi e' gia' capitato di dover partire di notte per un parente che si fa male o per rogne varie, e di non avere il tempo di cenare, o di dover scarrozzare il familiare in questioni in posti e orari sperdutissimi e che questo avesse fame (e certo, me lo dici all'1.30 di notte in inverno spersi nella valle del niente, come se avessi una rosticceria portatile...)

requisiti:

- compatto e con confezione maltrattabile
- deve conservarsi senza problemi a temperature comprese tra -10 (inverno) e +75 (estate, auto chiusa sotto al sole)
- durata: almeno 4 mesi, ideale almeno una decina
- non deve sporcare troppo
- possibilmente gustoso
- costo non eccessivo
- mangiabile velocemente, senza tante preparazioni
- possibilmente non troppo salati, comunque ho a disposizione abbastanza acqua
- serve qualcosa da pasto, quindi niente merendine e affini
- deve richiedere meno posate possibile ed essere mangiabile negli spazi ridotti dell'auto

a parte i soliti tarallini, che trovo stupendi allo scopo, un amico consigliava le pringles tarocche del lidl (i popcorn sono ingombranti) e una scatoletta di fagioli col tonno gia' pronta, che pero' tende a sporcare. in alternativa, tonno al naturale, scatolette tipo spam o simmenthal.

voi cosa ne dite? idee e consigli?
 
Dipende dalle tue abitudini alimentari. Una scatola di fagioli già conditi (con salsa di pomodoro) ed apertura a strappo ti farà restare vivo fino al giorno dopo e ti darà abbastanza energia per guidare. Oppure legumi (direi fagioli o lenticchie) cotti a vapore (Valfrutta) ed una bustina di olio di quelle che danno alla tavola calda per condire l'insalata.

In una emergenza assoluta io posso anche cenare con biscotti (o dolci da forno di qualsiasi genere) e té in bottiglia a temperatura ambiente.

Il Té in bottiglia lo terrei buono per tenersi sù accompagnandolo a qualsiasi vivanda, anche salata.

Dall' Eurospin si trova anche té verde (con altre cose dentro come Aloe) in bottiglie da 1,5l è abbastanza acidulo per accompagnare anche il classico panino.
 
Del cibo in macchina non tengo, solo acqua. Il resto invece e dentro lo zainetto che cerco di non dimenticare mai.
 
Zuppa di ceci della knorr

1024x1024px_0001s_0003_zuppa-di-ceci_cmyk-920228.png.ulenscale.315x315.png

c'è anche di fagioli o minestrone di verdure, andrebbero scaldati ma sono comunque già cotti e si possono mangiare così, ovviamente serve un cucchiaio ma, con una certa manualità si può anche "ipotizzare" di usare il tutto a mò di bicchiere (mai fatto). La durata penso che superi abbondantemente l'anno ed il costo è di paio d'euro. A livello di calorie è un pasto.

Chili con carne

16634.jpg


stesso discorso della zuppa di ceci, l'unica differenza è che costa uno o due euro in più.

Accompagna il tutto con dei taralli o dei cracker, una bottiglietta di thè o una birra.

Frutta secca o disidrata, arachidi salate, macedonia in scatola.

Barrette energetiche, carne secca (industriale così si può conservare a lungo anche con un ampia escursione termica).

Cibo da escursionisti con il riscaldatore chimico, non lo trovi al supermercato ma on line, e quì hai una certa scelta dal primo al secondo e, probabilmente, anche qualcosa di dolce, alcuni hanno già le posate nel "pacchetto".

Ciao :si:, Gianluca
 
Io tengo in macchina uno zainetto con kit d'emergenza, pronto soccorso, borraccia, fornello ad alcool, ecc... in pratica una sorta di bob semplificata.
Per quanto riguarda il cibo, sono giunto alla conclusione che, per brevi periodi e in ambiente urbano (che tutto sommato è quello in cui mi trovo io per la stragrande quantità del tempo), alla fine la soluzione più comoda, semplice e affidabile siano le barrette energetiche: occupano poco spazio, durano parecchio, sono facili da consumare, non sporcano, non richiedono cottura e ve ne sono di svariate tipologie. Ovviamente se parliamo di periodi più lunghi, allora il discorso cambia ma, per una emergenza breve o una improvvisa partenza a digiuno, possono andare benissimo.
Concordo anche con chi ha detto che i taralli sono ottimi...
 
Certo che hai una vita movimentata :D
Comunque io eviterei i legumi,soprattutto se non sei in macchina da solo,per il noto problema del rilascio gassoso :argh:
 
Sì dimenticavo che ai "carnivori" i legumi fanno fare le puzzette, essendo vegetariano (o quasi) so per esperienza che a chi ne mangia spesso non succede più perché la flora intestinale si adatta... la cosa quindi è soggettiva: credo che nel mio caso una scatoletta di simmenthal mi farebbe star peggio di una scatola di fagioli...
 
come da titolo. a volte, per i miei viaggi a distanza, mi serve qualcosa di comodo da mangiare in macchina, al massimo fermandosi qualche minuto.

purtroppo devo tenermi anche qualcosa di piu' sostanzioso perche' mi e' gia' capitato di dover partire di notte per un parente che si fa male o per rogne varie, e di non avere il tempo di cenare, o di dover scarrozzare il familiare in questioni in posti e orari sperdutissimi e che questo avesse fame (e certo, me lo dici all'1.30 di notte in inverno spersi nella valle del niente, come se avessi una rosticceria portatile...)

Ma che "viaggi a distanza" farai mai?!?

Primo: si può vivere giorni senza mangiare, per cui in ambiente urbano questo può essere facilmente evitato perchè si trova cibo dapperutto (bar, autogrill, supermercati).

Secondo: si deve imparare a sopportare la fame e la sete.

Terzo: odio sporcare la macchina di bricole, unto vario, annessi e connessi.

Per me è un non problema... :biggrin:
 
...si deve imparare a sopportare la fame e la sete...

C' è un tempo per ogni cosa, se ho ben capito lo scenario stiamo parlando di un viaggio improvviso verso una città che dista centinaia di Km in ora tarda / notturna per soccorrere dei congiunti per una loro emergenza.

Io credo che aggiungere il digiuno ad un tale scenario sia una cosa piuttosto sciocca.

Quanto al digiuno: in queste ultime giorni ne ho fatta ampia esperienza per un mio problema all' apparato digstivo (niente di che ma per uscirne occorreva, appunto, digiunare): un fattore importante a mio avviso è evitare attività frenetiche, stare rilassati e risparmiare energie come si può. Esattamente il contrario del comportamento da tenersi in caso di emergenza.
 
...... ogni tanto il forum fa confusione con le immagini, o forse è un qualche problema di cache del mio telefonino...... l'avatar di kima è diventato la scatola di fagioli della knorr :lol:

Ciao :si:, Gianluca
 
Coordinatometro di Avventurosamente
Alto Basso