Sovrapantaloni veramente impermeabile

il consiglio sull'uso dell'attrezzatura da pioggia è al minuto 12 :p , nei commenti c'è l'attrezzatura che usa
https://sierradesigns.com/mens-elwah-pant/
bastava dirlo! :biggrin:
inoltre nota come è vestito leggero sotto la giacca quando arriva al "campo"
infatti, è così che ci si veste, quello l'ho visto ed è quanto ho spiegato pure io. A 10°C su un terreno come il suo io avrei preferito il poncho e ghette. Se solo ci metti un po di salita come è vestito lui sudi troppo lostesso.
e se non apprezzi la pioggia sei nella discussione sbagliata :biggrin:
:lol::lol:
non è che non l' apprezzo, mi accingo ad andare a correre sotto la pioggia. E' che mi annoia in video!
Non credo che si trovino sovrapantaloni che possano dirsi impermeabili in quella fascia di prezzo; ho però letto dei Precip, che sono sicuramente un prodotto interessante, il nylon opportunamente rinforzato è forse l'unico compromesso realistico tra impermeabilità/prezzo/resistenza/un minimo di traspairazione, ma ammesso che si trovino a quel prezzo non ti aspettare la perfezione, né in termini di impermeabilità né di traspirazione. Inoltre in caso di caduta sono molto pericolosi perché aumentano enormemente la scivolosità.
questo è un buon punto, sulla scivolosità non ci ero arrivato, la robustezza invece me li ha fatti scartare subito.
Il punto è che siam fuori di melone se un pezzo di nylon con 2 cerniere costa 80€ scontato! IMHO
Preferisco i pataloni sintetici, che si bagnano poco e si asciugano in fretta e ti lasciano con giusta termicità se fatti di buoni materiali:
Il fatto è: ma quando poi non piove non fanno troppo caldo?
Io sinceramente non ho ancora trovato un tessuto che faccia questo, come dicevo già anche sotto un kway o altro impermeabile, se non ho uno strato termico abbondante ho freddo.
Cioè: a parità di condizioni se non piove sto bene, se piove anche senza bagnarmi ho freddo.
Per questo io preferisco lavorare a strati e nel caso sia necessario mettere qualcosa di impermeabile.
Non che sia sempre ncessario, chiaro.

PS:
per me sotto ad una impermeabile è sempre preferibile usare maniche lunghe. E' una delle ragioni per cui ho tante 1° strato leggerissime ma a manica lunga.
Son tornato dalla corsa: 7-8°C vento quasi assente, max 1.4mm/h di piogga
short ciclista, 1°strato lunga una leggera antivento (questa) sopra. Cappello gore; kway in tasca.
Per dire che non è che si debba sempre andare bardati come il tipo nel video (dove però pioveva alla grande! E non correva!)
 
Ultima modifica:
...ma quando poi non piove non fanno troppo caldo?
Io sinceramente non ho ancora trovato un tessuto che faccia questo, come dicevo già anche sotto un kway o altro impermeabile, se non ho uno strato termico abbondante ho freddo.
Cioè: a parità di condizioni se non piove sto bene, se piove anche senza bagnarmi ho freddo.
Per questo io preferisco lavorare a strati e nel caso sia necessario mettere qualcosa di impermeabile.
Non che sia sempre ncessario, chiaro.
Perfettamente d'accordo sulla filosofia dell'abbigliamento per strati per la parte superiore. Per le gambe non sempre servono più strati.

Con un buon paio di pantaloni sintetici ci stai anche meglio a camminare, sono elasticizzati e non fanno caldo.

Un kway fa caldo perché composto di teli uniformi non tessuti a trama ovvero composto di filamenti. Insomma c'è differenza tra un telo di nylon e un tessuto a trama in poliammide (sempre nylon è ma) composto di filamenti.
 
Ultima modifica:
Riparto dal messaggio iniziale perché non riesco a leggere tutti i messaggi.

Non credo che si trovino sovrapantaloni che possano dirsi impermeabili in quella fascia di prezzo; ho però letto dei Precip, che sono sicuramente un prodotto interessante, il nylon opportunamente rinforzato è forse l'unico compromesso realistico tra impermeabilità/prezzo/resistenza/un minimo di traspairazione, ma ammesso che si trovino a quel prezzo non ti aspettare la perfezione, né in termini di impermeabilità né di traspirazione. Inoltre in caso di caduta sono molto pericolosi perché aumentano enormemente la scivolosità.

Personalmente ho passato diversi sovrapantaloni, ma da parecchi anni li ho abbandonati perché hanno troppi svantaggi: ingombro della camminata, eccessiva sudorazione, pericolosità, fragilità.

Preferisco i pataloni sintetici, che si bagnano poco e si asciugano in fretta e ti lasciano con giusta termicità se fatti di buoni materiali: in genere tessuti composti di fibre sintetiche miste di cui una parte poliammide (nylon), materiali elasticizzati. La differenza è che sono tessuti intrecciati non semplici teli, quindi un pochino più robusti, meno scivolosi e più traspiranti, rispetto ai soprapantaloni.

Quelli che uso io con grande soddisfazione sono questi che puoi trovare in offerta a prezzi contenuti:
https://www.ferrino.it/shop-it/abbigliamento/donna/20313n01l-elgon-pants-unisex.html
Non amo in genere Ferrino, ma il rapporto qualità/prezzo dei pantaloni è eccezionale. La chicca sono i tessuti (veramente) antiusura nei punti critici.
Come dici dovrei bagnarmi anche tanto, anche la roba sotto ai pantaloni, e poi sperare che si asciugano, cosa che sto cercando di "risolvere". Di pantaloni ho già roba sintetica anche dichiarata ad asciugatura "rapida", per bagnarsi bastano 5 minuti purtroppo non altrettanti per asciugarsi, soprattutto se fa freddo e durante la notte.
I marmot precip costano 60-70 euro.
Sul sudore meglio quello che prendersi tutta l'acqua.
Sulla fragilità non mi pare ci siano molte alternative con tutto il necessario.
 
Come dici dovrei bagnarmi anche tanto, anche la roba sotto ai pantaloni, e poi sperare che si asciugano, cosa che sto cercando di "risolvere". Di pantaloni ho già roba sintetica anche dichiarata ad asciugatura "rapida", per bagnarsi bastano 5 minuti purtroppo non altrettanti per asciugarsi, soprattutto se fa freddo e durante la notte.
I marmot precip costano 60-70 euro.
Sul sudore meglio quello che prendersi tutta l'acqua.
Sulla fragilità non mi pare ci siano molte alternative con tutto il necessario.
Non ho detto che ti devi bagnare per poi asciugarti velocemente, ho cercato di fare capire che ci sono dei pantaloni idrorepellenti che respingono per quanto possibile l'acqua e semmai quella poca che assorbono si asciuga rapidamente; è un po' diverso.

Con i miei pantaloni non mi sono mai zuppato.

Riguardo ai sovrapantaloni è oggettivo sono molto più fragili dei pantaloni.
 
Non ho detto che ti devi bagnare per poi asciugarti velocemente, ho cercato di fare capire che ci sono dei pantaloni idrorepellenti che respingono per quanto possibile l'acqua e semmai quella poca che assorbono si asciuga rapidamente; è un po' diverso.

Con i miei pantaloni non mi sono mai zuppato.

Riguardo ai sovrapantaloni è oggettivo sono molto più fragili dei pantaloni.
Ok, ma se già i sovrapantaloni hanno certi limiti mi viene impossibile credere che un qualsiasi pantalone normale Idrorepellente si bagna così poco e dopo ore di pioggia si rimane asciutti come con pantaloni impermeabili.
Per la fragilità direi che dipende più dalla categoria di utilizzo, roba da trail ultraleggera non ha la stessa resistenza di un paio di quelli militari ma se le alternative nel budget non ci sono mi adeguo.
 
questione terminologica?
Io parlo di sovrapantaloni anche per modelli come questo
non ho trovato il mio che a differenza di questo ha la cerniera intera, le bretelle e tasche davanti e 1 dietro
SI quelli di cui hai messo il collegamento mi sembrano pantaloni (purtroppo costosissimi, addirittura in gore); il pantalone tecnico si indossa a pelle e in genere è elasticizzato, il sovrapantalone è necessariamente meno affusolato e più ingombrante.

Ok, ma se già i sovrapantaloni hanno certi limiti mi viene impossibile credere che un qualsiasi pantalone normale Idrorepellente si bagna così poco e dopo ore di pioggia si rimane asciutti come con pantaloni impermeabili.
Per la fragilità direi che dipende più dalla categoria di utilizzo, roba da trail ultraleggera non ha la stessa resistenza di un paio di quelli militari ma se le alternative nel budget non ci sono mi adeguo.
E' tutto relativo ovviamente, se dovessi dare una protezione ulteriore ai pantaloni preferirei un poncho, che metto e tolgo rapidamente sul cammino, anche se da quando uso pantaloni tecnici come i citati Elgon non mi è mai capito di averne bisogno. Ed esistono pantaloni più protettivi, altrettanto agili come questi Jagenhorn o Rothorn, per fare un esempio qualunque.
I sovrapantaloni che ho usato in passato erano o troppo ingombranti o troppo fragili. I sovrapantaloni per esperienza se li sfiori con i ramponi si bucano subito, poi ovviamente ci sono prodotti più robusti ma tale robustezza ne peggiora l'ergonomia; invece i pantaloni tecnici in genere hanno protezioni specifiche per l'uso previsto.
 
Ultima modifica:
SI quelli di cui hai messo il collegamento mi sembrano pantaloni (purtroppo costosissimi, addirittura in gore); il pantalone tecnico si indossa a pelle e in genere è elasticizzato, il sovrapantalone è necessariamente meno affusolato e più ingombrante.


E' tutto relativo ovviamente, se dovessi dare una protezione ulteriore ai pantaloni preferirei un poncho, che metto e tolgo rapidamente sul cammino, anche se da quando uso pantaloni tecnici come i citati Elgon non mi è mai capito di averne bisogno. Ed esistono pantaloni più protettivi, altrettanto agili come questi Jagenhorn o Rothorn, per fare un esempio qualunque.
I sovrapantaloni che ho usato in passato erano o troppo ingombranti o troppo fragili. I sovrapantaloni per esperienza se li sfiori con i ramponi si bucano subito, poi ovviamente ci sono prodotti più robusti ma tale robustezza ne peggiora l'ergonomia; invece i pantaloni tecnici in genere hanno protezioni specifiche per l'uso previsto.
Di pantaloni tecnici uso già dei salewa, elasticizzati, col dwr, ad asciugatura rapida ecc... ma impermeabili non lo sono di certo, non credo che i ferrino facciano miracoli come non lo faccia un qualsiasi vestito "normale", sotto a una normale pioggia per qualche ora.
I ramponi non li ho quindi non mi pongo quel problema.
Per la fragilità nei rovi anche i vestiti normali non rimangono illesi, ed é la cosa che per ora ho trovato più "distruttiva" per il resto non mi viene in mente altro che possa rovinarli più del normale.
 
Di pantaloni tecnici uso già dei salewa, elasticizzati, col dwr, ad asciugatura rapida ecc... ma impermeabili non lo sono di certo, non credo che i ferrino facciano miracoli come non lo faccia un qualsiasi vestito "normale", sotto a una normale pioggia per qualche ora.
I ramponi non li ho quindi non mi pongo quel problema.
Per la fragilità nei rovi anche i vestiti normali non rimangono illesi, ed é la cosa che per ora ho trovato più "distruttiva" per il resto non mi viene in mente altro che possa rovinarli più del normale.
Non so. Ho scritto della mia esperienza. Spero tu sia più fortunato di me con i sovrapantaloni.
 
Mi pare che per i pantaloni sia scritto molto.
Ghette sopra i pantaloni, nylon ecc.
Però sotto la acqua c'è anche il problema dell' acqua che scorre lungo la schiena ossia tra guscio e schienale dello zaino.
Ora uno potrebbe dire che ha lo schienale dello zaino staccato, un altro che mette nello zaino tutto diviso in sacche stagne ed è a posto. Benissimo. In ogni caso la frizione tra schienale e giacca può alla lunga facilitarne il passaggio. Inoltre tutti sanno che uno schienale di zaino bagnato fradicio impiega 2 giorni almeno ad asciugarsi.
Ora il poncho che compre la zona dietro al collo e sopra lo zaino impedisce che l' acqua scorra tra schiena e schienale. Per questo ho spesso usato il poncho anche se è fastidioso e se c'è vento svolazza dappertutto.
A parte l ombrello c'è qualcuno che ha idee i sistemi collaudati perché ciò non avvenga?
 
no, io la vedo come te: il poncho ha quel vantaggio e qualche altro (per me è più arieggiato e si suda meno). Ovviamente ha anche svantaggi.
Se esco con una giacca impermeabile accetto il rischio acqua nell' imbottitura zaino nonostante il coprizaino. Però non è che poi sia mai entrata da lì l' acqua
 
dipende...

fossi in Scozia, come sono stato, mi preoccuperei di più di bagnarmi... mi sono capitati un paio di acquazzoni che nonostante ombrello e due impermeabili sembrava comunque che uno ti rovesciasse l'acqua nel colletto con una bacinella...

dalle mie parti c'è meno il problema, dalle mie parti i temporali sono solitamente estivi e in quel caso in genere sono più preoccupato per la grandine che per l'acqua... e fuggire a valle pare comunque l'opzione più sicura di solito, se proprio non smette in 10 minuti e cala troppo la temperatura...
 
Sarò noioso, ma uno dei tanti vantaggi ad usare vestiti impermeabili e non "impermeabili/traspiranti", è che il problema della frizione dello schienale che diminuisce la colonna d'acqua è assente. Ho sempre usato zaino impermeabile (autocostruito) o zaino normale con sacchetto di nylon interno per impermeabilizzare, mai avuto problemi, compresa la gran bretagna :lol: che come tempo fa pena confermato.
Quello e un cappello alla sampei, che aiuta molto imo, più pratico sia di poncho che di ombrello, insieme agli altri vestiti impermeabili è perfetto.

A proposito di poncho, credo che per i rovi sia il meno indicato, o per qualunque attività che richieda un minimo di destrezza. Ma se proprio volete usarlo, vi consiglio di portarvi una cintura se già non lo fate, in modo tale da avere più una "tunica" che un poncho, a me aiuta molto.
 
Mi pare che per i pantaloni sia scritto molto.
Ghette sopra i pantaloni, nylon ecc.
Però sotto la acqua c'è anche il problema dell' acqua che scorre lungo la schiena ossia tra guscio e schienale dello zaino.
Ora uno potrebbe dire che ha lo schienale dello zaino staccato, un altro che mette nello zaino tutto diviso in sacche stagne ed è a posto. Benissimo. In ogni caso la frizione tra schienale e giacca può alla lunga facilitarne il passaggio. Inoltre tutti sanno che uno schienale di zaino bagnato fradicio impiega 2 giorni almeno ad asciugarsi.
Ora il poncho che compre la zona dietro al collo e sopra lo zaino impedisce che l' acqua scorra tra schiena e schienale. Per questo ho spesso usato il poncho anche se è fastidioso e se c'è vento svolazza dappertutto.
A parte l ombrello c'è qualcuno che ha idee i sistemi collaudati perché ciò non avvenga?
Per ora non mi ha mai creato problemi il fatto che lo zaino si bagnasse(anche dentro) usando sempre un impermeabile a giacca più o meno buono, il poncho sicuramente ha i suoi vantaggi ma mi ispira poco rispetto a una giacca, poi la uso anche molto spesso quando non piove.
Non sto cercando alternative ai pantaloni, ma un pantalone che ha quelle caratteristiche, anche perché più protettivi dei pantaloni l'unica é non prender l'acqua :poke:
Di marche c'è ne un infinità magari qualcuno tira fuori qualcosa di interessante.
dipende...

fossi in Scozia, come sono stato, mi preoccuperei di più di bagnarmi... mi sono capitati un paio di acquazzoni che nonostante ombrello e due impermeabili sembrava comunque che uno ti rovesciasse l'acqua nel colletto con una bacinella...

dalle mie parti c'è meno il problema, dalle mie parti i temporali sono solitamente estivi e in quel caso in genere sono più preoccupato per la grandine che per l'acqua... e fuggire a valle pare comunque l'opzione più sicura di solito, se proprio non smette in 10 minuti e cala troppo la temperatura...
Se uno esce sapendo che piove si preoccupa sicuramente molto, che sia inverno o estate, 500m o 2000m rispetto a uno che la pioggia la vede come un problema.
:rofl: Oltre che per la pioggia va bene anche per il sole.
 

Discussioni simili



Contenuti correlati

Alto Basso