Recensione Suunto Ambit3 Peak Black

1 Introduzione
L’ultimo modello della linea Ambit è un orologio pensato per il triathlon e, in particolare il modello Peak, il top di gamma, per i trekking in montagna. Permette di registrare tutte le attività fisiche che si possono fare usando anche diversi POD in contemporanea, tipo la cintura per la frequenza cardiaca o il sensore di cadenza per la bici, e di scaricare tramite collegamento col PC o tramite l’app sul sito Movescount.com le attività e di confrontarle.

2 Caratteristiche tecniche
L’Ambit3 è un orologio GPS completamente digitale a LED che resiste fino a 100m di profondità con una batteria ricaricabile al litio, che ha una durata che varia dalle 20h alle 200h in modalità GPS e 30 giorni in modalità Ora, la bussola digitale con compensazione dell’inclinazione del polso e l’altimetro barometrico. Per collegare il dispositivi ai vari POD e all’app dedicata usa il nuovo standard Bluetooth Smart, cosa che rende i vecchi POD Ant+ inutili, ma che aumenta la durata delle batterie.

3 Modalità Ora e ABC
Normalmente il display mostra, naturalmente, ora e data e altre informazioni, quali livello della batteria, giorno della settimana e un secondo fuso orario. Premendo il tasto Next si scorre tra altre visualizzazioni come altimetro-barometro, bussola, activity tracker e prossimo allenamento pianificato.

L’altimetro barometrico usa il sensore della pressione barometrica per definire l’altezza o la pressione nel punto dove ci troviamo a seconda del profilo scelto. Per calcolare queste informazioni bisogna indicare o l’altezza alla quale ci si trova o indicare la pressione a livello del mare oppure usare il GPS tramite la funzione FusedAlti che permette di sapere l’altitudine alla quale ci si trova. Ho verificato, utilizzando altri GPS e barometri che le indicazioni sono giuste. A completare questo sensore c’è l’allarme tempesta che ci avvisa se la pressione è calata bruscamente nelle ultime ore e quindi di cercare un rifugio.

La bussola è digitale con compensazione automatica dell’inclinazione, quindi non c’è la classica bolla d’aria dal allineare sul display. L’ho confrontata con una classica bussola e mi sono sembrate allineate. La bussola permette anche di bloccare la direzione del nostro obiettivo, in modo da poter sempre sapere da che parte si deve andare.

4 Modalità Outdoor
Quando viene attivata questa modalità, viene acceso il sensore GPS che trova il segnale molto rapidamente, in quanto ogni volta che viene collegato al PC, scarica i dati sulla posizione dei satelliti. Il segnale rimane forte anche in zone chiuse, l’ho provato sia in città in mezzo ai palazzi che sotto un fitto bosco e la qualità del segnale non è mai scesa sotto il 50%.

In questa modalità si può scegliere se seguire un itinerario pre-caricato o se far registrare solamente il percorso che si vuole fare. Si può anche navigare verso un PDI pre-caricato, ma l’indicazione della distanza al punto prescelto sarà solamente quella in linea d’aria.

Qui viene fuori l’unico neo che ho riscontrato, l’obbligo di pianificare gli itinerari sul sito, visto che non c’è una mappa sull’orologio né è possibile ricercare PDI. La pianificazione degli itinerari viene fatta tramite una mappa Google e quindi i percorsi offroad non è facile gestirli, per fortuna si possono importare sul sito percorsi in GPX e per poi caricarli sull’orologio. Per questo io sto usando Basecamp della Garmin sul mio PC con le mappe OSM gratuite di OpenMtbMap.org o di wanderreitkarte.de per creare gli itinerari sui sentieri.

5 Modalità Sportive
Nell’orologio ci sono diverse modalità sportive: Corsa, Ciclismo, Nuoto in piscina o all’aperto, Allenamento indoor e così via e ogni modalità ha caratteristiche diverse, tipo GPS acceso o spento, intervalli di tempo a velocità diverse, etc.

In queste modalità viene usato l’accelerometro integrato nell’orologio per registrare il passo durante la corsa o il numero di bracciate nel nuoto. Da notare per il nuoto che il battito cardiaco viene registrato solamente utilizzando la cintura Suunto SmartSensor in quanto in acqua la trasmissione wireless non funziona e quindi la cintura registra il battito in un buffer e, una volta usciti dall’acqua, si sincronizza con l’orologio. Questa funzione è utile anche in altre occasioni nel caso in cui la trasmissione venga interrotta per qualche motivo, ma è più raro che venga utilizzata.

Altra funzione comoda per il nuoto è la capacità dell’orologio di capire da solo lo stile che si sta facendo, dopo averglielo fatto apprendere, e di contare il numero di vasche effettuate una volta che si è impostata la lunghezza della vasca.

6 Activity Tracker
È stato inserito l’activity tracker nell’orologio, forse per il proliferare di braccialetti come il fitbit e vivofit, ma non mi è parso molto affidabile e, in pratica, aggiunge solamente le calorie calcolate durante le varie attività a quelle che si consumano normalmente, ma è utile in quanto calcola il tempo di recupero a seconda delle attività svolte precedentemente. Prossimamente verificherò cosa succede se l’orologio viene lasciato a casa fermo.

7 Suunto SmartSensor
Io ho comprato la versione con la cintura per la frequenza cardiaca e devo dire che vale la pena spendere 50€ in più (anche perché comprandola a parte, non si trova a meno di 70€). Il sensore, finora, non mi ha mai lasciato senza dati, anche facendo gli allenamenti di salto con la corda e le vibrazioni potevano rendere la misurazione più difficile. La fascia è elastica ed è abbastanza comoda da indossare, non da fastidio e non si muove durante l’attività fisica, una volta stretta nella maniera giusta.

La registrazione durante il nuoto e la successiva sincronizzazione con l’orologio mi sono sempre riuscite senza problemi, unico accorgimento è di entrare in acqua completamente solo dopo che l’orologio ha notificato di aver trovato la fascia.

8 Movescount.com
Su questo sito, dove la registrazione è gratuita ma obbligatoria una volta acquistato l’orologio, visto che gli aggiornamenti del firmware e la possibilità di creare percorsi o di scaricare quelli presenti sull’orologio passano tramite il sito.

Sul sito si possono personalizzare molti aspetti dell’orologio e in particolare la visualizzazione dei dati durante le attività e di pianificare le attività nelle settimane successive, molto utile se si vuole partecipare ad una gara e si deve seguire un allenamento ben pianificato. Qui viene fuori, forse, l’unico grosso neo dell’orologio, la mancanza del Wi-Fi che permetterebbe di sincronizzare i dati senza dover collegare l’orologio al PC, ma visto che va ricaricato ogni tanto, non è stato considerato un problema.

Movescount permette condividere su Facebook o Twitter i propri risultati e di sincronizzarli con Strava e TrainingPeaks, di seguire altri membri o anche di iscriversi a diversi gruppi di persone che condividono la passione per i Suunto e quindi ha una sfaccettatura social che in questi tempi è immancabile.

9 App Suunto
Alle visualizzazioni nelle modalità sportive si possono aggiungere alcune piccole app per calcolare alcuni valori che possono essere interessanti, per esempio io ho creato un’app che calcola il numero di metri per ogni bracciata effettuata che mi permette di analizzare l’efficienza delle mie bracciate, anche se l’orologio misura nativamente lo SWOLF (ma che io non apprezzo molto).

Tra queste app ce ne sono alcune che sono dei veri e propri allenamenti o che ti segnalano se l’obiettivo prefissato verrà raggiunto, per esempio si può usare l’app per determinare in quanti minuti si correrà un kilometro e di quanti secondi si è sopra o sotto l’obiettivo.

10 App Movescount
Se avete un iPhone, almeno un 4s, un iPad o un dispositivo Android 4.3 o successivo, allora potete usufruire dell’app Suunto Movescount. L’app permette di utilizzare il dispositivo come secondo display dell’orologio, per cambiare alcune impostazioni delle attività o per attivare le notifiche sull’orologio.

Io ho uno smartphone Windows Phone 8.1 e sono rimasto fregato, visto che Suunto non ha intenzione di creare un’app per questo dispositivo (non che questo mi abbia influenzato nella scelta), ma bisogna dire che non è l’unica che non ha interesse verso questo SO, visto che anche Garmin e Strava non creeranno app per i loro siti.

11 Conclusioni e Prezzo
Era da un bel po’ che pensavo di prendere un dispositivo del genere, ma avevo sempre rinunciato visto che il mio smartphone mi permetteva di farne a meno. Ora posso dire che mi sbagliavo!! Da quando ho l’orologio non passa giorno che non voglia fare una qualche attività, che sia un bel giro in montagna o solo un po’ di cyclette.

Il prezzo è alto, €499,90 di listino per la versione Black con SmartSensor o €599,90 per la versione Sapphire con vetro zaffiro e SmartSensor. Le versioni senza fascia costano €50 in meno, ma sono state create anche altre versionimeno costose, ma con alcune limitazioni: la versione Sport non ha il sensore della pressione, quindi niente altimetro barometrico, la batteria ha una durata dimezzata, mentre la versione Run, lanciata da pochi giorni, è , come dice il nome, incentrata sulla corsa e quindi è meno resistente all’acqua e ha altre piccole limitazioni. Non è poco ma è veramente un ottimo dispositivo, probabilmente mi durerà parecchio, non credo che andrà in pensione molto facilmente.

PS: a breve inserirò qualche immagine. Spero di averlo inserito nella giusta sezione, ero indeciso se metterlo in questa o in GPS ;)
 
Ultima modifica:
Ciao, io ho il modello precedente al tuo, l' ambit 2. Devo confermare tutte le tue ottime impressioni sulla precisione dei dati soprattutto del gps, spettacolare gia nel vecchio modello. Chiaramente, almeno a mio avviso, non si può pretendere che sia un navigatore gps tipo garmin etrex 30 o quant' altro, resta sempre un orologio con tutti i limiti di uno schermo limitato sia come risoluzione che come dimensioni. Non vorrei dire una stupidaggine ma mi sembra di aver letto da qualche parte che collegandolo con il bluetooth al cellulare sia in grado di inviaregli i dati del gps, e quindi in teoria credo che possa essere usato come un' antenna gps esterna che invia la posizione visualizzabile su una mappa scaricata sul cellulare, e in questo caso avresti un surrogato di navigatore cartografico.
Da quanto scrivi hanno migliorato la batteria rispetto al vecchio, dura parecchio di piu, non male, anche se non capisco come mai non mettano uno straccio di ricarica solare tipo CASIO con il tough solar, magari non sarà sufficiente a ricaricare fino in fondo la batteria, ma sicuro una mano gliela da!
Ottimo acqiosto!! magari un po' caro :rofl:
 
anche io ho l' ambit 2 , la batteria dipende molto dalla frequenza delle registrazioni , meno ne fa piu dura ;) ... cmq a me 20 ore dura , e in modalita Skyrun registra la posizione ogni secondo ...
 
20 ore con la massima precisione del gps?Ah mi fido!!! non ho mai corso così tanto da testare le 20 h:biggrin::biggrin: mi basavo solo sui dati della casa. Buono a sapersi!
 
:) , 20 ore in modalita skyrun perche' avevo bisogno di registrare una traccia relativamente precisa , in modalita trek mi registra ogni 5 secondi ;) ... poi magari col passare del tempo diminuisce un po la durata della batteria , ah , quella volta non registrava i bpm , dovrei provare con tutto acceso e rilevamenti a 1 secondo ahahaha
 
Ah ecco ecco forse perché registravi ogni 5sec! Allora forse si è in linra con quanto dichiara la suunto! Pensavo con precisione massima, rilevamenti ogni secondo e fascia cardio.
E cmq complimenti per le 20h consecutive di trekking :si::si:
 
No no l ho fatto in modalità sky ogni secondo ma senza cardio ... missa che senza bpm cinsuma meno :) ... 20 ore divise in due gg ;)
 
C'è un modo con il Suunto di misurare una distanza con il GPS senza iniziare una attività, ma solo nel menu "Navigazione"?
 
Alla fine ho fatto così, ho selezionato la corsa che mi controlla il GPS ogni secondo e alla fine non ho salvato l'attivitò.
 
Corso di Orientamento
Alto Basso