Tenda traslagorai

Ciao,
Se riesco quest'estate vorrei fare la translagorai in autonomia in solitaria.
Mi chiedevo quale tenda fosse più adatta visto il terreno montuoso, se la mia trekking pole da uno oppure la più pesante, ma autoportante cloudup da due
 
alla fine sono gusti personali... vedi un po'...



Essendoci pochi e scomodi punti di fuga e di appoggio punterei ad una maggiore resistenza alle intemperie...
 
Ultima modifica:
Ciao,
Se riesco quest'estate vorrei fare la translagorai in autonomia in solitaria.
Mi chiedevo quale tenda fosse più adatta visto il terreno montuoso, se la mia trekking pole da uno oppure la più pesante, ma autoportante cloudup da due
Complimenti per la scelta, non conosco il percorso ma approvo l'approccio, credici e ti regalerà grosse emozioni!.
Per la tenda non conoscendo non so consigliarti, in ogni caso penso che studiando bene dove ci si vuole fermare un posto adatto lo trovi per entrambe.
Quanti giorni prevedi di stare fuori?? (Curiosità mia non c'entra nulla con la scelta della tenda)
 
Complimenti per la scelta, non conosco il percorso ma approvo l'approccio, credici e ti regalerà grosse emozioni!.
Per la tenda non conoscendo non so consigliarti, in ogni caso penso che studiando bene dove ci si vuole fermare un posto adatto lo trovi per entrambe.
Quanti giorni prevedi di stare fuori?? (Curiosità mia non c'entra nulla con la scelta della tenda)
Non so ancora quanti gg l l'ostacolo più grande é organizzare la logistica dei trasposti per raggiungere i posti
 
Io ti direi considerando i luoghi che andrai ad affrontare ti direi tende con altissima resistenza al vento.
Io propongo queste 2:
-CAMP minima 2 sl: 2 perchè così se è brutto hai spazio dentro.
-SALEWA litetrek
 
Secondo me ce la fai tranquillamente con entrambe.
Dipende da cosa prediligi, la CloudUp ti da un po' di sicurezza in più, ma pesa anche di più.

Se sei pratica con il montaggio e lo smontaggio, io andrei di trekking pole, salvo sfighe apocalittiche non troverai condizioni proibitive.
 
A quanto pare sembra che riesca a montare bene da trekking Paul, Al limite mi eserciterò un po' prima .L'unica cosa che mi lascia scettica è che in montagna ci sono tanti terreni sassosi dove è difficile poi rius
20210222_190732-01.jpeg
cire a mettere una tenda come questa che non è autoportante
 
@walterfishing , stavo già scrivendo! :D
La Translagorai è un trekking che, per quanto selvaggio, ha cmq parecchi bivacchi ed un paio di rifugi, se col meteo butta davvero male hai comunque quasi sempre un tetto sotto cui andare.
Il tratto più lungo senza bivacchi è dal Manghen al Cauriol (c'è solo ad un'ora dal Cauriol il frugalissimo Nada Teatin) e quindi spesso si fa la notte in tenda al lago delle Stellune per spezzare questa tratta, ma per il resto potresti fare tutto senza tenda, o usandola solo "di scorta" nel caso il relativo bivacco sia pieno.
Quindi il mio consiglio è invece di usare la Lanshan 1 e stare più leggera possibile!
 
@walterfishing , stavo già scrivendo! :D
La Translagorai è un trekking che, per quanto selvaggio, ha cmq parecchi bivacchi ed un paio di rifugi, se col meteo butta davvero male hai comunque quasi sempre un tetto sotto cui andare.
Il tratto più lungo senza bivacchi è dal Manghen al Cauriol (c'è solo ad un'ora dal Cauriol il frugalissimo Nada Teatin) e quindi spesso si fa la notte in tenda al lago delle Stellune per spezzare questa tratta, ma per il resto potresti fare tutto senza tenda, o usandola solo "di scorta" nel caso il relativo bivacco sia pieno.
Quindi il mio consiglio è invece di usare la Lanshan 1 e stare più leggera possibile!
Grazie mille, non conoscendo ancora niente la zona e anche del percorso
sto iniziando solo ora a informarmi e vorrei evitare i bivacchi vorrei viverlo in modo modo più avventuroso possibile
 
Ultima modifica:
Non so ancora quanti gg l l'ostacolo più grande é organizzare la logistica dei trasposti per raggiungere i posti
E lo so anche infatti amo particolarmente i trekking ad anello :biggrin:, i mezzi pubblici non sempre vanno d'accordo con la montagna (soprattutto qui da me sugli Appennini)

Grazie mille, non conoscendo ancora niente la zona e anche del percorso
sto iniziando solo ora a informarmi e vorrei evitare i bivacchi vorrei viverlo in modol pou avventuroso possibile
Con questa filosofia ti tocca per forza utilizzare il fornello di Paiolo !!
 
l'ostacolo più grande é organizzare la logistica dei trasposti per raggiungere i posti
Guarda questo video ma devi arrivare fino alla FINE.... e poi mi ringrazierai TANTISSIMO ;)

sto iniziando solo ora a informarmi e vorrei evitare i bivacchi vorrei viverlo in modo modo più avventuroso possibile
E fai bene. Ma quel che volevo dire è....va tranquilla con la tenta più "light" (e parti con l'idea di dormirci dentro tutte le notti) perché se buttasse proprio male un tetto cmq lo trovi. Ad ogni modo vi sono parecchi posti dove piantarla... ci sono laghetti e forcelle erbose incantevoli
 
Grazie mille, non conoscendo ancora niente la zona e anche del percorso
sto iniziando solo ora a informarmi e vorrei evitare i bivacchi vorrei viverlo in modo modo più avventuroso possibile
ciao carissima.
La translagorai per intero non la ho mai fatta tutta per questioni di tempo ma ho eseguito alcuni tratti di essa.
Quest'anno avendo nevicato molto avrai molta neve soprattutto nei versanti nord-ovest quindi considera bene il periodo.
Il tempo poi da giugno a agosto potrebbe essere inclemente in ogni caso se la fai in 4-5 notti e quest'anno non vorrai trovare neve dovrai programmare la cosa almeno a fine luglio o agosto.
Se ti va dritta potresti anche trovare 5 giorni di fila di bel tempo ma in questo periodo dubito e un qualche temporale ci sarà. Sarebbe da andare a settembre/ottobre ed il tempo sarebbe molto più sicuro con probabilità di trovare una settimana intera di tempo molto buono.
Detto questo di notte in Lagorai ho preso dei bei gran temporali anche con vento forte e grandine.
A quelle quote la grandine non è mai grossa di solito....
La tecnica allora sarebbe quella di accamparsi vicino ai bivacchi in modo da trovare riparo in caso di necessità. Ricordo in più occasioni di aver dormito nei bivacchi e alcuni si erano accampati nei pressi e poi durante la notte sono corsi dentro.
Ricordo nel 2019 un bel temporale con molto vento e grandine.
Nella stessa zona c'erano accampati: una Cloud up, una ferrino tenerè, una bertoni nordkapp, una salewa denali II e un'altra tenda di cui non ricordo il marchio sostenuta da bastoncini , la mia ferrino Lothse 3 e una salewa litetrek

Nella notte c'è stato un po' di caos con 3 temporali che si sono susseguiti con forte vento e grandine non grossa. Alcune tende hanno ospitato in tenda altri che devo dire....alcuni...avevano piantato non in posto molto furbo.
In ogni caso la mattina:

Danni su Cloud up: pali piegati e un angolo strappato
Quella sostenuta da bastoni ha ceduto completamente purtroppo e gli abitanti sono stati accolti in altre tende.
Salewa denali a posto ma acqua in tenda
Bertoni un po di acqua ma secondo me perchè era stata piantata in un posto non adeguato.
Tutto ok per le altre.
Quel giorno portai la lothse che pesa 3.3kg e non è una tenda per questi usi ma direi che è stata perfetta in quell'occasione.

Quindi il mio consiglio è di accamparti nei pressi dei bivacchi allora porterei quella sostenuta da bastoncini , se invece vai lontano dai bivacchi beh meglio la Cloud up.
 
@francescogulag74 grazie.... ok valuterò sotto data magari cambio itinerario.tanto sono sola
--- Aggiornamento ---

Guarda questo video ma devi arrivare fino alla FINE.... e poi mi ringrazierai TANTISSIMO ;)



E fai bene. Ma quel che volevo dire è....va tranquilla con la tenta più "light" (e parti con l'idea di dormirci dentro tutte le notti) perché se buttasse proprio male un tetto cmq lo trovi. Ad ogni modo vi sono parecchi posti dove piantarla... ci sono laghetti e forcelle erbose incantevoli
@paiolo grazie interessante cercherò questo ragazzo
 
Ultima modifica:
Ciao,
ho fatto la Translagorai due volte dal Rolle al Manghen (la prima per scelta, la seconda per necessità) ma l’approccio tra la mia prima esperienza e la seconda é stato radicalmente diverso, specie nell’equipaggiamento e nella pianificazione del trekking.

La prima é stata un’avventura di gioventù, con zaini over 15/18Kg, un fornello da campeggio stile esercito e una tenda “2second” della Dechatlon appesa all’esterno del Ferrino 50 litri di mio padre....la mia seconda esperienza (settembre 2020) l’ho affrontata con la Lanshan pro 2, un Fire Maple da 20gr, un Finistrre da 38 el un bel po di organizzazione in più..:biggrin:

Il Lagorai é si un ambiente selvaggio ma anche piuttosto verde e discretamente attrezzato per i rifornimenti d’acqua quindi un posto dove piantare la Lanshan non fai fatica a trovarlo. Il mio consiglio é di affrontarla partendo da Rolle e arrivando alla Panarotta per il seguente motivo: la tappa più dura é quella che va dal Rolle al Bivacco Paolo e Nicola (o Coldosé per i più allenati), sia per chilometraggio che per dislivello. Il sentiero é, spesso, una pietraia con esposizione a NW perciò é probabile trovare accumuli di neve anche piuttosto sostanziosi, in modo particolare dal Passo Colbricon al Bivacco Aldo Moro; io preferisco affrontare questo genere di difficoltà all’inizio del trekking quando le energie sono ancora molte e le gambe sono belle fresche.

Detto ciò il primo giorno puoi trovare una piazzola per la tenda nelle immediate vicinanze dei bivacchi, il secondo giorno se hai gamba puoi arrivare al lago delle Stellune o alternativamente fermarti ai laghetti Lagorai (io ho dovuto optare per questa soluzione a causa di un temporale). Dal Manghen alla Panarotta, come detto, non posso aiutarti perché ho dovuto interrompere il cammino.

In ogni caso la mia esperienza in Lanshan pro 2 é stata molto positiva, abbiamo trascorso una notte ai Laghetti Lagorai sotto un discreto temporale senza il minimo problema strutturale per la tenda...ovvio é che, come ha scritto qualcuno in precedenza, anche la scelta della piazzola é un fattore piuttosto rilevante per passare la notte all’asciutto...
 

Discussioni simili


Alto Basso