Escursione Tentativo al M.Prena + Cima Veticole (canale Fonte Fornaca)

Parchi d'Abruzzo
Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga
Dati

Data: 04/03/2016
Regione e provincia: Abruzzo (Aq)
Località di partenza: Fonte Vetica
Località di arrivo:
Tempo di percorrenza: 8h circa a/r, pause incluse
Chilometri: 19 km
Grado di difficoltà: EE (la Fornaca e la normale al Prena innevata) / F (il canale alla Cima delle Veticole)
Descrizione delle difficoltà: condizioni invernali severe (nebbia, vento, freddo intenso), lunghissimo avvicinamento interamente su neve, innevamento non uniforme lungo la Fornaca (con possibili conseguenti cadute fra i massi), canale alla Cima delle Veticole con pendenza in un tratto superiore ai 45 gradi
Periodo consigliato: l'ambiente e' severo e in ogni stagione occorre la massima attenzione. In invernale ovviamente occorrono abbigliamento e attrezzatura adeguati.
Segnaletica: pochissimi segnali non coperti dalla neve lungo la "normale" al Prena, intercettata dopo aver percorso interamente la Fornaca per poi risalire oltre all'ex Bivacco Lubrano.
Dislivello in salita: oltre i 1400 m cumulativi (tantissimi saliscendi, dato che il percorso era quasi interamente fuori sentiero)
Dislivello in discesa: idem
Quota massima: 2154 m. (poco prima di arrivare al Vado di Ferruccio). 2044 m. la vetta di Cima delle Veticole
Accesso stradale: a Fonte Vetica si arriva solamente da Castel del Monte e si parcheggia l'auto davanti la sbarra a poche decine di metri dal Ristoro Mucciante
Traccia GPS: http://it.wikiloc.com/wikiloc/view.do?id=12457858 (tracciata dal mio amico Francesco)
Partecipanti: io, Francesco, Valerio


Descrizione

Bellissima e tosta uscita invernale caratterizzata da un meteo sfavorevole e un clima rigido e freddo per quasi tutta la mattinata. Da Fonte Vetica si parte per un lungo avvicinamento al M.Prena che ci vedra' attraversare quasi fedelmente il percorso intero (e non banale) della Fornaca, per poi ricongiungerci sulla via normale.
Dopo aver rinunciato a malincuore al Prena causa meteo a poca distanza dal Vado di Ferruccio (nebbia molto fitta, vento forte, nevicata in corso), decidiamo di riscendere alla sella sotto i ruderi del Bivacco Lubrano e da li' risalire per un simpatico canalino con pendenza massima superiore ai 45 gradi, fino alla vetta della Cima delle Veticole (2044 m.).
Giornata molto intensa, faticosa, non semplice, ma tanta soddisfazione!
Noi puntiamo sempre al massimo, anche con condizioni meteo non eccelse, poi tutto quello che viene in piu' e' guadagnato, e oggi abbiamo ricevuto davvero tanto.


Arriviamo a Fonte Vetica ancora con l'oscurita' alle ore 5.00. Le condizioni sono davvero severe, ma ce lo aspettavamo. Partiamo alle 5.20 con le frontali.
P1030133.JPG
P1030134.JPG
P1030135.JPG


L'avvicinamento e' lunghissimo e le condizioni meteo di certo non ci aiutano. Il Prena e' avvolto dalla nebbia, alla nostra sinistra riusciamo a scorgere solo il Monte Bolza. Tornare indietro? per ora non se ne parla neanche. Decidiamo di andare avanti almeno fino al Vado di Ferruccio con la speranza che migliori
P1030138.JPG
P1030139.JPG
P1030140.JPG
P1030141.JPG
P1030142.JPG
P1030143.JPG


Dalla strada asfaltata, interamente innevata, ci indirizziamo verso la Fornaca, dapprima larghissima, poi sempre piu' stretta e sempre meno banale. L'ambiente e' severo d'estate, figuriamoci d'inverno. Un posto in queste condizioni estreme solo per persone motivate...
P1030144.JPG
P1030145.JPG
P1030146.JPG
P1030147.JPG
P1030148.JPG
P1030149.JPG
P1030150.JPG


Nella parte sommitale della Fornaca, dato l'innevamento non regolare, decidiamo di abbandonare il progetto di seguire la linea usata dagli scialpinisti per la discesa e quindi decidiamo di risalire per scomodi canalini fino ad intercettare la via normale, direzione Vado di Ferruccio. La nebbia e il forte vento non solo non diminuiscono, ma comincia anche a nevicare. Saliamo per la normale fino a quota 2154 m., quando di comune accordo decidiamo che con le condizioni meteo attuali non e' il caso di raggiungere il vicino Vado di Ferruccio e tentare la vetta del Prena (oltre al meteo abbiamo anche considerato i tempi lunghi di discesa e di ritorno alle auto causati dalla strada chiusa).
Siamo ancora pieni di energie e decidiamo quindi di salire sulla sottostante Cima delle Veticole, un "montarozzo" di 2044 metri gia' fatto diverse volte in estiva ma che in invernale puo' riservare gradite sorprese se fatto lungo uno dei vari canali da nord-est.
Riscendiamo quindi fino alla parte sommitale della Fornaca, superiamo la collinetta dove una volta vi era il Bivacco Lubrano e quindi risaliamo per un simpatico canale da me denonimato Canale di Fonte Fornaca.
P1030151.JPG
P1030152.JPG
P1030153.JPG
P1030155.JPG
P1030156.JPG
P1030157.JPG
P1030158.JPG
P1030159.JPG
P1030160.JPG
P1030161.JPG
P1030162.JPG
P1030163.JPG
P1030164.JPG
P1030165.JPG
P1030166.JPG
P1030167.JPG
P1030168.JPG
12792325_10207533013755158_1105918139717031484_o.jpg


La pendenza iniziale e' contenuta entro i 40 gradi, ma un tratto richiede maggiore attenzione e supera i 45, dopo il quale il percorso ritorna meno ripido fino a raggiungere la vetta.
Di fronte abbiamo il Prena in tutta la sua bellezza e nonostante la nebbia si distinguono bene le vie di salita Brancadoro e Laghetti. Proprio quando stiamo gustandoci la vetta il tempo si schiarisce e come d'incanto la nebbia sparisce, lasciando posto ad un sole caldo e confortevole.
Ovviamente nessun rimpianto, dato che comunque saremmo dovuti essere in vetta al Prena entro le ore 11.30 max, ma tanta soddisfazione per essere stati li', per averci provato, per esserci messi in gioco, per aver vissuto la montagna in condizioni invernali e severe.
P1030170.JPG
P1030171.JPG
P1030172.JPG
P1030173.JPG
P1030174.JPG
P1030175.JPG
P1030176.JPG
P1030177.JPG
P1030178.JPG
20160304_120332.jpg


Riscendiamo quindi per i docili pendii sud fino a toccare e superare la vetta del Monte Veticoso (quota 1876 m.), quindi tagliamo a sx in direzione strada della miniera, che percorreremo fino a tornare a Fonte Vetica.
P1030180.JPG
P1030183.JPG
P1030184.JPG
P1030185.JPG
P1030187.JPG
 

Ultima modifica:
Chapeau!
Profonda ammirazione per questa n-esima impresa in ambiente severo reso ancor più difficile dal meteo avverso!
Ormai sapete gestire benissimo le condizioni ambientali, sfidando le intemperie con un coraggio fuori dal comune e al tempo stesso riuscendo a capire quando è il momento di rinunciare. Questa è proprio maturità consapevole.
Complimenti!
Comunque il Prena è sempre lì ...

Tra tutte le immagini, mi hanno colpito maggiormente
- la foto di vetta sulla Cima delle Veticole, in cui dal tuo sguardo si colgono felicità e soddisfazione per l'impresa appena conclusa.
- la foto dell'altopiano immacolato, tutto per voi; uno scenario paradisiaco rispetto alle altre stagioni.

Di nuovo, complimenti a tutti e 3.

1
 
Ma era quella che avevate in programma con Francesco in attesa del Vettore ... in pratica @Ciccio74, c'eri anche tu??

Immagini da sogno!! Mi riportano alla Patagonia .. effettivamente, oltre all'opzione "escursione" c'è quella "alpinismo" ... usala è gratis :D :si:
 
@Ciccio74 grazie dell'apprezzamento caro Francesco

@SemiMonade l'ambiente in certe condizioni invernali è davvero severo e ricorda lande desolate in angoli sperduti del globo. A parte il canale si tratta comunque di un'escursione invernale seppur impegnativa.
Grazie dell'apprezzamento...no è un altro Francesco non Ciccio :D
 
@Ulysses grazie di tutto sei già uscito con me e Francesco quindi sai quanto dà soddisfazione fare certe cose in condizioni proibitive, ovviamente con il senno di rinunciare quando è il caso. Ammirare la piana desolata di Campo Imperatore e la sud del Prena, dopo averlo tentato ed essere entrati nel suo mondo, dalla Cima delle Veticole davvero non ha prezzo.
Grazie ancora delle belle parole che denotano il tuo forte spirito montanaro
 
Ma era quella che avevate in programma con Francesco in attesa del Vettore ... in pratica @Ciccio74, c'eri anche tu??

Immagini da sogno!! Mi riportano alla Patagonia .. effettivamente, oltre all'opzione "escursione" c'è quella "alpinismo" ... usala è gratis :D :si:
@Ciccio74 grazie dell'apprezzamento caro Francesco

@SemiMonade l'ambiente in certe condizioni invernali è davvero severo e ricorda lande desolate in angoli sperduti del globo. A parte il canale si tratta comunque di un'escursione invernale seppur impegnativa.
Grazie dell'apprezzamento...no è un altro Francesco non Ciccio :D
Alex... Se metti "escursione" su 'ste cose, io alle mie mi devo far creare la categoria "cazzeggio" dall'amministratore del forum... :biggrin:

Matteo, mi sarebbe piaciuto fare un'impresa del genere, ma ero a lavoro e poi "volo più basso" di solito.. :lol:

Grandi ragazzi :si:
 
Grandi per il coraggio di affrontare l'inverno a viso aperto e ad altitudini che sanno mettere a dura prova animo e fisico. Soprattutto grande coraggio nel decidere il momento giusto per fermarsi...... La montagna ha apprezzato sicuramente , regalandovi anche un raggio di sole ristoratore. Sempre di grande insegnamento per tutti. Grazie di aver condiviso.
 
Grandi per il coraggio di affrontare l'inverno a viso aperto e ad altitudini che sanno mettere a dura prova animo e fisico. Soprattutto grande coraggio nel decidere il momento giusto per fermarsi...... La montagna ha apprezzato sicuramente , regalandovi anche un raggio di sole ristoratore. Sempre di grande insegnamento per tutti. Grazie di aver condiviso.
grazie dell'apprezzamento e del pensiero
 
D

Derrick

Guest
Bravissimi come al solito. Come diceva la pubblicità: "la potenza è nulla senza controllo!". Voi mostrate tanta potenza e tanto controllo! :)
 

Discussioni simili


Contenuti correlati

Alto