Escursione Tentativo invernale per Monte Aquila.

#1
Parchi d'Abruzzo
Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga
Data: mercoledì 12 dicembre 2018
IMG_20181212_111214.jpg
.
Partenza: piazzale di Campo Imperatore.
Dislivello: 460 mt. Quota massima: 2427 mt.
Km: 6,5.
Grado di difficoltà :EAI - F
Difficoltà incontrate : freddo, soprattutto per i cani.
Descrizione :
Il vento taglia la faccia e mi risputa in macchina ricordandomi che non sono ancora preparato.Ecco le premesse dell'avventura di oggi e siamo solo a Fonte Cerreto, ai piedi della funivia del Gran Sasso.
Infilo gli scarponi invernali nell'utilitaria, e ancor piu utilissima, panda del socio. Imbottisco testa, spalle e sono pronto per l'assaggio, finalmente bardato, dell'aria spinosa e gelida del odierno Campo Imperatore. Le pelose Linda e Zoe si mordicchiano gaie, mentre noi arranchiamo, tremanti, negli ultimi preparativi per sistemare gli zaini con l'acciaio a portata di mano. Poi alla fine, e accidenti!Si mettono sempre i guanti con le mani già fredde! Anche con gli scarponi bisogna badare a questo particolare, e credo sia meglio cercare di scaldare piedi e calzature, da sole e prima del loro sodalizio. Ho alitato qualche minuto negli scarponi spesso in inverno, oppure lasciato nelle bocchette d'aria calda della macchina ed è pentimento quando non lo faccio. Come cavolo faranno Linda e Zoe a divertirsi a zampe nude o con un semplice strato di crema è sempre stato un mistero,eppure anche loro hanno un limite, il più delle volte molto più alto del nostro. Non oggi.
Un caffè sfuma in una deserta e triste Fonte Cerreto, poi, meno male, nella cabinovia il rapporto tra le cagnette intenerisce e diverte una manciata di spettatori sorridenti,ed il solo guardarle mette di buon umore e rallegra l'ambiente.
Saliamo decisi, tra le pelose che giocano ancora, verso il rifugio del Duca. Montiamo presto le lame ai piedi e le salite vista Gran Sasso stemperano subito e spesso ogni freddo. Per ora siamo riparati dal venticello del nord odierno, i sudori invitano a spogliarsi, ma dalla cresta qualche spiffero scende a frenare certi impulsi ed arrivati in cima cerchiamo subito riparo tra le mura del rifugio. Nella bella terrazza di legno a sud est, facciamo una prima sosta panoramica, al sole di una giornata limpida come l'acqua, i cani giocano felici, noi mangiucchiamo,fotografiamo,io una fumatina e l'occhio indugia sempre più sulla cresta della Sella di Monte Aquila su cui oggi affonderemo i ramponi.
Ci armiamo di picche, caschi, sorrisi, allegria e concentrazione massima su ogni passo. Badiamo bene anche ai passi dei cani, adesso, perche anche per loro è vietato affacciarsi su cornici. La più irruenta Zoe al guinzaglio, Linda con il fiato sulle mie caviglie e noi come astronauti su un pianeta alieno e bianco. Passo dopo passo puntiamo verso la sella di Monte Aquila in pieno assetto da cialtroalpinisti, qualche folata gelida mi drizza i baffi e iberna il naso libero dal passamontagna. Le nostre pause fotografiche, direi obbligatorie in certi contesti così spettacolari, non piacciono molto ai cani perché il vento, seppur non forte, è gelido. La pelle marrone degli "Scarpa" si cristallizza di bianco e Zoe arriva alla sella tremante, senza appoggiare una Zampetta rigida come un ghiacciolo. Ci fermiamo un po' di tempo per ingrassare, di fissan nuovamente, le zampette della piccola, ma l'operazione si fa lunga e difficoltosa con un tubetto completamente indurito dal freddo. Cerchiamo, quasi invano, di scaldare la crema alla menopeggio e operiamo senza guanti con le mani di marmo. Zoe la infiliamo nella giacca di @Ciccio74 ma nel frattempo anche Linda inizia a tremare a star ferma e soffrire sugli appoggi infreddoliti. Saluto dalla Sella il Monte Aquila con un arrivederci e senza rimpianti stavolta. In escursione, che non sia in solitaria, si è come una famiglia, noi oltretutto siamo una di quelle belle afffiatate e collaudate da più imprevisti, per cui la sicurezza di tutti è una decisione che viene naturale, come lo è l'ansia, che traspare ancor più dagli occhi del socio per la sua piccola.
Io mi appresto, con l'infreddolita Lupa, a riprendere un passo allegro per scaldarci, Ciccio senza il completo dei 4 appoggi va più adagio e fa bene, perché c'è un tratto, dove si sprofonda tra buchi di rocce sommitali, che richiede molta cautela anche per me con piccozza in mano. Faccio un po' avanti indietro, sia per scaldarmi con Linda, sia perché vorrei proprio una bella foto del socio su questa assolata cresta bianca. Emozionante per il panorama vertiginoso a picco su Campo Pericoli e Val Maone, per i colossi glaciali del Gran Sasso tutti attorno, con qualche folata di inverno a temprare ancor più il nostro equilibrio, la cresta di Monte Aquila è stata un avventura che insegna e ricorda le insidie della montagna invernale.
Il pavimento di legno della balconata del Duca si è fatto gremito di avventurosi e le pelose già si rincorrono felici di nuovo e sul tavolato caldo del mezzogiorno. Noi siamo più rilassati e felici per le nostre guide, e l'aria di chiacchiere del rifugio stempera adesso ogni tensione. Finalmente sfilo i sempre più doloranti scarponi, mi stendo a un sole senza vento, dalla bocca le nuvole di fumo bianco si mimetizzano tra i ghiacci, la vista si apre su tutto il piccolo Tibet e i cuori cantano lodi su la tanta bellezza del regno Gran Sasso. La discesa verrà un po' ritardata da una visitina alla ventosa Cresta della Portella, dove la meraviglia si palesa sotto forma di spiaggia. Come per la Padula Bianca del Salento sembra di stare in luoghi molto più lontani della nostra Italia,o così "di casa". Il vento e il gelo scolpiscono miraggi sulla Portella ed a terra, dove sembra vedere del mare caraibico, vien voglia quasi di tuffarsi a pesce. Le luci brillano sui cristalli del Cefalone, le ombre giocano giù nei valloni, Eolo talvolta disegna vortici e i cuori battono in accordo come le corde dei bassi, sull'odierno arrangiamento della grande orchestra di sua Maestà.
Bum.. Bum.. Bum.. Bum.....
Mezza giornata di cuor veloce sulle ali dell'avventura e mezza a cuor lento, cullati da un sole ozioso e gradito, come si confà nei migliori club di Cialtroalpinisti del resto.
Buona Montagna a tutti! Alla prossima...
IMG_20181212_115051.jpg
IMG_20181212_125739.jpg
 

Allegati

Ultima modifica:
#8
#9
Bravi, saggia rinuncia, rispettosa oltretutto dell’unità della cordata.
Spero che il principio di assideramento non abbia avuto conseguenze per la quadrupede alpinista.

Io voto la foto n. 6 :si::si:
Grazie di cuore! Nessuna conseguenza o postumi, dopo l'inversione di marcia e 10 minuti di sosta sollevata dal ghiaccio abbiamo ripreso il cammino e già correva di nuovo spavalda... e lo ha fatto, come di consueto, fino alla fine della giornata.

Qui vedi la "cordata" subito dopo la sosta già trotterellante sula via del Duca

51B0E73B-428F-49E6-84B2-FBE69EB86EAF.jpeg

Tra l'altro il Duca offriva un bel tavolato ligneo caldo ed esposto al sole ma non c'era verso, Zoe stava più sulla neve che sul legno.
Sicuramente abbiamo beccato delle condizioni piuttosto rigide ma @Leo da solo credo concorderà che altre volte abbiamo affrontato temperature analoghe senza problemi, qui come lui stesso diceva è stata probabilmente l'andatura per loro troppo lenta (ma non si poteva fare altrimenti) a fare la differenza, ma come ti dicevo nessuna conseguenza per le nostre fidate compagne pelose.
 
#10
Bravi, saggia rinuncia, rispettosa oltretutto dell’unità della cordata.
Spero che il principio di assideramento non abbia avuto conseguenze per la quadrupede alpinista.

Io voto la foto n. 6 :si::si:
Rinunciare, per poi oziare al caldo del tavolato di un rifugio assolato, sembra più una grande ricompensa psicofisica, che una vera e propria rinuncia sai? :lol::lol: La giornata è stata splendida e da quelle parti veramente sarebbe bello anche stare semplicemente solo seduti al piazzale. Con la lupa in estate ho molte più preoccupazioni ad esempio, ed è capitato di cambiare giro o itinerario per "vie d'acqua", ombrose, o rinunciare a vette in orari diurni. Con l'età e dopo l'ultimo corno Grande ho deciso anche di abdicare per sentieri con troppi "salti" rocciosi. Grazie per pensiero alla peste del gruppo.
 
#12
Bella giornata, bella cresta :si:

Leggevo ieri del lupo cecoslovacco che si è fatto i 4mila :biggrin:

http://www.lastampa.it/2018/08/14/s...ttro-zampe-qXhnnIzd49XJ1DYiK5SH7M/pagina.html
Grazie! Si lo avevo letto tempo fa avendo il cane ed andando in montagna mi aveva colpito... credo che il tipo di cane in questo sia piuttosto determinante, la mia è comunque un cane di 10kg, molto rustico, ma oltre una certa temperatura sicuramente sarebbe in difficoltà mentre un lupoide di 30/40kg è più attrezzato ed infatti Linda la lupa di Leo è sicuramente molto più resistente... noi comunque tariamo sempre le nostre gite sulle possibilità dei cani, qui è stato squisitamente un problema di andatura/terreno che non ha consentito loro di riscaldarsi come di consueto... in pratica se deciderò di rifarla con lei dovrò farla di corsa :p
 
#13
Povere puzzole dalle zampe gelate! Si saranno sentite come Lucky della Carica dei 101.
Mentre leggevo il bel racconto di @Leo da solo pensavo a quanto è bella, ancorché semplice, questa montagna, ma come diventi diversa in inverno. In estate ci sono salito con i bambini, ma alla Sella di Monte Aquila nel gennaio di 10 anni or sono ci è morto uno.
 
#15
Bellissimo escursione. Compimenti a tutti e 4!
Mi piace il vostro modo di affrontare la montagna e di godervi l'escursione comunque vada.
Ormai siete una bella famiglia e l'obiettivo per voi non è assolutamente il fine delle vostre camminate, ma quello di godersi ogni istante e così dovrebbe essere per tutti.
Mi piacerebbe portare il mio cane a quote più elevate, ma non so come si comporterebbe con le temperature.
Ultimamente i -5 gradi li ha retti bene, ma come avete detto dipende molto dalla velocità di progressione. Poi il mio la sera dorme in casa, quindi non crea quel sottopelo adatto alle alte quote.


@Montinvisibili non so se parliamo dello stesso incidente, ma ricordo che 10 anni fa i morti furono 2, causa valanga, ma sotto la sella nel sentiero estivo che passa sotto la cresta.
 
#18
Beh praticamente ovunque in montagna "ci è morto uno" ammenoche non sia un posto veramente poco frequentato.
È che in città non segnano tutti i morti altrimenti sembrerebbe un cimitero.
Giusto, ma era per dire che è un luogo veramente a un tiro di schioppo dal parcheggio. Ogni volta che ci passo durante l'estate, fra fiorellini, comitive festanti, cani correnti e gitanti in sandali, non posso non soffermarmi a pensare che lì ci è morto uno assiderato.
 
#19
Bellissimo escursione. Compimenti a tutti e 4!
Mi piace il vostro modo di affrontare la montagna e di godervi l'escursione comunque vada.
Ormai siete una bella famiglia e l'obiettivo per voi non è assolutamente il fine delle vostre camminate, ma quello di godersi ogni istante e così dovrebbe essere per tutti.
Mi piacerebbe portare il mio cane a quote più elevate, ma non so come si comporterebbe con le temperature.
Ultimamente i -5 gradi li ha retti bene, ma come avete detto dipende molto dalla velocità di progressione. Poi il mio la sera dorme in casa, quindi non crea quel sottopelo adatto alle alte quote.


@Montinvisibili non so se parliamo dello stesso incidente, ma ricordo che 10 anni fa i morti furono 2, causa valanga, ma sotto la sella nel sentiero estivo che passa sotto la cresta.
No, furono due sorpresi da una tormenta nel gennaio 2009.
https://www.corriere.it/cronache/09...to_dc7b48ea-e609-11dd-92d4-00144f02aabc.shtml
 
#20

Discussioni simili

Contenuti correlati

Alto