Alpinismo Terni - Rocca della Penna - Fashion V

Dati
Data: 24/03/2012
Regione e provincia: Umbria, Terni
Località di partenza: Madonna dell'Olivo
Località di arrivo: Madonna dell'Olivo
Tempo di percorrenza: ca 4h
Grado di difficoltà: III, IV, pass V/V+
Descrizione delle difficoltà: arrampicata su roccia
Periodo consigliato: tutto l'anno
Segnaletica: bolli rossi
Dislivello in salita: 110-120 m
Dislivello in discesa: 110-120 m
Accesso stradale: da Terni per Madonna dell'Olivo

Descrizione
Comincia così la stagione di roccia. Venerdì sera ricevo una telefonata cui non posso dire di no (e che mi precluderà la Direttissima al GS domenica :p), così sabato mattina sveglia alle 7,00, colazione con il compagno alle 8,00 e poi via verso la vicinissima parete di Rocca della Penna per fare una vietta di roccia.
Questa volta faccio il cliente e sono contentissimo di ciò perchè sento subito la tensione: i preparativi, l'ignoto che mi aspetta, l'idea delle difficoltà che incontrerò, tutte cose che acuiscono una maligna tensione che non aiuta la scalata.
Comunque arriviamo velocemente. Dal parcheggio, con un quarto d'ora per un evidente sentiero che si inerpica verso la parete in mezzo al boschetto, si arriva. E' incredibile la qualità della roccia, un calcare solido e sicuro, anche se sporco di vegetazione che Carlo con grande fatica aveva provveduto a ripulire. In futuro sarà il caso di dargli una mano perchè il posto lo merita davvero.
Tira un fastidioso venticello che in alto ci darà problemi per comunicare.
Ci prepariamo e poi via. In men che non si dica Carlo è già a metà del primo tiro, circa 40/45 lungo un linea dritta e logica che passa per una placchetta nera di IV, all'apparenza infida ma ottima per l'aderenza dei piedi.
Lungo la via ci sono diversi chiodi e qualche placchetta, soprattutto sul secondo tiro, dove c'è il passaggio chiave.
Ad un tratta sento urlare "assicurato". Libero la corda, mi preparo, glielo urlo, e poi vado.
Il primo tiro è bello, non faticoso, molto intuitivo e con varie possibilità per piedi e mani. La placchetta si passa bene da secondo, forse da primo mi verrebbe da pensare, ma in fondo è facile.
Arrivo in sosta, su una cengietta, ancorato a due viti. Dietro un bel po' di vuoto, buttarsi col sedere in fuori è un po' problematico... psicologicamente parlando.
Carlo riparte e affronta facilmente il secondo tiro, ad un certo punto sparisce e non lo vedo più. Continuo a dare corda finchè non sento "assicurato".
Tocca a me, smonto la sosta e parto. L'arrampicata è un terzo sostenuto, non difficile, fino al passaggio chiave. Lì ci sono due chiodi, i rinvii e una passaggio per nulla banale (almeno per me) lo tento. Non sono convinto, sento la mia testa che inizia a farmi la tiritera del "chi te lo ha fatto fare", "digli che sei cotto", "bloccati così è costretto a calarti". Devo dire che il cervello è veramente bastardo: un passaggio di placca che in falesia non avrei problemi a passare anche da primo, lì, da secondo, con chiodi robusti ad evitarmi pendoli fastidiosi (e dolorosi data la verdura che c'è intorno) mi mette in difficoltà.
Faccio un paio di tentatativi contro la mia testa più che verso la roccia e in breve mi cuocio per davvero. Non volendo perdere il confronto con la testa azzero il passaggio e continuo nonostante le proteste interne.
Arrivo in sosta sotto un bell'alberello e di nuovo la trafila per alloggiarsi: barcaiolo, cerco un cantuccio per permettere a Carlo di prepararsi, passaggio dei materiali recuperati.
La stanchezza alle braccia e ai piedi vincono sul timore di caricare longe e sosta: mi metto seduto e la sensazione è bellissima, sotto un ottanta novanta di metri di vuoto.
Il terzo tiro è un III pieno senza particolari difficoltà. Si esce su una crestina esposta al termine della quale Carlo ha attrezzato una sosta su uno spuntone roccioso. Più in là inizia il quarto tiro, di una ventina di metri, qualcosa in più forse. Si è fatto tardi e dobbiamo scendere considerando che abbiamo una corda singola ci metteremo una vita.
Vengo calato infatti per due soste e faccio la doppia solo all'ultimo salto, avendo sfruttato la prima sosta di un'altra via per la calata finale.
Bella scalata come prima della stagione!
L1 - 40/45 m - III, a tratti IV
Si parte dalla base della parete in prossimità di un cordino azzurro sbiadito dentro una clessidra. Si punta ad una placca di roccia nera e poi dritto per linea logica seguendo le occasionali protezioni. Sosta su fix.
L2 - 40/45 m - III, IV pass V/V+
Dalla sosta si parte per linea logica e si seguono le chiodature. Il passaggio chiave è una pancia ben protetta di placca liscia con, a destra, delle lame sfruttabili per aggirare il passaggio. Sosta su albero dentro inizio di camino.
L3 - 30 m - III
Dalla sosta si esce a decisamente a dx e si sale dritti fino a spuntare in cresta (attenzione rocce un po' instabili). Facile attrezzare una sosta sugli spuntoni presenti.

Per la discesa corda doppia (portatevi due mezze corde!).
Necessaria NDA, in particolare friend medio piccoli per integrare e fettucce/cordini per la sosta alla fine del terzo tiro.
 

Allegati

  • P1000165.jpg
    P1000165.jpg
    89 KB · Visite: 796
  • P1000167.jpg
    P1000167.jpg
    62 KB · Visite: 558
  • P1000169.jpg
    P1000169.jpg
    89,8 KB · Visite: 581
  • P1000171.jpg
    P1000171.jpg
    89 KB · Visite: 574
  • P1000175.jpg
    P1000175.jpg
    86,9 KB · Visite: 555
  • P1000188.jpg
    P1000188.jpg
    92,1 KB · Visite: 616
  • P1000192.jpg
    P1000192.jpg
    51 KB · Visite: 560
  • P1000194.jpg
    P1000194.jpg
    94 KB · Visite: 541
Ultima modifica di un moderatore:
Il calcare sembra bello solido: complimenti per la salita.
Una domanda: ti sei portato anche un coltello per fare un pò di cicoria mentre aspettavi in sosta? :D
 
:rofl:
Considera che mentre scendevo ho preso spini su per il .... di continuo :-x
In effetti non sono molto ripetute, ma questo potrebbe solo essere un vantaggio. Bisogna che una volta ci si armi di buona volontà e si dedeichi un pò di tempo alla pulizia... con un lanciafiamme.

La qualità della roccia invece è veramente ottima, anche se bisogna sempre prestare attenzione a qualche sasso pericolante che si potrebbe incontrare.
 
Grandissimo Bruno!!Molto bella la via...Peccato per il verde che in via non mi piace molto..Ma adoro il vuoto sotto di me e l'esposizione...In caso mi ci porti?!;-p
 
Considerando che c'é almeno un' altra via lì accanto é facile organizzarsi in più cordate. Quando volete siete i benvenuti.
 
Ah ah ah bene l'altra dovrebbe essere un IV e ora mi sono ricordato che ne esiste un'altra che dovrebbe avere passaggi V+ VI-. Considera Danie' che a Pasqua sto a Trento (indovina a fa che). Però. sono sempre disponibile.
 
ciao

ciao bruno sono carlo,sono poco pratico di computer ma volevo comunque iniziare inserire le relazioni delle vie che ho aperto un po'in giro....poi mi sono imbattuto in questo sito leggendo la tua relazione di "fashion v".....tutto preciso ma e'da alzare i gradi di almeno un livello.....ho aperto un'altra via,mezza sportiva e avventura a sinistra di f.v. ben protetta nelle difficolta' che sono di 6b-6b+.dovrei inserire le relazioni delle vie aperte nei sibillini,al gran sasso e nel terminillo,appena prendo pratica ne inserisco le relazioni....a presto
 
dimenticavo,e'stata fatta una notevole opera di pulizia,anche grazie al cnsas dell'umbria....la via appena aperta,di nome "GEA", e'completamente pulita.....roccia da "spalle del gran sasso"o per i piu'sofisticati da "sud della marmolada"......a presto
 
Astrolabio di Avventurosamente
Alto Basso