Alpinismo Testa di Tablasses (2851) per il canale nord-ovest

Parchi del Piemonte
  1. Parco delle Alpi Marittime
Dati
Data: giugno 2017
Regione e provincia: Piemonte - Cuneo
Località di partenza: Terme di Valdieri
Località di arrivo: idem
Tempo di percorrenza: 13 ore
Chilometri: 27
Grado di difficoltà: PD
Descrizione delle difficoltà: pendenza del canale fino a 45°
Periodo consigliato: maggio-giugno
Segnaletica: paline. Bivi eccezionalmente ben segnalati
Dislivello in salita: 1850
Quota massima: 2851
Accesso stradale: da Borgo San Dalmazzo proseguire per Valdieri, Sant'Anna di Valdieri, Terme di Valdieri

Traccia GPS disponibile

Descrizione:
Immagino sia l'ultimo ghiacciolo della stagione invernale ma nel complessivo gita da sogno come tutte quelle svolte nella Valle Gesso che amo profondamente perchè è la valle che frequentavo nella mia giovinezza. I luoghi sono unici, fantastici e indimenticabili per chi ha la fortuna di visitarli.
Si comincia dal grande pianoro alluvionale del Valasco che non cessa mai di stupire anche se ci sono gia passato innumerevoli volte. La bella casa di caccia dei Reali di Savoia che da queste parti passavano tutte le loro estati costruendo una miriade di bei sentieri che adoperiamo ancora oggi. Essendo zona di confine, anche il regime ha contribuito a costruire un dedalo di strade carraie per rifornire le casermette del Vallo Alpino.
Sulla testata del vallone, verso destra i grandiosi e unici laghi Portette, Claus e Valscura, cime affascinanti come Caire de Prefouns, (a sud) Testa delle Portette, Testa del Claus, Cima della Lausa, Malinvern, Il Funs, le ardite Valrossa e Valmiana e il Matto (Nord, seconda per altezza dopo Argentera che fa capolino ad est con tutta la cresta di monti favolosi come Nasta, Baus, Bastione, Cima di Broccan fino alla Ghigliè.
Per finire la bella Valle Morta per il Colletto Valasco, In mezzo la nostra Tablasses e il fantastico vallone di Prefouns con alla destra la famosa (alpinisticamente parlando) Cresta Savoia, elegante da guardare dal basso.

E' così che ci siamo ritagliati due giorni feriali per avere la probabilità di essere soli al Rifugio e poter affrontare il canale di buon'ora per avere la neve migliore.
Partiamo dalle Terme attorno alle 11,30 con un po di ritardo a causa del traffico incontrato ma comunque in tempo per prendersela comoda e in poco più di un'ora siamo alla casa di caccia del Valasco, ora ristrutturata ed adibita a rifugio, ci si ferma per un dolcino e caffè per poi salire al pianoro superiore del Valasco, tralasciamo sulla destra la strada diretta al Questa per infilarci nella Valle Morta (direzione Colletto del Valasco) per poi abbandonare a metà costa e traversando sotto i primi contrafforti di Tablasses e Punta di Prefuns in direzione del lago delle Portette. Qualche accumulo persistente ed alcune valanghe ci obbligano a procedere con cautela sui ripidi versanti fino a raggiungere la testata del Vallone di Prefouns dove abbandoniamo gli zaini ed andiamo a dare un'occhiata al canale che si trova quasi all'inizio del Vallone verso sinistra.
La giovane amica che si era unita a noi, comunque attrezzata, non avendo nessuna esperienza di canali di neve, inizialmente per percorrere il giro dei laghi, appena visto, con decisione, temerarietà ed una sana dose di giovanile incoscienza ha subito esclamato: "E' facile, vengo anch'io". Poteva comunque contare sulla grande esperienza alpinistica dell' amico Mimmo che l'avrebbe condotta legata in conserva.
Riprendiamo il cammino ed in circa 45 minuti, circa le 17, raggiungiamo il Rifugio Emilio Questa, ricavato da un'ex casermetta militare sulla testata del bellissimo lago delle Portette
Mentre Lorenza, incantata e commossa fino alle lacrime, esclamando con ragione, continuamente "se c'è un pardiso, questo è qui", si fa gli occhi e riempie la memoria del cellulare di foto, io scendo al lago a fare rifornimento per la cena, Mimmo e Cristiano si danno da fare a recuperare rare radici di arbustri e pini mughi per accendere la stufa. Tira un'arietta di tramontana niente male che ci obbliga a coprirci abbastanza.
La cena a base di tortellini è degna di un resort di lusso, poi, attorno alla stufa accesa, Mimmo ci delizia coi racconti delle sue imprese sulle Grandes Jorasses, Cervino, Est e Nord del Monviso, tecniche di salita su neve e su roccia. Si esce ancora per qualche foto del tramonto con una bella luna piena che rende ancor più magica la serata fino all'ora della camomilla calda che prelude al dolce sonno nel sottotetto dell' invernale. Attorno alle 22 siamo già in branda perchè la mattina seguente la sveglia sarà di bun'ora.
La mattina la sveglia suona alle 5,30 usciamo subito per ammirare un' alba davvero spettacolare. Il venticello è cessato e sorprendentemente non fa freddo. Abbondante colazione a base di biscotti e te, rigovernato e spazzato il rifugio per lasciarlo pulito com'era, ci incamminiamo per raggiungere in una mezzora l'attacco.
Si indossano i ramponi, si lega Lorenza e dopo le ultime raccomandazioni si inizia decisamente a risalire il colatoio. Dopo un poco Lorenza è stanca e chiede quando sia finita la salita, noi la rincuriamo dicendo che il bello deve ancora venire. (bastardi dento :D )
Entriamo nel canale, siamo ormai sui 40° costanti ed infine, quasi a metà su un gruppo di rocce affioranti, ci concediamo una pausa.
Noi siamo fatti così; i tempi, la prestazione sportiva non ci interessa; però portiamo a casa gli occhi pieni di cose rare, uniche, irripetibili.
La pendenza aumenta, siamo sui 45°: è il massimo del canale e ci accorgiamo di essere quasi in cima perchè la luminosità aumenta e fa capolino il primo sole, la pendenza in uscita molla un poco e finalmente dopo 2 ore e mezza siamo sul colletto che da a sud, in Francia, sul lago Negrè
La felicità di Lorenza traspare da tutti i suoi gesti, ha due occhi bellissimi, ci abbracciamo, mangiamo qualcosa e con quattro passi su pietraia siamo in vetta dove restiamo a lungo. Faccio vedere tutte le cime attorno, da me, da noi scalate e ad ogni nome come un ritornello: "anch'io la voglio". Ormai nessuno la terrà più.
Ridiscendiamo per la via normale. In corrispondenza dell'uscita, dal lato opposto, ormai senza più neve, una sorta di canale con tracce di passaggio ci porta ad inersecare il sentierino che da est (passo di Bresses) corre in direzione ovest, (passo di Prefouns, massima attenzione perchè subito non ben visibile) su pietraie e rada erba fino alle roccette di una crestina laterale che si superano abbastanza agevolmente. (EE) Il sentierino diviene più marcato ed in breve siamo al Passo di Prefouns per il pranzo.
Come al solito, quando si va sul confine, Francia batte sempre Italia: noi quattro e sette francesi.
Ultimo tratto da percorrere con estema attenzione. Dobbiamo abbandonare il sentiero estivo che va a passare sulla sinistra orografica del Vallone del Prefouns, proprio sotto la Cresta Savoia perchè ci obbligherebbe a pericolosi traversi su costone ripidissimo e decidiamo di scendere dritti, faccia a monte finchè la pendenza si aggira sui 40°, poi zizagando ed infine quando il pendio si attenua, giù dritti fino in basso dove ritroviamo il sentiero scoperto, riposta l'attrezzatura nello zaino, riprendiamo la strada del giorno prima, a destra verso la Valle Morta, poi Valasco e Terme non senza aver prima dato il nostro contributo allo sviluppo dell'economia montana fermandoci lungamente al rifugio Valasco per una meritata e a lungo desiderata birra fresca.


nel bosco alle spalle delle Terme di Valdieri
TBL_059.JPG

La bella cascata, rigonfia dallo scioglimento che prelude al grande pianoro del Valasco
TBL_060.JPG

Casa Reale di Caccia
TBL_061.JPG

Piano superiore del Valasco
TBL_063.JPG

Gli esaustivi cartelli del parco posti ad ogni bivio
TBL_064.JPG

Vallone del Prefouns, a sinistra il canale nord-ovest
TBL_066.JPG

Apprensione e ammirazione
TBL_067.JPG

andando al rifugio Questa: Colle del Drous, Malinvern, Valrossa, il Funs
TBL_068.JPG

Valmiana e Matto, in basso i due pianori del Valasco
TBL_069.JPG


Ultimi tornantini per il Questa
TBL_070.JPG

ed ecco il lago semi ghiacciato e la Testa di Prefouns
TBL_071.JPG

elegante Testa delle Portette
TBL_072.JPG


Rocca di Valmiana e le cime del Monte Matto
TBL_073.JPG

Malinvern, Valrossa, Il Funs
TBL_074.JPG


Cena
TBL_076.JPG
TBL_077.JPG
Tramonto
TBL_078.JPG

Cresta Savoia
TBL_078b.JPG

tramonto sul Matto
TBL_079.JPG

Spunta la luna dal passo di Prefouns, la parte alta del canale sempre in vista
TBL_080.JPG

Zoona notte
TBL_081.JPG

TBL_082.JPG

Alba
TBL_083.JPG
TBL_084.JPG

e spunta il sole tra il Matto e l'Argentera
TBL_084b.JPG

.... e invade la conca del lago
TBL_085.JPG

Testa del Claus
TBL_086.JPG

In cammino verso il canale di Tablasses
TBL_087.JPG

Delicati traversi sulla mulattira Questa-Colletto del Valasco
TBL_088.JPG

e di nuovo il vallone del Prefouns, Cresta Savoia con le luci del mattino
TBL_090.JPG

si comincia a risalire il colatoio
TBL_091.JPG
TBL_092.JPG

Pausa ristoratrice
TBL_093.JPG

e si arriva alla massima pendenza
TBL_094.JPG
TBL_095.JPG
TBL_096.JPG

e si esce a due passi dalla vetta
TBL_097.JPG

Quando si cammina con una signora spetta a lei la vetta.
Non so se usa ancora tra i giovani questi piccoli gesti di galanteria:wub:
TBL_098.JPG

Felicità. Il Monviso fa capolino appena dietro Rocca La Paur
TBL_099.JPG

Alpi Marittime francesi e Lac Negrè in primo piano
TBL_100.JPG

Argentera
TBL_101.JPG

Cresta di Confine fino al Bastione e Ghigliè
TBL_102.JPG

Caire di Prefouns e Cresta Savoia
TBL_103.JPG

Lago delle Portette, lago del Claus ancora più ghiacciato. Testa del Claus e Malinvern
.... e un animale.... chi sarà??
TBL_104.JPG

zoom sui laghi
TBL_105.JPG

dal Malinvern alla Paur
TBL_106.JPG

Nasta, Bastione, Broccan e Ghigliè proseguimento della cresta dell'Argentera
TBL_107.JPG

Ardite e fantastiche rocce al passo del Prefouns, dieto la frastagliatissima e perpendicolare Cresta Savoia
TBL_110.JPG
TBL_111.JPG

Vallone del Prefouns
TBL_112.JPG
TBL_113.JPG
TBL_114.JPG
TBL_115.JPG
TBL_116.JPG
TBL_117.JPG

Ultimo sguardo dai colori della primavera
TBL_118.JPG

Ed infine sosta all'accogliente rifugio Valasco
TBL_119.JPG
TBL_120.JPG


Mi dispiace per le troppe foto, ma ne ho tolte molte bellissime. Di più non ho saputo fare :)
Prosit!!!!
 
Che Bello! Che meraviglia di posti che ci sono sulle Alpi Marittime.
Le foto dell'alba sono spettacolari.
Complimenti anche per la prestazione fisica, dovresti essere un punto di riferimento per tutti i giovani sfaticati di oggi.
 
Eh... non vale: c'avete dei posti lassù! Te ne vai e svalichi pure in Francia. Io bene che va svalico (con tutto il rispetto) in Molise;).
Già! bei posti.
Ogni tanto, a voi appenninici, consiglierei un po' di Alpi del Mare. Invece di andare sempre sulle trafficate dolomiti, dovreste passare un po di ferie da noi. posti fantastici e abbastanza solitari e poi col meteo adatto, da 3000 mt si vede il mare ed è una cosa unica sulle alpi.
Pensa che l'altro giorno, vedevamo Cannes e le isole prospicenti la costa ed il meteo non era dei migliori :)

Complimenti anche per la prestazione fisica, dovresti essere un punto di riferimento per tutti i giovani sfaticati di oggi.
Questo è un complimento che mi riempie di orgoglio! grazie!!.
Mimmo è ancora migliore: classe 1948 e se volesse mi lascia indietro. Evidentemente il clima della Liguria alpina fa bene alla salute :sleep::poke:

Mamma mia, stai andando alla grande lascia qualcosa anche a noi
Si... quest'anno ho tempo. Ho l'impressione che il prossimo inverno/primavera dovrò stare al computer a sognare guardando voi che scorazzate di qua e di la!!!! :no::no::cry:
 
Già! bei posti.
Ogni tanto, a voi appenninici, consiglierei un po' di Alpi del Mare. Invece di andare sempre sulle trafficate dolomiti, dovreste passare un po di ferie da noi. posti fantastici e abbastanza solitari e poi col meteo adatto, da 3000 mt si vede il mare ed è una cosa unica sulle alpi.
Pensa che l'altro giorno, vedevamo Cannes e le isole prospicenti la costa ed il meteo non era dei migliori :)
Figurati, fosse per me già starei con gli scarponi su tutte le Alpi occidentali, ma tengo famiglia.
 
Figurati, fosse per me già starei con gli scarponi su tutte le Alpi occidentali, ma tengo famiglia.
:D :D
Anche io, avendo famiglia, non faccio tutto ciò che vorrei fare: è ovvio!
Infatti se fossi libero, la prima cosa che farei sarebbe quella di partecipare al raduno di Avventurosamente, salire sul Gran Sasso e sul Velino che sono montagne rese fascinose dai vostri racconti.
 
:D :D
Anche io, avendo famiglia, non faccio tutto ciò che vorrei fare: è ovvio!
Infatti se fossi libero, la prima cosa che farei sarebbe quella di partecipare al raduno di Avventurosamente, salire sul Gran Sasso e sul Velino che sono montagne rese fascinose dai vostri racconti.
Se mai capiterà - tranne tu non preferisca il fascino della solitudine - sappi che potrai contare su un buon numero di avventurosi disposti a mostrarti le meraviglie di quei luoghi.
 
Corso di Orientamento
Alto Basso