Titanio, buono per i liquidi

Salve, butto il sasso nello stagno e smuovo qualcosa.

Mi chiedevo, ma le osannate pentole in titanio, non hanno forse il problema di un coefficiente termico basso?

Questo legato al fatto che sono estremamente sottili(pregio del titanio) fa si che vadano bene per i liquidi, ma forse non per i solidi.

Se mettiamo una padella da 20cm di diametro sul nostro fornelletto da trekking, mi aspetto una cottura non uniforme. Con tanto calore nella zona della fiamma e poco ai lati.

Qual è la vostra esperienza?
 
Mi chiedevo... Se mettiamo una padella da 20cm di diametro sul nostro fornelletto da trekking, mi aspetto una cottura non uniforme. Con tanto calore nella zona della fiamma e poco ai lati. Qual è la vostra esperienza?
Seguo pure io... per un altro motivo:

da quello che ho visto finora, correggetemi se sbaglio, almeno nel caso specifico che mi interessa di piu' (=cucinare davvero, non il semplice scaldare acqua, ma cose semplici e per me solo) passare da alluminio a titanio significa spendere magari il doppio ma per guadagnare poche decine di grammi, di cui non sentirei certo la differenza sulle spalle.

Se economicamente e' ancora cosi', e se vien confermato anche quanto chiede @ironP90, per me vuol dire che da ora in poi risparmio anche il tempo di aprirle, le pagine e offerte su tazze e pentolame in titanio :)
 
No ho esperienza diretta ma ho letto un po' ovunque che il titanio non è ideale per cucinare perché fondamentalmente troppo sottile (ricordate le televendite delle pentole con "fondo da ben 1cm!"), sopratutto se in accoppiata con un fornello potente e con fiamma concentrata.

Non è vietato usarlo: si possono usare fornelli meno concentrati, o qualche accrocco per diffondere la fiamma, oppure continuare a mettere e togliere la pentola.

Personalmente mi sono fatto l'idea che prenderò un pentolino in titanio per ultimare il mio kit UL, ma lo userò solo per scaldare acqua, nei giri "culinari" Trangia o gavetta.
 
Seguo pure io... per un altro motivo:

da quello che ho visto finora, correggetemi se sbaglio, almeno nel caso specifico che mi interessa di piu' (=cucinare davvero, non il semplice scaldare acqua, ma cose semplici e per me solo) passare da alluminio a titanio significa spendere magari il doppio ma per guadagnare poche decine di grammi, di cui non sentirei certo la differenza sulle spalle.

Se economicamente e' ancora cosi', e se vien confermato anche quanto chiede @ironP90, per me vuol dire che da ora in poi risparmio anche il tempo di aprirle, le pagine e offerte su tazze e pentolame in titanio :)
Attualmente mediamente più del doppio. :)
--- ---

fondamentalmente troppo sottile

Il titanio permette di fare appunto pentole super sottili e quindi leggere(di base pesa più dell alluminio)
Questo per me è un vantaggio solo per scaldare fluidi. Va bene per una tazza e per una pentola fonda da brodo, non per cucinare tutto
 
Il titanio è molto sottile, acqua e brodi secondo me ok, anche pasta e tortellini, ma giò sui risotti avrei qualche dubbio (dubbio, non ho provato), per dire la pasta e fagioli in busta mi si è attaccata un bel po, nella titanium pot (rima voluta), ma non stavo li a girarla continuamente.
 
Attualmente [COSTA, giusto???] mediamente più del doppio. :)
--- ---


Il titanio permette di fare appunto pentole super sottili [... COSA CHE RISULTA...] un vantaggio solo per scaldare fluidi.
Grazie di entrambe le conferme. Se e' cosi', niente titanio per me, senza nessun rimpianto.

Anche perche' per un trekking lungo quello che deve pesare meno e' la SOMMA di "pentolino + viveri che puoi cucinarci dentro senza problemi"

E ho il forte sospetto che di combinazioni in cui il pentolino e' alluminio, ma sia peso che costo di quella SOMMA siano sensibilmente minori di combinazioni equivalenti col pentolino in titanio se ne possano trovare diverse
 
Sempre avuto titanio e le pochissime volte che ho provato a cucinarci cose solide o a scaldarle è stato un disastro. Ma essendo stupido non ho imparato la lezione e ho appena preso, come esperimento, il pentolino della evernew in titanio con strato antiaderente. Vedremo
 
Io ho avuto problemi a cucinare nel titanio solamente quando utilizzavo il fornello a gas, la cui potenza di fiamma è decisamente troppo aggressiva per l’esiguo spessore dei pentolini. Con il fornello ad alcol è tutta un altra musica…mai avuto difficoltà a cucinare anche piatti piuttosto articolati e asciutti, dove il rischio di bruciare o attaccare tutto sul fondo è elevato. Come tutte le cose serve farci un po’ la mano, specie nella gestione dell’addizione liquida al composto (acqua o olio che sia) ma alla fine si riesce a cucinare di tutto con ottimi risultati.

Se mettiamo una padella da 20cm di diametro sul nostro fornelletto da trekking, mi aspetto una cottura non uniforme. Con tanto calore nella zona della fiamma e poco ai lati.

Non ho mai superato i 15cm di diametro nei pentolini che possiedo ed in tale diametro non ho mai riscontrato disomogeneità di cottura tra il centro ed i bordi…
 
Mi unisco a quanto detto da @JohnnyWalker ...sono passato al titanio col terrore del cibo attaccato sul fondo, poi in realtà ho visto che, utilizzando un fornello ad alcol "aperto", la fiamma è poco concentrata e ciò aiuta molto ad evitare attaccature.
Poi rigorosamente gavetta relativamente bassa e larga, in modo da riuscire a mescolare bene (non so la gente come fa a farsi i risotti col Jetboil...).
E poi ancora, risotti e altri piatti cucinati in maniera +o- "passiva" (quando il risotto bolle, spengo, chiudo e lascio lì... poi al max dopo 10 minuti riaccendo un minuti e riporto a bollore mescolando). In questa maniera risotti cotti senza la minima attaccatura sul fondo e senza sbattimenti nel mescolare (e consumando pochissimo combustibile)

Altre volte invece ci ho fatto spatzle (scaldati "a secco" senza aggiungere acqua) con panna e cubetti saltati di speck, esempio questo di piatto "asciutto" preparato senza attaccature. Ricette più complesse solitamente non ne faccio.

Ma se posso dire la mia, pur da possessore di gavetta in titanio, passare al titanio solo per risparmiare poche decine di grammi non ne vale la pena.

Personalmente nel mio set cottura da "single" son passato al titanio più per questi altri due vantaggi:
- possibilità di trovare gavette nell'intervallo 400-900ml di qualunque capacità e qualunque forma (alta e stretta o bassa e larga). Io volevo una gavettina da 700-750ml bassa e larga con manici lunghi pieghevoli, con l'alluminio si trovano solo o tazze da 300ml o gavette da 1000ml in su
- possibilità di bere bevande calde direttamente dalla gavetta (provateci una volta con l'alluminio e vi assicuro che non ci riprovate più): se son da solo mi piace poter bere il té direttamente dalla gavetta

Entrambe questo vantaggi hanno senso solo per le gavette da 1 persona, dalle 2 persone in su consiglio assolutamente l'alluminio anodizzato
 
- possibilità di trovare gavette nell'intervallo 400-900ml di qualunque capacità e qualunque forma (alta e stretta o bassa e larga). Io volevo una gavettina da 700-750ml bassa e larga con manici lunghi pieghevoli, con l'alluminio si trovano solo o tazze da 300ml o gavette da 1000ml in su
Stesso motivo, per cui ho sposato con piacere un gavettino in titanio, misura tra l'altro presa per inserirci la Nalgene da 1LT e fare un set "tattico", dove al massimo ci cucino i noodles o un brodino di emergenza.
 
io ho delle posate in titanio comprate su ali ...e un vargo exagon titanium che uso come fornello per i sughi:rofl: e mi trovo benissimo ...per il pentolame credo il prezzo sia esagerato.
 
Non ho mai cucinato per due e devo dire che la sera scaldo acqua e al massimo un purè di patate o similare cercando di sporcare poco la tazza, quindi magari dei noodles.
Devo ancora provare a fare una polenta.
La sera dopo un trekking oltre a non aver voglia di cucinare non ho neanche voglia di lavare i piatti :D

Quindi come dice @paiolo è perfetto per certe situazioni minimali.


Tazza da 450ml in titanio e via, la uso anche come "piatto".
 
Il problema a me si presenta in inverno, dove spesso con l'alcol era troppo lungo e inefficace.
Per l'inverno userei sempre gas.

I dubbi sul titanio quindi sono da circoscrivere a fonti di calore potenti e concentrate.

Ci sta
 
Per l'inverno ti troverai spesso a dover anche sciogliere neve, e quindi avrai la necessità di una gavetta più grande che in estate.
Valuterei il titanio solo se vuoi una gavetta "piccola" per l'estate da usare con l'alcol, per l'inverno invece andrei di alluminio anodizzato e fine
 
Ciao ti dico anch'io la mia in risposta alla domanda iniziale del post: da un decennio uso una tazza Vargo da 750 ml per i liquidi e un piatto Life venture da 18cm per i solidi che uso come padella e ci cucino perlopiù carne. Hai ragione, la distribuzione del calore non è uniforme soprattutto se paragonata alle stoviglie in alluminio che in fatto di propagazione rappresentano ancora la soluzione migliore. Si riesce comunque a cucinare agevolmente un po' di tutto, basta essere guardinghi e girare spesso il cibo.
Sulle braci non ci sono problemi e direi neanche con il fornellino a gas Campignaz con il supporto pentola largo. Qualche attenzione in più va presa con il Trangia ad alcol ma comunque nulla di impossibile.

NB: dato lo spessore esiguo che caratterizza la stoviglia in titanio, va sempre valutata bene la distanza dalla fonte di calore.
 

Allegati

  • P_20160827_195015.jpg
    P_20160827_195015.jpg
    338,8 KB · Visite: 30
Ultima modifica:
io ho delle posate in titanio comprate su ali ...e un vargo exagon titanium che uso come fornello per i sughi:rofl: e mi trovo benissimo ...per il pentolame credo il prezzo sia esagerato.
Sull’acquisto della singola gavetta certo, il titanio ha prezzi mediamente più alti rispetto alla concorrenza inox/alluminio ma del resto quale prodotto UL non subisce questra regola di mercato? Ahimé, in cucina come nel setup notte, si paga ogni grammo risparmiato…
Va però sottolineato che la forbice si chiude se invece parliamo di kit cucina perché alla fine una Mini Trangia costa addirittura di più rispetto ad un 6053 di Keith.
La sera dopo un trekking oltre a non aver voglia di cucinare non ho neanche voglia di lavare i piatti :D
Io ADORO cucinare alla sera quando faccio campo…dedico proprio del tempo alla preparazione della mia cena perché mangiare bene (e buono) mi appaga psicologicamente e mi aiuta a dormire bene. E poi mentre cucini ammazzi il tempo, cosa non banale quando sei in solitaria…
 
onestamente io uso solo alluminio, anche anodizzato e mi trovo bene.
Preciso però che vado in montagna mai da solo, quindi non sono mai stato interessato a pentolini micro.
 
Coordinatometro di Avventurosamente
Alto Basso