Escursione Traversata dei Lucretili: Palombara-San Polo-Tivoli

Parchi del Lazio
Parco Regionale dei Monti Lucretili, Riserva Naturale Monte Catillo
Dati

Data: 18/7/'13
Località di partenza: Palombara Sabina
Località di arrivo: Tivoli
Chilometri: Non li so; anzi se qualcuno può calcolarli mi piacerebbe saperlo.
Descrizione delle difficoltà: Tragitto abbastanza lungo
Periodo consigliato: sempre
Segnaletica: frequente

Era parecchio che covavo questa lunga escursione, da fare in solitaria servendomi dell'efficiente e solerte servizio Cotral. L'avevo pensata per il solstizio d'estate, poi m'è toccato di spostarla e s'è finito ad oggi.
Nonostante le previsioni meteo non fossero perfette, oggi che finalmente potevo ho deciso che si DOVEVA fare!

Parto col Cotral da Ponte Mammolo, direzione Palombara, alle 8; alle 9,20 son già che punto, con passo generoso, l'attacco del sentiero 319, quello dei tornanti. Passo davanti a San Nicola, che merita sempre una visita, e mi infilo nel bosco.
La giornata è calda ma non afosa, e pei tornanti si cammina piacevolmente freschi!
Arrivo in cima verso le 11,30 o poco più tardi: accrocco una pisciata, trangugio una litrata di ottimo succo d'ananas da me medesimo centrifugato, e via: verso San Polo.
Il pratone me lo faccio correndo, visti i nugoli d'insetti che mi si divorano; la valle cavalera, invece, me la godo adagio: è una delle zone lucretili che preferisco, profonda e maestosa.
Arrivo allo sbancamento e poi, ahime, mi faccio quei km di asfalto fino al paese (ma non è possibile evitarli??).
Decido di concedermi un rinfrancante pranzo al Braciere, trattoria sanpolese assolutamente da provare, e mentre mangio si scatena il temporale sul Catillo.
Fortunatamente non dura molto, e - dopo aver bighellonato un poco in piazza, dove vedo sempre i soliti magnifici personaggi, tra cui un tizio fortissimo col cappello da cowboy - posso ripartire - verso le 16 - colla frescura della pioggia.
San Polo-Tivoli è il tratto che conosco meglio, l'ho fatto svariate volte in solitaria, eppure, come un fesso, a un certo punto smarrisco il sentiero: troppa sicurezza! La montagna ci insegna sempre qualcosa.
Gigioneggio mezzora buona in una zona della riserva del Catillo che non conosco; poi mi riesco a orientare grazie ai pali dell'alta tensione (!), ritrovo il sentiero e arrivo a Tivoli. Nota stonata, un incendio s'è mangiato parecchia vegetazione sul sentiero 330, anche qualche tratto della bella sughereta.

Arrivo a Tivoli, mi scolo una birra gelata al bar, e riprendo il moderno mezzo Cotral. Finalmente soddisfattissimo di questa bella escursione in solitaria, durante la quale ho avuto la fortuna di imbattermi, oltre che in una marea di vacche e cavalli, anche in una piccola brigata di cinghiali e in una volpe sospettosa, proprio vicino alla cima del Gennaro.
Il ritorno al traffico di Roma, sulla Tiburtina, mi riporta alla grigia realtà!

Salute a tutti!
 
Ciao,
resoconto sintetico di una lunga traversata, ma non povero di dettagli direi...:lol: !!!
Hai fatto qualche foto? Saremmo felici di dargli un occhiata....
Ciao
 
:)
...dell'efficiente e solerte servizio Cotral...
:rofl::rofl::rofl::rofl:


Guarda dal COTRAL mi accontenterei di avere orari appena decenti, in pratica finora si sono limitati a mettere su internet i foglietti un tempo appesi ai box dei capolinea, in formato PDF.

E dovremmo anche dirgli grazie, visto come era qualche anno fa...

Grazie per l'ottimo spunto, senz'altro più appagante di giri simili (anni fa feci Palombara-Gennaro-Scarpellata-Palombara con un lungo rientro sulle carrarecce pedemontane) e chissà che non ci faccia un pensierino anche io un domani.

Per calcolare la lunghezza ho utilizzato le tracce gps presenti online, utilizzandone i tratti indicati. A seconda della piattaforma (wikiloc ecc) la stima della lunghezza del tratto è più o meno precisa, ma si spera che gli errori si possano anche essere compensati tra loro:


Palombara centro-->cima Gennaro: 7,3 Km (fonte:everytrail)
Cima Gennaro-->Prato Favale: 6,3 Km (fonte: wkiloc)
Prato Favale-->San Polo centro: 5 Km (fonte: wikiloc)
San Polo Centro-->San Polo sp.32a loc "Le Caie" (no GPS): 2 Km (fonte: google maps, perc. pedonale)
San Polo sp.32a loc "Le Caie"-->Tivoli centro: 6,0 Km (fonte: Wikiloc)

Totale: 26,6 (diciamo tra i 26 ed i 27 Km)
 
Ultima modifica:
Ciao Appennino, grazie del conteggio! anche io ne avevo più o meno immaginati così...

A me piace, durante un'escursione, essere libero dal dover ritornare alla macchina, e quindi inventarmi un po' il percorso... purtroppo dobbiamo aver a che fare coi Cotral, ahinoi!

Recentemente ho fatto un giro simile al tuo, sono salito sul Gennaro dalla Scarpellata e sono sceso dal versante palombarese per i tornanti!
Poi però son dovuto tornare a piedi alla macchina sull'asfalto, perché le stradine pedemontane non le conoscevo e finivo ogni 5 minuti in una proprietà privata!!
 
<<Arrivo allo sbancamento e poi, ahime, mi faccio quei km di asfalto fino al paese (ma non è possibile evitarli??)>>
In effetti quei circa 6 km di asfalto tutte curve che ti portano dal paese di marcellina all'attacco del sentiero possono essere evitati, i senali ci sono anche ma le erbacce hanno coperto la parte iniziale e non c'è una gran manutenzione.

In pratica è quello che si fa durante la gara del Km Verticale, nel tratto in discesa dal pizzo del gennaro- valle cavalera, e usciti da valle cavalera, risaliti sullo sperone roccioso tornando verso prato favale poco dopo la segnalazione di bivio per S. Polo, invece di proseguire sul sentiero si taglia a destra e si taglia dritto in discesa uscendo su prato favale che si taglia completamente e anche uscendo da questo si possono tagliare le varie curve della strada superando dopo il primo tornante usciti da prato favale e si noterà un sentiero poco battuto ma che se lo fai ti porta dritto alla piazza di marcellina con un bel taglio di Km.

Altra cosa interessante magari se avevi tempo potevi chiudere il giro, una volta sceso dalla via asfaltata e uscito sulla via per marcellina nei pressi del centro visita parte un sentiero che conduce da marcellina al Catillo (Tivoli), è il sentiero Bruno Ranieri tracciato dal cai di tivoli e appunto conduce da marcellina a Tivoli.
 
Ciao Techno... ma io sono arrivato al paese di San Polo dei Cavalieri, da Marcellina non ci sono passato!
se non ho capito male tu mi parlavi di un sentiero che da prato Favale porta a Marcellina evitando quei 6 km di tornanti d'asfalto (che una volta mi sono anche fatto a piedi)...
io invece dicevo quella strada, credo non più di 4 km, che collega il centro di San Polo con le pendici del Morra, dove c'è la montagna spaccata e il campo di calcio in disuso.
E' quella che avrei voluto evitare...

il giro l'ho poi chiuso arrivando a Tivoli da San Polo, sempre riserva del Catillo!
Però non conoscevo il sentiero Tivoli-Marcellina, può essere una buona idea!
 
...quella strada, credo non più di 4 km, che collega il centro di San Polo con le pendici del Morra...E' quella che avrei voluto evitare...
La mappa "Il Lupo" indica una traccia in verde del TTP (*) circa più bassa di 50 mt rispetto alla strada asfaltata (in rosso nella mappa, come parte del "sentiero 303") che si dirama dal sentiero 303C (x cima del Morra, nel ritaglio qui sotto non si vede il numero) a circa 200 mt dal cosiddetto sentiero 303 cioè dal parcheggio. Sempre che sul terreno ci sia effettivamente una traccia.

(*) "trekking dei tre parchi" (Catillo, Lucretili, Cervia/Navegna)
 

Allegati

Ultima modifica:
sicuramente passa in quel vallone sulla destra della strada, scendendo, in direzione del paese...

Alla fine i km sono gli stessi, era solo perché, con le scarpe da trekking ai piedi, meno asfalto faccio meglio è!
 
Ciao Techno... ma io sono arrivato al paese di San Polo dei Cavalieri, da Marcellina non ci sono passato!

il giro l'ho poi chiuso arrivando a Tivoli da San Polo, sempre riserva del Catillo!
Però non conoscevo il sentiero Tivoli-Marcellina, può essere una buona idea!
ops scusa avevo frainteso pensavo parlassi dei tornanti a scendere da prato favale a marcellina
 
Grazie per l'ottimo spunto, senz'altro più appagante di giri simili (anni fa feci Palombara-Gennaro-Scarpellata-Palombara con un lungo rientro sulle carrarecce pedemontane)

ciao Appennino, riprendo questo post perche vorrei fare questo percorso, gennaro dalla scarpellata e discesa a palombara e rientro sui sentieri pedemontani, come hai descritto tu. Solo che non conosco questi sentieri e vorrei evitare di tornare sull'asfalto (parcheggerò vicino la scarpellata). Sapresti descrivermi come prendere i sentieri pedemontani e tornare all'imbocco della scarpellata una volta ridisceso fino all'inizio del sentiero dei tornanti?
Grazie in anticipo!!
 
...come prendere i sentieri pedemontani e tornare all'imbocco della scarpellata...
Ahimé l'ho fatta almeno 10 anni fa (all'epoca giravo con "A piedi nel Lazio" dell'Ardito...) ed ammesso di ricordare qualche segno particolare dopo tanti anni sarebbe del tutto inutile.

Per quello che vale, la rete delle carrarecce pedemontane ora è su OpenCycleMap (vedi ritaglio sotto, clicca per ingrandire) ed il passaggio (lo leggo sulla mappa, non è che me lo ricordo) a parte un piccolo tratto si mantiene tra quota 400 e 450.

Per visualizzare (ed eventualmente stampare) il pezzo che ti interessa fai riferimento a questa escursione:

Wikiloc - percorso Monte Gennaro da Palombara a Marcellina - Palombara Sabina, Lazio (Italia)- GPS track


All'epoca ebbi un po' di strizza per i cani, ma almeno nel mio caso si è confermato che non escono dal fondo anche se la recinzione è un muretto di sassi alto meno di un metro.
 

Allegati

Discussioni simili



Alto Basso