Alpinismo Traversata dei Lyskamm da est a ovest

#1
Parchi della Valle d'Aosta
Massiccio del Monte Rosa
Dati

Data: 29-30/07/2018
Regione e provincia: Valle d'Aosta
Località di partenza: Staffal (Punta Indren)
Località di arrivo: Staffal (Colle Bettaforca)
Tempo di percorrenza: 6 ore da bivacco a rifugio
Chilometri:
Grado di difficoltà: AD
Descrizione delle difficoltà: qualcuno ha detto esposizione, creste affilate, salite ripide (fino a 50°), roccette
Periodo consigliato: estate
Segnaletica: assente
Dislivello in salita: 1.400
Dislivello in discesa: 2.000
Quota massima: 4.527
Accesso stradale: arrivati a Staffal lasciare la macchina davanti agli impianti

Descrizione
Questa è una di quelle gite, che sognavo da qualche anno e che ho sempre considerato fuori dalla mia portata, per fortuna mi sbagliavo.:p
Stupenda cavalcata di cresta a oltre 4.400 metri di quota, ho dovuto spostare ancora una volta il concetto di esposizione, lo scivolo della nord è senza fine visto da lassù.
Un grazie ai miei compagni di avventura @giuliof e atoki, che hanno condiviso questo viaggio con me.:si:

Giorno 1 - salita al bivacco Giordano
Decidiamo di pernottare al bivacco Giordano sul Balmenhorn (Cristo delle vette) è un azzardo, se lo troviamo pieno ci aspetta una notte da incubo, ma è quello che ci permette di partire da più in alto e prima degli altri.

Partiamo come sempre da Staffal il biglietto che ci permette di salire da una parte e scendere dall'altra costa 40€.
Arrivati a punta Indren il ghiacciaio è ancora in discrete condizioni.
IMG_20180729_084317.jpg

Decidiamo di passare dal canalino, la neve ha un buon rigelo, come sempre è bello ripido, fa caldo.
IMG_20180729_091200.jpg

Sbucati dal canale vediamo la nostra meta di domani.
IMG_20180729_092643.jpg

Il ghiacciaio dietro il Gnifetti è quasi tutto chiuso meno due crepacci, con solidi ponti di neve.
IMG_20180729_094419.jpg

Sul crepaccio più profondo, saranno stati almeno 50 metri, un incosciente :azz:, si ferma slegato sul ponte di neve a fare le foto, che gente gira per i ghiacciai:ka:.
IMG_20180729_095301.jpg

La foto non rende giustizia, era senza fondo.
Cammina, cammina, spunta il Balmenhorn.
IMG_20180729_100849.jpg

E dopo anche il Corno Nero.
IMG_20180729_102602.jpg

Il nostro sguardo si rivolge al bivacco, speriamo non ci sia nessuno invece è pieno di gente. :(
IMG_20180729_105117.jpg

In realtà non si fermerà nessuno di quelli già presenti, scopriamo che il giorno prima erano in 19, noi siamo i primi occupiamo subito le brandine, poi un'occhiata alla traversata che ci aspetta.
IMG_20180729_112927.jpg

Nel bivacco c'è un viavai di persone, ma alla fine si fermeranno solo altri 2 italiani diretti alla Capanna Margherita.
La serata passa piacevolmente, non sto molto bene, mangio solo metà della cena, andiamo a dormire presto, ma uno dei due nostri ospiti russa come una motosega :zzz:, mai sentito una cosa del genere, tra altitudine e motosega dormire è un'utopia. :wall:

Giorno 2 - Traversata
Sveglia alle 3:30, anche se eravamo già svegli da mo, sto ancora male, non riesco a fare colazione ed ho un mal di testa fotonico, anche atoki non sta molto bene, ha problemi di cervicale. Prendiamo un antidolorifico e un'aspirina, per fortuna saranno sufficienti.
Partiamo alla luce delle frontali, facciamo il traverso che ci porta all'attacco della salita dell'Orientale, inizia un tratto ripido, superiamo la prima terminale sulla sinistra, la seconda è chiusa, il tratto è duro abbastanza verticale, superatolo terminiamo in cresta, e abbiamo un'amara sorpresa è subito affilatissima :help:, da farti venire i dubbi se proseguire o meno, se la partenza è così, cosa ci aspetta più avanti? o_O
Ma non molliamo e proseguiamo.
IMG_20180730_053835.jpg

Finalmente arriva la luce e posso fare qualche foto decente, ecco la Zumstein e la Gnifetti,
IMG_20180730_055517.jpg

Il tratto di cresta percorsa finora, da entrambe le parti non si può scivolare, decidiamo di stare slegati, se scivola uno, se ne va da solo :gover: e non si porta dietro gli altri.
IMG_20180730_060304.jpg

L'orientale sullo sfondo.
IMG_20180730_060310.jpg

Arriva il sole, non fa molto freddo, ma è più che benvenuto.
IMG_20180730_061840.jpg

Inizia il pezzo più ripido della salita, ma è ben scalinato.
IMG_20180730_062758.jpg

La cresta percorsa vista dall'alto.
IMG_20180730_063416.jpg

La salita è lunga almeno 150 metri verticali, ma arriviamo alla fine. Adesso spiana e sullo sfondo la cima.
IMG_20180730_064929.jpg

Ci aspettano pochi metri di roccette
IMG_20180730_065710.jpg

C'è un passo non banalissimo, ma lo superiamo.
IMG_20180730_065909.jpg

Eccoci sulla vetta dell'Orientale (4.527 metri) la prima cima è fatta.
IMG_20180730_070133.jpg

Ci dovrebbe essere una croce, ma non ce n'è traccia, sarà sotto la neve. Ci aspetta oltre un km di traversata per raggiungere l'Occidentale.
IMG_20180730_070251.jpg

Qualche panorama.
IMG_20180730_070327.jpg

IMG_20180730_070442_HDR.jpg

IMG_20180730_070449_HDR.jpg

La vetta non è larghissima, e lo scivolo davanti poco rassicurante, decidiamo di partire subito.
IMG_20180730_071305_HDR.jpg

All'inizio la traccia è comoda.
IMG_20180730_072551_HDR.jpg

Ma non mancano i tratti affilati improteggibili.
IMG_20180730_073101_HDR.jpg

Proseguiamo tra saliscendi su cresta nevosa.
IMG_20180730_073552_HDR.jpg

Ci avviciniamo al tratto delle roccette.
IMG_20180730_073853_HDR.jpg

Altri tratti affilati ed esposti, anche se oggi è sempre tutto maledettamente esposto. :argh:
IMG_20180730_074422_HDR.jpg

Uno sguardo indietro alla Orientale.
IMG_20180730_074425_HDR.jpg

Eccoci finalmente alle roccette, dove ci aspettano le ultime difficoltà.
IMG_20180730_074921_HDR.jpg

Qui visto da dietro un paio di metri di disarrampicata (II)
IMG_20180730_080113_HDR.jpg

Non ho la foto, perché troppo preso da uscirne indenne, ma qui c'è il tratto più difficile un paio di metri di disarrampicata molto insidiosi (III almeno, forse anche di più) il tutto con i ramponi, ma è l'unico tratto dove usiamo la corda per proteggerci, atoki scende per ultimo con assistenza dal basso.
A questo segue una placchetta con maniglioni per le mani ma zero per i piedi ramponati, qui ci aiutiamo con una fettuccia.
Davanti a noi l'ultimo tratto di roccette.
IMG_20180730_080519_HDR.jpg

Ci sono due spezzoni di corda a semplificare la salita.
IMG_20180730_081756_HDR.jpg

Il tratto di roccette visto dall'alto.
IMG_20180730_083500_HDR.jpg

Qui ci aspetta l'ultimo tratto di cresta, molto affilata, ma molto tracciata e lunga non più di 10 metri.
IMG_20180730_084119_HDR.jpg

Vista da dietro.
IMG_20180730_084316_HDR.jpg

Questa è l'ultima difficoltà, la vetta dell'Occidentale è lì (4.481 metri) comoda comoda.
IMG_20180730_084310_HDR.jpg

Qui stiamo un po' a goderci i panorami e la soddisfazione.
IMG_20180730_084732_HDR.jpg

IMG_20180730_084734_HDR.jpg

IMG_20180730_084737_HDR.jpg

IMG_20180730_084749_HDR.jpg

IMG_20180730_084755_HDR.jpg

Dopo riprendiamo la discesa su ampia cresta.
IMG_20180730_092621_HDR.jpg

La discesa presenta un tratto ripido, ma molto scalinato, si scende faccia a valle, qui visto dal basso.
IMG_20180730_100113_HDR.jpg

C'è ancora un tratto di cresta affilata, ma ormai non ci fa più effetto.:biggrin:
IMG_20180730_100116_HDR.jpg

Mentre scendiamo al colle del Felik riguardiamo la cresta percorsa.
IMG_20180730_103112_HDR.jpg

In breve raggiungiamo il rifugio, dove facciamo una sosta mangerecca, anche per evitare di arrivare alla funivia in orario di chiusura.
Dopo tolti i ramponi scendiamo per il tratto attrezzato e per l'infinito sentiero 9 fino al colle Bettaforca.
Qui prima di scendere facciamo anche un avvistamento.
IMG_20180730_141524.jpg


Che dire un'avventura grandiosa di quelle che mi ricorderò per molto tempo, ma non credo rifarò :lol:.
Fantastica gita in cresta in ambienti spettacolari in ottima compagnia.
 

Ultima modifica:
#3
Bravo!!!!! Stai mettendo in carniere un mucchio di vette. Era in condizioni spettacolari, con traccia da girarci in mtb. Probabilmente hai sofferto la quota, a cena un efferalgan può essere di aiuto.
A quando la rey o la signal?
 
#5
fortuna che soffro di vertigini, mi risparmio ste camminate...:biggrin:

bellissime foto, panorami stupendi e percorsi da toglier il fiato.

capperi quanta gente ci stava nei primi tratti, in confronto le spiagge che frequento sembrano deserti
 
#10
bravi davvero, le foto rendono parecchio, avete avuto una fortuna sfacciata anche con il meteo che ha reso questa traversata uno spettacolo, mi sa che va ricorderete per un bel pò :)
 
#11
Splendido! Tutte quelle lame hanno fatto venire le vertigini anche a me.
bellissime foto, panorami stupendi e percorsi da toglier il fiato.
Bellissimo. Complimenti a tutti e grazie per aver condiviso.
complimenti a tutti e tre vi siete fatti proprio un bel giretto non alla porta di tutti bravi.:si:
Grazie a tutti per l'apprezzamento. :si:
 
#12
Bravo!!!!! Stai mettendo in carniere un mucchio di vette. Era in condizioni spettacolari, con traccia da girarci in mtb.
Grazie. ;)
Le nevicate di quest'anno hanno reso le condizioni dei ghiacciai spettacolari, sarebbe stato un crimine non approfittarne.
Probabilmente hai sofferto la quota, a cena un efferalgan può essere di aiuto.
Soffro sempre un pochino quando mi fermo in quota, se cammino niente.
Di solito dopo qualche ora mi passa, invece stavolta è andata malino, la prossima volta me ne porto uno dietro.
A quando la rey o la signal?
Queste per adesso sono ancora fuori portata, ci ripenso tra un paio d'anni.
 
#14
Nello zaino avevo perfino la sacca della magnesite, dimenticanza di qualche arrampicata delle gite precedenti... :poke:

Peccato che guanti da ghiacciaio e magnesite non vanno d'accordo... sarebbe stato bello osservare la faccia delle cordate successive alla vista delle roccette finali impiastrate di farina bianca... :roll:
 
#18
avevo fatto il connubio spiaggia-deserto per via della sabbia, ma in effetti nei boschi spesso non incontro nessuno o al max qualcuno della zona uscito momentaneamente..

io sono totalmente ignorante dell'alta montagna, è una moda odierna o è sempre stato così ?
Negli ultimi è cresciuto parecchio il numero di frequentatori.
Comunque in alta montagna sono quasi tutti stranieri, le nostre cime rispetto alla Svizzera hanno costi decisamente più contenuti e quindi attraggono più gente.
 
#20
Complimenti davvero!
E foto bellissime ed eloquenti,giornata perfetta e condizioni eccezionali, come d'altronde su tutto l'arco alpino grazie alle nevicate di maggio.
 

Discussioni simili

Contenuti correlati

Alto