Escursione Traversata del Monte Gennaro

Parchi del Lazio
  1. Parco Regionale dei Monti Lucretili
Traversata del Monte Gennaro
Quota
1.275 m
Data 2 gennaio 2024
Sentiero segnato
Dislivello in salita 1.032 m
Dislivello in discesa 1.011 m
Distanza 14,41 km
Tempo totale 6:23 h
Tempo di marcia 4:22 h
Cartografia Il Lupo Lucretili
Descrizione In bus Cotral a Marcellina (272 m). Poi per l’inizio della Scarpellata (576 m, +53 min.), Monte Gennaro (1.275 m, +1,24 h), la Torretta di Monte Morrone della Croce (1.053 m, +40 min.) e Palombara Sabina (300 m, +1,25 h). Bus Cotral per Roma. Veloce escursione in ambiente pienamente invernale.
https://www.montinvisibili.it/traversata-monte-gennaro

Traversata del Monte Gennaro, 2 gennaio 2024. Mi piace molto il periodo natalizio, di luci, suoni e atmosfere che raccontano di tempi sereni e gioiosi, anche se più interiori che esteriori. Quello che non sopporto è la doppietta ultimo dell’anno-capodanno.
Sono abituato fin da bambino ad andare a letto presto e a svegliarmi al cantar del gallo (anzi, generalmente anche prima): alle 21,30 sono già sotto le coltri col mio libro e anche da ragazzo studiavo la mattina prima di andare a scuola.
Quindi dover tirar tardi il 31 – con neanche potermi servire dell’escamotage di portare avanti le lancette di un paio d’ore come quando la pargola era bimba, a imitazione del maestro Mario Canello di Fantozzi – mi pesa assai, perché comunque il primo dell’anno mi sveglio presto e trascorro così stordito tutta la giornata.
Sopportato quindi stoicamente questo ambo micidiale, il 2 è d’uopo recuperare sanità fisica e mentale con una fuga sui monti. E se proprio in questo giorno, la prima escursione di un 2023 denso di camminate fu sui Lucretili, ribadisco anche quest’anno la destinazione che mi permette di utilizzare gli amati trasporti pubblici.
 

Allegati

  • 001 Verso La Scarpellata.JPG
    001 Verso La Scarpellata.JPG
    336,2 KB · Visite: 27
  • 002 Verso La Scarpellata.JPG
    002 Verso La Scarpellata.JPG
    324 KB · Visite: 28
  • 003 Palombara Sabina.JPG
    003 Palombara Sabina.JPG
    333,6 KB · Visite: 26
  • 004 Il Generale.JPG
    004 Il Generale.JPG
    532,4 KB · Visite: 30
  • 005 Il Generale.JPG
    005 Il Generale.JPG
    526,6 KB · Visite: 24
  • 006 Il Generale.JPG
    006 Il Generale.JPG
    380,7 KB · Visite: 26
  • 007 Monte Velino.JPG
    007 Monte Velino.JPG
    247,5 KB · Visite: 25
  • 008 La Torretta.JPG
    008 La Torretta.JPG
    358,4 KB · Visite: 27
  • 009 Monte Gennaro.JPG
    009 Monte Gennaro.JPG
    241,4 KB · Visite: 28
  • 010 Monte Gennaro.JPG
    010 Monte Gennaro.JPG
    215,6 KB · Visite: 28
  • 011 Monte Gennaro.JPG
    011 Monte Gennaro.JPG
    183,7 KB · Visite: 30
  • 012 Fernando Marini.JPG
    012 Fernando Marini.JPG
    205,1 KB · Visite: 28
  • 013 La Torretta.JPG
    013 La Torretta.JPG
    280,1 KB · Visite: 30
  • 014 La Torretta.JPG
    014 La Torretta.JPG
    517,3 KB · Visite: 26
  • 015 La Torretta.JPG
    015 La Torretta.JPG
    278,6 KB · Visite: 27
  • 016 Palombara Sabina.JPG
    016 Palombara Sabina.JPG
    362 KB · Visite: 27
  • 017 Verso Palombara Sabina.JPG
    017 Verso Palombara Sabina.JPG
    495,5 KB · Visite: 28
  • 018 Palombara Sabina.JPG
    018 Palombara Sabina.JPG
    278 KB · Visite: 29
Feci qualcosa di simile parecchi anni fa, purtroppo in auto, parcheggiando piuttosto vicino all' attacco della Scarpellata e chiudendo l'anello, appena uscito dal bosco provenendo dalla Torretta, tramite le carrarecce che intersecano la zona agricola alla base della montagna (quindi senza mai scendere alla quota della provinciale) - in un inquietante abbaiar di cani a guardia dei vari fondi.

In effetti la traversata con l'uso del trasporto pubblico per il rientro sembra più appagante.
 
Feci qualcosa di simile parecchi anni fa, purtroppo in auto, parcheggiando piuttosto vicino all' attacco della Scarpellata e chiudendo l'anello, appena uscito dal bosco provenendo dalla Torretta, tramite le carrarecce che intersecano la zona agricola alla base della montagna (quindi senza mai scendere alla quota della provinciale) - in un inquietante abbaiar di cani a guardia dei vari fondi.

In effetti la traversata con l'uso del trasporto pubblico per il rientro sembra più appagante.
Questione di sensibilità e preferenze. Avendo girato il mondo con i trasporti pubblici, poter non utilizzare l'auto mi da una grande sensazione di libertà, di poter volgere gli scarponi dove più mi aggrada. Oltre che mi sembra più in sintonia con una prospettiva ecologica e meno consumistica. Ma ho diversi amici che questa sensazione ce l'hanno dell'automobile e la sola idea dei mezzi pubblici gli dà la rosolia.
 
Alto Basso