Escursione Traversata del Promontorio del Circeo

Parchi del Lazio
Parco Nazionale del Circeo
Dati

Data: 5 Ottobre 2016
Regione e provincia: Lazio - Latina
Località di partenza: Acropoli di Circe
Località di arrivo: Torre Paola
Chilometri: circa 6 credo
Grado di difficoltà: una E piena visti i tanti tratti esposti
Descrizione delle difficoltà: bisogna prestare molta attenzione ai tanti tratti esposti (in certi punti si cammina davvero sull’orlo del precipizio); il percorso presenta anche alcuni passaggi di I° grado molto divertenti
Periodo consigliato: tutto l’anno, ma io di solito evito l’estate come la peste. In caso di pioggia inoltre, potreste trovare il Quarto Freddo (il versante esposto al Nord) ancora più scivoloso di come è solitamente
Segnaletica: segnaletica buona (pallini rossi) e piano di calpestio piuttosto evidente
Quota massima: 545 mslm
Accesso stradale: dal paese di San Felice Circeo, bisogna imboccare Via dell’Acropoli e seguirla fino alla fine, dove termina con un piccolo anello (tutta strada asfaltata)

Sono stato sul Circeo una quindicina di volte.
E dalla prima volta che ho posato gli occhi su questo magico promontorio roccioso a picco sul mare, mi son detto: prima o poi devo fare la traversata integrale da San Felice e Torre Paola.
Bhé sono passati diversi anni, veramente tanti: ma alla fine ho realizzato questo piccolo sogno.
Ovviamente bisogna attrezzarsi con due veicoli.

Ritengo il promontorio del Circeo un luogo ricchissimo e pochi siti in Italia regalano così tanto dal punto di vista naturalistico, storico, archeologico, panoramico ecc
Se ci pensate abbiamo il mare, un promontorio roccioso, la duna costiera (dune ormai scomparse nel resto d’Italia), quattro laghi costieri, la selva, le isole e tutto il resto

Si arriva a San Felice Circeo, un piccolo borgo che vale davvero la pena di visitare e seguendo Via dell’Acropoli, si giunge nelle vicinanze dell’Acropoli di Circe: qui si lascia la macchina e la si raggiunge in 2 minuti. Alle sue spalle c’è anche un magnifico belvedere sul paese, sulle Isole Pontine e se siete fortunati, il panorama arriva fino ad Ischia e al Vesuvio.

2h6tslh.jpg


Tornati al piazzale, ci si dirige verso il complesso di antenne e la struttura dell’Aeronautica militare: tutto ben visibile, anche troppo. Siamo ancora su strada asfaltata ed in prossimità di una torretta per l’energia elettrica imbocchiamo il sentiero vero e proprio: sul muro è presente tanto di indicazione con freccia, non ci si può sbagliare. Da qui fino alla cima praticamente, seguiamo dei pallini rossi fatti con bomboletta spray.
Poco dopo è ben visibile il nostro obiettivo: la vetta del Picco di Circe.
1y8oyw.jpg


Voltandoci verso l’entroterra, lo sguardo spazia su tutto l’Agro Pontino, sui Lepini (con la Semprevisa avvolta dalle nuvole) e a nord sui Castelli.
ocmqf.jpg


A sud si intravede Terracina ai piedi degli Ausoni.
ncif4n.jpg


Alla nostra sinistra, verso il mare, appaiono quattro delle sei Isole Pontine.
Da sinistra: Zannone, Godi, Ponza e Palmarola.
21to60.jpg


Ormai la vetta, che da questa prospettiva appare come un pandoro, sembra a portata di mano.
2j64oj4.jpg


Dopo un'ampia pausa in vetta, si riprende nuovamente il cammino sempre lungo la cresta fino al Picco d'Istria.
2ypfdwl.jpg


Superiamo il Precipizio.
10fw27d.jpg


Voltandoci si vede bene la lunga cresta rocciosa che scende dalla vetta.
eja59u.jpg


La discesa procede veloce e una volta lasciata la cresta, in breve si raggiunge la sterrata ai piedi del Quarto Freddo che porta a Torre Paola.
2nip5ip.jpg


La giornata volge ormai al termine e vista la temperatura, ne approfittiamo anche per un bel bagno ad ottobre.

Si torna a casa passando per Sabaudia e il Lago di Paola: sullo sfondo l'inconfondibile profilo della Maga Circe.
2uq0mds.jpg


2qdvrc8.jpg
 
Ultima modifica:
Bellissimo percorso. Tra l'altro hai preso una bella giornata limpida e le isole pontine erano ben visibili.
Anche se breve, penso che sia da classificare con un E+, non tanto per l'esposizione che a mio giudizio non è mai eccessiva, ma per il fatto di stare sempre su roccia, che fa diventare la camminata molto incerta e insicura.
Per non partire con due macchine, al ritorno si può fare un giro ad anello passando per il bosco pianeggiante che sta alla base del monte. Sono circa 5/6 km che si percorrono molto agevolmente, in poco più di un'ora.
Tra l'altro questo bosco di sugheri e lecci, in questo periodo è strapieno di funghi di ogni tipo.
Grazie per la condivisione
 
Il Circeo è un luogo sicuramente magico (fosse solo il nome.. ;)) che manca al mio diario, mia moglie che c'è stata me ne parla sempre.
Bellissima escursione e racconto, battezziamola EE (così stiamo larghi che male non fa :p) grazie per la condivisione

Molto interessante anche la variante ad anello che suggerisce @mezcal :si:

Complimenti!
 
Il Circeo è magico e il suo tempo è proprio l'autunno e il pieno inverno quando la luce e l'aria trasparente lasciamo vedere quello che sembra impossibile, dall'Appennino al Vesuvio.
Si esatto, l'inverno è la stagione che preferisco per andarci :si:

Bellissimo percorso. Tra l'altro hai preso una bella giornata limpida e le isole pontine erano ben visibili.
Anche se breve, penso che sia da classificare con un E+, non tanto per l'esposizione che a mio giudizio non è mai eccessiva, ma per il fatto di stare sempre su roccia, che fa diventare la camminata molto incerta e insicura.
Per non partire con due macchine, al ritorno si può fare un giro ad anello passando per il bosco pianeggiante che sta alla base del monte. Sono circa 5/6 km che si percorrono molto agevolmente, in poco più di un'ora.
Tra l'altro questo bosco di sugheri e lecci, in questo periodo è strapieno di funghi di ogni tipo.
Grazie per la condivisione
Allora disciamo un EE secondo la classificazione CAI :si:
Però permettimi di dissentire: l'esposizione é davvero tanta, ci sono punti in cui sotto c'è il vuoto e il piede é a pochi centimetri dal bordo senza esagerare.
Lo dico oggettivamente perché credo di aver portato lassù una cinquantina di pesone di ogni età (dai bambini a persone oltre i 60), in tutte le stagioni e in entrambi i sensi di marcia: ho visto quindi come hanno reagito in base alla propria esperienza, prblematiche conil vuoto ecc.
Alla fine i passaggi su roccia sono semplici, accessibili a chiunque.

Il ritorno attraverso il bosco l'ho sempre preso in considerazione ovviamente ma proprio come ultima spiaggia :biggrin: perché 6km su quel sentiero mi hanno annoiato a morte, ma la mia è una considerazione del tutto soggettiva ;)

Bellissimo giro! Grazie! Un'escursione che ho in programma da circa una decina d'anni...:roll:
Allora non sono l'unico ad aver rinviato per svariati anni :D
 
Dati

Data: 5 Ottobre 2016
Regione e provincia: Lazio - Latina
Località di partenza: Acropoli di Circe
Località di arrivo: Torre Paola
Chilometri: circa 6 credo
Grado di difficoltà: una E piena visti i tanti tratti esposti
Descrizione delle difficoltà: bisogna prestare molta attenzione ai tanti tratti esposti (in certi punti si cammina davvero sull’orlo del precipizio); il percorso presenta anche alcuni passaggi di I° grado molto divertenti
Periodo consigliato: tutto l’anno, ma io di solito evito l’estate come la peste. In caso di pioggia inoltre, potreste trovare il Quarto Freddo (il versante esposto al Nord) ancora più scivoloso di come è solitamente
Segnaletica: segnaletica buona (pallini rossi) e piano di calpestio piuttosto evidente
Quota massima: 545 mslm
Accesso stradale: dal paese di San Felice Circeo, bisogna imboccare Via dell’Acropoli e seguirla fino alla fine, dove termina con un piccolo anello (tutta strada asfaltata)

Sono stato sul Circeo una quindicina di volte.
E dalla prima volta che ho posato gli occhi su questo magico promontorio roccioso a picco sul mare, mi son detto: prima o poi devo fare la traversata integrale da San Felice e Torre Paola.
Bhé sono passati diversi anni, veramente tanti: ma alla fine ho realizzato questo piccolo sogno.
Ovviamente bisogna attrezzarsi con due veicoli.

Ritengo il promontorio del Circeo un luogo ricchissimo e pochi siti in Italia regalano così tanto dal punto di vista naturalistico, storico, archeologico, panoramico ecc
Se ci pensate abbiamo il mare, un promontorio roccioso, la duna costiera (dune ormai scomparse nel resto d’Italia), quattro laghi costieri, la selva, le isole e tutto il resto

Si arriva a San Felice Circeo, un piccolo borgo che vale davvero la pena di visitare e seguendo Via dell’Acropoli, si giunge nelle vicinanze dell’Acropoli di Circe: qui si lascia la macchina e la si raggiunge in 2 minuti. Alle sue spalle c’è anche un magnifico belvedere sul paese, sulle Isole Pontine e se siete fortunati, il panorama arriva fino ad Ischia e al Vesuvio.

2h6tslh.jpg


Tornati al piazzale, ci si dirige verso il complesso di antenne e la struttura dell’Aeronautica militare: tutto ben visibile, anche troppo. Siamo ancora su strada asfaltata ed in prossimità di una torretta per l’energia elettrica imbocchiamo il sentiero vero e proprio: sul muro è presente tanto di indicazione con freccia, non ci si può sbagliare. Da qui fino alla cima praticamente, seguiamo dei pallini rossi fatti con bomboletta spray.
Poco dopo è ben visibile il nostro obiettivo: la vetta del Picco di Circe.
1y8oyw.jpg


Voltandoci verso l’entroterra, lo sguardo spazia su tutto l’Agro Pontino, sui Lepini (con la Semprevisa avvolta dalle nuvole) e a nord sui Castelli.
ocmqf.jpg


A sud si intravede Terracina ai piedi degli Ausoni.
ncif4n.jpg


Alla nostra sinistra, verso il mare, appaiono quattro delle sei Isole Pontine.
Da sinistra: Zannone, Godi, Ponza e Palmarola.
21to60.jpg


Ormai la vetta, che da questa prospettiva appare come un pandoro, sembra a portata di mano.
2j64oj4.jpg


Dopo un'ampia pausa in vetta, si riprende nuovamente il cammino sempre lungo la cresta fino al Picco d'Istria.
2ypfdwl.jpg


Superiamo il Precipizio.
10fw27d.jpg


Voltandoci si vede bene la lunga cresta rocciosa che scende dalla vetta.
eja59u.jpg


La discesa procede veloce e una volta lasciata la cresta, in breve si raggiunge la sterrata ai piedi del Quarto Freddo che porta a Torre Paola.
2nip5ip.jpg


La giornata volge ormai al termine e vista la temperatura, ne approfittiamo anche per un bel bagno ad ottobre.
15z4jn4.jpg


Si torna a casa passando per Sabaudia e il Lago di Paola: sullo sfondo l'inconfondibile profilo della Maga Circe.
2uq0mds.jpg


2qdvrc8.jpg
Molto bello.Ho fatto l'attraversata da Torre Paola a San Felice Circeo qualche tempo fa e l'ho trovata entusiasmante soprattutto dal punto di vista paesaggistico.Complimenti.
 
Certo che la Maga si trattava propio bene: certi panorami!!!! Complimenti e grazie del bellissimo giro: interessante, divertente per l'esposizione e dove l'occhio può veramente spaziare ovunque.
 
Il Circeo è fantastico! Consiglio di andarci in autunno inverno e primavera e fare un percorso ad Anello che copre tutta la traversata su cresta......Complimenti!
 

Discussioni simili



Alto Basso