Trekking Traversata integrale nord-sud della Laga

Parchi del Lazio
  1. Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga
Dati

Data: 3/4 luglio 2022
Regione e provincia: Marche Lazio Abruzzo
Località di partenza: Spelonga (AP) fine sterrata per il monte Comunitore, quota 1500mt.
Località di arrivo: Campotosto (AQ)
Tempo di percorrenza: 7h + 8,30h
Chilometri:19+ 18
Grado di difficoltà: EE superallenati
Descrizione delle difficoltà: Tutto quello che passa la montagna
Periodo consigliato: giugno/ ottobre
Segnaletica: sentiero Italia
Dislivello in salita: 1500mt. + 1200mt.
Dislivello in discesa: 800mt. + 1900mt.
Quota massima: Monte Gorzano 2458mt.
Accesso stradale: sulla ss4 Salaria salire a Spelonga e poi 8 km. di sterrata ( da fare con fuoristrada o auto un po' rialzate)



Descrizione

Laga selvaggia, laga fiabesca, Laga bellissima, e Laga lontanissima oserei dire, almeno per me.

Ma pur essendo lontanissima (soprattutto per le vie di accesso), l'ho percorsa abbastanza ed in tutti i settori, anche d'inverno.
Ed e' stato in un freddo lunedì del marzo di quest'anno che, mentre un gelido vento mi obbligava ad indossare il passamontagna per la prima volta in quindici anni, ripassando a mente i vari pezzi di cresta percorsi nelle precedenti occasioni ho pensato di unire il tutto e traversare tutta la Laga da nord a sud.
Ho cominciato a pensare a come risolvere i problemi di logistica/spostamenti e quelli legati all'approvvigionamento di acqua senza dover scendere di centinaia di metri dal percorso di cresta.
Un amico si è prestato ad accompagnarmi alla partenza e di ripasso a depositare la mia Panda 4x4 a Campotosto, per l'acqua ho chiesto consiglio ad un grande conoscitore della Laga, Leo da Solo; in ogni caso la domenica precedente, in occasione di una gita al Pelone Nord (troppo spostato ad est da includere nella traversata) sono salito a Cima Lepri per dare uno sguardo al percorso fino al Pizzo di Moscio ma soprattutto ho provveduto a depositare tre litri di acqua sotto un roccione nei pressi del Vado di Annibale.
E così dopo tre ore e mezzo di viaggio da casa, mi avvio a piedi dalla fine della sterrata che sale da Spelonga col mio zaino da due giorni e osservando con timore e speranze il mio primo riferimento di giornata, il lontanissimo Pizzo di Sevo.
Dopo Passo il Chino risalgo i verdi pascoli fino alla prima di quelle che alla fine saranno quattordici delle diciassette cime over 2000 dell'intera catena, la Macera della Morte; da qui il Pizzo mi sembra molto più vicino, anche perchè conosco benissimo percorso e distanze. Intanto nonostante non sia afoso, sudo tantissimo e consumo acqua, ma alle quattordici ed in anticipo, dopo aver attraversato i pascoli tra Le Vene ed il Pizzitello una piccola pettata di duecento metri mi conduce sul Pizzo di Sevo 2419mt.
Grandiosa vista sulla conca amatriciana da un lato e sulla valle del Rio Castellano dall'altra, mentre il Pizzo di Moscio (mio b&b odierno), appare ancora lontanissimo a sud est della Cima Lepri.
Mentre scendo osservo il Vado di Annibale dove un gruppo di escursionisti e' in sosta, ma quando arrivo giù sono andati via e realizzo che oramai sono solo sulla montagna ( vedrò da lontano due persone solo 24 ore dopo nei pressi della Sella Laga), la situazione mi crea qualche apprensione è vero, ma mi dà un senso di appagamento interiore molto profondo, sono solo con la mia fatica ed i miei pensieri circondato da bellezze naturali che mi fanno stare veramente molto bene.
Pensando e pensando, osservando e osservando, sono al cospetto dell'ultima fatica di giornata, la cresta ovest del Pizzo di Moscio che brucia le mie residue energie ma che calpesto in perfetto orario col mio programma alle 17,00, è la quarta volta ma è incredibilmente la prima che la vedo senza neve; mi appaiono visuali conosciute verso la Storna ed i rifugi di quel lato, i boschi della Morricana e del Ceppo, ora devo solo trovare l'acqua che ci dovrebbe essere e c'è, a 2300 mt. alcune rocce sul sentiero verso la Storna distillano rivoli di preziosa acqua, come del resto mi aveva garantito Leo da Solo, fino a domani alla Fonte Pane e Cacio sono a posto, Grazie infinite Leo.

Lunedì 4 luglio

Un discreto vento da ovest ha tormentato il mio riposo a 2300 mt. appena sotto la vetta del Pizzo di Moscio, la tenda ha ballato senza sosta ma ha retto bene, pur non essendo un habituè penso di averla ancorata perfettamente, ma mi godo ( grazie Leo) un'alba sull'Adriatico indimenticabile con il sole che fa capolino e sale esattamente al centro delle Montagne Gemelle, che da questo punto di osservazione sono diversissime da come appaiono dalla costa.
Il cammino verso sud riprende con Pelone Meridionale e Monte Spaccato, prima di affrontare una durissima e verticale salita di 300 metri verso il re della Laga, il Monte Gorzano; salita da non sottovalutare e da affrontare con giusto ritmo e scegliendo quasi ad ogni passo gli appoggi giusti.
Questo tratto non l'avevo mai fatto e devo dire che è molto bello con i tipici fossi della Laga a dx e a sx, mentre dal Gorzano e per tutto il tempo dell'attraversamento delle tre Cime della Laghetta, alla mia sx domina la grandiosa valle delle Cento Fonti e delle Cento Cascate, alla mia dx impressionanti fossi su Amatrice e poco dietro l'azzurrissimo lago di Campotosto e la via mi ridiventa familiare. Dalla Laghetta Nord una cresta di un km. scende per duecentocinquanta metri fino alla Cipollara 2125mt., la faccio libero dal peso dello zaino in poco più di un'ora, poi cavalcata su e giù fino alla Sella Laga dove la sorgente Pane e Cacio ritempra la mia gola ormai arsa.
Quindi ultima fatica la salita al Monte di Mezzo di Campotosto, con un passaggio per niente banale di arrampicata che si può evitare girandogli attorno a dx, ma anche questa via, sebbene recante vecchi segni bianchi e rossi, è molto delicata e da affrontare con grandissima attenzione.
La discesa su Campotosto dal Colle del Vento è stata decisamente avventurosa e non la consiglio nonostante la presenza di grossi ometti.

E questo e' quanto le mie forze mi hanno concesso sulla Bellissima Laga nei giorni di domenica 3 e lunedi 4 luglio 2022.

Ora alcune delle tantissime immagini immortalate
DSC02829.JPG

In partenza
DSC02831.JPG

Un lontanissimo Pizzo di Sevo
DSC02839.JPG

Verso la Macera della Morte, dietro il Monte Vettore
DSC02846.JPG

Dalla Macera della Morte il Pizzitello, Pizzo di Sevo e Cima Lepri
DSC02847.JPG
DSC02852.JPG

La strada percorsa fino al Pizzo di Sevo
DSC02856.JPG
DSC02857.JPG

Tutta la salita per Cima Lepri, il Pizzo di Moscio ancora lontano
DSC02867.JPG

Da Cima Lepri si intravvede il Lago di Campotosto
DSC02869.JPG

Impressionanti fossi scendono verso la conca di Amatrice
DSC02870.JPG

Il Pizzo di Moscio
DSC02872.JPG
DSC02881.JPG
DSC02886.JPG

Pizzo di Moscio 2411mt.
DSC02891.JPG
DSC02900.JPG
DSC02909.JPG
DSC02913.JPG

Dal Monte Spaccato la pettata al Gorzano
DSC02916.JPG

Gorzano
DSC02918.JPG
DSC02920.JPG
DSC02928.JPG

Verso la Cipollara
DSC02930.JPG
DSC02938.JPG

Sulla cresta della Laghetta
DSC02922.JPG

La Valle delle Cento Fonti ed il Gran Sasso
DSC02943.JPG

Cresta della Laghetta
DSC02945.JPG
DSC02952.JPG

Laghetta Sud
DSC02953.JPG
DSC02954.JPG

Monte di Mezzo di Campotosto
DSC02959.JPG
DSC02960.JPG
 
Affascinante. Sobria e bellissima narrazione, immagini suggestive...e grandiosa l'idea dell'acqua lasciata per tornerci! Grazie della condovisione!!
 
@Leo da solo è una garanzia su Laga e Gran Sasso.
Ho fatto questa traversata in senso inverso nel 2009, dormendo senza tenda al Vado di Annibale e scendendo a prendere l'acqua alla Fonte Ranna, circa 200 metri sotto il vado.
Sublime l'idea di lasciare una riserva d'acqua.
 
Coordinatometro di Avventurosamente
Alto Basso