Io resto avventurosamente a casa! Consigli per sopravvivere a casa in tempo di pandemia

Trekking con cane in montagna

Ciao a tutti, vorrei un parere sulla sistemazione di un cane di taglia media (20kg) in trekking di più giorni in montagna, ho comprato ora una tenda nuova ma ripensandoci non vorrei correre il rischio che con le sue unghie e i suoi movimenti bruschi rischi di bucarla.
Le soluzioni che ho trovato sono di mettere un telo fuori dalla tenda con un pezzo di materassino o mettergli una specie di calzetti alle zampe.
Si tratta di un setter quindi ha un pelo medio lungo la mia paura è che a quote di 2000-2500m non sopporti il freddo pur avendo un telone sopra, premetto che partirò questa estate ma non escludo periodi autunnali...consigli?
 
Ciao Luca.
Un cane da caccia, e per giunta con il pelo lungo come il tuo setter, a meno che lo porti a -10....... non patisce di sicuro il freddo. Giusto mettere un telo sopra il suo luogo di ricovero notturno (in caso di pioggia la cosa potrebbe complicarsi).
buon trekking!
p.
 
Ciao Luca, penso che la soluzione migliore sia farlo dormire nell'abside della tenda, quindi leggermente riparato dal vento e dall'umidità. Le unghie ogni tanto bisogna tagliargliele e penso che non ci siano problemi.
 
Ciao Luca,
Che bella l'idea di partire per un trekking col tuo cane!
Avete già avuto esperienze simili, magari con pernottamenti in altre situazioni? Te lo chiedo perché come ben immaginerai potrebbe essere un'esperienza molto appagante ma anche impegnativa per il quattrozampe (oltre che per te, ovviamente, considerando solo il peso extra che dovrai portare per il suo cibo e, da non dimenticare, la sua acqua - a questo proposito verifica la presenza di pozze, ruscelli o altre tipologie di corsi d'acqua, così magari puoi vedere di ridurre un po' la quantità che porterai).
Su che tipo di fondo vi muoverete? Devi considerare anche questo aspetto, in ogni caso le "scarpette" prendile su (e se hai modo fai un po' di prove a casa, prima) - se dovesse tagliarsi un cuscinetto ti torneranno molto utili.
Fai in modo di avere con te anche un kit di pronto soccorso veterinario e umano, ovviamente (ci sono articoli che vanno bene per entrambi, come la benda di compressione Vetrap ad esempio) - per quello a uso del peloso senti il tuo veterinario, che saprà consigliarti al meglio.
Ricorda anche di portare con te il libretto sanitario e i numeri di riferimento del veterinario più comodo alla zona in cui vi sposterete.
Credo che con una buona ed efficace pianificazione della vostra avventura sarà una bellissima esperienza per entrambi!

Fai un un po' di grattini al tuo setter da parte mia :)
 
ps_ sul discorso del taglio delle unghie, prima di tagliarle senti il vet: il nostro Beagle, per esempio, non ne ha bisogno (camminiamo molto, con tratti anche su asfalto, quindi diciamo che se le lima da solo).
 
Un buon libro di itinerari su Veneto-Trentino da fare con il cane:

"Dolomiti a 6 zampe" di Antonella Fornari, Ed.ne Le Formiche
www.edizionidbs.it/shop/guide-e-itinerari/dolomiti-a-sei-zampe-cani-itinerari-con-il-cane-in-veneto-e-trentino/

Come dice nella didascalia del sito, è importante che nell'itinerario ci siano delle fonti d'acqua e dell'ombra ben distribuite, perché il cane soffre parecchio se non può rinfrescarsi e il percorso è sotto il sole battente.
Ho fatto un'escursione con una persona che aveva un cane (un golden retriever) di circa 5 ore a marzo scorso, e avevo messo solo una tappa a metà percorso con una fonte d'acqua per rinfrescarsi. Al ritorno (senza fonti d'acqua) il cane ha sofferto parecchio (e per fortuna c'era un bagno pubblico dove prendere acqua per rinfrescarsi).
 
Un buon libro di itinerari su Veneto-Trentino da fare con il cane:

"Dolomiti a 6 zampe" di Antonella Fornari, Ed.ne Le Formiche
www.edizionidbs.it/shop/guide-e-itinerari/dolomiti-a-sei-zampe-cani-itinerari-con-il-cane-in-veneto-e-trentino/

Come dice nella didascalia del sito, è importante che nell'itinerario ci siano delle fonti d'acqua e dell'ombra ben distribuite, perché il cane soffre parecchio se non può rinfrescarsi e il percorso è sotto il sole battente.
Ho fatto un'escursione con una persona che aveva un cane (un golden retriever) di circa 5 ore a marzo scorso, e avevo messo solo una tappa a metà percorso con una fonte d'acqua per rinfrescarsi. Al ritorno (senza fonti d'acqua) il cane ha sofferto parecchio (e per fortuna c'era un bagno pubblico dove prendere acqua per rinfrescarsi).
È molto triste leggere di cani che soffrono, non è mia intenzione giudicare nessuno ma ricordate sempre che siamo noi bipedi i responsabili del loro benessere, a 360 gradi.
 
lungo la strada ci dovrebbero essere vari abbeveratoi, come soluzione per il rischio di squarciare la tenda ho preso un telo da aggiungere all'interno di essa che funge da doppio pavimento :D comunque il cane l'ho portato solamente una volta in trekking di una sola notte a 1300-1400m , calata la sera era sfiancato :O
 

Discussioni simili



Alto Basso