tutto sul tarp

Io ho il DD 3x3 e lo trovo più che sufficiente; riguardo le zecche...io ne prendo talmente tante che non noto troppo la differenza dalla tenda al tarp ma...questa è una "fortuna" (maledizione!) mia, piaccio tanto a quei simpatici animaletti...
 
Da qualche anno non costituisco più attrazione per le zecche,e ne sono lieto:D.A proposito,giovedì , venerdì e sabato sarò in trek con il mio DD 3x4,5 :si: .
 
Leggo che molti si lamentano che il tarp 3x3 non copre bene tutta l'amaca, nessuno possiede il tarp esagonale Sargasso della Tenth Wonder?
 
Il 3x3 lascia scoperti i cavi della tenda, ma per me non è un gran problema; è vero che se piove l'acqua ci scorre su, ma se mettiamo qualcosa di annodato al moschettone ed un cordino che scende a terra l'acqua dovrebbe scorrerci su, come fanno per alcune grondaie insomma. Per ora non mi ha dato particolari problemi, poi chissà...
 
Uff uff letto tutto.......durante l'uscita di maggio sulla AVML proverò il tarp, personalmente ritengo che non sia una gara tra chi è meglio o peggio, è solo una questione di preferenze personali, detto ritengo anche che se si arriva in condizioni estreme la tenda abbia dei vantaggi (estreme non vuol dire zero gradi) certo che una tenda ferrino legend 3 è un prodotto con delle caratteristiche tecniche al top......costa anche 715 euro (sti C***I ) un telo base 3x3 per fare escursioni tarp parte da 12 euro, mi sembra anche giusto che ci siano delle differenze......passando oltre vorrei fare una domanda siccome i classici teli PVC si distinguono per grammature al metro, secondo voi c'è differenza tra un telo 100gr/m e uno 120gr/m nel senso che questi 20gr/m si vedono si sentono qualitativamente oppure no?
grazie
 
S

Speleoalp

Guest
Io non posso aiutarti... ahah nei materiali la differenza che noto maggiormente è legata solo alla robustezza, ahah
Addirittura nelle tende.... noto solo se è resistente o fragile, ahah

Quindi non saprei dirti, ma personalmente se il materiale è resistente già di base... sicuramente non vedrei differenze e soprattutto non le sentirei nella pratica.

Ma come detto, è un ragionamento personale ;))
 
Mah!
Penso che la resistenza agli strappi, dipenda più dal modo di essere costruito che dalla grammatura.
Ora non so a che ti riferisci quando parli di "classici teli PVC".
So che ci sono teli occhiellati che la resistenza agli strappi (che è poi quella che ci interessa) viene determinata dalla tramatura interna più che dallo spessore.
 
Uff uff letto tutto.......durante l'uscita di maggio sulla AVML proverò il tarp, personalmente ritengo che non sia una gara tra chi è meglio o peggio, è solo una questione di preferenze personali, detto ritengo anche che se si arriva in condizioni estreme la tenda abbia dei vantaggi (estreme non vuol dire zero gradi) certo che una tenda ferrino legend 3 è un prodotto con delle caratteristiche tecniche al top......costa anche 715 euro (sti C***I ) un telo base 3x3 per fare escursioni tarp parte da 12 euro, mi sembra anche giusto che ci siano delle differenze......passando oltre vorrei fare una domanda siccome i classici teli PVC si distinguono per grammature al metro, secondo voi c'è differenza tra un telo 100gr/m e uno 120gr/m nel senso che questi 20gr/m si vedono si sentono qualitativamente oppure no?
grazie

boh, io ho dormito con il saccoletto a -7 sotto una balma, in mezzo alla neve e son stato bene, quindi diciamo che fino ad un certo punto è questione di agattamento alle temperature ecc... più che il freddo in sé il problema può essere il vento, soprattutto se si usa l'abbinamento tarp/amaca. L'aria che ti passa sotto è un bel problema. In inverno giornate ventose non ne ho trovate quindi non so dirti, ma ad occhio credo che potrebbe essere una bella bega stare sotto zero con il vento. Ovviamente con il tarp l'orientamento rispetto a mr eolo è importante, conviene sempre farci caso, come con l'amaca avere comunque un materassino o qualcosa che isoli la parte sotto del saccoletto.
Diciamo che la tenda ti da più isolamento dall'esterno, mentre il tarp, se abbinato ad un'amaca, è più versatile (quantomeno in ambito boschivo). La tenda fino ad un certo limite crea un microclima e isola meglio dal vento, ma se non trovi un punto abbastanza pianeggiante dove piantarla la notte non sarà delle migliori, mentre tarp e amaca se ci sono alberi li metti ovunque.
Riguardo alla grammatura dei teli occhiellati, più che quest'ultima credo conti il tipo di trama del tessuto (che poi tessuto non è); esistono teli con una trama a quadratini, tipo il cotone ripstop per intendersi, che dovrebbero essere un po più resistenti.
 
Uff uff letto tutto.......durante l'uscita di maggio sulla AVML proverò il tarp, personalmente ritengo che non sia una gara tra chi è meglio o peggio, è solo una questione di preferenze personali, detto ritengo anche che se si arriva in condizioni estreme la tenda abbia dei vantaggi (estreme non vuol dire zero gradi) certo che una tenda ferrino legend 3 è un prodotto con delle caratteristiche tecniche al top......costa anche 715 euro (sti C***I ) un telo base 3x3 per fare escursioni tarp parte da 12 euro, mi sembra anche giusto che ci siano delle differenze......passando oltre vorrei fare una domanda siccome i classici teli PVC si distinguono per grammature al metro, secondo voi c'è differenza tra un telo 100gr/m e uno 120gr/m nel senso che questi 20gr/m si vedono si sentono qualitativamente oppure no?
grazie
La grammatura maggiore è certamente più performante rispetto ad una minore;ad esempio,a parità di tutto (montaggio,esposizione,raffiche di vento) certamente un telo di grammatura superiore reggerà meglio.Ti sconsiglio,per esperienze acquisite,di acquistare prodotti non tecnici.Un telo di pochi euro regge bene al suo compito"coprire un auto,la legna,o quanto";solo ad un tarp invece,concepito a tale uso, puoi affidare l'incognita climatica che potrai trovare durante un bivacco che tramuterebbe una notte al riparo in una spiacevole notte.;):si:
 
S

Speleoalp

Guest
C'è anche da dire che il modo in cui si piazza un determinato materiale può fare la differenza ;)
Io non ho mai avuto un vero e proprio TARP, non ne ho mai trovati non troppo cari... ho alcuni "bivy-poncho"... oppure uso quelli da ferramenta/copertura tetti.... che non si rompono quasi neanche con il coltello. Poi li piazzo sempre piuttosto bene, in quanto il pericolo principale di rottura sono gli strappi causati dal forte vento... se proprio dal peso della neve che si accumula... ma sempre problemi causati da un'errata predisposizione ;))

A me non si sono mia rotti ;)) seppur avendo affrontato parecchie uscite e parecchie condizioni ,-))

Per me rimane l'importanza del come si piazza, non dev'essere bello, comodo, ecc ma dev'essere sicuro e pratico.
 
Ecco adesso una tabella comparativa delle diverse configurazioni di assetto di tarp e la relativa percentuale di copertura

11081510985_57c20c5aba_b.jpg

Ciao a tutti. Vi chiedo gli ennesimi consigli.
Il mio tarp è un semplicissimo telo da ferramenta occhiellato. Ipotizzando di voler utilizzare la configurazione "Winter/4-seasons" a terra, si otterrebbe praticamente una sorta di tenda. Ma come si potrebbe fare per picchettare a terra il tarp senza rovinare un eventuale footprint? Bisogna per forza tenerlo più stretto, lasciando una porzione di terreno scoperta? Si picchetta insieme al tarp e si cerca ogni volta di metterlo nella stessa posizione per non bucarlo continuamente? Nel caso, quale materiale ritenete maggiormente "sacrificabile" per essere utilizzato come footprint? Oppure semplicemente non si picchetta nemmeno il tarp?
Inoltre, secondo voi, questa configurazione sarebbe praticabile in una zona senza alberi e compatibile con un fuoco?

Grazie mille come al solito,
Lorenzo
 
W

Woodvivor

Guest
Ciao a tutti. Vi chiedo gli ennesimi consigli.
Il mio tarp è un semplicissimo telo da ferramenta occhiellato. Ipotizzando di voler utilizzare la configurazione "Winter/4-seasons" a terra, si otterrebbe praticamente una sorta di tenda. Ma come si potrebbe fare per picchettare a terra il tarp senza rovinare un eventuale footprint? Bisogna per forza tenerlo più stretto, lasciando una porzione di terreno scoperta? Si picchetta insieme al tarp e si cerca ogni volta di metterlo nella stessa posizione per non bucarlo continuamente? Nel caso, quale materiale ritenete maggiormente "sacrificabile" per essere utilizzato come footprint? Oppure semplicemente non si picchetta nemmeno il tarp?
Inoltre, secondo voi, questa configurazione sarebbe praticabile in una zona senza alberi e compatibile con un fuoco?

Grazie mille come al solito,
Lorenzo

Ciao,
personalmente non ho ben capito cosa intendi. Ti dico come faccio io di tanto in tanto, con vento o senza vento. Con pioggia forte o sole. Con neve o grandine ;)


Il "setup" é quello da te elencato... quindi a formare una sorta di tenda Canadese.
Se ci sono alberi bene.... altrimenti piazzo due bastoni nel terreno, in profondità e picchettati frontalmente, lateralmente ci penseranno poi i picchetti/tiranti laterali al telo (se non é possibile per vari motivi... non é quello il "setup" adatto alla situazione, almeno per me).

Ovviamente la predisposizione, distanze, altezze, ecc le realizzo in modo da far coincidere gli occhielli con il terreno sui quattro angoli.
Per il sostegno di colmo utilizzo del cordame o un ramo lungo fissato sui due pali.
Facendo ovviamente attenzione a lasciare liberi i quattro lembi che creano le "porte".

Da un lato, in quanto non mi serve la doppia entrata/uscita, la chiudo. Ma dipende da quanti occhielli hai... io di solito riesco ad averne tre, parte alta, centrale e bassa. Ci infilo un ramo flessibile e lo picchetto a terra. I quattro angoli li fisso al terreno, in pratica si tira sù da solo ;)

Con i teli da ferramenta, visto i costi non esagerati, utilizzo un fuoco schermato da qualche pietra piatta... che si riscalda, proteggendo dalla fiamma e dalle scintille.
Anche se solitamente amo l'approccio molto minimale proprio per non dover avere problemi tra fuoco e materiali, che meno sono... meno rischi corrono.
Insomma, come alcune filosofie degli amanti del genere nella Siberia ;) No teli, no tende, no sacchi a pelo.... ma fuoco, fuoco, fuoco, rifugio naturale e rami ;)

;) Si capisce "nà mazza" neh ? ahah

 
Grazie Woodvivor, avevi capito cosa intendevo ;)
Però mi sa che tu a un telo anche sotto non ci pensi nemmeno... sono io che sono ancora troppo cittadino :)
 
W

Woodvivor

Guest
Grazie Woodvivor, avevi capito cosa intendevo ;)
Però mi sa che tu a un telo anche sotto non ci pensi nemmeno... sono io che sono ancora troppo cittadino :)

ahah, ottimo ;)
Ehm, no... a sotto no ;)
Ma onestamente...senza offesa, ma se preferisci avere il riparo sia sopra che sotto... non ti conviene una tendina ??
Ce ne sono di leggere uguali ;)

Altrimenti ti basta un altro telo, più piccolo... per evitare che l'acqua (anche se andrebbero creati dei canali, ecc per indirizzarla altrove e non dentro o sotto al riparo), puoi realizzare dei picchetti semplici, in maniera da inserire gli occhielli del "telo-pavimento" su questi picchetti e tenere tutto il perimetro del telo rialzato. Così non entra acqua. Il telo ovviamente dovrebbe essere più piccolo rispetto al perimetro degli spioventi del Tarp esterno.
 
Domanda terra terra da uno che ha bivaccato pochissimo in natura selvaggia intendo, escludendo campeggi estivi rifugi et similia.
Tarp hammocks 3*3 bene per Uno.
Per due meglio andare direttamente su un 4"4 ?
Inoltre non mi risulta che hammlocks fabbrichi amache per 2..eviterei prodotti economici tipo decathlon ...che durano poco e non sono robusti
c'è la.si fa a piazzare 2 amache hammlocks sotto un 4x4 o è meglio procurarsi un amaca di qualità per 2 (portata sui 240 kg ....non perché siamo orsi ma calcolando che ti muovi nel sonno meglio abbondare che decidere
. prendersi una panzata da 1 metro di altezza e soprattutto rimanere senza amaca alle 2 di notte non deve essere il massimo) thanks
 
Corso di Orientamento
Alto Basso