Escursione Un anello per La Regina

Parchi delle Marche
Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga
Dati

Data: 22/06/2020
Regione e provincia:Marche AP
Località di partenza: Fonte d'amore (San Giovanni)
Località di arrivo: Fonte d'amore
Tempo di percorrenza: 8h
Chilometri:
Grado di difficoltà: EE
Descrizione delle difficoltà: Possibili nevai nei numerosi fossi
Periodo consigliato: giugno/luglio
Segnaletica: presente (S.I e poi 325)
Dislivello in salita: 917m
Dislivello in discesa: 917 m
Quota massima: 1800 m (circa)
Accesso stradale: fino a San Giovanni poi si continua lungo una sterrata per cui serve pagare il pedaggio
Traccia GPS:


Descrizione

Vorrei descrive un magnifico anello che permette di immergersi nella valle del Castellano e di scoprire le numerose cascate e scivoli d'acqua che caratterizzano soprattutto la testata della valle.
Il percorso è riportato nella guida dei Monti della Laga (Alesi, Calibani, Palermi) che consiglio vivamente a chi interessato.
Prima di iniziare la descrizione voglio precisare che per percorrere la strada sterrata che conduce alla partenza (Fonte d'amore) serve acquistare un permesso giornaliero (per la raccolta funghi) del costo di 10 euro a macchina, questo almeno per chi viene da Ascoli si può comprare nel bar dell'ultima area di sosta prima di Acquasanta Terme.

Percorsi circa 6 km di strada bianca e sconnessa dopo San Giovanni si arriva ad un evidente bivio e qui si lascia l'auto (piccolo slargo sulla sinistra) e si imbocca a piedi la strada che continua in salita.

209718


La si percorre fino a che questa termina con una sbarra in ferro (con una piccola deviazione è possibile visitare la prima magnifica cascata incastonata tra gli alberi e le rocce), si supera la sbarra e immediatamente, in corrispondenza di un paletto (senza alcun segnale) si prende a destra un esile sentiero che risale all'interno del bosco una ripida cresta con numerosi tornanti.

209719


Quando la salita torna dolce si intercetta la pista che sale dai Piani Cattini (1474 m) ora la vista sul bosco di S.Gerbone è magnifica e vale la pena fermarsi un momento a bere e mangiare qualcosa, si continua a seguire la pista in salita evitando il bivio (con sbarra) e in breve sempre salendo comodamente si arriva ad un casale (1525 m) al limite superiore del bosco. Qui termina la pista e si risale il pendio all'inizio liberamente e poi si segue una pista che si fa netta e attraversa il prato e gli arbusti. Si trascurano tutte le deviazioni, alcune sono semplici piste di animali che poi si perdono tra gli arbusti, fino ad arrivare sulla cresta boscosa dove ci si collega al largo e segnalato sentiero Italia, lo si prende e si segue verso sinistra.
Si segue la larga traccia che supera sulla destra il rilievo di Costa la Tana e poi sulla sinistra il Monte Cesarotta, sempre attraversando uno stupendo bosco di faggi che qui raggiunge quote veramente notevoli, siamo intorno ai 1800 m.
Ora si imbocca la deviazione sulla sinistra (segnata) e il sentiero abbandonata la cresta continua pianeggiante fino ad uscire dal bosco, qui ci si trovo in un ambiente completamente diverso da quello del resto dell'escursione percorsa fino ad ora, lo sguardo non spazia più verso le colline del piceno e non è più possibile vedere la parete del Gran Sasso fare capolino tra le vette, ma si è completamente immersi nella valle del castellano con un continuo susseguirsi di cascatelle e piccoli rii da attraversare. Ogni fosso nasconde diramazioni della valle dando al tutto un'aria selvaggia e di natura incontaminata,complice le nuvole che ogni tanto ci riversavano addosso un bel acquazzone.
209720


209722


209723


209724


Ora il sentiero è sempre segnato e ben inciso, bisogna comunque fare attenzione a seguire i paletti con i segnali bianco-rossi e non invece una delle tante piste dei cinghiali, dopo il Fosso li Quarti si ritorna prima a costeggiare poi si rientra nel bosco secolare da cui si esce quando ormai si è sulla testata della valle. Raggiunto un casale si superano due fossi molto incisi e poi si continua in discesa dove si incontra addirittura un cartello con le indicazioni del sentiero da seguire.

209725


Si scende con il rumore dell'acqua che rimbomba sempre più forte, ovunque ci si volti si vedono cascate anche di dimensioni notevoli e ruscelli impetuosi, quando si entra nuovamente, e definitivamente nel bosco ormai convinti che gli spettacoli d'acqua più belli siano alle spalle, si attraversa il ruscello che subito a valle del guado crea una magnifica pozza che invoglierebbe a farsi un bagno, ma guai perché solo un metro dopo l'acqua precipita per decine di metri in quella che come dice il nome è La Regina, tra le cascate della valle del castellano.
209726


Con una brevissima deviazione è possibile arrivare ad un balconcino roccioso da cui la cascata si ammira in tutta la sua bellezza.
Ora non resta che scendere lungo il bosco lungo una crestina a cui il muschio dona un'aria fiabesca, fino alle prese dell'Enel nella Piana dei cavalieri. Se decidete di visitarla preparatevi a veder sparire la gran parte dell'acqua che viene da monte, permettendo solo di immaginare qual'era la portata d'acqua e la bellezza del Rio Castellano.
Ora l'escursione è praticamente finita non rimane che seguire la pista di servizio (per circa 5 km) fino al bivio dove si è lasciata l'auto, fortunatamente a distrarci dalla noia della pista e dalla stanchezza c'è ancora l'acqua del rio con le sue trote e il magnifico bosco.

Spero che questa descrizione possa risultare interessante e utile a qualcuno, anche se questo gruppo montuoso risulta, a torto, fortemente sottovalutato.
 

Allegati

Magnifica Laga! Questo versante mi ha sempre attirato molto, ma da Roma in giornata è praticamente irraggiungibile.
Lo scorso anno riuscii a percorrere la parte altra della Valle del Castellano scendendo dal Vado di Annibale. Quest'anno vorrei scendere nel Fosso li Quarti dalla Macera della Morte e il Fonteguidone per risalire al Vado di Annibale.
Secondo te la intercetto la Cascata Regina?
 
Grazie mille!!
Allora, se prendi la deviazione per il vado di Annibale non la intercetti, MA con una deviazione di 30/40 min tra andata e ritorno la puoi andare a vedere.
In pratica venendo dal fosso li Quarti quando raggiungi una serie di baracche di pastori devi continuare nel sentiero che si perde nell'erba alta superare 3 fossi dopo il più inciso, non puoi sbagliarti, invece di continuare dritto per poi risalire verso il guado, scendi a sinistra e in breve il sentiero si fa molto evidente e in una ventina di minuti sei alla cascata.
La trovi appena dopo essere rientrato nel bosco.
Io te la consiglio vivamente come deviazione, se serve posso mandarti la foto della cartina così magari sono più chiaro :biggrin:
 
Grazie mille!!
Allora, se prendi la deviazione per il vado di Annibale non la intercetti, MA con una deviazione di 30/40 min tra andata e ritorno la puoi andare a vedere.
In pratica venendo dal fosso li Quarti quando raggiungi una serie di baracche di pastori devi continuare nel sentiero che si perde nell'erba alta superare 3 fossi dopo il più inciso, non puoi sbagliarti, invece di continuare dritto per poi risalire verso il guado, scendi a sinistra e in breve il sentiero si fa molto evidente e in una ventina di minuti sei alla cascata.
La trovi appena dopo essere rientrato nel bosco.
Io te la consiglio vivamente come deviazione, se serve posso mandarti la foto della cartina così magari sono più chiaro :biggrin:
Grazie @carlo96, credo di aver individuato la posizione sulla carta e con la tua descrizione anche la traccia che vidi lo scorso anno dopo gli stazzi. Io poi l'abbandonai per risalire al Monte Pelone.
 
Grazie mille, sono stato l'altro ieri alla Morricana non era in tutto il suo splendore ma è comunque un'emozione andare sulla Laga.
Dove pernotterai se posso sapere?
 
Morricana non era in tutto il suo splendore
...meglio andare quando si sciolgono le nevi...più acqua

Dove pernotterai se posso sapere?
Dopo il bivio...(foto n. 1 primo post)..attraversi un ponte di cemento..subito a sx...entri in una strada che porta ad una radura con punto fuoco.
Tu non l'hai visto, perchè al bivio sei andato per S. Gerbone
L'auto è da lasciare vicino al ponte in cemento..(parcheggio)
Occorre sempre aver pagato il permesso su cadenza giornaliera
Ciauu
 
A ho capito ci sono passato davanti nella via del ritorno, si si ero a conoscenza del permesso e lo ho pagato, è riportato anche nel post per chiarezza e per evitare spiacevoli inconvenienti a chi non ne fosse a conoscenza.
E lo so infatti il top sarebbe giugno per fare questi giri, ma non sempre si riesce a conciliare tutto con gli impegni
 
E lo so infatti il top sarebbe giugno per fare questi giri, ma non sempre si riesce a conciliare tutto con gli impegni
Io mi sto preparando per partire direttamente il venerdì sera...uscito dal lavoro...pernotto con tenda..e la mattina sono già sul posto ( è chiaro..dipende dal giro)...in questo modo...oltre che al lavoro..dedico parte della mia vita a ciò che è più bello..e mi testo con la tenda/attrezzatura/cibo
Buone camminate
Paolo
 
Fai benissimo!! Anche io faccio così molte volte, così si ha l'impressione di star fuori due giorni ma ne richiede solo uno libero. Anche se alcune volte mi sono trovato stretto con i tempi per la ricerca del luogo adatto a pernottare.
Comunque mi riferivo alla mia vacanza di 3 giorni sulla Laga che non potevo fare che in questo periodo
 
Hai fatto tutto il giro o sei andato su direttamente per la strada che segue più o meno il torrente?
La foto nera mi sa che ce la devi spiegare:rofl:
 
...la foto nera..ho caricato piu' volte una foto..ma non si vede....
Ho lasciato la macchina alla fine della strada..e salito sopra....direttissima....poi son salito fino ai prati a prendere le voliche
 

Discussioni simili



Alto Basso