Escursione Una passeggiatina nel bosco Manziana Pisciarelli

Dati

Data:13/01/2018
Regione e provincia:Roma
Località di partenza:Manziana
Località di arrivo:Manziana
Tempo di percorrenza:5 / 6/ ore a seconda delle soste
Chilometri: 15 circa
Grado di difficoltà: Facile
Descrizione delle difficoltà: Nessuna, se non quelle dovute dalla vegetazione attorno alle rovine della stazione di posta
Periodo consigliato: sempre
Segnaletica: assente
Dislivello in salita: nullo
Dislivello in discesa: nullo
Quota massima:
Accesso stradale:Stazione di Manziana
Traccia GPS: [puoi caricare la tua traccia GPS nella Mappa Escursioni ed inserire il link permanente al posto di questo testo]




Descrizione
Itinerario ad anello che ha il pregio di essere raggiunto utilizzando il treno,ma anche volendo l'auto . Appena scesi alla stazione di Manziana,che è situata molto al di sotto del paese,vediamo di fronte in lontananza gli Archi di Boccalupo. E' questo l'acquedotto di Traiano che rifornisce tuttora le fontane di Villa Pamphili il Fontanone del Gianicolo e le due fontane di P.zza S.Pietro. Ci si dirige verso le arcate seguendo ad occhio le varie stradine. Giunti vicino alle enormi arcate a tre ordini si rimane meravigliati dall'imponenza dell'opera che colma i vari dislivelli per una altezza che mi pare minimo di trenta metri.Le foto non rendono la grandezza perchè non c'è modo di allontanarsi abbastanza per inquadrarle, ci vorrebbe come minimo un grandangolo da 20 mm e poi i vari fossi sono ingombri di vegetazione,ma vi assicuro che lo spettacolo è grandioso. Qui ho visto che ci sono dei segni bianchi e rossi che costeggiano le arcate ma non so dove portino...alla prossima. Passati sotto le arcate si incrocia Via Olmata dei Tre Cancelli.Questo punto può essere raggiunto volendo anche in auto abbreviando così il giro di un tre quattro chilometri.Per farlo bisogna,dopo essere passati accanto all'ospedale di Bracciano percorrere la discesa che costeggia la caserma fino alla curva a gomito a sinistra che sale verso Manziana ( salita che è una classica dei ciclisti della zona) non girare a sinistra ma proseguire dritti sempre più in fondo al bosco fino ad uno spiazzo a sinistra in cui si può parcheggiare.Poco avanti inizia a sinistra il sentiero che passa sotto le arcate. Tornando al nostro itinerario da quando si incrocia via Olmata dei tre cancelli se ne vedono di fronte invece solo due! Tra di loro inizia una tagliata molto suggestiva che conserva in più punti,come da foto,tracce di acciottolato e basoli romani. Dovrebbe essere un braccio della via Clodia o la Clodia stessa date le varie rovine imponenti che si incontrano. Dopo circa un chilometro un sentiero a sinistra largo ed erboso sale ad una collina con delle rovine. Si vede subito che sono state utilizzate delle fondazione ben più massicce ed antiche per alzare dei muri utilizzando materiale di risulta tipo tegole ecc. Alcuni dicono che questo fosse il sito di una antica comunità cristiana detta :"Ad pisces" da qui il nome Pisciarelli .Tornati al sentiero questo sale fino ad incontrare un grosso castagno con un V rossa dipinta o un altro castagno con un tronco caduto accanto come da foto. Qui bisogna voltare a destra e seguire la vaga traccia in discesa.Dopo circa cento metri si vede un albero con il rami ad Y ( foto) e girare a destra nel folto della boscaglia. Questo tratto è molto scomodo proprio da machete ed è difficile dare una indicazione.Comunque bisogna cercare di proseguire fino ad avvistare sulla sinistra della grandi rovine semisepolte dalla vegetazione.Questa era una grande stazione di posta a più piani con grandi arcate.Lo spettacolo vale veramente i fastidi per arrivarci e come al solito le foto non rendono il fascino misterioso di queste rovine. Tornati indietro sul sentiero principale si continua senza problemi fino ad un cancello in legno sulla sinistra sempre aperto che si può oltrepassare tranquillamente come mi hanno più volte assicurato persone della zona.Lungo la sterrata,Via della Fiora, affiorano ( anzi A fiorano:rofl:) spesso tracce di basoli romani.Sulla sinistra poi in un vasto fossato si vedono dei grandi muri in rovina che non sono riuscito a sapere cosa siano. Si giunge infine ad un passaggio a livello con ai lati alcune lapidi a ricordo,credo,di un incidente ferroviario.Una lapide ricorda quattro persone morte tutte nello stesse giorno. Se si oltrepassa il passaggio a livello ( a sbarre sollevate e a semaforo verde !!) si torna rapidamente alla stazione con Via della Matrice.Se invece si volta a sinistra su una comoda sterrata sempre Olmata Tre Cancelli si torna allo spiazzo dove si è eventualmente parcheggiato oppure se a piedi si ripassa sotto le arcate e si risale a Manziana. Questo è soltanto uno dei molti itinerari interessanti che si possono combinare nella zona tutti molto ricchi di antichissime emergenze archeologiche e bellezze naturali.
 

Allegati

  • IMG_0488.JPG
    IMG_0488.JPG
    283,8 KB · Visite: 187
  • IMG_0489.JPG
    IMG_0489.JPG
    493,6 KB · Visite: 210
  • IMG_0490.JPG
    IMG_0490.JPG
    493,6 KB · Visite: 182
  • IMG_0491.JPG
    IMG_0491.JPG
    488,9 KB · Visite: 178
  • IMG_0492.JPG
    IMG_0492.JPG
    578,5 KB · Visite: 172
  • IMG_0493.JPG
    IMG_0493.JPG
    487,9 KB · Visite: 175
  • IMG_0494.JPG
    IMG_0494.JPG
    451,3 KB · Visite: 201
  • IMG_0495.JPG
    IMG_0495.JPG
    531,3 KB · Visite: 183
  • IMG_0496.JPG
    IMG_0496.JPG
    426,3 KB · Visite: 174
  • IMG_0498.JPG
    IMG_0498.JPG
    552 KB · Visite: 178
  • IMG_0499.JPG
    IMG_0499.JPG
    485,3 KB · Visite: 193
  • IMG_0501.JPG
    IMG_0501.JPG
    426,4 KB · Visite: 188
  • IMG_0502.JPG
    IMG_0502.JPG
    408,2 KB · Visite: 166
  • IMG_0503.JPG
    IMG_0503.JPG
    461,5 KB · Visite: 200
  • IMG_0504.JPG
    IMG_0504.JPG
    421,8 KB · Visite: 159
  • IMG_0505.JPG
    IMG_0505.JPG
    521,6 KB · Visite: 185
  • IMG_0507.JPG
    IMG_0507.JPG
    437 KB · Visite: 159
  • IMG_0508.JPG
    IMG_0508.JPG
    318,8 KB · Visite: 178
  • IMG_0509.JPG
    IMG_0509.JPG
    466,6 KB · Visite: 167
  • IMG_0510.JPG
    IMG_0510.JPG
    457,2 KB · Visite: 175
  • IMG_0511.JPG
    IMG_0511.JPG
    545,2 KB · Visite: 176
  • IMG_0513.JPG
    IMG_0513.JPG
    537,7 KB · Visite: 173
  • IMG_0514.JPG
    IMG_0514.JPG
    504,9 KB · Visite: 167
  • IMG_0515.JPG
    IMG_0515.JPG
    637,2 KB · Visite: 179
  • IMG_0516.JPG
    IMG_0516.JPG
    585,8 KB · Visite: 162
  • IMG_0519.JPG
    IMG_0519.JPG
    492,9 KB · Visite: 171
  • IMG_0522.JPG
    IMG_0522.JPG
    470,2 KB · Visite: 179
  • IMG_0523.JPG
    IMG_0523.JPG
    339,4 KB · Visite: 162
  • IMG_0526.JPG
    IMG_0526.JPG
    451,2 KB · Visite: 177
  • IMG_0527.JPG
    IMG_0527.JPG
    441,7 KB · Visite: 177
  • IMG_0528.JPG
    IMG_0528.JPG
    489 KB · Visite: 159
  • IMG_0531.JPG
    IMG_0531.JPG
    467,2 KB · Visite: 167
  • IMG_0532.JPG
    IMG_0532.JPG
    547,4 KB · Visite: 168
  • IMG_0533.JPG
    IMG_0533.JPG
    473,5 KB · Visite: 166
  • IMG_0534.JPG
    IMG_0534.JPG
    510,8 KB · Visite: 160
  • IMG_0535.JPG
    IMG_0535.JPG
    378,4 KB · Visite: 162
  • IMG_0536.JPG
    IMG_0536.JPG
    414,2 KB · Visite: 164
  • IMG_0537.JPG
    IMG_0537.JPG
    347,6 KB · Visite: 166
  • IMG_0538.JPG
    IMG_0538.JPG
    365,9 KB · Visite: 161
  • IMG_0539.JPG
    IMG_0539.JPG
    541,8 KB · Visite: 153
  • IMG_0540.JPG
    IMG_0540.JPG
    587,3 KB · Visite: 215
  • IMG_0543.JPG
    IMG_0543.JPG
    527,1 KB · Visite: 172
  • IMG_0544.JPG
    IMG_0544.JPG
    515 KB · Visite: 164
  • IMG_0545.JPG
    IMG_0545.JPG
    571 KB · Visite: 190
Grazie a tutti.La salsiccetta è parte imprescindibile dal piacere! Mi piace moltissimo il termine "esplorazione". Mi ricorda quando da piccoli,noi ragazzini abitanti dei quartieri periferici in costruzione chiamavamo esplorazioni i nostri vagabondaggi nel territorio che presentava sorprendenti differenze! C'erano boschetti,canneti,prati e anche stagni o marane in cui purtroppo ogni tanto si affogava qualcuno come pure c'erano incidenti con i residuati bellici. Poi c'erano le esplorazione dei cantieri dei palazzi in costruzione,quando andavano via gli operai. Facevamo delle cose che se le facessero i ragazzini di oggi ai genitori sarebbe dato l'ergastolo! Scusate il nostalgico OT.
 
Corso di Orientamento
Alto Basso