Uomo trovato nei boschi

Ciao,
volevo segnalarvi questa notizia di un uomo trovato morto qualche giorno fa (2 maggio 2022) in Trentino.
https://www.rainews.it/tgr/trento/v...ome-1970b844-ee77-4252-960a-20425665739c.html
Egli si era organizzato un bivacco e probabilmente il corpo si trova lì da parecchi mesi.
Purtroppo non si sanno le generalità ma sapeva l' italiano perchè sono state trovati degli appunti nella nostra lingua.
Stasera ne parleranno a Chi l'ha visto, magari qualcuno può aiutare a scoprire chi era.
 
Poveraccio...
Peraltro la val Cadino sarà isolata, ma in paio di ore a piedi ne vieni fuori ovunque tu sia, raggiungendo dei bei paesotti.
Mi auguro che sia stata solo la sfortuna di un malore improvviso e rapido.
Diversamente avremmo davanti gli scenari di una lenta agonia o di un suicidio, entrambi ancora più tristi!
Una autopsia nelle condizioni indicate però temo possa dare indicazioni solo parziali.
--- ---

peraltro mi metto nei panni di chi lo ha trovato: sai che sorpresa?!
 
Ultima modifica:
Se come sembra aveva effettivamente appunti su come costruirsi un rifugio ecc
potrebbe anche essere qualcuno passato qui nel forum.

Del resto soprattutto chi va in solitaria deve mettere nel conto la possibilità concreta che,
per un malore o per una qualsiasi altra causa imprevista ...
il soggiorno in natura possa diventare definitivo.
 
Se come sembra aveva effettivamente appunti su come costruirsi un rifugio ecc
potrebbe anche essere qualcuno passato qui nel forum.

Del resto soprattutto chi va in solitaria deve mettere nel conto la possibilità concreta che,
per un malore o per una qualsiasi altra causa imprevista ...
il soggiorno in natura possa diventare definitivo.
Beh, anche in questo forum c'è chi è talmente convinto della risolutivita' della tecnologia da pensare che un GPS satellitare fotonico - tipo l'Inreach - possa fungere all'occorrenza anche da defibrillatore o salvavita in mille possibili salse, eliminando ansie e paure anche in chi aspetta.
 
In realtà basta non pensare a categorie e contesti ma all'oggettività della vita, razionalmente. Ovvero, tutti noi e tutti quanti, indifferentemente dall'età, condizione fisica, ricchezza, luogo in cui si trova, attività che stà svolgendo,... nei prossimi minuti potrebbe passare dall'altra parte. Se tutti ragionassero in maniera matura e realista nessuno avrebbe aspettative "innaturali" o poco "realiste", senza doverlo far presente. Indifferentemente dall'età, ecc... Si eliminerebbero anche tutte le sceneggiate, esibizionismo, vittimismo, ecc... tipici dell'essere umano che deve farsi notare. Soprattutto come di fronte alla morte, una cosa naturalissima e ovvia come la nascita! Cioé, é così, si sà, punto,... fà parte indiscutibilmente del creato. Non si tratta di nulla di particolare o speciale.
 
Si ok, la morte è un evento normale e possibile, però ci sono alcune questioni da considerare:
  • Non so in quale punto della valle abbiano trovato il cadavere ma, ricordo che in zona Manghen-Montalon-cima Stellune il cellulare prende, quindi in linea di massima da quella valle riesci a chiamare i soccorsi e/o se hai la sfortuna di essere in un posto senza rete, basta spostarsi di poco. In ogni caso in 3 ore circa sei a valle, a Molina.
  • salvo rari casi, la gente non cerca la morte ed anzi fa il possibile per evitarla: è normale istinto di sopravvivenza. Pensa che in ambito forense (autopsie) non sono rari i casi di suicidi che si scopre hanno tentato all'ultimo momento - magari non del tutto consciamente - di non morire.
  • quelli che muoiono del tutto improvvisamente, senza preavviso, per un evento inatteso sono una minoranza.
  • il grosso della gente invece ha modo di raggiungere i soccorsi o di raggiungere un posto da cui chiamarli.
Viene quindi normale immaginare che il tizio sia morto in circostanze un po' tristi: in solitudine e nel momento dell'estrema difficoltà e bisogno.
Ovviamente se la morte è stata lenta e non voluta, tutti possiamo immaginare i momenti che ha vissuto. Se invece la morte l'ha cercata perchè è suicidio, allora comunque resta della tristezza, perchè chi arriva a togliersi la vita, purtroppo, non sta certo attraversando un bel momento!
 
Ai telegiornali locali hanno mostrato le foto degli indumenti in modo che possano essere utili al riconoscimento: indossava un giubbotto da motociclista rosso e pantaloni da motociclista azzurri. Aveva 3 tatuaggi.
Aveva però scarpe da trekking e dicono che probabilmente bivaccava da diversi giorni.
Età stimata fra i 30-40 anni.
 
Beh, anche in questo forum c'è chi è talmente convinto della risolutivita' della tecnologia da pensare che un GPS satellitare fotonico - tipo l'Inreach - possa fungere all'occorrenza anche da defibrillatore o salvavita in mille possibili salse, eliminando ansie e paure anche in chi aspetta.
Madonna che commento idiota…Stiamo parlando di una persona deceduta della quale non si sa sostanzialmente nulla e tu pensi a perpetuare la tua assurda polemica nei confronti di chi si porta appresso un comunicatore satellitare.
 
Ai telegiornali locali hanno mostrato le foto degli indumenti in modo che possano essere utili al riconoscimento: indossava un giubbotto da motociclista rosso e pantaloni da motociclista azzurri. Aveva 3 tatuaggi.
Aveva però scarpe da trekking e dicono che probabilmente bivaccava da diversi giorni.
Età stimata fra i 30-40 anni.
Bè direi che i tatuaggi aiutano molto, almeno da ignorante penso sia così.
Particolare l'abbigliamento da moto (notoriamente pesante e poco funzionale alla mobilità) e le scarpe per camminare.
Le info mi sembrano anche parziali, es. come è arrivato lì, autostop? se è arrivato con mezzo proprio questo sarà abbandonato da qualche parte, nessuno ha notato nulla?
 
Purtroppo non si può sapere esattamente cosa chi e quando almeno per adesso.
Dal punto di vista soprannaturale posso dire che sicuramente la sua anima ora è in un posto libero e non magari in una città.

Per il resto staremo a vedere,indagini scoperte e indizi.

Chissà se il cuore lo ha lasciato per effetti collaterali da vaccino,se quello è stato non lo sapremo mai.
 
Madonna che commento idiota…Stiamo parlando di una persona deceduta della quale non si sa sostanzialmente nulla e tu pensi a perpetuare la tua assurda polemica nei confronti di chi si porta appresso un comunicatore satellitare.

Non ho citato né chiamato in causa nessuno mentre tu vieni a cercarmi personalmente con questo complimento.

So benissimo che non si sa nulla di quanto sia effettivamente accaduto, ma il mio commento è derivato nello specifico dal concetto scritto da un altro utente, ossia questo:
Del resto soprattutto chi va in solitaria deve mettere nel conto la possibilità concreta che,
per un malore o per una qualsiasi altra causa imprevista ...
il soggiorno in natura possa diventare definitivo.
Con il quale, tra le varie ipotesi, si contemplava anche quella del malore.
Quindi ho semplicemente colto l'occasione di veder ribadito da un'altra persona il mio stesso concetto per sottolinearlo : ossia che contro possibilità del genere non c'è rintracciabilità che tenga, e soprattutto che serva.
Altrimenti si dovrebbe concludere che costui - se solo avesse avuto un gps - non sarebbe morto.
Tutto qua.
Se gli assertori della ipertecnologia taumaturgica sono evidentemente anche permalosi non posso farci nulla: imparino almeno a tollerare le opinioni altrui senza derubricarle a "polemiche".
Mi ritengo libero di esprimere un'opinione, ossia che gli strumenti sovradimensionati rispetto alle effettive necessità sono ridicoli, e servano solo ad alimentare una delle tante declinazioni del consumismo. Tanto più perché - appunto - non garantiscono nulla contro certe fatalità.
Siccome non ce l'ho personalmente con nessuno, ma solo con la generica categoria, non vedo dove sia la polemica.
Peace&love.
 
Ultima modifica:
Morto é morto. Successo é successo. Poco cambia sapere tutto il resto!
Tranne ovviamente identificarlo per ipotetiche persone che lo stanno aspettando e che non hanno una consapevolezza razionale sulla vita.

Inutile mille-mila altre paranoie, ecc... ecc...
 
Ultima modifica:
Ai telegiornali locali hanno mostrato le foto degli indumenti in modo che possano essere utili al riconoscimento: indossava un giubbotto da motociclista rosso e pantaloni da motociclista azzurri. Aveva 3 tatuaggi.
Aveva però scarpe da trekking e dicono che probabilmente bivaccava da diversi giorni.
Età stimata fra i 30-40 anni.
Nell'articolo di rainews invece é scritto (copio e incollo)

L'uomo era vestito con abbigliamento di montagna e aveva con sé uno zaino, ma vuoto e, soprattutto, senza documenti. Non sarebbe del posto, perché non risultano denunce di scomparse in zona.

Io non ho visto la trasmissione, mi fido di hitchhiker, e posso notare come vengano date le informazioni dai giornali. Poche ma confuse.
 
la tua assurda polemica nei confronti di chi si porta appresso un comunicatore satellitare.
Pure io porto avanti polemiche ma questo non è il topic adatto. Solo una frase....."forse non voleva farsi trovare" e nulla più.
In ogni caso l'argomento di fondo è un altro ossia una cadevere "sembrerebbe" senza documenti
 
Ultima modifica:
Molto meglio li che in ospedale.
Ho visto persone letteralmente rapite, messe in condizioni di incapacità e torturate per mesi finché non c'è l'hanno fatta.
Negando a loro e ai familiari gli interventi e le terapie necessarie con ogni scusa possibile.
La scusa più frequente è quando ti dicono che "è pericoloso" cercare di salvarti, da una morte tra atroci sofferenze...
 
Non ho citato né chiamato in causa nessuno mentre tu vieni a cercarmi personalmente con questo complimento.

So benissimo che non si sa nulla di quanto sia effettivamente accaduto, ma il mio commento è derivato nello specifico dal concetto scritto da un altro utente, ossia questo:

Con il quale, tra le varie ipotesi, si contemplava anche quella del malore.
Quindi ho semplicemente colto l'occasione di veder ribadito da un'altra persona il mio stesso concetto per sottolinearlo : ossia che contro possibilità del genere non c'è rintracciabilità che tenga, e soprattutto che serva.
Altrimenti si dovrebbe concludere che costui - se solo avesse avuto un gps - non sarebbe morto.
Tutto qua.
Se gli assertori della ipertecnologia taumaturgica sono evidentemente anche permalosi non posso farci nulla: imparino almeno a tollerare le opinioni altrui senza derubricarle a "polemiche".
Mi ritengo libero di esprimere un'opinione, ossia che gli strumenti sovradimensionati rispetto alle effettive necessità sono ridicoli, e servano solo ad alimentare una delle tante declinazioni del consumismo. Tanto più perché - appunto - non garantiscono nulla contro certe fatalità.
Siccome non ce l'ho personalmente con nessuno, ma solo con la generica categoria, non vedo dove sia la polemica.
Peace&love.
Il tuo commento è derivato da quello che TU hai voluto leggere nel post di un altro utente…sei talmente trincerato dietro alle tue opinioni da non fermarti nemmeno un attimo a pensare alla situazione specifica.
La tua polemica (pardon…opinione) è assurda perché se avesse avuto un satellitare, e se fosse stato cosciente, avrebbe potuto chiamare i soccorsi.
Se lo avesse avuto, ma non fosse stato in grado di attivare l’SOS, sarebbe comunque stato trovato prima di entrare in avanzato stato di decomposizione.
Quindi nel primo caso gli avrebbe salvato la vita, nel secondo avrebbe perlomeno messo il cuore in pace di chi sta a casa e magari lo sta cercando da mesi.
Non ho letto un solo post su questo forum dove qualcuno sostiene di essere diventato immortale dopo aver appeso un Inreach al proprio zaino.

Non sono un inquirente e gli elementi per stabilire cosa è successo sono ancora pochi e frammentari ma forse, come ha scritto qualcuno, non voleva farsi trovare visto lo zaino vuoto, il vestiario inadatto, la scomparsa in una zona comunque non lontana dalla civiltà.
 
Coordinatometro di Avventurosamente
Alto Basso