Proposta Uscita in natura "minimale"

Un giusto modo di vivere per chi?
Manca il rispetto delle persone che non la pensano nella stessa maniera e questa non è libertà ergo siamo schiavi.
salute, difatti siamo schiavi del sistema di vita moderna con i suoi pro e contro
--- Aggiornamento ---

salute, stamani ero così in simbiosi con la natura che fra me i cane e una trota non c'era differenza ,ragazzi che acquata che ho preso
 
Ultima modifica:
salute, difatti siamo schiavi del sistema di vita moderna con i suoi pro e contro.
Condivido... e purtroppo a volte questo essere schiavi é un'imposizione non solo delle autorità, ma della popolazione civile che sostiene certe cose. Semplicemente perché a loro non interessa, a loro và bene così o come spesso appare (perché la maggior parte delle persone reclama quotidianamente di certi sistemi, ma si sottomette comunque) semplicemente perché anche loro vorrebbero mollare tutto... ma per paura non lo fanno e allora sostengono regole e leggi che impongono a tutti di vivere nella società moderna. Insomma, il solito comportamento deplorevole "non posso farlo io, non posso averlo io, ho fatto scelte di vita che non me lo permettono, allora non deve poterlo fare nessuno".

Bisogna ricordarsi che l'autorità vince sul singolo e sui numeri bassi, non può vincere contro le masse.
Quindi di principio tutto quello che esiste, regole, leggi, imposizioni, ecc... é prevalentemente volontà o colpa dei civili... non delle autorità che eseguono solo e si adattano.

NB: c'é chì dice "se vuoi puoi, basta che prendi e vai" (evidentemente ragionamenti di chì non lo ha mai fatto o non cercando la realtà di quegli approcci di vita) ma parlare di rispetto e libertà non vuol dire poter fare qualcosa di "nascosto", altrimenti le autorità "esterne" intervengono. Ma semplicemente dare la possibilità di vivere con altri stili, senza ripercussioni e senza sottostare alle regole "umane", ovviamente vivendo estranei al 100% dal sistema che non si condivide. Quello é chiaro per coerenza. Ma non si può,...

Poi spesso arriva anche il discorso "...ma poi lo farebbero tutti..." quindi??
Come tutti vivono nella stessa maniera nel sistema "normale", lo farebbero in natura, con ovvie differenze. Anche se poi... vorrei vedere quanti ci andrebbero, realmente,... se fosse così questi discorsi avrebbero migliaia e migliaia di "consensi" e il problema di farlo non sarebbe nemmeno così presente.

Ma a tanti "pseudo amanti della vita naturale" dà fastidio pensare a tanti "selvatici umani" nei boschi, perché avrebbero timore di andarci, quelle poche volte che ci vanno per sport, romanticismo, passatempo, ecc... per divertirsi e giocare... ma potendo tornare a casa nella modernità, comodità, domotica e vari,... Quindi non li vogliono e tirando giù un sacco di scuse per definire "nociva" la cosa... nociva per le loro filosofie,....

Oltre al fatto che se uno dice "il problema é che tutti...", va bene, ma ci sono anche altri ragionamenti, diametralmente opposti... quindi ognuno ha le sue idee e per ognuno potrebbe essere "il problema é...". Solamente che vivere in maniera naturale é appunto NATURALE. Ma anche quì é tutta questione di ragionamenti e di come si giudica "l'intelligenza umana", un pregio o un difetto genetico ;) AHAH, per esempio ci sono le malattie in cui cresce troppa pelle, troppe dita,troppa cheratica, troppi peli... in questo "troppa intellingenza?". Per me SÌ.

Anzi, vivendo in natura, nella maniera "originale" non dovrebbe nemmeno esser visto come negativo, in quanto é naturale. Ci vorranno anni, sicuramente, ma poi gli equilibri naturali sistemerebbero tutto. Perché vivere in maniera selvatica vuol dire accettare e convivere con i pro e i contro di quel sistema di vita. Aspettative di vita, rischi, ecc...
Quindi il "tutti andrebbero" cade già fin da subito,... Il sovraffollamento, tra l'altro, é una problematica dell'essere umano e dei suoi comportamenti, stili di vita moderni, di sicuro non é un problema della vita "naturale".

NB: e tutto questo, imposto appunto prevalentemente "grazie" agli altri cittadini, civili, mi porta sicuramente a non rispettarli troppo... da un certo punto di vista.
 
Ultima modifica:
salute , a parte che sono d'accordo mi hai veramente stupito in molti dovremmo abbassare i toni e riflettere su quello che hai scritto ,complimenti
GRAZIE.... pure io sono stupito, trovare persone che condividono pienamente o in parte questi discorsi é cosa rarissima, ahah Anzi, spesso sono causa di "attacchi" e "frustrazion varie" ;)

GRAZIE
 
GRAZIE.... pure io sono stupito, trovare persone che condividono pienamente o in parte questi discorsi é cosa rarissima, ahah Anzi, spesso sono causa di "attacchi" e "frustrazion varie" ;)

GRAZIE
salute , grazia a te , secondo me frustrati sono gli altri che non riescono a cogliere il significato della semplicità accettandone le conseguenze buone o cattive che siano
 
Fosse per me... vivrei come un tipico animale selvatico, estraneo a tutti i sistemi di vita in cui non mi riconosco, sistemi che mi rendono a disagio tutti i giorni. In pratica un'esistenza a disagio, causata dalla volontà della massa di trattare le persone come se fossero tutte uguali e con le stesse ambizioni, pretese. Offendendosi pure quando gli sì fà notare che se ci si trova bene in un sistema uniformato... significa che di base si é uguali gli uni agli altri. Ma di fatto non é così, per gli altri intendo, perché non tutti gli esseri viventi, compresi gli umani, sono uguali... anzi... chì riesce a mantenere una certa personalità nonostante i vari tentativi di condizionamento... sarà sicuramente differente dal gregge.

NB: non bisogna offendersi quando si parla di "gregge, pecore, ecc..." soprattutto se uno é contento e a suo agio. Ma di fatto gli schemi di vita, aspettative, ecc... sono praticamente identiche... quindi "gregge".

Io purtroppo ho esaurito tutte le "stelline" da giocarmi... non posso più andare a vivere in maniera selvatica, continua, in quanto si é comunque perseguitati, e un'altra volta... maggiormente dai cittadini frustrati e poi dalle autorità. Se dovessi ancora subire ciò che é la "legge", rischierei di non vivere nemmeno nella pseudo libertà della modernità... quindi sono costretto al compromesso, ahah

Non a caso le autorità e i cittadini "rufiani e sottomessi" fanno rispettare la "legge", non la "giustizia".
 
salute, mi gai venire in mente la storia di Manuel un ragazzo spagnolo che per 18 anni ha vissuto sperso nella natura e il giorno che per caso due cacciatori lo hanno incontrato ha esclamato "maledetti ora devo rincominciare" ,pare sia una storia vera corredata da articoli di giornale è successo un annetto fa sembra che anche lui stufo della società abbia lasciato la spagna e girovagando sia finito in maremma ,sarebbe bello conoscerlo solo per chiederli cosa lo ha spinto a fare questa scelta ma visto che in parte approvo e condivido mi scoccerebbe disturbarlo
 
Personalmente la mia motivazione é proprio il non sentirmi a mio agio con l'essere umano "comune", "moderno", "urbanizzato", "conformato" secondo certi standard, proposti, imposti da altri suoi simili.
Ipocrita, superficiale, bugiardo e falso... incapace di ammattere il proprio stile di vita.

Motivato dal fatto di non dover, voler per forza di cose cercare di emergere, farmi notare.
Nessuna ambizione di arricchirmi materialmente o col denaro.
A me non interessano le apparenze, i giudizi, l'essere accettato.

Ma semplicemente il desiderio di vivere la mia vita, il più semplicemente e umilmente possibile e per me questo significa farlo secondo gli equilibri naturali, gli schemi che ci sono in natura.

Purtroppo non sono mai riuscito a vivere così per molto tempo, l'esperienza più lunga é stata di quasi un anno, altre volte di 6 mesi, altre solo pochi mesi, settimane.... e sempre con lo stesso esito... incontrare gli pseudo amanti della natura, infastiditi da chì ha deciso di saper vivere realmente a stretto contatto con la natura. Con l'ovvia conseguenza dell'arrivo delle autorità e quello che ne consegue.

Purtroppo, da testone, preferisco infastidire il gregge, plasmato e manovrato, facendogli presente altre filosofie, approcci, ecc... anche se non sono più in grado di comprenderli, visto che sono stati istruiti nel profondo a contemplare solo certi sistemi. Che nascondermi o spostarmi di tanto. Anche perché sono molto patriottico, nel senso di territoriale, nei confronti degli ambienti che sono le mie origini. Non potrei mai andare altrove.

Ma pazienza... mi rincuora il fatto che comunque sia la fine é uguale per tutti. Frustrati, arroganti, prepotenti, plasmati e noi... la fine é quella.
 
Personalmente la mia motivazione é proprio il non sentirmi a mio agio con l'essere umano "comune", "moderno", "urbanizzato", "conformato" secondo certi standard, proposti, imposti da altri suoi simili.
Ipocrita, superficiale, bugiardo e falso... incapace di ammattere il proprio stile di vita.

Motivato dal fatto di non dover, voler per forza di cose cercare di emergere, farmi notare.
Nessuna ambizione di arricchirmi materialmente o col denaro.
A me non interessano le apparenze, i giudizi, l'essere accettato.

Ma semplicemente il desiderio di vivere la mia vita, il più semplicemente e umilmente possibile e per me questo significa farlo secondo gli equilibri naturali, gli schemi che ci sono in natura.

Purtroppo non sono mai riuscito a vivere così per molto tempo, l'esperienza più lunga é stata di quasi un anno, altre volte di 6 mesi, altre solo pochi mesi, settimane.... e sempre con lo stesso esito... incontrare gli pseudo amanti della natura, infastiditi da chì ha deciso di saper vivere realmente a stretto contatto con la natura. Con l'ovvia conseguenza dell'arrivo delle autorità e quello che ne consegue.

Purtroppo, da testone, preferisco infastidire il gregge, plasmato e manovrato, facendogli presente altre filosofie, approcci, ecc... anche se non sono più in grado di comprenderli, visto che sono stati istruiti nel profondo a contemplare solo certi sistemi. Che nascondermi o spostarmi di tanto. Anche perché sono molto patriottico, nel senso di territoriale, nei confronti degli ambienti che sono le mie origini. Non potrei mai andare altrove.

Ma pazienza... mi rincuora il fatto che comunque sia la fine é uguale per tutti. Frustrati, arroganti, prepotenti, plasmati e noi... la fine é quella.
salute, mi omo come dico sempre siamo nati troppo tardi e peggio sarà per chi vien dopo la "massificazione" per me è come un cancro che divora dall'interno senza lasciare scampo
 
Ultima modifica:
come dico sempre siamo nati troppo
Io sono convinto di essere nato proprio nell'era sbagliata, ahah constato ogni giorno di non avere "ragionamenti" un pochino differenti dalla maggior parte dei miei "simili", ma proprio diametralmente opposti e istintivamente legatissimi a quelli che erano gli approcci minimalisti, naturali, semplici di migliaia di anni fà.
Non per romanticismo, non per aver visto o letto qualcosa... ma é una cosa innata, visto che sono sempre stato a disagio in mezzo a grandi folle. Per me 5 persone sono già tante, troppe... alla faccia di coloro che parlando sempre come se fossimo tutti uguali dicendo che siamo "esseri sociali"... AHAH Visto che non ho mai desiderato seguire gli schemi di vita che accomunavano quelli che avevo attorno, come oggi,...
 
salute, grazie per la precisazione e per i link e comunque non cambia i sunto del discorso
--- Aggiornamento ---

Io sono convinto di essere nato proprio nell'era sbagliata, ahah constato ogni giorno di non avere "ragionamenti" un pochino differenti dalla maggior parte dei miei "simili", ma proprio diametralmente opposti e istintivamente legatissimi a quelli che erano gli approcci minimalisti, naturali, semplici di migliaia di anni fà.
Non per romanticismo, non per aver visto o letto qualcosa... ma é una cosa innata, visto che sono sempre stato a disagio in mezzo a grandi folle. Per me 5 persone sono già tante, troppe... alla faccia di coloro che parlando sempre come se fossimo tutti uguali dicendo che siamo "esseri sociali"... AHAH Visto che non ho mai desiderato seguire gli schemi di vita che accomunavano quelli che avevo attorno, come oggi,...
salute , ti capisco bene è una viscerale non facile da spiegare a parole in effetti è quasi un bisogno di semplicità
 
In ogni caso... per fortuna, si riesce ad andare in natura e starsene per i fatti propri anche per buoni periodi ;)

"VIVERE PER REGREDIRE VERSO ABILITÀ PERDUTE... NELLE CAPACITÀ E NEL CONTATTO CON LA NATURA" ;)

Per tutto il resto sarebbe un mondo migliore se tutti abbracciassero la filosofia del "vivi e lascia vivere", ma purtroppo la tendenza é contraria... le persone sottomesse nei posti di lavoro, frustrate, si sfogano e traggono soddisfazione nel "rufianare" e "rompere" ad altri cittadini.... sentendosi poi qualcuno, forti, importanti, AHAHAHAH

Io dico sempre, ovviamente per quanto mi riguarda: "dovrebbero fare una statua alla mia compagna, per il semplice fatto che é grazie a lei che mi comporto "bene", che prima di reagire a qualcosa non conto fino a 10... ma cerco di farmelo scivolare via del tutto. Per il bene di chì, appunto, non rispetta il vivi e lascia vivere". Una volta non era stato così,...
 
Ultima modifica:
In ogni caso... per fortuna, si riesce ad andare in natura e starsene per i fatti propri anche per buoni periodi ;)

"VIVERE PER REGREDIRE VERSO ABILITÀ PERDUTE... NELLE CAPACITÀ E NEL CONTATTO CON LA NATURA" ;)

Per tutto il resto sarebbe un mondo migliore se tutti abbracciassero la filosofia del "vivi e lascia vivere", ma purtroppo la tendenza é contraria... le persone sottomesse nei posti di lavoro, frustrate, si sfogano e traggono soddisfazione nel "rufianare" e "rompere" ad altri cittadini.... sentendosi poi qualcuno, forti, importanti, AHAHAHAH

Io dico sempre, ovviamente per quanto mi riguarda: "dovrebbero fare una statua alla mia compagna, per il semplice fatto che é grazie a lei che mi comporto "bene", che prima di reagire a qualcosa non conto fino a 10... ma cerco di farmelo scivolare via del tutto. Per il bene di chì, appunto, non rispetta il vivi e lascia vivere". Una volta non era stato così,...
salute, scusami solo un appunto perché dici "regredire" non c'è regressione ma una presa di coscienza nell'abilità perdute per il resto sono d'accordo
 
salute, scusami solo un appunto perché dici "regredire" non c'è regressione ma una presa di coscienza nell'abilità perdute per il resto sono d'accordo
Si ho usato forse la parola sbagliata... era nel senso di tornare indietro, riprendendo approcci e capacità di un tempo... tanto tempo fà ;) Non parlo di 50 o 100 anni fà... ma molti di più, ahah Però allo steso, intendo non solo "apprendere per conoscenza o per cultura generale", ma proprio abbandonando tutto il superfluo, esibizionistico e vanitoso che c'é ora... e tornando a vivere nell'assoluta semplicità e umiltà del minimalismo, del naturale,... Sempre e comunque seguendo gli equilibri della natura, per me quella "reale" é quella selvatica... pro e contro ;)

Ovviamente non era in senso "negativo" o "sminuente".... basta vedere che ragionamenti faccio e cosa ritengo "genuino" e "nobile"... che non é sicuramente ciò che compone la società attuale, AHAHAH
 
Non sono sicuro di poter venire ma mi piacerebbe davvero.
L'esperienza mi ha portato a munirmi di varie cosette ma sono abbastanza minimal, l'unica cosa di cui nn riesco a fare a meno è il mio coltellino e il mio bastone, in legno!
Solo alcuni dubbi.
Cibo? Se mi dici che c'è la possibilità di procurarmelo lì nn ho alcun problema.
Io sono abituato ad averlo con me perché a meno che nn si è capaci di cacciare volatili o lepri qui trovi poco a parte erbe selvatiche commestibili (e cmq se sei un parco nemmeno potresti :)
Acqua? Nelle mie zone il terreno nn è impermeabile (no laghi, no fiumi) e se nn conosci i punti dei rifugi con pozzi ti attacchi al tram, e se ci sono 35 gradi nn è simpatico restare senza acqua.
 
CIAOOOO ;)

Allora... allora... l'approccio di quest' uscita ha subito qualche cambiamento durante le varie "chiacchierate" in discussione.... quindi non é tanto in "simbiosi con la natura" (magari cambio il titolo, se é ancora possibile), ma appunto un'uscita con stile "minimale". Quindi si parlava di poter portare, per chì lo volesse, un piccolo zainetto, marsupio, ecc....

In questo caso é inutile che scrivo troppe righe sul cibo selvatico che si trova, in quanto se lo si avrà nello zaino... non avrà senso ;)

Per l'acqua nessun problema, ci sono ruscelli e un laghetto alpino. Poi anche quì, non essendo un'uscita strettamente naturale... ognuno potrà decidere se e come filtrarla.

SALUTONI
--- Aggiornamento ---

A TUTTI

NB: ho aggiornato l'intervento iniziale e il titolo, non aveva più senso mantenere le informazioni di base di quel tipo.
 
Ultima modifica:

Discussioni simili



Alto Basso