Utensili da taglio per la sopravvivenza

Non ci sono regole precise. Lame 'da sopravvivenza' esistono e sono state pensate per chi potrebbe trovarsi in situazioni di emergenza: tradizionalmente, i piloti di aerei che magari son costretti a eiettarsi in zone impervie. Ma il survivalismo a cui siamo abituati è più un gioco, in cui si simulano certe condizioni di emergenza.
 
Condivido, non ci sono regole esatte e soprattutto nessuna assoluta.
Proprio perché dipende dai contesti, dal punto di partenza, dalle motivazioni, dai propri approcci.

L'unica cosa che non condivivo, in generale, é ritenere quelle che di fatto sono delle attività/passioni/interessi specifiche, come potrebbe esserlo l'alpinismo, la mountain bike, ecc..., dei giochi simulati, a priori.

È forse una delle poche attività che può essere vissuta dai privati, anche nella maniera più genuina e reale possibile. Perché si tratta semplicemente di tornare alle radici della specie umana, ovviamente ci sono molti approcci, da quello puramente ludico, ma anche quello seriamente legato al saperlo fare. Con tutti i pro e i contro del caso.

Se si parla di "sopravvivere in natura" (parlo di quel contesto in quanto é quello che interessa a me) le capacità e le conoscenze necessarie sono sempre e comunque le stesse, indifferentemente dal fatto se si vogliono ricollegare a termini o ambienti specifici (es. esercito, bushcraft, survival, ecc....)
Cioé, saper trovare cibo... é saper trovare cibo. Saper costruire un riparo... é saper costruire un riparo.
Saper accendere un fuoco... é saper accendere un fuoco. Sapersi curare... é sapersi curare e via dicendo.
Indifferentemente da tutto. Ovviamente il tutto dipende dall'approccio con cui si desiderano affrontare.

Anzi, la sopravvivenza rivolta ad ambienti specifici come quelli dell'esercito/militari é proprio una cosa a sé, in quanto l'istruzione viene basata su precise questioni e non al saper realmente sopravvivere nell'ambiente naturale circostante.
Ma secondo regole ben precise, schemi, tempistiche e soprattutto in base a determinati materiali.

Quando parlo di "sopravvivenza" e capacità legate ad essa, non ci vedo per forza delle situazioni d'emergenza o i settori maggiormente tirati in causa.. ma ci vedo semplicemente le capacità di saper provvedere a se stessi in maniera autonoma, ovviamente in base agli ambienti a cui uno si é interessanto, abituato, cresciuto. Anche il cittadino moderno, modello... con la sua formazione ed il suo lavoro si é applicato per raggiungere un grado di capacità di sopravvivenza nel contesto in cui stà. Ma sempre di sopravvivenza si stà parlando.

Mi viene difficile da spiegare, ma personalmente é uno stile, un approccio, delle conoscenze, delle capacità che non definirei mai "gioco", anche perché di gente che "gioca" se ne troverebbe a bizzeffe allora, ahahah Invece no ;)

Allo stesso tempo lo definisco una situazione d'emergenza, proprio per il fatto che é molto interpretabile e in base al contesto. Che appunto non ha regole ben precise e assolute.

SALUTONI
 
Ultima modifica:
Per me ci sono eccome coltelli per la sopravvivenza per me il coltello da sopravvivenza è quello che se dovessi avere un imprevisto in natura e dovessi rimanere solo con esso senza zaino o patch che magari ho smarrito, sarebbe quello che mi possa dare qualche chance in più di soddiafare i miei bisogni.
Come:
Orientamento
Possibilità di piccole medicazioni
Possibilità di potabilizzare dell acqua
Possibilità di fare riparo e fuoco
Possibilità di procurare cibo
Insomma un coltello che possa aiutarmi nello specifico a sopperire tali richieste.
Poi se si parla di coltello da caccia ho coltelli da caccia, se da campo ci sono coltelli da campo e via dicendo, ma per me l unico coltello in mio possesso che soddisfa tali recquisiti e tale nome è solo uno.
Questo
 

Allegati

L’utensile da taglio ideale per la sopravvivenza, è quello che hai nel momento in cui ti serve, ecco perchè prediligo folder non per il taglio puro, ma anche diciamo più robusti, non sai mai cosa e quando può succedere che tu ne abbia bisogno, esci per una passeggiata, piccola escursione, con un folder in tasca ed una borraccia, tanto starai fuori qualche oretta e basta............
 
Imitazioni dei Aitor sono comunissime , immagini ravviccinate bene a fuoco con un Tag
del propio nick nell'immagine e' l'idea di certi post sui forum

Tagliare un albero ancora vivo in un bosco con un coltello .... e' un schiaffo alla natura
contrario a tutto il forum ;)

Edit : Nella foto si vedono i rami e tutta la cima verde di quel' albero per terra che e' stato tagliato vivo
Vai Che Buono ...... infliggi gli alberi sulla tua propieta' :si:
 
Ultima modifica:
Imitazioni dei Aitor sono comunissime , immagini ravviccinate bene a fuoco con un Tag
del propio nick nell'immagine e' l'idea di certi post sui forum

Tagliare un albero ancora vivo in un bosco con un coltello .... e' un schiaffo alla natura
contrario a tutto il forum ;)
Puoi crederci o no sono due aitor, l albero non era vivo ed è sul mio terreno ... ciao ciao
 
Non sono tanto daccordo sul fatto che il coltello da sopravvivenza è quello che hai con te al momento in cui devi sopravvivere.
La cosa più importante nella sopravvivenza sono le conoscenze e le capacità acquisite attraverso l'allenamento la pratica e l'esperienza. Se aspetti che sia questione di vita o di morte per provare ad accendere un fuoco quando piove non sei messo benissimo. Per la sopravvivenza forse è più importante il "coltello fisso", in che senso vedete voi, con cui hai fatto le tue prove nel corso degli anni.
 
Ho un'altra opinione sulla "necessità" di avere un coltello o un qualsiasi altro oggetto per poter provvedere a se stessi in natura... ma detto ciò, gran bel coltello, ne sono sempre stato affascinato, anche se le sue belle dimensioni non fanno per me.

Per tutto il resto... non mi esprimo perché sarebbe un pò come dire "...chì é senza colpe scagli la prima pietra..." e di persone senza colpe, che vivono con determinate risorse... non ce ne sono... quindi sarebbe inutile e ipocrita giudicare o criticare alcune cose ;)

BEL COLTELLONE ;)
 
Ho un'altra opinione sulla "necessità" di avere un coltello o un qualsiasi altro oggetto per poter provvedere a se stessi in natura... ma detto ciò, gran bel coltello, ne sono sempre stato affascinato, anche se le sue belle dimensioni non fanno per me.

Per tutto il resto... non mi esprimo perché sarebbe un pò come dire "...chì é senza colpe scagli la prima pietra..." e di persone senza colpe, che vivono con determinate risorse... non ce ne sono... quindi sarebbe inutile e ipocrita giudicare o criticare alcune cose ;)

BEL COLTELLONE ;)
Il jk 2 ha lama da 13 cm
 
Il coltello e il primo attrezzo per la sopravvivenza e quindi la sua affidabilità e fondamentale il mio parere (puramente personale) è che i folder sono per le persone che hanno un bagaglio di esperienza molto avanzato maturato sul campo e riescono a sfruttarlo al meglio senza comprometterne la struttura, per il resto il full tang è sempre la scelta migliore ma sempre attenzione nelle mani di un inesperto l' uso sconsiderato lo può seriamente danneggiare
 
20200511_212548.jpg


Arrivato oggi il "Coltello da Cacciatore" della Rinaldi, pensavo di usarlo per allenarmi ad affilare con i ciotoli da fiume, ma mi sa che alla fine lo regalerò a mia moglie dopo averlo affilato e rifinito in po'.
Ho tanti coltelli ma uso sempre solo il BK2, il WP4, il Wave o il Fox Gentlemen.
 
Ultima modifica:
Vedi l'allegato 206581

Arrivato oggi il "Coltello da Cacciatore" della Rinaldi, pensavo di usarlo per allenarmi ad affilare con i ciotoli da fiume, ma mi sa che alla fine lo regalerò a mia moglie dopo averlo affilato e rifinito in po'.
Ho tanti coltelli ma uso sempre solo il BK2, il WP4, il Wave o il Fox Gentlemen.
Ti piacciono I "COLLTELLINI" anche io ho il BK2 ma lo uso poco r un po......... grandino
 
  • Mi piace
Reactions: Zed
Vedi l'allegato 206581

Arrivato oggi il "Coltello da Cacciatore" della Rinaldi, pensavo di usarlo per allenarmi ad affilare con i ciotoli da fiume, ma mi sa che alla fine lo regalerò a mia moglie dopo averlo affilato e rifinito in po'.
Ho tanti coltelli ma uso sempre solo il BK2, il WP4, il Wave o il Fox Gentlemen.
Si era parlato, tempo fa, di questo Rinaldi. Come ti sembra? Immagino che le finiture siano in linea col brand, per cui estremamente grezze, ma ti dirò che mi stuzzicava questo coltello, che acciaio e che spessore ha? Secondo te reggerebbe ad utilizzi gravosi? La punta pare un pó troppo fragile..
Grazie
 

Discussioni simili



Alto Basso