utensili in pietra scheggiata

Qualcuno di voi ha mai provato a scheggiare la selce per ottenere utensili vari, punte di freccia, lame etc?
io ho cominciato da parecchio tempo, e mi sono anche auto-costruito gli attrezzi adatti. Ecco alcune delle cosette che ho fatto:



I primi due sono dei cosìdetti bifacciali per tagliare pelle o materiali simili, mentre le ultime tre sono delle punte di freccia. Quella blu l'ho fatta con uno scarto di vetro, tutte le altre sono in selce nera.
 
Piuttosto dove hai trovato la selca nera?
Mi interessa moltissimo! :)


Ciao.
se ne trova molta, soprattutto nei campi arati oppure sugli argini dei fiumi di pianura/collina.

per scheggiarla si possono usare altri sassi sufficientemente duri. per la sgrossatura si usano grossi sassi, invece per rifinire il tutto si usano degli oggetti appuntiti con cui fare pressione.
 
magari nei prossimi giorni potresti postare una foto della selce PRIMA e DOPO averci messo le mani...magari anche con le fasi di lavorazione.

sarebbe molto utile
 
se ne trova tantissima e di grandi dimensioni sul gargano
la usiamo in museo per far vedere la scheggiatura alle classi che fanno le visite
quest'estate organizziamo una raccolta visto che ne serve

comunque in emilia romagna ad esempio hanno usato la Ftanite, non è facilmente lavorabile come la selce che ha una consistenza più vetrosa

come percussore vanno bene ciottoli di calcare di varie dimensioni, ovviamente la dimensione varia a seconda della parte che vogliamo staccare, più vogliamo lavorare di precisione, più il percussore sarà piccolo, più grossi saranno i percussori maggiori saranno le schegge staccate

poi esiste il ritocco che ha bisogno di percussori più morbidi, ad esempio l'osso, spesso di usano palchi di cervo, ma anche un legno molto duro, questo va bene però per staccare piccoli frammenti ed eliminare margini taglienti
buono per raschiatoi e bulini o punte di freccia

ad ogni modo, bellissimi quei bifacciali, soprattutto quello in vetro,
una volta ne ho visto uno fatto col vetro di un televisore
 
Ultima modifica:
ho qualche capitolo di alcuni libri sull'argomento della scheggiatura,ma non ho mai provato seriamente a fare qualcosa;ho solo fatto qualche prova quando ero in vacanza sul tagliamento,lì di pietre ce ne sono veramente di tutti i tipi.quando ho tempo ed il materiale però proverò anch'io a fare qualcosa.
 
ecco una serie di foto che mostra più o meno le fasi di scheggiatura:

Ciottolo di partenza rotto in due con una grossa pietra:


Ne ricavo dei pezzi più piccoli e con entrambe le faccie già pulite dalla crosta:


Comincio a dare una forma al pezzo agendo sui lati:


Una volta abbozzata la forma, cerco di rendere l'affilatura il più centrale possibile, agendo sia da un lato che dall'altro del pezzo:


Ecco il pezzo pronto per le finiture:


A questo punto si usa un utensile appuntito. premendo sui lati si affilano i bordi e si mogliora il profio del pezzo:


E fine:
 
interessante, non è propriamente una procedura storicamente valida, ma dà ottimi risultati

mi chiedo, un bifacciale di 3-4cm se non per essere immanicato su una freccia, ma non ne vedo la scanalatura per un inserimento, che altro scopo avrebbe?
 
interessante, non è propriamente una procedura storicamente valida, ma dà ottimi risultati

mi chiedo, un bifacciale di 3-4cm se non per essere immanicato su una freccia, ma non ne vedo la scanalatura per un inserimento, che altro scopo avrebbe?
infatti, io uso degli arnesi "moderni" e le modalità di scheggiatura me le sono inventate con la pratica. ho provato qualche volta ad usare la tecnica levallois, ma occorrono selci veramente buone per ottenere risultati. io sono riuscito a ricavare una piccola lama con quel metodo:



comunque quei bifacciali che ho fatto si possono usare tranquillamente anche senza immanicatura, anzi, normalmente non venivano immanicati.
 
ciao io è da un pò di tempo che cerco di creare una punta di freccia per regalarla alla mia ragazza e per farmi una collana ti sarei grado se mi aiutassi a capire come fare e che attrezzi usare perche si rompono continuamente fino ad adesso ho usato un martello ma con scarsi risultati...io sono sul lago di garda e si trova del selce bellissimo rosso marrone e nero il nero ed il rosso sonon bellissimi...spero mi potrai aiutare ciao fabio
 
selce

complimenti, bei manufatti.
la selce nera è di ottima qualità. se trovi noduli di grandi dimensioni e dcon superfice piuttosto omogenea, hai molte possibilità di staccare schegge belle larghe e dritte. un buon manufatto dipende dalla scheggia iniziale.
scheggio anch'io da un pò di tempo e ho realizza to qualche vetrina x qualche museo e collezione privata. a presto.http://www.avventurosamente.it/vb/attachment.php?attachmentid=4642&stc=1&d=1http://www.avventurosamente.it/vb/attachment.php?attachmentid=4643&stc=1&d=1275479695275479695http://www.avventurosamente.it/vb/attachment.php?attachmentid=4644&stc=1&d=1275479695http://www.avventurosamente.it/vb/attachment.php?attachmentid=4645&stc=1&d=1275479695
 

Allegati

Scusa l'ingenuità e stupidità delle domande ma: come si riconosce la selce? Ci sono particolarità dei luoghi da cui si può capire che lì è possibile trovarne?

Sono cose che mi sono sempre chiesta così come riguardo l'argilla per fare i manufatti...
 
Scusa l'ingenuità e stupidità delle domande ma: come si riconosce la selce? Ci sono particolarità dei luoghi da cui si può capire che lì è possibile trovarne?

Sono cose che mi sono sempre chiesta così come riguardo l'argilla per fare i manufatti...
la cosa più facile è sapere in quale zona cercarla. io sono del sud, e quando mi serve vado sul gargano. nn la conoscevo neanche io, poi me l'hanno mostrata e..........
ci sono delle foto su questa discussione su come si presenta la selce in natura, normalmente la trovi in filoni o in noduli in seno a banchi di calcare. quella in noduli ha un cortice esterno, che a seconda del suo apetto, una volta diventato esperto, ti rivela l'effettiva qualità della selce.
 
Autore Discussioni simili Forum Risposte Data
S Artigianato 2

Discussioni simili



Alto Basso