Escursione Veio - Cunicolo degli Olmetti

Parchi del Lazio
Parco di Veio
Veio Cunicolo degli Olmetti
Quota
137 m
Data 26 febbraio 2017
Sentiero parzialmente segnato
Dislivello 160+242 m
Distanza 32,61+15,61 km
Tempo totale 1:54+3:48 h
Tempo di marcia 3:10 h
Cartografia Carta escursionistica Parco di Veio
Descrizione In bicicletta dal belvedere di Monte Ciocci (78 m) per la ciclabile sopra la linea ferroviaria FL3 fino alla stazione Monte Mario (126 m, +20 min.), la Via Trionfale, la Via Cassia fino a Isola Farnese (16,58 km, 120 m, +43 min.). Poi a piedi breve visita del borgo (+5 min.) e il sentiero 208a per La Mola (85 m, +12 min.), il sentiero 208c delle Tombe rupestri, Ponte Sodo (73 m, + 36 min.) con attraversamento del cunicolo (+15 min.), deviazione per la Tomba Campana (100 m +6 min a/r), il Cunicolo degli Olmetti (86 m, +28 min.), il campo volo aeromodelli, il nuovo ponte sul Torrente Cremera o Valchetta (44 m, +1 h), Via Prato della Corte e Isola Farnese (+28 min.). Ritorno in bicicletta (16,03 km, +51 min.). Itinerario completamente ciclabile (MTB).
http://www.montinvisibili.it/#!/Veio-Olmetti
 

Allegati

Sempre interessanti i tuoi vagabondaggi, anche a due passi da Roma.
Sono stato varie volte su questi sentieri, in bicicletta, a piedi facendo la Francigena e con le mie ragazze, ma non ho visto nulla: niente cunicolo degli Olmetti, cascata sul Cremera e ne tantomeno il ponte Sodo, a dire il vero ci son passato sopra e nemmeno me ne sono accorto. Cerco di riparare presto.
Interessante l'idea di abbinare la bici con il trekking, ho visto che hai sfruttato la recente ciclabile. Ma la spina sul fianco di questo giro, a mio parere, rimane la Cassia da fare in bici, troppo stretta e trafficata per i miei gusti. Questo tratto l'ho percorso anche a piedi nell'ultima tappa della Francigena fino al raccordo: 5 km di smog e rumori nella continua ricerca di un marciapiede che spesso spariva. Ma non penso che ci siano alternative fattibili.

ps: la foto con i ciclisti e il Terminillo sullo sfondo è fantastica
 
Sono appena tornato da questo bellissimo giro in bici. Erano moltissimi anni che non bazzicavo la zona di Veio. Devo dire che sono stati realizzati dei bei sentieri molto divertenti per bici e a piedi.Il laghetto purpureo è impagabile!! Se esiste mi piacerebbe proprio avere una mappa cartacea, tipo quella dei Lucretili, di tutti i sentieri. Ri grazie @Montinvisibili .
 
Sempre interessanti i tuoi vagabondaggi, anche a due passi da Roma.
Sono stato varie volte su questi sentieri, in bicicletta, a piedi facendo la Francigena e con le mie ragazze, ma non ho visto nulla: niente cunicolo degli Olmetti, cascata sul Cremera e ne tantomeno il ponte Sodo, a dire il vero ci son passato sopra e nemmeno me ne sono accorto. Cerco di riparare presto.
Interessante l'idea di abbinare la bici con il trekking, ho visto che hai sfruttato la recente ciclabile. Ma la spina sul fianco di questo giro, a mio parere, rimane la Cassia da fare in bici, troppo stretta e trafficata per i miei gusti. Questo tratto l'ho percorso anche a piedi nell'ultima tappa della Francigena fino al raccordo: 5 km di smog e rumori nella continua ricerca di un marciapiede che spesso spariva. Ma non penso che ci siano alternative fattibili.

ps: la foto con i ciclisti e il Terminillo sullo sfondo è fantastica
Grazie per il Terminillo: era lì, mi sono limitato a catturarlo.
Ho visto infatti anche la tua traccia su wikiloc. Agli Olmetti sei passato al bivio (ma nulla segnala che ci sia), a Ponte Sodo invece ci sei passato sopra. Ora comunque al secondo c'è un cartello, ma non è che faccia capire troppo come scenderci. Comunque ora hai traccia e waypoint.
La Cassia è praticamente ineliminabile. Però in bici sono veramente pochi minuti e così stretta non è. Forse è peggio a piedi. Una volta ho preso il treno con la bici e sono sceso a La Storta, oppure anche Olgiata va bene. In questo modo si può poi allungare la camminata o la pedalata.
Meno male per la pulizia; sono passato proprio vicino al furgone abbandonato senza ruote che mi ha fatto pensare all'ambulanza dei lupi di Masha e orso.
NI_G8.jpg
 
Sono appena tornato da questo bellissimo giro in bici. Erano moltissimi anni che non bazzicavo la zona di Veio. Devo dire che sono stati realizzati dei bei sentieri molto divertenti per bici e a piedi.Il laghetto purpureo è impagabile!! Se esiste mi piacerebbe proprio avere una mappa cartacea, tipo quella dei Lucretili, di tutti i sentieri. Ri grazie @Montinvisibili .
Mi sembra che con gli ultimi interventi lo stiano trasformando in un gioiello alle porte di Roma. Speriamo continuino così.
La carta digitale (ma non ci sono tutti i sentieri) la puoi scaricare in grande formato dal sito del parco http://parcodiveio.it/turisti/mappa-escursionistica
Sono stato al Lago di Tovel anni fa ed è un posto bellissimo. Lì però l'arrossamento (che non si verifica più da anni) era dovuto a un alga. Qui invece è la lenticchia d'acqua che è rossa. Come ho scritto nella relazione dovrebbe trattarsi della Spirodela polyrhiza, o lenticchia di palude, ma non ne sono sicuro.
 
Bellissimo giro!! Sei un vulcano di idee Marco!!! Mi scarico la tua traccia per fare anche gli Olmetti che mi mancano! !
Ho fatto un giro simile al tuo da casa fino a Veio con una piccola differenza e senza arrivare agli Olmetti che mi manca ancora e posto qui soprattutto per la richiesta di Mezcal. la Cassia fino a Veio si può evitare in questo modo anche se allungando oppure per fare un bel anellone (vado a memoria): dall'insugherata si risale verso la Cassia e si punta per stradine verso via di Grottarossa si atttaversa un parco si prende via veientana poi via Giustiniana da li si prende via del fosso di Monte Oliviero che attraversa il centro Acea dove c'è una sbarra dalla quale inizia una bellissima mulattiera di campagna che porta a via di Santa Cornelia e da li si arriva quasi subito alla Selvotta e ai campi della Lazio con la francigena. Se vuoi carico la traccia in ogni caso su wikiloc ce ne sono diverse che ho appunto preso per fare quel giro. Questa soluzione evita la Cassia ma allunga un poco ma diventa un bel anellone!
 
Bellissimo giro!! Sei un vulcano di idee Marco!!! Mi scarico la tua traccia per fare anche gli Olmetti che mi mancano! !
Ho fatto un giro simile al tuo da casa fino a Veio con una piccola differenza e senza arrivare agli Olmetti che mi manca ancora e posto qui soprattutto per la richiesta di Mezcal. la Cassia fino a Veio si può evitare in questo modo anche se allungando oppure per fare un bel anellone (vado a memoria): dall'insugherata si risale verso la Cassia e si punta per stradine verso via di Grottarossa si atttaversa un parco si prende via veientana poi via Giustiniana da li si prende via del fosso di Monte Oliviero che attraversa il centro Acea dove c'è una sbarra dalla quale inizia una bellissima mulattiera di campagna che porta a via di Santa Cornelia e da li si arriva quasi subito alla Selvotta e ai campi della Lazio con la francigena. Se vuoi carico la traccia in ogni caso su wikiloc ce ne sono diverse che ho appunto preso per fare quel giro. Questa soluzione evita la Cassia ma allunga un poco ma diventa un bel anellone!
Grazie @pirpolo, ribadisco che sta diventando proprio un bel parco quello di Veio. Conosco la variante che suggerisci per aver bazzicato molto quelle stradine con la bici. Penso si allunghi non di poco. La volta poi che passai per l'Insugherata con la bici, col suo fondo sabbioso non arrivavo più. Comunque è un'ottima variante anche per organizzare altri giri.
 
Mi sembra che si può anche salire a Isola Farnese facendo la ciclabile Tevere Nord e salendo da Labaro per la via Veientana Vetere a via Prato della Corte,tutto su stradine e sterrate.
 
Ultima modifica:

Discussioni simili



Alto Basso