Bushcraft Vento e lame taglienti

Gentaglia com’è???

Ultimamente sto latitando parecchio il forum, ma ogni tanto, tempo permettendo, metto assieme qualche foto di qualche uscita così da condividerla con voi.
Questa è dello scorso weekend, location rodata, meteo davvero bizzarro che ha virato da pioggia moderata e costante, a venti davvero forti, fino alla neve di Domenica.

Come al solito, dopo il rito dell’affilatura delle lame da portare (che è stato particolarmente veloce dato che ne ho portata solamente una :p ), mi riduco all’ultimo per preparare armi e bagagli.

01.jpeg


02.jpeg


03.jpeg


Parto e arrivo prima di tutti per godermi l’alba e farmi un giro da solo.
04.jpg


Sul cammino trovo delle feci, molto probabilmente di lupo, piene di peli, credo di cinghiale, e sono davvero molto fresche.

05.jpg


Arrivo al campo accompagnato da un forte vento e una leggera pioggia, avvolto nella mia swanndri di lana (QUI la recensione) mi sento caldo e asciutto, e non ho intenzione di indossare il poncho, che anzi ho utilizzato per coprire lo zaino appeso all’albero.

06.jpg



Faccio un giro a raccogliere fronde quà e là, cerco rami spezzati o abeti caduti, e presto ho un bel materasso che, oltre che comodo, creerà un primo strato isolante per stanotte.

07.jpg



Continuo il mio giro esplorativo, trovo un pino con ancora visibili I nuovi getti, ideali per un infuso di aghi di pino; poi mi capita davanti un bel pò di rosa canina, I frutti sono già segnati dalle prime gelate, morbidi e perfetti da aggiungere agli aghi, si prospetta un infuso super vitaminico.

08.jpg


La mia gatherer pouch, fatta fare su mie specifiche da un amico, casca a pennello.

09.jpg



10.jpg


Torno al campo e trovo gli altri, Mitch, @BuDD (Leo), @Samuele88 (Sam), @PaoKU (Paolo), e Francesco.

11.jpg



Con Paolo e Francesco chiacchieriamo subito un pò di kit, oggetti indispensabili, e funzionalità del poncho; poi, fra una chiacchiera e l’altra, iniziamo a testare un pò di coltelli..

Un custom forgiato da Francesco, aka FraXknives (Trovate I suoi lavori su Istagram proprio QUI)

12.jpg



Faccio un pò di prove utilizzando il Six, altro custom portato da Paolo, fatto dal maker Mauro Miliano.

13.jpg



14.jpg


Davvero comodo in mano, maneggevole, istintivo da usare, e buone pure le prestazioni di taglio (merce sempre più rara).

Si ****eggia un pò, ma neanche troppo. ;)

15.jpg


E si brinda anche!

16.jpg


E’ ora di preparare un pò di legna e completare I bivacchi.

Mi impossesso dello Skrama di Sam e ci abbatto senza sforzo un piccolo pino morto in piedi.

17.jpg



18.jpg



Ho deciso di non far portare alcuna scure o accetta, abbiamo tre bei grossi coltelli e utilizzeremo solo quelli per processare la legna, ma non ci siamo fatti mancare qualche sega.

19.jpg


Leo completa la sua branda rialzata ricoperta di fronde.

20.jpg



21.jpg


Ogni tanto ci mettiamo pure in posa, Mitch, Leo, ed io.

22.jpg



Francesco completa il suo bivacco fatto col poncho, ha dovuto integrare il tutto con molti rami e fronde per ripararsi dal forte vento che si sarebbe altrimenti inserito sotto al poncho

23.jpg


Iniziamo a fare un pò di pratica col fuoco, in particolare one stick fire, accensione con coltello e firesteel utilizzando un ramo (senza alcun tipo di esca).

24.jpg


Ma presto lascio soli I ragazzi, ho il mio Wander Tactical Smilodon in mano e un bosco davanti, il richiamo è forte, e vado a fare un pò di legna.

25.jpg


Dopo poco torno per provare uno dei custom forgiati portati da Francesco, solo qualche test di taglio e un pò di batoning su 3 grossi rami, mi ha detto di andarci pesante e così ho fatto!

26.jpg


Zero problemi e ottimo feeling.

Poi di nuovo un pò di legna. (schwarzenegger in commando me spiccia casa!) :cool: :lol: :lol: :lol:

27.jpg


Sono un feticista dei belt setup, lo sapevate vero? :woot:

Mitch col suo Liosteel M7 (ne ho fatto una recensione QUI)

28.jpg



Francesco e il suo coltello forgiato

29.jpg



Leo col suo cinturone full optional

30.jpg


Me medesimo

31.jpg



Ad ognuno il suo setup, qui sotto la comparazione del mio cinturone, con coltello, gatherer pouch e guanti da lavoro, e il cinturone super accessoriato di Leo.

31A.jpg


Il campo è finito, I rifugi sono pronti, il vento non si placa e decidiamo di trasportare qui “un coso” di metallo arrugginito che abbiamo visto in un campo non troppo distante, lo utilizzeremo come paravento per il fuoco.

32.jpg


La luce cala velocissima, cosi come la temperatura, l’unica cosa che cresce è la pioggia che, sferzata dal vento, scende obliqua e fastidiosa.

Decidiamo di raggiungere l’eremo distante circa 300mt per cenare più comodamente ed asciugarci un pò.

Trasportiamo ciascuno un paio di ciocchi di legna preparati al campo; nel rifugio verranno tutti lavorati con la triade firmata Wander Tactical

Il mio Smilodon, il Godfather di Leo, e l’Uro di Paolo.

33.jpg


Leo passa dal pestare brutalmente sul dorso del godfather per prepare legna….

34.jpg


Al prepararci un aperitivo, ovviamente sempre col suo inseparabile coltello!

35.jpg



36.jpg


Ma lo smilodon è nato ispirandosi in parte ai santoku giapponesi per cui…


37.jpg

La mia giacca umida, lasciata davanti al camino, fuma letteralmente, dalla foto si capisce poco ma il vapore era davvero tanto e ben visibile.

38.jpg


In casa abbiamo modo di vedere, e provare, alcuni coltelli forgiati da Francesco.

38A.jpg


Coltelli con caratteristiche diverse, con diversi design e diverse dimensioni, ma tutti accumunati dallo stesso stile; utensili forgiati, lame brute de forge, aspetto rustico…

La serata scorre via fra chiacchiere, cena, tecniche di affilatura, e prove di accensione con l’utilizzo di alcune esche naturali.

Usciamo per raggiungere il bosco, il vento è molto forte e la pioggia battente, usciamo dal rifugio caldi e asciutti, e arriviamo al bosco completamente bagnati, specialmente I pantaloni. La pioggia scendeva di traverso e alle nostre spalle, arrivo al mio bivacco con I pantaloni bagnati e appiccicati alle gambe.

La notte la pioggia va e viene, più o meno forte, mentre il vento ha continuato a sferzare violentemente I nostri rifugi tanto che più di una volta ho creduto che il mio piccolo tarp potesse prendere il volo.

Sicuramente la temperatura è scesa di qualche grado sotto lo zero.
La mattina dopo c’è ancora vento, ma per lo meno la pioggia sembra cessata.
Colazione veloce e poi dritti a fare un pò di legna, tanto per il fuoco quanto per scaldarsi un pò, e, perchè no, per avere un pretesto per provare I coltelli degli altri. :)

39.jpg


40.jpg


40A.jpg


Su consiglio di Samuele si decide di optare per un fuoco lungo, scelta azzeccata, potremo scaldarci tutti e al contempo cucinare comodamente, poi però decidiamo di combinare un fuoco lungo con un fuoco finlandese, due pali perpendicolari e uno sovrapposto.

41.jpg


Il Six lavora molto molto bene
42.jpg


43.jpg


44.jpg



Sarà un fuoco di mantenimento, che durerà parecchio, e con cui potremo scaldarci facilmente.

45.jpg


Nel frattempo abbiamo accatastato un bel pò di scorte per la giornata.

46.jpg



Proviamo un esca fornita da Sam, una bustina di the cerata, l'abbiamo tagliata in tre parti per accendere tre fuochi sui due tronchi e devo dire che ha durato davvero tanto.

47.jpg


Per la cronaca, il fuoco lungo è stato acceso agevolmente ed ha funzionato bene, ma ci è stato molto difficile gestire al meglio il terzo palo sovrapposto; probabilmente quest’ultimo era troppo umido poiché Sam ha alimentato costantemente il fuoco per più di mezzora, ma il terzo palo bruciava a fatica, mentre I due paralleli stavano ardendo molto bene al centro.

Per migliorare ulteriormente la cucina, decido di preparare una torcia svedese per cuocere più comodamente.

Leo giustamente prende la palla al balzo per aiutarmi facendo un pò di riccioli, ma si parte dallo spaccare piccoli tronchi.

48.jpg


Io preparo il corpo della torcia svedese.

49.jpg


Dopo aver diviso in quattro parti un ciocco, ne asporto leggermente la parte centrale per aumentare il tiraggio, e incido il legno in modo da agevolarne la combustione.
50.jpg


Se possiedi un buon coltello, passare dallo spaccare tronchi d’albero al creare sottili riccioli non comporta alcuno sforzo.

Leo lo possiede.

51.jpg


52.jpg



La torcia è pronta per l’accensione.

53.jpg


Mentre spaccavo legna mi sono trovato per le mani un pezzo di fatwood, e decido di utilizzarlo per accendere la torcia.

54.jpg


Un metodo che utilizzo spesso col fatwood è quello di ricavarne una scheggia da utilizzare come fiammifero, dura davvero molto ed è molto più funzionale rispetto ad inserire la classica mucchietta grattata e accesa col firesteel.

55.jpg



56.jpg


La torcia si innesca molto bene e, come sempre, si dimostra uno dei fuochi più comodi per cucinare.

Il menù offre uova e pancetta!

57.jpg


Ormai lo sapete gentaglia, quando chiamo a raccolta per una foto di gruppo, intendo questo.

58.jpg


59.jpg


Che ve ne pare dei ferri in dotazione? Se consideriamo le temperature e il fatto che eravamo in 6, per quanto riguarda la legna nessuno ha sentito la mancanza di accette o altro, ma c’è da dire che le seghe hanno svolto, come sempre, molto molto lavoro.

Sotto la pioggia (si, è tornata!) iniziamo a smontare I bivacchi, poi la pioggia assume la forma di palline di ghiaccio, che col passare dei minuti si trasformano a tutti gli effetti In neve, e come se non bastasse il vento torna a soffiare. :roll: :roll: :roll:

Ci mettiamo in marcia e ci imbattiamo in questo Trapper e il suo cavallo, che spettacolo!

60.jpg



Qualche minuto ed il bianco, tutto attorno a noi, prende il sopravvento.

61.jpg


Alla sua prima vera uscita di 2 giorni, il mio Fjallraven Lappland friluft si è comportato molto bene.

61A.jpg


I poncho, a causa del vento, svolazzano da tutte le parti, I softshell spesso non offrono protezione e soprattutto calore adeguati, per non parlare dei possibili danni provocati da scintille o ramaglie.

Io e Mitch abbiamo scelto la via della lana, dentro le nostre swanndri bush shirt siamo comodi, caldi, e asciutti. (interessa la lana? leggi QUESTO)

62.jpeg


63.jpg



E’ quasi tempesta...è quasi tutto perfetto.

64.jpg


65.jpg



66.jpg


E’ stato davvero un fantastico weekend, ricco di attività e convivialità, buon cibo e vino (anche vin brulè caldo!).

Mi sono mancati parecchio alcuni dei ragazzi di ReWild reduci dal Kenya dove hanno partecipato allo S.N.A.K.E. 2021 con Daniele Dal Canto, con loro e non solo con loro il divertimento sarebbe solo stato maggiore.

Finalmente ho rivisto Paolo, e mi ha fatto molto piacere conoscere Francesco in arte FraXknives, spero di poterli rivedere e replicare spesso, magari la prossima volta con molta molta più neve (e possibilmente senza tutto questo ****o di vento! :-x)

Spero di non avervi annoiato, ma un weekend come questo meritava di essere ben documentato e raccontato :si: ;)

67.jpg


#staywild
 
Report stupendo e dettagliatissimo come sempre.Sono stati due giorni davvero incredibili tra condivisione,risate,e del sano bushcraft grazie mille per questa esperienza,spero di replicare prestissimo
 
Grazie!

Eh già, deve essere stata una notte difficile...
Un pochino, ma onestamente avrei detto peggio.
Avevo deciso per extra lusso per cui ho utilizzato il sacco a pelo (E.I. Invernale, non conosco temp comfort), non ho avuto per niente freddo, il tarp era impostato a A e non a tettoia per cui mi ha protetto abbastanza bene dalla pioggia. fronde, materassino e giacca, stesi sotto di me, mi hanno isolato bene, mi ero cambiato i calzini mettendone un paio più spesso di lana.
La mattina il sacco a pelo fuori era molto umido ma io, dentro, stavo al caldo.
Avessi utilizzato una più spartana coperta di lana non so come sarebbe andata...
 
EGOISTI!
8 coltelli per 6 persone significa che non vi siete preoccupati di portare 5-6 coltelli ciascuno, che sarebbe stato piu' interessante perche' qualche di quei coltelli sarebbe stato uguale al coltello di qualcuno che legge questo thread e quindi avrebbe goduto di piu' a leggerti! :lol:
 
EGOISTI!
8 coltelli per 6 persone significa che non vi siete preoccupati di portare 5-6 coltelli ciascuno, che sarebbe stato piu' interessante perche' qualche di quei coltelli sarebbe stato uguale al coltello di qualcuno che legge questo thread e quindi avrebbe goduto di piu' a leggerti! :lol:
Ci stai sottovalutando! In realtà avevamo circa 7 coltelli a testa, ma non li abbiamo fotografati perché non ci andava di condividerli con nessuno! :poke::poke:
 
Che figata!
Belle lame e belle le scelte diverse nell'abbigliamento.
Sta giacca di lana ispira un sacco.
Invece senti una cosa ma i guanti di pelle costano davvero 140m euro nuovi? non è un po' eccessivo, io di solito quelli in pelle da lavoro li pago 10' euro.
 
Sempre bellissimi i report delle tue uscite, solo che fanno salire il crimine per ovvia invidia per l’uscita, per i posti, lame compagnia ecc….
Bene dai, missione compiuta! :biggrin:
Che figata!
Belle lame e belle le scelte diverse nell'abbigliamento.
Sta giacca di lana ispira un sacco.
Invece senti una cosa ma i guanti di pelle costano davvero 140m euro nuovi? non è un po' eccessivo, io di solito quelli in pelle da lavoro li pago 10' euro.
Giacca di lana e non solo, intimo in lana, calzini di lana, berretta di lana, guanti in lana.. Etc..
Per i guanti, cala pure di 50 euro (anche se c'è chi li vende a prezzi folli), e a tenere d'occhio certi siti si acquistano in saldo.
Si potrebbero pagare meno? Assolutamente sì, così come del resto praticamente tutto quello che possediamo, dall'abbigliamento allo zaino ai coltelli... ;)
 
Bene dai, missione compiuta! :biggrin:

Giacca di lana e non solo, intimo in lana, calzini di lana, berretta di lana, guanti in lana.. Etc..
Per i guanti, cala pure di 50 euro (anche se c'è chi li vende a prezzi folli), e a tenere d'occhio certi siti si acquistano in saldo.
Si potrebbero pagare meno? Assolutamente sì, così come del resto praticamente tutto quello che possediamo, dall'abbigliamento allo zaino ai coltelli... ;)
Si lo ben so Gabri, però mi chiedevo se avessero qualcosa di diverso o fossero semplicemente dei guanti in pelle costosi, per dire i mechanics hanno dei tessuti particolari e ci sta che costino di più.
Se hai qualche link a siti in cui si trovano a meno, li guarderò, magari assieme al sito dove hai preso quella giacca figherrima!????
 
lo ben so Gabri, però mi chiedevo se avessero qualcosa di diverso o fossero semplicemente dei guanti in pelle costosi, per dire i mechanics hanno dei tessuti particolari e ci sta che costino di più.
Se hai qualche link a siti in cui si trovano a meno, li guarderò, magari assieme al sito dove hai preso quella giacca figherrima!????
Bé per prima cosa parliamo di artigianato di alto livello, la pelle è spesso di renna, più costosa, e trattata coi migliori prodotti, quando mi sono arrivati erano molto intrisi in un qualche grasso. Le lavorazioni e fasi di produzione sono tutte manuali.
Detto ciò, sborsare 80 euro per un paio di guanti magari è comunque tanto, la speranze è che durino una vita, e che per questo lasso di tempo le prestazioni siano migliori.
Ad esempio, dopo aver indossato i Crud, i miei vecchi guanti di cuoio ora mi sembrano di cartone..
Anche un accetta da 20 euro del brico può durare tanto, poi c'è chi preferisce una hultafors da 120... :si:
La swanndri l'ho presa usata da giovanni81 ad un ottimo prezzo, si trova sul sito di Ray mears o direttamente sul sito swanndri, che pur essendo neo zelandese con spese di spedizione alte, talvolta mette in saldo alcuni prodotti anche del 50%
 
Si beh 80 euro sono comunque tanti ma capisco perfettamente il discorso che fai. c'è anche l'aspetto del piacere e del togliersi uno sfizio che altri si tolgono in altri modi, noi ci togliamo con coltelli, accette, seghe, e cosette varie
Grazie delle dritte
 
Alto Basso