Bushcraft Vento e lame taglienti

che spettacolo, quando le condizioni meteo sono così variabili e poi nevica pure per me è sempre il top! Invidia!

Come non essere d'accordo! In particolare l'abbigliamento è cruciale, per raggiungere il bosco camminata abbastanza leggera di 45 minuti, al bosco si alternano attività statiche ad attività motorie, e queste ultime spesso prevedono di entrare in contatto con legna, ramaglie, e altro.
C'è la componente fuoco e le sue scintille, e per quanto riguarda il meteo, la subdola pioggia leggera ma costante (metto o non metto il guscio?), alternata a pioggia più forte, poi il vento e la neve...
Non cambierei la mia swanndri mosgiel bush shirt in lana con nessun altro capo se non un capo similare, e se devo proprio trovargli un difetto, non tiene benissimo il vento.
 
sì il vento passa che poi è logico e alla fine è traspirabilità. Per fermare il vento cmq basta poco ed è IMVHO un problema da "vetta" da luoghi esposti. Non è una giacca da alpinismo!

Ah cmq io dicevo che è il top fare le escursioni con quel tipo di meteo, c'è più gusto se c'è un meteo inclemente. Il fuoco quando non c'è brutto , freddo ecc alla fine non ha lo stesso valore...
 
Bel report Gabri! Per il discordo lana io ho preso lo scorso anno una giacca dell'esercito svedese. 85% lana. è corta in vita ma caldissima e comoda. l'ho usata più volte e anche da bagnata trattiene bene il calore. tanto per darvi un'idea passeggiando tranquillamente a -3°C dopo 20 minuti ho iniziato a sudare, ed ero senza intimo termico. e inoltre costa niente quindi anche se la rovini pace.
 
Di solito indosso un intimo 100% lana Merino della icebreakers, leggero da 200mg, ma dato che la sera prima ho visto che le previsioni promettevano basse temperature, ho deciso di indossare un intimo termico marca Mico, sopra una t-shirt di cotone, sopra una camicia di flanella dikies, ed infine la swanndri.
Avevo dei guanti aperti della woolpower, ma avrei preferito sostituirli con altri guanti, magari a mezze dita, perché non tengono molto caldo.
In testa fascia di lana, calzini 70%merino 30% sintetico, scaldacollo tubolare buff merino.
Per la notte avevo portato, come al solito, una maglia di pile abbastanza pesante, ma di solito non utilizzo il sacco a pelo, per cui ho dormito nel sacco a pelo, con la swanndri buttata sopra al sacco, e senza maglia di pile, in più ho cambiato i calzini con un altro paio di calzettoni in lana di cammello e alpaca.
Non ho mai avuto né freddo né caldo, col senno di poi avrei migliorato i guanti come detto, e magari indossato una berretta al posto della fascia dato che col cappuccio questa talvolta si spostava.
:si:

@copacunici e @Jk74
Voi avete acquistato la swanndri da almeno un anno, che feedback dareste?
Perché io era da un pó che mi guardavo attorno per l'acquisto di un altra giacca da bosco, ma poi, ogni volta che esco per due giorni con la swanndri, mi dico che no, non voglio venderla. :p
Non tiene caldo come molte altre giacche invernali imbottite, ma consente, grazie al taglio oversize, di gestire gli strati intermedi aggiungendo o togliendo calore, così la swanndri si potrebbe tenere a riposo giusto l'estate o la primavera inoltrata.
 
Gabri senti a me tieniti la Swanndri anzi se puoi fatti un bell'anorak con una coperta di lana militare:)
IMG_20211129_132130.jpg
 
Io trovo che in attività da medio basso sforzo abbia una buona traspirazione anche da bagnata il vero limite è il vento cge se ce n'è molto finusce per essere un po'poco calda. Però tenuto conto di come sono i xapi antivento o impermeabili si comporta benissimo, il solito discorso della termoregolazione della lana
 
Gabri senti a me tieniti la Swanndri anzi se puoi fatti un bell'anorak con una coperta di lana militare:)

Si credo la terrò, magari l'unico capo in lana con cui potrei sostituirla potrebbe essere l'anorak di micklagaard, stupendo ma non credo sarebbe comodo come la swanndri; al max potrei alternare la lana con un capo più tecnico, comunque studiato per attività boschive, parlano molto bene di garphyttan...vedremo
 
Si credo la terrò, magari l'unico capo in lana con cui potrei sostituirla potrebbe essere l'anorak di micklagaard, stupendo ma non credo sarebbe comodo come la swanndri; al max potrei alternare la lana con un capo più tecnico, comunque studiato per attività boschive, parlano molto bene di garphyttan...vedremo
Io ho anche una Fijallraven winter greenland, è davvero comoda e robusta nel bosco, cerata resiste anche un po alla pioggia e spesso si trovano usate su ebay ad ottimo prezzo.
 
Coordinatometro di Avventurosamente
Alto Basso