Informazione Viaggio a piedi e con mezzi pubblici per l'Europa

Dalla Svezia a Roma c'e' il sentiero E1,che passa praticamente davanti a casa mia,ma sinceramente non ne so molto e dovresti informarti. Comunque d'inverno e' molto probabile che da un certo punto in poi sia coperto di neve.
 

Ritengo che una certa pianificazione del percorso, pur senza entrare troppo nel dettaglio, sia come minimo necessaria, poi ovviamente ognuno è libero di fare come crede, però mi auguro che tu @LupoTwo lo faccia :) o è molto facile che parti oggi e domani sei nuovamente a casa ;) ...... non è per gufare ma se non hai esperienza non è così difficile per "n" motivi (difficile non vuol dire certamente).

Detto questo l'attrezzatura può variare da un semplice rettangolino di plastica con la scritta VISA o American Express all'elenco che ripeto:

  • zaino
  • sacco a pelo
  • materassino
  • tenda
  • fornellino (gas/alcool/multifuel)
  • gavetta e pentolame vario
  • vestiario
  • scarponi
  • scarpe
  • illuminazione
  • gps e affini
  • cibarie
  • acqua ed eventuale trattamento
  • fonti di energia (power bank, caricabatterie solari ect)
  • primo soccorso ad uso personale
  • varie ed eventuali :)
Le priorità, a livello di scelta, secondo il mio punto di vista, dovrebbero essere in primo luogo a tutto quello che riguarda i piedi, per cui scarpe e/o scarponi.

Uno scarpone, per il mio punto di vista, è necessario in particolar modo ora che è inverno, però per dei piedi non abituati non sono il massimo, per tanto, anche delle scarpe dovrebbero esserci.

Per scegliere un paio di scarponi dipende in primo luogo dalle proprie abitudini, se si hanno, diversamente bisognerebbe capire cos'è il meglio per i propri piedi e questo, generalmente, non è un processo immediato poichè o ci si accontenta e, letteralmente, è il piede che si adegua alla scarpa o si deve considerare che all'inizio può andare bene come male e le vesciche potrebbero non mancare.

Prima considerazione sugli scarponi, bassi o alti ? Bassi sono più portabili ma proteggono meno la caviglia, alti, d'altro canto, legano maggiormente la mobilità del piede rendendo più stancate camminare (ci si abitua ma ci vuole tempo), alti, inoltre, potrebbero proteggere maggior il piede da acqua e neve.

Hai mai portato degli scarponi ?

Se sì questi discorsi ti sono già noti e probabilmente sono inutili, per tanto, salta il tutto, diversamente comincia a chiederti com'è la tua caviglia :)

Io uso scarponi alti

Ciao :si:, Gianluca
 
sinceramente ti consiglio di fare prima esperienze simili ma più corte e modeste, anche per permettere al tuo corpo di prendere confidenza col camminare tutti i giorni, legamenti e muscoli se non allenati si traumatizzano fin troppo velocemente.
anche come materiale mi pare che tu sia carente, non hai neppure le scarpe e soprattutto non hai idea se quelle che acquisterai dopo 5 chilometri ti faranno venire le bolle e le vesciche.
quindi allenamento e conoscenza dei materiali, io fossi in te utilizzerei quest'inverno per la dovuta esperienza, poi il prossimo anno ecco che puoi partire per la tua avventura.
capisco il desiderio di fare, ma non bruciare le tappe, anzi, assaporarle lentamente, non c'è nulla di peggio che perdere qualsiasi interesse col trekking solo per essere partiti col piede sbagliato.

poi magari che so, sei un maratoneta vissuto sempre in alaska e quindi stò parlando del nulla :lol:
Sono pienamente d'accordo che come programma è molto al disopra delle mie possibilità, infatti come dicevo non sono intenzionato di farmela tutta a piedi in caso di stanchezza sfrutterò i mezzi di trasporto.
Sto cominciando a valutare la possibilità di fare il cammino di Santiago come prima esperienza e se sopravvivo nulla mi vieta di provare a fare altre esperienze, anche se sento proprio il richiamo di andare più a nord possibile.
Comunque ti ringrazio per la disponibilità.
 
Dalla Svezia a Roma c'e' il sentiero E1,che passa praticamente davanti a casa mia,ma sinceramente non ne so molto e dovresti informarti. Comunque d'inverno e' molto probabile che da un certo punto in poi sia coperto di neve.
Ciao.
Leggendo un po su internet mi è parso di capire che questo è un percorso per escurionisti e non sono pronto per questi percorsi dato che potrei trovarmi stanco morto lontano dalla civiltà e in quel caso non saprei cosa fare.
Ma grazie comunque dell'informazione mi potrà sicuramente essere utile se in un futuro decidessi di fare qualcosa di escursionistico .
 
Sono pienamente d'accordo che come programma è molto al disopra delle mie possibilità, infatti come dicevo non sono intenzionato di farmela tutta a piedi in caso di stanchezza sfrutterò i mezzi di trasporto.
Sto cominciando a valutare la possibilità di fare il cammino di Santiago come prima esperienza e se sopravvivo nulla mi vieta di provare a fare altre esperienze, anche se sento proprio il richiamo di andare più a nord possibile.
Comunque ti ringrazio per la disponibilità.

e secondo me fai bene col cammino di santiago che a parte essere molto bello ti metti parecchio alla prova in maniera sicura, nel senso che sul percorso oramai la gente è abituata ad avere a che fare con i pellegrini, quindi in caso di necessità avresti aiuto, non saresti da solo.
ecco che in questa maniera puoi provare i materiali ad esempio, un conto è tenere le scarpe nei piedi tutto il giorno, un'altro è farci 20 km oggi, domani 30, poi 25, e così via, non è facile nè per un corpo poco allenato ma soprattutto per una mente con poca esperienza, lo sconforto è una brutta bestia con la quale occorre fare i conti soprattutto con questo genere di imprese, sembra facile camminare :)
in rete trovi millemila relazioni/consigli/istruzioni, eventualmente ci sarebbe anche il cammino di assisi, questo se non ricordo male ha anche numerosi tratti escursionistici

http://www.camminodiassisi.it/
 
Ritengo che una certa pianificazione del percorso, pur senza entrare troppo nel dettaglio, sia come minimo necessaria, poi ovviamente ognuno è libero di fare come crede, però mi auguro che tu @LupoTwo lo faccia :) o è molto facile che parti oggi e domani sei nuovamente a casa ;) ...... non è per gufare ma se non hai esperienza non è così difficile per "n" motivi (difficile non vuol dire certamente).

Detto questo l'attrezzatura può variare da un semplice rettangolino di plastica con la scritta VISA o American Express all'elenco che ripeto:

  • zaino
  • sacco a pelo
  • materassino
  • tenda
  • fornellino (gas/alcool/multifuel)
  • gavetta e pentolame vario
  • vestiario
  • scarponi
  • scarpe
  • illuminazione
  • gps e affini
  • cibarie
  • acqua ed eventuale trattamento
  • fonti di energia (power bank, caricabatterie solari ect)
  • primo soccorso ad uso personale
  • varie ed eventuali :)
Le priorità, a livello di scelta, secondo il mio punto di vista, dovrebbero essere in primo luogo a tutto quello che riguarda i piedi, per cui scarpe e/o scarponi.

Uno scarpone, per il mio punto di vista, è necessario in particolar modo ora che è inverno, però per dei piedi non abituati non sono il massimo, per tanto, anche delle scarpe dovrebbero esserci.

Per scegliere un paio di scarponi dipende in primo luogo dalle proprie abitudini, se si hanno, diversamente bisognerebbe capire cos'è il meglio per i propri piedi e questo, generalmente, non è un processo immediato poichè o ci si accontenta e, letteralmente, è il piede che si adegua alla scarpa o si deve considerare che all'inizio può andare bene come male e le vesciche potrebbero non mancare.

Prima considerazione sugli scarponi, bassi o alti ? Bassi sono più portabili ma proteggono meno la caviglia, alti, d'altro canto, legano maggiormente la mobilità del piede rendendo più stancate camminare (ci si abitua ma ci vuole tempo), alti, inoltre, potrebbero proteggere maggior il piede da acqua e neve.

Hai mai portato degli scarponi ?

Se sì questi discorsi ti sono già noti e probabilmente sono inutili, per tanto, salta il tutto, diversamente comincia a chiederti com'è la tua caviglia :)

Io uso scarponi alti

Ciao :si:, Gianluca
Si mi è capitato più di una vota di usare scarponi e di farci camminate di qualche kilometro infatti come calzature penso che prenderò sia degli scarponi che delle scarpe basse.
L'elenco dei materiali da portare può andare bene ma dovrei entrare più nel dettaglio del tipo: vestiario? Quanta roba?
3 maglie tattiche
3 felpe
3 pantaloni tattici
4 mutande
Ecc...
 
Dipende :)

Personalmente non andrei mai sotto a due di ogni cosa a livello di biancheria intima, questo per avere un cambio sempre asciutto (in particolar modo calze e canottiera) ed un secondo da usare in base alla necessità, praticamente parto, quando ho bisogno mi cambio, il cambio sporco lo lavo (quando posso, in inverno devi appoggiarti a lavanderie a gettone, difficilmente puoi "stendere") e ne ho sempre uno di riserva. Però devi fare questo ragionamento solo dopo che hai riempito lo zaino perché potrebbe essere che ti ritrovi uno zaino troppo pesante e allora rinunci alla sicurezza del cambio di riserva (in pratica riduci a due).

Così però hai risolto solo il sotto :), rimane il sopra che è la parte più impegnativa perché è la parte che realmente ti servirà, sarà quella più pesante (proprio come peso), quella più costosa e quella in cui, probabilmente, incide maggiormente la conoscenza del settore commerciale visto la particolarità del tuo viaggio, per cui ...... alzo le mani.

Ciao :si:, Gianluca
 
Ultima modifica:
Bell'idea quella di cominciare con il cammino di Santiago.
Potresti percorrere anche la Via Francigena da Roma a Nord. In Piemonte decidi se andare verso Santiago, quindi continuando per la Via Domitia e poi prendere la via di Arles per il confine spagnolo, da dove parte il cammino francese per Santiago.
Altrimenti potresti tirare dritto per il San Bernardo e arrivare in Svizzera e poi Francia.
Le vie che ti ho descritto sono fornite di ricovero per il pellegrino.
La leggerezza è tutto, ma questo s'impara a proprie spese camminando.
Quindi un solo paia di scarpe, 1 sandalo con cui ci puoi camminare e fare la doccia, 1 sacco a pelo e niente tenda.
Ciaoo
 
Mi stavo informando su vari cammini che potrei provare a fare e una che mi sembra interessante è la Via Francigena da Roma a colle Gran Bernardo, ma sto vedendo sul sito ufficiale le mappe e questo cammino si deve fare da Nord a Sud per forza o posso farlo anche al contrario?
 
Mi stavo informando su vari cammini che potrei provare a fare e una che mi sembra interessante è la Via Francigena da Roma a colle Gran Bernardo, ma sto vedendo sul sito ufficiale le mappe e questo cammino si deve fare da Nord a Sud per forza o posso farlo anche al contrario?
Certo che puoi farlo al contrario e non avrai nessuna limitazione (mi riferisco agli ostelli per pellegrini).
Tra l'altro diverse persone utilizzano la via Francigena al contrario per andare a Santiago.
Pochi giorni fa è arrivata a Santiago una ragazza italiana partita 5 mesi fa da Santa Maria di Leuca in Puglia. ha fatto la Francigena del Sud fino a Roma e poi le altre vie: circa 4000 km solo a piedi.
 
Grazie per la risposta. Se non vi dispiace avrei un ultima cortesia da chiedervi, come funziona la via francigena? Devo andare a Roma a fare qualche registrazione? Gli ostelli dei pellegrini si pagano di volta in volta o si paga tutto all'inizio?
 
Grazie per la risposta. Se non vi dispiace avrei un ultima cortesia da chiedervi, come funziona la via francigena? Devo andare a Roma a fare qualche registrazione? Gli ostelli dei pellegrini si pagano di volta in volta o si paga tutto all'inizio?
Ciao,
nessuna registrazione a Roma, nessuna pianificazione del tragitto, prenotazioni varie, nessuno ti obbliga la direzione, quanto vuoi camminare, etc
La Via Francigena sta lì, bisogna solo percorrerla.
L'unica cosa che è richiesta in alcune strutture sono le credenziali, dove andranno apposti i timbri e certificano che stai facendo il pellegrinaggio (anche laico). Le puoi richiedere anche online (vai su Google) e visto che sei di Perugia lì si trova la confraternita di San Jacopo, dove rilasciano anche le credenziali (vai su Google)
Ciaoo

ps: il passo del San Bernardo è chiuso nel periodo invernale.
ps 2: ho appena fatto un post sulla via Francigena: http://www.avventurosamente.it/xf/threads/via-francigena-a-piedi-da-siena-a-roma.45300/
 
Ciao a tutti.
Inizio con ringraziare mezcal per le preziose informazioni sulla via francigena.
Tornando a noi, ci siamo quasi, zaino, attrezzatura, credenziali per gli ostelli, tutto pronto.
Zaino 70+10
Cammel bag 2L
3 paia di pantaloni
4 magliette tattiche a manica corta
2 magliette tattiche a manica lunga
3 pile
Giacca idrorepellente
Copri pantaloni idrorepellente
1 paio di scarpe da trekking
4 paia di calzini
3 paia di boxer
torcia a fascia per la testa
bussola
Borraccia
Ciabatte
Telo in microfibra
Guanti, scaldacollo, cappuccia.
Coltellino svizzero, kit di pronto soccorso, medicine varie.
Secondo voi questa roba basta?
Poi volevo comprare un orologio con GPS secondo voi mi può essere utile?
Quale mi consigliate?
Grazie ancora a tutti per la disponibilità .
 
Ciao a tutti.
Inizio con ringraziare mezcal per le preziose informazioni sulla via francigena.
Tornando a noi, ci siamo quasi, zaino, attrezzatura, credenziali per gli ostelli, tutto pronto.
Zaino 70+10
Cammel bag 2L
3 paia di pantaloni
4 magliette tattiche a manica corta
2 magliette tattiche a manica lunga
3 pile
Giacca idrorepellente
Copri pantaloni idrorepellente
1 paio di scarpe da trekking
4 paia di calzini
3 paia di boxer
torcia a fascia per la testa
bussola
Borraccia
Ciabatte
Telo in microfibra
Guanti, scaldacollo, cappuccia.
Coltellino svizzero, kit di pronto soccorso, medicine varie.
Secondo voi questa roba basta?
Poi volevo comprare un orologio con GPS secondo voi mi può essere utile?
Quale mi consigliate?
Grazie ancora a tutti per la disponibilità .
Secondo me troppa roba. 2 pile vanno bene 2 magliette a maniche corte e 1 a manica lunga, 3 calzini.
Invece delle ciabatte, secondo me è meglio avere un paio di sandali impermeabili da trekking che puoi usare per la doccia, la sera e soprattutto per camminarci (vesciche).
se devi prendere un GPS è molto meglio un prodotto dedicato (per es Grarmin 20 oppure 30) e non un orologio (durata batteria ed efficacia migliori).
 
Stavo vedendo vari Gps Garmin e mi è venuto un dubbio, come funzionano? tipo navigatore del cellulare? ho visto sul sito della via Francigena che sono scaricabili i tracciati Gps, qualcuno li ha mai usati? secondo voi mi serve o pensate che bastino le cartine? scusate ma prima di spendere 217€ vorrei essere sicuro che mi serva.
 
No, ho optato per farmi la via francigena e il cammino di Santiago, di modo che percorro zone conosciute e ho dove poter pernottare senza rischiare l'assiderazione.
 
Stavo vedendo vari Gps Garmin e mi è venuto un dubbio, come funzionano? tipo navigatore del cellulare? ho visto sul sito della via Francigena che sono scaricabili i tracciati Gps, qualcuno li ha mai usati? secondo voi mi serve o pensate che bastino le cartine? scusate ma prima di spendere 217€ vorrei essere sicuro che mi serva.
Ciao,
se ti limiti alla Via Francigena e al Cammino di Santiago, non ti occorrono ne GPS e ne cartine (non ho mai visto nessuno usarli).
Per la via Francigena ti consiglio di comprarti la guida edita da Terre di Mezzo (l'ultima è aggiornata a questa estate): hai tutto ciò che ti occorre: dalla descrizione del percorso suddiviso per tappe, agli ostelli ai cenni storici geografici.
Sempre per la via Francigena ti consiglio di scaricarti l' App Sloways (simbolo arancione con la lumaca): hai tutta la Via Francigena divisa in tappe con la mappa e la traccia da seguire. Attivi il GPS e visualizzi un pallino blu nel tracciato. Hai la possibilità di scaricarti tutte le mappe e i tracciati sul cellulare così le puoi usare anche in assenza di campo dati.
Tieni presente che in inverno può essere complicato valicare il Monginevro se sei diretto a Santiago.
Nel tuo elenco non ho visto il sacco a pelo, che è fondamentale per dormire in alcune strutture, soprattutto in inverno.
 

Discussioni simili


Contenuti correlati

Alto