Escursione Wild Lepini: traversata integrale cresta Perrone del Corvo-Cima dell'Ouso

Parchi del Lazio
Monti Lepini
Dati

Data: 11/04/2017
Regione e provincia: Lazio (Rm)
Località di partenza: Pian della Faggeta
Località di arrivo: Perrone del Corvo, Cima dell'Ouso, Pian della Faggeta
Tempo di percorrenza: 5h 50m
Chilometri: 8 km
Grado di difficoltà: EE+
Descrizione delle difficoltà: sentiero, ufficiale o non che sia, inesistente; primo tratto di salita, dal Ponte Occhio del Bue all'anticima nord del Perrone del Corvo a noi completamente ignoto, poi rivelatosi molto ripido e con svariati tratti "ignoranti"; vegetazione fitta (rami, arbusti, tronchi, rovi) presente durante tutto il percorso di cresta, che ha reso il passaggio difficile e doloroso; alcuni saltini di roccia (I, II-)
Periodo consigliato: mai :biggrin: scherzi a parte, più ci si avvicina all'estate e più la vegetazione ostruisce qualsiasi forma di passaggio umano
Segnaletica: nessuna
Dislivello in salita:
Dislivello in discesa:
Quota massima: 1035 m.
Accesso stradale: si parcheggia al Pian della Faggeta e si scende a piedi inizialmente per una carrareccia, poi ad intuito fino a raggiungere la base della cresta nei pressi dell'Occhio del Bue.


Descrizione

Percorso ignorante e faticoso (dicasi egregiamente caxxuto :biggrin:), un piccolo sogno che con il carissimo amico Mauro volevamo realizzare, ossia la traversata integrale di tutta la rognosa cresta dal Ponte Occhio del Bue fino al tracciato di mezza costa dell'ex Alta Via dei Lepini, passando per le cime del Perrone del Corvo (1013, 1035, 1032) e di Cima dell'Ouso (1094).
Il primo tratto è molto ripido, si guadagna terreno metro dopo metro cercando di farsi varco tra la vegetazione fittissima e salendo qualche salto di roccia.
Aver percorso 5 km in 4h 30m (fino alla Cima dell'Ouso) la dice tutta sulla natura e la difficoltà del tragitto.
Escursione non banale consigliata solo ad amanti dell'avventura con tanto spirito di sacrificio. Questi sono i Lepini che più amo, quelli dove non ti portano i sentieri né le associazioni escursionistiche.

Ecco parte del tragitto fatto
17799995_1617720884919613_8136622177475129020_n.jpg


scendiamo verso l'Occhio del Bue, inizialmente agevolmente e poi sempre meno, fino a trovarci esattamente alla base della cresta che dovremo percorrere. Sia io che Mauro abbiamo fatto in precedenza il Perrone del Corvo, ma il primo tratto di cresta, questo, non lo abbiamo mai percorso quindi per noi è un'incognita...si rivelerà difficile quanto avevamo previsto
20170411_065120.jpg
20170411_065342.jpg
20170411_065651.jpg
20170411_070617.jpg
20170411_072259.jpg
20170411_072622.jpg
20170411_073145.jpg
20170411_073153.jpg
IMG_20170411_072535.jpg
IMG_20170411_073356.jpg
IMG_20170411_074312.jpg
IMG_20170411_074518.jpg
20170411_074220.jpg
20170411_075528.jpg
20170411_075537.jpg
20170411_075845.jpg
20170411_080515.jpg
20170411_080808.jpg
20170411_080936.jpg
20170411_081949.jpg
20170411_082452.jpg
IMG_20170411_075540 (1).jpg
IMG_20170411_080313.jpg
IMG_20170411_080620.jpg
IMG_20170411_081259.jpg
IMG_20170411_082009.jpg
IMG_20170411_084202.jpg


dopo ben 2h30m di fatica e sofferenza raggiungiamo l'anticima nord, a quota 1013 m. Non siamo lontanamente nemmeno a metà cresta, c'è ancora tanto da pedalare e soffrire...da qui in mezzora arriviamo sulla cima principale del Perrone del Corvo, a quota 1035 m.
20170411_084312.jpg
20170411_084843.jpg
20170411_085810.jpg
20170411_090603.jpg
20170411_091507.jpg
20170411_091733.jpg
20170411_091829.jpg
IMG_20170411_090629.jpg
IMG_20170411_091629.jpg
IMG_20170411_091756.jpg
IMG_20170411_094006.jpg
IMG_20170411_094047.jpg
IMG_20170411_094133.jpg


dopo una meritata sosta ci incamminiamo verso l'anticima sud e quindi verso la "famosa" sella a quota 961, dove una volta passava l'Alta Via dei Lepini. Da lì risaliremo per raggiungere la vetta della montagna gemella ed adiacente al Perrone del Corvo, ossia Cima dell'Ouso, quota 1094 m. Inutile dirlo, anche qui c'è da soffrire :biggrin:
IMG_20170411_102440.jpg

IMG_20170411_103807.jpg
IMG_20170411_110624.jpg
IMG_20170411_110630.jpg
IMG_20170411_111555.jpg
IMG_20170411_112025.jpg
20170411_112741.jpg
20170411_113559.jpg
20170411_114124.jpg


dalla Cima dell'Ouso continuiamo per la cresta in discesa fino a raggiungere, soffrendo stranamente pure qui fra rovi, arbusti, sassi, tronchi e merda varia, la sterrata corrispondente al sentiero 8. Pieni di gioia per aver realizzato questo piccolo progetto, ci siamo detti "mai più" :biggrin:
IMG_20170411_113920.jpg
IMG_20170411_114923.jpg
IMG_20170411_120245.jpg
IMG_20170411_120507.jpg
 

Appunto, mai più! Mi avete ricordato di aver fatto più o meno lo stesso giro un bel pò di anni fa.
Ho provato le stesse impressioni e credevo di essere una capra, perché solo una capra "agevolvente"ci può passare.
Andavo avanti solo perché mi sembrava meglio che tornare indietro.
Però bellissimi gli affacci e la rudezza davvero selvaggia del luogo.

grazie a voi.
 

Discussioni simili


Contenuti correlati

Alto