Recensione Work Sharp Guided Field Sharpener

Work Sharp Guided Field Sharpener (30 €)

Alcune settimane fa ho comprato questo affilatore, cercando un'alternativa al portarmi dietro due DMT Dialfold e uno strop. La compattezza, la possibilità di avere cinque stadi di affilatura e il prezzo estremamente competitivo mi hanno reso molto interessante questo prodotto Work Sharp.

In tutto e per tutto l'affilatore misura 170x30x25 mm, 15 mm al centro, e pesa 135 g, dimensioni e peso da coltello full-tang di medio-piccole dimensioni. Il corpo di plastica e gomma, ben sagomato, ospita due pietre diamantate grandi 100x25x2 mm, una da #220
01.jpg

03.jpg


e una da #600
02.jpg

04.jpg


tenute in posizione da una calamita, che un'etichetta indica sufficientemente potente da poter interferire con pacemaker ecc,
05.jpg


ma sono comunque facilmente rimovibili sfruttando uno scasso praticato sul lato stretto
06.jpg


Su uno dei lati stretti sono infilati due barrette di ceramica ultrafine, una da 25x4mm, per lame seghettate
07.jpg


e una da 106x8 mm, ruotabile con la ghiera rossa e orientabile su un lato grezzo, ottenuto semplicemente praticando alcune scanalature sulla sua superficie
08.jpg


su un lato fine, con due larghe scanalature, atte, in teoria, a riaffilare ami, punte di freccia ecc
09.jpg


e su un lato fine completamente liscio.
10.jpg


Sul lato opposto è incollato uno strop da 100x11 mm, caricato con pasta da 0,5 micron (#32000).
11.jpg


Fedele al suo nome sia le piastre sia la bacchetta più grande hanno agli estremi delle guide, ma personalmente mi sono trovato meglio a reggere le pietre direttamente in mano
23.jpg


tuttavia le guide più larghe fanno anche ottimamente da piede antiscivolo e possono quindi essere sfruttate per affilare come con una pietra ad acqua su un supporto di gomma.
Ad ogni modo è meglio rimuovere comunque le piastre al momento di usare la bacchetta di ceramica, in modo da guadagnare qualche mm in più e sfruttare lo scasso per affilare i mm di filo più vicino al manico. Da questo punto di vista non ho riscontrato problemi su coltelli con ricasso, il cui tagliente iniziava ad alcuni mm dal manico
26.jpg


mentre con quei coltelli il cui filo inizia esattamente alla giunzione con il manico, i primi 2 mm sono abbastanza difficoltosi da far entrare in contatto con la ceramica
25.jpg


cosa comunque risolvibile con qualche passata in più sullo strop.
27.jpg


Parlando di prestazioni ho affilato senza difficoltà un buon numero di coltelli in diversi acciai.
Fra i carboniosi ho constatato questo ordine di facilità di riaffilatura:
W75 a 60 HRC di H. Roselli, C75 a 60 HRC di YP-Taonta, XC90 a 58 HRC di Opinel, 1085 a 59 HRC di Henri Tikkanenen, 80CrV2 a 59 HRC di Jari Liukko, 1095 a 57 HRC di Tops, O1 a 59 HRC di Morakniv, 80CrV2 a 62 HRC di Pasi Hurttila, K510 a 60 HRC di Pasi Hurttila, 100Cr6 a 62 HRC di Martti Malinen.
Il 100Cr6 è stato il più lungo, portandomi via circa 5 minuti fra ceramica grezza e fine, quindi stropping.

Fra gli inox ho riscontrato questo ordine di facilità di riaffilatura:
420HC a 56 HRC di Leatherman, 4116 a 56 HRC di Victorinox, 440A e Z60CDV14 a 57 HRC di Lionsteel, 12C27 a 58 HRC di Morakniv e Opinel, S30V a 61 HRC di Leatherman, M390 a 60 HRC di Lionsteel.
I più lunghi sono stati l'S30V che mi ha preso circa 7 minuti, passando sulla #600, sulla ceramica grezza e fine e sullo strop, e l'M390 che, per lo stesso processo mi ha preso circa 15 minuti.

Una doverosa nota sulla pasta da 0,5 micron, che ho notato dare un mordente sensibilmente più aggressivo rispetto alle paste nera (#3000) e verde (#6000) Bark River e ancora leggermente più aggressivo rispetto alla pasta bianca Bark River (#12000). In più, la tenuta del mordente più aggressivo mi è parsa leggermente migliore.

Di seguito alcuni dei coltelli affilati.

Opinel n°8, 12C27
12.jpg


LionSteel Dart, Z60CDV14 (440B)
13.jpg


LionSteel 116, 440A
14.jpg


Victorinox Huntsman, 4116 (420MoV)
15.jpg


Leatherman Charge TTI, S30V e 420HC
16.jpg


Tops MSK 2.5, 1095
17.jpg


LionSteel M4, M390
19.jpg


Morakniv Classic Original n°1, cuore in O1
20.jpg


Martti Malinen Koivumäki puukko, 100Cr6 (52100)
21.jpg


Pasi Hurttila maasepän puukko, 80CrV2
22.jpg
 
Ultima modifica:
Grazie per la recensione.

Interessante...... non è che hai tempo, e voglia, di fare un video dove vedere il suo utilizzo, magari usando le varie parti per cui sia le pietre che gli inserti in ceramica ?

Sarebbe interessante, per me, poter vedere il tutto in azione sia su una lama medio/piccola, diciamo sui 10 cm., che su lame più generose, diciamo sull'ordine dei 17/20 cm.

Ciao :si:, Gianluca
 
Su YouTube ci sono diversi video di utilizzo, sia su lame grani sia piccole. A questo proposito ti consiglio i video sui prodotti Work Sharp di Gideon Tactical. Io mi sono focalizzato sul provarlo su quanti più acciai possibile, cosa che, invece, nei video deficita.
 
Su YouTube ci sono diversi video di utilizzo, sia su lame grani sia piccole. A questo proposito ti consiglio i video sui prodotti Work Sharp di Gideon Tactical. Io mi sono focalizzato sul provarlo su quanti più acciai possibile, cosa che, invece, nei video deficita.
Grazie, cercherò allora su YouTube.

Ciao :si:, Gianluca
 
Autore Discussioni simili Forum Risposte Data
Staffy1982 Utensili da taglio 0

Discussioni simili



Contenuti correlati

Alto Basso