Zaino e fotografia

Ciao, sono un ragazzo con la passione per la fotografia e per il trekking e sono un po curioso di sapere come voi unite queste due passioni?


Che zaino avete? Come stipate la vostra attrezzatura fotografica?
E durante l'escursione dove mettete la macchina fotografica? Avete un borsellino, usate quei cosini da mettere sugli spallacci, la portate semplicemente al collo?

Insomma vorrei magari aprire una discussione costruttiva in cui ci scambiamo pareri ed esperienze :)


Grazie a chiunque vorrà partecipare e dire la sua :)
 
Per uscite fotografiche tamrac expedition 5x(adesso fuori produzione)....
Per trekking zaibo da trekking di solito da 40 litri...
Per unire le fue passioni metto la reflex, protetta da un borsello, nello zaino da trekking ...ovvuamente porto una lente tuttofare (24-120) non porto tutto l'armamentario di lenti.
 
In base alla luna del giorno ;)
Ma di principio riesco a portate tutto il materiale che mi può servire per coprire la maggioranza delle situazioni in uno qualsiasi zainetto... con cui stò comodo ;)

LOWEPRO TAHOE BP 150
LOWEPRO FLIPSIDE TREK BP 350 AW.

Durante la marcia utilizzo spesso un fissaggio veloce allo spallaccio, nello specifico il CapturePro.

Ma parto da delle fondamenta particolari, indifferentemente dalla durata dell'uscita... i miei approcci sono minimali, per quanto concerne il materiale ritenuto da trekking, campeggio e quindi non devo farmi troppi problemi per gli spazi, pesi, ecc... ;)

https://www.instagram.com/ti_fotografo_per_passione/?hl=it
https://www.flickr.com/photos/157845995@N04/
 
Per la montagna, anch'io ho limitato al massimo i pesi (una Fuji X-T1 con lo zoom kit). La tengo sullo spallaccio con il B-Grip Uno.
Quando non serve, sta nello zaino tra le "cose morbide".
 
Ho iniziato con la reflex nel dicembre del 2008 e da allora ho perso il conto degli zaini che ho comperato e rivenduto al fine di trovare quello che coniugasse la mia passione fotografica con quella per la montagna.
Il mio parere personale, dopo anni di continue ricerche, è quello di prendersi un buon zaino da trekking e riporvi dentro corpo e lenti usando quelle che chiamano ICU ossia internal camera unit. La americana F-stop ha fatto storia, proponendo uno zaino ibrido ossia qualcosa dedicato alla montagna ma al tempo stesso con un occhio di riguardo alle esigenze di un fotografo. A seguire sono nati altri brand che però di fatto hanno scopiazzato l'idea originaria (vedi Shimoda, atlas pack). Sono zaini fatti bene che costano parecchio ma che offrono tanto e in grado di coprire le nostre esigenze. L'alternativa, più economica e che personalmente ho adottato, consiste nel munirsi di un buon zaino da trekking (meglio se con apertura sullo schienale o almeno frontale) e riporvi dentro la roba fotografica. Le icu originali f-stop costano minimo 50 eur. Le alternative economiche cinesi su amazon le trovi a poco più di 10 eur.
Gli zaini proposti da lowepro piuttosto che tamrac o manfrotto non li considero nemmeno in quanto li vedo come oggetti da passeggiata o poco più.
Poi ovviamente dipende anche da quanta roba ti porti dietro, dal tipo di gite che fai ecc.ecc
Io giravo fino a poco tempo fa con una full frame canon + 3 lenti canon serie L. Un peso assurdo!!! Aggiungici vestiti, cibo, tenda, sacco a pelo e capisci che i miei zaini arrivavano a superare anche i 15 kg.
Adesso uso una ML fuji xt-3 ed è un altro mondo dal punto di vista dei pesi. Molto + spazio nello zaino per le altre cose!
Poi sullo spallaccio ho un capture pro della peak design che mi permette di avere la macchina sempre a portata di mano. Oggettino di una comodità assurda e studiato benissimo! Assolutamente consigliato.
Come zaino al momento ho un mammut trion pro da 50 litri con apertura sullo schienale, comodissima specialmente in inverno. la roba fotografica è dentro una icu small pro della f-stop ed è sul fondo dello zaino(allego foto per chiarire il concetto)
L'unico "minus" degli zaini da trekking è che spesso sono solo top loader ossia si caricano solo dall'alto e quindi ti costringono a mettere la roba fotografica in cima.
 

Allegati

Io giravo fino a poco tempo fa con una full frame canon + 3 lenti canon serie L. Un peso assurdo!!! Aggiungici vestiti, cibo, tenda, sacco a pelo e capisci che i miei zaini arrivavano a superare anche i 15 kg.
Adesso uso una ML fuji xt-3 ed è un altro mondo dal punto di vista dei pesi. Molto + spazio nello zaino per le altre cose!
Vedo che abbiamo fatto un percorso analogo.... :)


Il mio parere personale, dopo anni di continue ricerche, è quello di prendersi un buon zaino da trekking e riporvi dentro corpo e lenti usando quelle che chiamano ICU ossia internal camera unit.
D’accordo anche su questo.
 
Vedo che abbiamo fatto un percorso analogo.... :)
All'inizio ero titubante e per un po' mi sono tenuto i due sistemi. Poi, quando ho visto che la FF rimaneva sistematicamente a casa ho deciso di vendere canon. Le peculiarità di una FF, per la mia fotografia, non sono così fondamentali e son quindi tornato al mondo aps-c e tecnologia ML senza rimorsi. La mia schiena ringrazia ;)
 
Anche io utilizzo il Capture pro! Veramente fantastico e comodissimo quando si tratta di zaini "leggeri" ma quando si comincia a parlare di zaini da escursioni da un paio di notti lo trovo veramente scomodo…. Mi sento tirare lo spallaccio sul quale è montato e mi da veramente fastidio alla spalla! Capita anche a voi?
Eppure come pesi sono abbastanza leggero… Sony a6000 + Zeiss 16-70, 600 grammi di roba più o meno!
 
Anche io utilizzo il Capture pro! Veramente fantastico e comodissimo quando si tratta di zaini "leggeri" ma quando si comincia a parlare di zaini da escursioni da un paio di notti lo trovo veramente scomodo…. Mi sento tirare lo spallaccio sul quale è montato e mi da veramente fastidio alla spalla! Capita anche a voi?
Eppure come pesi sono abbastanza leggero… Sony a6000 + Zeiss 16-70, 600 grammi di roba più o meno!
mhhh direi di no. Mi capita di usarlo anche con il fujinon 100-400 quando vado a fotografare camosci sopra casa. Non stiamo parlando di un canon 600 f4 ma il suo peso ce l'ha e onestamente non mi dà nessun fastidio.
 
Io uso il manfrotto offroad da 30 litri, perfetto in tutto. La parte fotografica può essere rimossa e diventa uno zaino normale. Sulla parte fotografica ci infilo un corpo nikon full frame con montato un 24-120, un grandangolo e volendo cè spazio per un altro obiettivo. Appeso fuori volendo ci sta il cavalletto.
 
Consiglio da vecchio fotografo : comprate su eBay o Amazon dei insert camera bags . Finito . Sono modulari pesano nulla e fanno il loro onesto mestiere . Poi riponete tutto in alto nello zaino .
 
Ultima modifica:
Personalmente metto la reflex con il 50mm 1.8 in una custodia morbida piccola (che posso mettere all'occorrenza anche alla cinta o a tracolla se, raramente, mi serve pronta mentre cammino) e poi in base all'escursione mi porto il 10-20 nella sua custodia morbida, oppure il 180 macro nella sua custodia morbida, oppure il 16-85 nella sua custodia morbida, ma non esco mai con più di due obiettivi, e metto tutto nello zaino da escursionismo, se serve anche il cavalletto legato fuori lo zaino. Gli accessori nelle tasche dello zaino.

Il vantaggio di avere ogni pezzo separato nel proprio contenitore antiurto è che quando ti serve una cosa prendi solo quella e non hai spazio inutilizzato se porti pochi obiettivi o mancante se ne porti tanti. La scomodità è che essendo tutto separato per cambiare obiettivo devi aprire due contenitori, ma non è sempre vero perché per gli obiettivi di grandezza simile (quelli miei tutti tranne il 180) metto l'obiettivo che tolgo nel contenitore dell'obiettivo che prendo.
 
Ultima modifica:
Tutto ma non al collo, neanche quando faccio un giro in una città d'arte.

Tendenzialmente nello zaino protetta da una fondina Lowepro Toploader. Principalmente se la macchina la voglio a portata di mano metto la Toploader sulla fibia in vita.

@fabtr9 abbiamo lo stesso zaino. Io non l'ho mai portato in giro fino ad ora perchè nelle scampagnate la fotografia non è mai lo scopo principale ma solo un aspetto secondario. Lo uso quando faccio le uscite col foto club e devo dire che è davvero comodo.

In kayak invece uso una sacca stagna con una sagoma adatta a contenere corpo + zoom normale o tuttofare della Overboard (c'è anche una versione lunga per teleobiettivi). Ottima per chi fa attività in luoghi vicini all'acqua.


Uso corpo APS-C reflex con 16-50 2.8 o 80-200 4/5.6 (ma alla prima occasione torno indietro al 18-55 e metto nell'armadio il 16-50)


PS: @danitrek nel forum c'è una sezione dedicata alla fotografia, ci puoi trovare cose molto interessanti a mio avviso.
 
Sono un utilizzatore di marsupi da sempre, quindi quando ho iniziato a fare escursioni mi è venuto naturale impiegarli combinati con lo zaino.

Per quello che riguarda la fotografia ho impiegato, e qualche volta la uso ancora, la compatta della Nikon coolpix S8200.

Sono passato da un paio d'anni ad un A6000 con obbiettivo kit 16-50 mm e un Sigma 19 mm.

Questa primavera ho preso il 18-135 mm della sony, e durante l'escursioni, a parte quando devo fare foto con condizioni di luci scarse, impiego sempre questo obbiettivo.

Durante l'escursioni per il trasporto della macchina fotografica impiego un marsupio, da quando uso il 18-135 mm utilizzo quello più grande, non perché mi serve tutto lo spazio che mette a disposizione, ma perché la maggior apertura di questo marsupio rispetto agli altri in mio possesso, mi consente un più agevole e sicuro accesso alla macchina fotografica.

IMG_20190820_185136_326.JPG

Sarà l'abitudine all'uso dei marsupi, ma io con questa configurazione mi trovo abbastanza bene.
Nelle altre tasche del marsupio porto una batteria di scorta e un sacchetto impermeabile.

Nello zaino tengo un tre piedi della Fotopro (tipo Jolby GorillaPod), a volte il sigma 19mm e filtri, ed in caso di uscite di più giorni un'altra batteria.

Per prova mi hanno prestato la fondina/custodia della Lowepro TLZ 20 II che ho impiegato in una escursione.
Questa ha il vantaggio di essere imbottita e quindi garantisce una maggior protezione alla macchina.
Sfruttando il passante per la cintura, l'ho fissata alla fascia lombare dello zaino.
Rispetto al marsupio queste fondine risultano estendersi in verticale e permettono di inserire la macchina fotografica con l'obbiettivo verso basso.

In questa posizione l'ho trovata un po scomoda sopratutto durante le salite.
Probabilmente potevo fissarla meglio o in posizioni più comoda, ma non ho cercato soluzione alternative.

Quindi sono rimasto fedele ai marsupi sia perché mi trovo meglio sia perché è una soluzione che avevo già in casa.

Comunque mi sembra interessante anche la soluzione CapturePro o simili.

Ciao
 
Concordo con chi mi ha preceduto sopra. Dopo varie prove ed esperienze varie, giro da anni con zaino F-Stop (io ho un Loka Ultralight) con ICU cinese e porto la macchina (nei trekking uso una Mirrorless) attaccata allo spallaccio dello zaino con il B-Grip Uno
 
@OrsoGrigio66 abbiamo più o meno la stessa configurazione allora! Io ho una A6000 col 16-70 e per mi porto su un Samyang 12 2.0 o un Sigma 16 1.4 per le foto alle stelle o in scarsa luce!

Per prova mi hanno prestato la fondina/custodia della Lowepro TLZ 20 II che ho impiegato in una escursione.
In questa posizione l'ho trovata un po scomoda sopratutto durante le salite.
Interessante! Questa era un'ipotesi che stavo valutato ma infatti immaginavo potesse essere scomodo avere la macchina a testa in giù ad altezza cintura!

Proverò invece ad utilizzare un marsupio, grazie :si:
 
Per correttezza volevo mettere in evidenza che, anche se l'ho potuto usare solo per poco, il Lowepro TLZ II è un signor prodotto.

Per le mie esigenze specifiche io l'ho usato in modo improprio "abbinandolo" allo zaino.

Infatti impiegandolo senza zaino, o con uno zaino senza fascia lombare, si può fissare alla cintura e posizionarlo più verso i fianchi in modo da non farlo interferire con il normale movimento della camminata.

La Lowepro tra i suoi prodotti presenta anche la serie Dashpoint che prevede un sistema di fissaggio agli spallacci dello zaino.
Forse come misure il Dashpoint 30 potrebbe andare bene, ma non sono sicuro, comunque non ho esperienza diretta con questo prodotto.

Ciao
 
Io generalmente quando esco a fare trekking, escursioni o simili, mi porto il 10-22, perché preferisco immagini panoramiche piuttosto che i dettagli, anche se si possono tranquillamente fare primi piani specifici con sullo sfondo il panorama, l'ambiente...con lo stesso obiettivo. Se invece all'escursione devo abbinare il "lavoro", allora devo essere pronto a qualsiasi "evoluzione", quindi grandangolo, teleobiettivo, flash e tuttofare per quei momenti in cui la cosa é variabile e incerta e il tempo per sostituire l'ottica non c'é ;)
 

Discussioni simili



Alto Basso