Zaino versatile: 38L o 48L per l'uso pianificato?

[Scusate il papiro, cercate di portare pazienza per il mio pignolismo]
Ciao a tutti, dopo aver eseguito numerose ricerche (qui e in giro su internet) ed essermi orientato in modo generale su quale prodotto cerco, c'è ancora un dubbio che mi attanaglia, cioè il litraggio. Questo perché punto a spendere un po' di soldi per un bello zaino, e così facendo, se possibile, cerco di rendere l'acquisto il più versatile possibile (quindi con sguardo anche al futuro).
Da notare che finora ho sempre usato zaini molto economici della Decathlon, in particolare ho usato fino all'inverosimile il più classico Arpenaz 10L e al massimo sempre uno zaino Decathlon da 20L, ma sempre rinunciando a qualche pezzo di equipaggiamento. Questo per dire che sono una persona che ha sempre messo nello zaino solo ciò che veramente serve. Mai avuto uno zaino degno di essere chiamato tale.

Utilizzo: Sicuramente escursioni giornaliere, contando anche attrezzatura da ferrata (casco ingombrante). Pianifico senz'altro escursioni di due o più giorni, mi piacerebbe in tenda (la semplicissima ed economica della Decathlon). Infine, pianifico sicuramente di fare l'Alta Via delle Dolomiti n.2, possibilmente in semi-autonomia, tra tenda e appoggio a rifugi/bivacchi (da considerare i tratti di ferrate su di essa).

Caratteristiche ricercate: principalmente comodità, giusto un po' di tasche (penso siano molto comode quelle sulla cintura lombare); in generale, le caratteristiche che si trovano su un Osprey Kestrel e simili.

Budget: Non proprio fisso, si aggira intorno ai 100-120 euro, generalmente per i modelli indicati.

Prodotti già individuati: i prodotti che ho individuato sono gli Osprey, in particolare l'Osprey Kestrel 38 e 48; guardavo anche l'Osprey Stratos 36 a causa dello schienale in rete staccato, ma il fatto che porto la taglia S/M lo renderebbe un 33 litri che secondo me sarebbe troppo poco per le mie esigenze di uno zaino versatile. Penso di escludere pure gli Osprey Exos, in quanto mancano cose tipo il copri-zaino impermeabile integrato e le tasche sulla cintura lombare. In ultimo, sembra interessante il Vaude Brenta 40, che rispetto al Kestrel ha lo schienale in rete più staccato e dovrebbe essere più traspirante e comodo per la schiena.

I miei dubbi principali sono:
1) Il litraggio (pensando ai Kestrel 38 e 48). Puntando al futuro (in particolare pensando all'Alta Via 2 Delle Dolomiti e trekking simili), prenderei il 48, ma ho paura che così lo zaino diventi troppo grande per uso più generale (la maggior parte delle mie escursioni sono giornaliere). Però, ho anche paura che il 38 (che sarebbe 36L causa taglia piccola) sia troppo piccolo per essere versatile. Quindi: vale la pena prendere un 48L e eventualmente usarlo un po' vuoto per escursioni giornaliere, oppure ciò sarebbe scomodo? Oppure mi sto facendo problemi e un 38 (36L) andrebbe bene anche per l'uso indicato, considerando che posso attaccare materassino, tenda piccola ed eventualmente casco all'esterno dello zaino?

2) Il Kestrel non ha una rete "a trampolino", ma lo zaino è ben attaccato alla schiena. Questo lo rende molto più scomodo? O comunque è comodo anche per un trail lungo di più giorni come le Alte Vie?

3) Se il dubbio tra 38 e 48 non fosse conciliabile, pensavo ad una via di mezzo, e ho visto il Vaude Brenta 40. Qualcosa da dirmi su di esso? Più che altro non vedo come potrei attaccare eventualmente tenda o casco fuori di esso come su un Kestrel, rendendolo quindi effettivamente più piccolo quando ho quell'attrezzatura.

Questi sono tutti dubbi causati dalla generale mancanza di esperienza su quanti litri effettivamente servano e sull'obiettivo di avere uno zaino che possa utilizzare in modo generale. Nelle escursioni di poche ore o semplici comunque ricorrerò probabilmente a uno zaino semplice della Decathlon, se non c'è molto da portare, in quanto penso che uno zaino grande come quelli menzionati sia scomodo da mezzo vuoto. Sono aperto a consigli in generale. Grazie in anticipo se siete arrivati fino alla fine di questo mattone!
 
Ultima modifica:
Il casco di solito si appende fuori dallo zaino, ci sono gli agganci appositi.
L'attrezzatura da ferrata volendo te la metti già addosso e non occupa spazio nello zaino... Magari non sarà comodissimo, ma di solito si fa così.
A che temperature vuoi dormire? Il sacco a pelo potrebbe portarti via da 7 a 15-20 litri.
Vestiti: cosa usi? Nel senso: devi sapere quanto spazio occupano.
Per la tenda devi scoprire se ti basta una tenda minimalista da 5-7 litri o ti serve qualcosa di più grande.
Cibo: devi scoprire se ti basta freddo o hai bisogno di fornelletto e stoviglie.
Eccetera.

Io sto usando un 30 litri, ma non ho fatto l'alta via delle Dolomiti 2.

Tendenzialmente se non hai particolare attrezzatura elettronica da portare direi che il 48 litri è troppo grande.

Tieni inoltre conto che il litraggio degli zaini non è uniforme: ognuno lo misura come vuole.

Per quanto riguarda lo schienale devi provare lo zaino oppure ti adatti, nessuno è mai morto per lo zaino che io sappia.
Gli zaini da alpinismo tendono ad essere più minimalisti anche sotto questo aspetto, ci sono tutte le gradazioni intermedie tra uno zaino da alpinismo puro e uno da trekking puro. Se sei più in alta quota e a basse temperature si preferisce uno schienale più leggero e minimale.
 
Ultima modifica:
Walkingnose ha fatto l'alta via n.2 in quasi completa autonomia, ha un exos 48 e ha 3 kg di attrezzatura fotografica sempre con lui di solito.

Ora io ho un 36 lt, non ti nascondo, che è uno zaino da 1,2,3 giorni, ma bisogna investire sui materiali, cioè il sacco a pelo sintetico va bene fino a 10 gradi, se ne voglio uno di uguale ingombro, ma con temperatura inferiori sarò costretto a prenderlo in piuma..


Sto valutando l'acquisto di uno zaino da 15/20 lt per affiancarlo al mio... Per uscite giornaliere lo stratos 36 è grande..
 
Seguo la discussione, perchè anche io sto valutando un Kestrel 48, per le sue caratteristiche.
Altrimenti la mia alternativa era un Atmos ag 50....
 
Cercando di rispondere a tutto:
- attrezzatura elettronica pari quasi a zero, considero praticamente solo cellulare, un powerbank e una piccola action cam. Insomma, niente set fotografico come molti YouTuber (o, appunto, fotografi là fuori).
- cibo: freddo mi basta. Quando si tratterà di cucinare lo farò in viaggi corti e in compagnia, dove si ripartisce il tutto.
- vestiti: per le escursioni più lunghe il periodo è estivo, e mi basta portarmi dietro poco di vestiti (giusto 2 o 3 t-shirt per quando sudo in base a quanto sto via, una giacca a vento che porta via poco, 1 pile, un poncho, se fa freddo trovo lo spazio per un piccolo piumino), poi se si parla di escursione invernale sarà prettamente giornaliera/in rifugio, causa il maggiore ingombro.

Mi pare quindi di capire che il litraggio adatto a me, considerando casco fuori dallo zaino, eventualmente anche materassino/tenda piccola appesi, poca attrezzatura elettronica e non avendo problemi a ridurre all'essenziale il contenuto, sia attorno ai 38. Dopotutto, in lunghe escursioni voltate sarò probabilmente in compagnia, quindi ci si può dividere l'attrezzatura. Direte che così un'eventuale Alta Via dolomitica può andare?

Infine, lo Stratos continua a non convincermi troppissimo, in particolare per il suo litraggio effettivo di 33 nella mia taglia. Nemmeno l'Exos, mi sembra troppo minimale per i miei gusti. Quindi sarei a metà tra l'Osprey Kestrel 38 o un Vaude Brenta 40. Una delle cose che non mi convince di quest'ultimo, sembra la mancanza generale di attacchi esterni, e altre piccole sottigliezze che il Kestrel ha (tipo le tasche laterali inclinate per prendere la borraccia senza togliere lo zaino, lo "Stow n'Go" per i bastoncini ecc). Qualcuno conosce bene lo zaino e saprebbe consigliarmi? Non vorrei nemmeno che fosse troppo grande effettivamente (come leggo in diverse recensioni). Se invece qualcuno ha il Kestrel 38, saprebbe dirmi se ha mai avuto problemi di comodità e se lo si può riempire bene (senza sovraccaricarlo)? Grazie.
 
Io ho fatto un 4mila estivo, con sacco a pelo e tenda dormendo a 3600 slm, col CAMP M3.
Certo il tutto era improntato al minimalismo.
Se fai anche uscite di giornata invernali un 30L potrebbe andare per la maggior parte delle occasioni, dipende quanto ottimizzi l'attrezzatura, quanto ti appoggi ai rifugi.
Molto volume e peso è dato anche da acqua e cibo, devi vedere come regolarti.
 
Per lo schienale ti consiglierei l'atmos...spettacolare

lo so lo so :( infatti stesso discorso me lo ha fatto privatamente il buon @maxfontana.
Però le dimensioni dello zaino mi fanno desistere dallo sceglierlo, un pò troppo capiente per le mie esigenze, anche se è di qualche cm rispetto al Kestrel.
O. Atmos: 80 x 35 x 40 cm
O. Kestrel: 75 x 34 x 32 cm
Sono comunque 5 cm di altezza e 8 cm di profondità.
 
Tieni presente che con le fibbie laterali puoi modificare molto le dimensioni...
Potresti prenderli entrambi su Amazon e poi fare il reso di quello che ti piace meno...io ho fatto così...
 
[Scusate il papiro, cercate di portare pazienza per il mio pignolismo]
Ciao a tutti, dopo aver eseguito numerose ricerche (qui e in giro su internet) ed essermi orientato in modo generale su quale prodotto cerco, c'è ancora un dubbio che mi attanaglia, cioè il litraggio. Questo perché punto a spendere un po' di soldi per un bello zaino, e così facendo, se possibile, cerco di rendere l'acquisto il più versatile possibile (quindi con sguardo anche al futuro).
Da notare che finora ho sempre usato zaini molto economici della Decathlon, in particolare ho usato fino all'inverosimile il più classico Arpenaz 10L e al massimo sempre uno zaino Decathlon da 20L, ma sempre rinunciando a qualche pezzo di equipaggiamento. Questo per dire che sono una persona che ha sempre messo nello zaino solo ciò che veramente serve. Mai avuto uno zaino degno di essere chiamato tale.

Utilizzo: Sicuramente escursioni giornaliere, contando anche attrezzatura da ferrata (casco ingombrante). Pianifico senz'altro escursioni di due o più giorni, mi piacerebbe in tenda (la semplicissima ed economica della Decathlon). Infine, pianifico sicuramente di fare l'Alta Via delle Dolomiti n.2, possibilmente in semi-autonomia, tra tenda e appoggio a rifugi/bivacchi (da considerare i tratti di ferrate su di essa).

Caratteristiche ricercate: principalmente comodità, giusto un po' di tasche (penso siano molto comode quelle sulla cintura lombare); in generale, le caratteristiche che si trovano su un Osprey Kestrel e simili.

Budget: Non proprio fisso, si aggira intorno ai 100-120 euro, generalmente per i modelli indicati.

Prodotti già individuati: i prodotti che ho individuato sono gli Osprey, in particolare l'Osprey Kestrel 38 e 48; guardavo anche l'Osprey Stratos 36 a causa dello schienale in rete staccato, ma il fatto che porto la taglia S/M lo renderebbe un 33 litri che secondo me sarebbe troppo poco per le mie esigenze di uno zaino versatile. Penso di escludere pure gli Osprey Exos, in quanto mancano cose tipo il copri-zaino impermeabile integrato e le tasche sulla cintura lombare. In ultimo, sembra interessante il Vaude Brenta 40, che rispetto al Kestrel ha lo schienale in rete più staccato e dovrebbe essere più traspirante e comodo per la schiena.

I miei dubbi principali sono:
1) Il litraggio (pensando ai Kestrel 38 e 48). Puntando al futuro (in particolare pensando all'Alta Via 2 Delle Dolomiti e trekking simili), prenderei il 48, ma ho paura che così lo zaino diventi troppo grande per uso più generale (la maggior parte delle mie escursioni sono giornaliere). Però, ho anche paura che il 38 (che sarebbe 36L causa taglia piccola) sia troppo piccolo per essere versatile. Quindi: vale la pena prendere un 48L e eventualmente usarlo un po' vuoto per escursioni giornaliere, oppure ciò sarebbe scomodo? Oppure mi sto facendo problemi e un 38 (36L) andrebbe bene anche per l'uso indicato, considerando che posso attaccare materassino, tenda piccola ed eventualmente casco all'esterno dello zaino?

2) Il Kestrel non ha una rete "a trampolino", ma lo zaino è ben attaccato alla schiena. Questo lo rende molto più scomodo? O comunque è comodo anche per un trail lungo di più giorni come le Alte Vie?

3) Se il dubbio tra 38 e 48 non fosse conciliabile, pensavo ad una via di mezzo, e ho visto il Vaude Brenta 40. Qualcosa da dirmi su di esso? Più che altro non vedo come potrei attaccare eventualmente tenda o casco fuori di esso come su un Kestrel, rendendolo quindi effettivamente più piccolo quando ho quell'attrezzatura.

Questi sono tutti dubbi causati dalla generale mancanza di esperienza su quanti litri effettivamente servano e sull'obiettivo di avere uno zaino che possa utilizzare in modo generale. Nelle escursioni di poche ore o semplici comunque ricorrerò probabilmente a uno zaino semplice della Decathlon, se non c'è molto da portare, in quanto penso che uno zaino grande come quelli menzionati sia scomodo da mezzo vuoto. Sono aperto a consigli in generale. Grazie in anticipo se siete arrivati fino alla fine di questo mattone!
Carissimo.
Allora mi sembra di capire che in inverno farai solo gite giornaliere.
D estate anche giri di più giorni anche con pernotto in tenda in semiautonomia. Poi hai anche in mente nello stesso trekking di eseguire delle ferrate per cui avrai kit e casco.
Intanto mi pare di capire che tu nel trekking non andrai da solo quindi se ti trovi con litraggio insufficiente avrai qualche buona anima che ti porterà la roba.
Poi mi pare di aver capito che cerchi comunque uno zaino con schienale tipo trekking e non alpinistico.
Allora l' argomento litraggio dipende da molti fattori:
1) quanto compatto è il materiale di cui disponi altrimenti il volume può salire molto e saresti costretto a portare troppa roba attaccata fuori che non è proprio il massimo. Se hai tutta roba iperfiga compatta e leggera un 38 litri in completa autonomia con qualcosa attaccati fuori tipo casco e tenda e qualcuno che in caso è con te con uno zaino più grande,ti può bastare. Invece se non hai un sacco compatto, un materassino di volume ridotto, una gavetta compatta, una tenda compatta ecc puoi sforare tranquillamente.
2) fai un calcolo di quanto kg ti porteresti via per i trekkinng che vuoi fare di più giorni. Metti tutto in un sacco e pesa il tutto compresa l acqua. Se vai sopra gli 8-10 kg cerca uno zaino che li sopporto. In genere zaini sopra i 40-50 litri perché dotati di schienale più adeguato, spallacci e cintura ventrale più comoda. Camminare in montagna per molte ore più giorni con un 35-38 litri escursionistico potrebbe poi causarti male le spalle, schiena e collo. Poi per carità tutti lo abbiamo fatto da giovani: portare 20kg con un 35 litri. Passando gli anni le cose cambiano.
2) prova sempre lo zaino sulla schiena magari riempito con qualcosa prima di comprarlo.
3) economizzando devi vedere quanti giri all anno prevedi di fare in autonomia. Perché se vai via 2-3 volte magari sopporti alcuni disagi generati da un litraggio basso ma alla lunga no.
4) l alta via delle dolomiti la fai con un 38 litri se dormi nei rifugi altrimenti se hai dietro: tenda, materassino, sacco a pelo, casco, kit ferrata, fornelletto, gavetta, cibo, diciamo un cambio completo, poi guscio, poncho, kit pronto soccorso, piccolo piumino come dici per freddo, berretto, guanti, felpa, liquidi ,38 litri non ti bastano di sicuro a meno che non attacchi molto fuori ma se piove la cover non riesce a coprire, forse il poncho si e ti bagni.
Se prevedi che tutti questi articoli anche dividendoli con il compagno di viaggio non ti servano forse 38 litri ti bastano.
In ogni caso tutti gli zaini diciamo fino a 38 litri sarebbero escursionistici.

Io personalmente ho uno zaino da 60 litri per trekking in completa autonomia portando tutto quello di cui sopra. Perché ok ne ho fatte di tutti i colori anche io in passato. Ho dormito per terra all aperto in quota. Qui stiamo parlando di andare via con un discreto confort per essere ben preparati se serve specie per ripararsi dal freddo ed intemperie.
Se i giorni sono molti e non ho punti di rifornimento ho anche un 80 litri.
Poi per uscite giornaliere estive ed invernali con pernotto in rifugi o bivacchi ho un 30 e 38 litri.
Detto questo se prevedi in futuro di fare trekking di più giorni in completa autonomia prevedi uno zaino almeno sui 50 litri.
Tre i modelli che ritengo ottimi di cui posseggo anche alcuni ti cito:
Ferrino finisterre 48
Ferrino overland 50
Osprey atmos ed ather
Millet ubic ma schienale senza rete.
Se vuoi spendere poco e avere molta qualità e robustezza Tashev kenraurus o mount
Lascerei perdere salewa.
Lowe manaslu
Deuter air contact ma occhio al peso magari versione lite

Con uno zaino così fai tutto.
Certo è che fare una uscita giornaliera con un 50-60 litri è un po' eccessivo. Con un 38 no.
In ogni caso potresti prendere o magari lo hai già un 30 litri a pochi soldi che ti fai così uscite giornaliere estive ed invernali senza problemi e magari anche con pernotto in rifugi
 
Grazie mille a tutti, consigli preziosi a cui penserò sicuramente prima dell'acquisto (provando prima lo zaino dove possibile). A questo punto mi sa che andrò con un 48L (o 50, come l'Atmos della Osprey) che, in caso di escursione di più giorni in cui non serve molta attrezzatura, comprimerò a dovere, e prenderò un più economico 30-35L per escursioni giornaliere o molto semplici in rifugio.

Come ultima cosa, ripropongo l'invito a chiunque lo abbia/ne sappia qualcosa di dare qualche opinione sugli zaini Vaude tipo il Brenta 40. Sembrano interessanti, ma ne so poco rispetto alla Ostrey. Per il resto grazie ancora!
 
Rientro proprio ora da un giretto in quota con la famiglia e, al fine di testarlo, mi sono portato l' aether ag70, recente acquisto di casa Osprey. Caricato con maglia di ricambio + pile + antipioggia +cibo +acqua per 4 persone. Carico assolutamente blando per zaini di questa portata ma ragazzi, è come non averli indossati!
Conoscevo l'atmos ma non mi aspettavo di trovare altrettanta comodità con questo aether.
Si ma è un mostro da 70 lt. direte Voi! Assolutamente vero ma tolta la tascona superiore e compresso bene con i mille tiranti di cui dispone, assume un aspetto assolutamente non così mastodontico come potreste pensare.
Io mi sento di consigliarti un modello di questa casa.
Max
 
Rientro proprio ora da un giretto in quota con la famiglia e, al fine di testarlo, mi sono portato l' aether ag70, recente acquisto di casa Osprey. Caricato con maglia di ricambio + pile + antipioggia +cibo +acqua per 4 persone. Carico assolutamente blando per zaini di questa portata ma ragazzi, è come non averli indossati!
Conoscevo l'atmos ma non mi aspettavo di trovare altrettanta comodità con questo aether.
Si ma è un mostro da 70 lt. direte Voi! Assolutamente vero ma tolta la tascona superiore e compresso bene con i mille tiranti di cui dispone, assume un aspetto assolutamente non così mastodontico come potreste pensare.
Io mi sento di consigliarti un modello di questa casa.
Max
Che colore lo hai preso? Misura L? Sarebbero quindi 73 litri?
 
Esatto Francesco, misura L anche se la app per scegliere la taglia giusta mi indicava una M tendente alla L....
Tra l'altro lo schienale è regolabile con semplice velcro. Lo ho accorciato un pelino ed è perfetto.
 
si infatti anche io che sono alto 192 avrei preso la L. Avevo fatto tutti i calcoli a suo tempo.
Basta misurare dalla vertebra C7 (cervicale settima, il processo spinoso della vertebra spunta bene fuori da collo posteriormente, il cosiddetto "osso del collo") al punto sulla colonna lombare dove passa una linea immaginaria che collega la spina iliaca (anca) antero-superiore di dx e di sin. La misura mia è sui 50cm-52cm.

Che COLORE lo hai preso??
 

Discussioni simili



Contenuti correlati

Alto Basso