Zaino Via degli Dei

Ciao a tutti :)

Tra qualche settimana andrò a percorrere la Via Degli Dei, e chiedo consiglio per il mio primo zaino "serio". Percorrerò il percorso in tutta la sua interezza, viaggerò leggero perché soggiornerò sempre in B&B e Agriturismi, quindi niente tende e sacchi a pelo, solo il necessario per il cammino(vestiti, biancheria, poncho antipioggia, viveri per le prime giornate e varie.. ); sicuramente utilizzerò lo zaino anche per futuri Trekking dormendo con sacco a pelo, perciò mi sono orientato verso il litraggio ±30-40, che magari può essere un poco sovradimensionato per un viaggio del genere ma mi tornerà sicuramente utile in futuro.

Vi lascio qui le caratteristiche riassuntive che vorrei dallo zaino per il cammino ed i modelli papabili: sono zaini che ho trovato cercando su google e attingendo da thread simili in questo forum, sono ben accetti altri modelli di zaini, unica caratteristica che vorrei fosse presente sono le tasche sulla cintura lombare.

Utilizzo: trekking mattina-sera con sosta in Agriturismo/B&B e ripartenza
Caratteristiche ricercate: comodo, con cinghie e spallacci rinforzati
Attività praticata: via degli dei in 6-6 giorni, sosta in B6B senza sacco a pelo
Esperienza e corporatura: primo trekking "serio", non ho mai fatto trekking per più di 3 giorni consecutivi
Budget: 100€ (a meno di non trovare BestBuy-->120€)
Prodotti già individuati:

- Decathlon MH500 - 30L
- Salomon Out Night 30 + 5
- Deuter Speedlite 32

Grazie a chi risponderà, buon pomeriggio :cool:
 
Ultima modifica:
Osprey Exos 38 litri. Non conosco l'entità del percorso che stai per affrontare ma presumo che dovrai camminare per diversi km ogni giorno quindi se dovessi farlo io la parola d'ordine diventerebbe: comodità e l'exos della Osprey semplicemente non lo senti in schiena....
 
Affronterò , spero, a maggio la via degli dei, ne ho fatta una piccola parte 2 anni fa.. l'affronterò come te, dormendo in b&b e altro, in modo tale da lasciare a casa tenda, materassino e sacco a pelo.. l'intenzione è farla con un 18 LT (osprey hikelite)... In modo tale da avere il proprio il minimo indispensabile, e godermi appunto il cammino...


Ti consiglio uno zaino leggero, possibilmente resistente, e poi scegli bene lo schienale.. se sudi molto, valuta uno zaino con schienale tensionato, in modo tale da fare respirare di più la schiena..

Con osprey/deuter non si sbaglia..
Pratichi anche ferrate? Sci alpinismo? Ciaspolate? Arrampicate?
 
Ciao a tutti :)

Tra qualche settimana andrò a percorrere la Via Degli Dei, e chiedo consiglio per il mio primo zaino "serio". Percorrerò il percorso in tutta la sua interezza, viaggerò leggero perché soggiornerò sempre in B&B e Agriturismi, quindi niente tende e sacchi a pelo, solo il necessario per il cammino(vestiti, biancheria, poncho antipioggia, viveri per le prime giornate e varie.. ); sicuramente utilizzerò lo zaino anche per futuri Trekking dormendo con sacco a pelo, perciò mi sono orientato verso il litraggio ±30-40, che magari può essere un poco sovradimensionato per un viaggio del genere ma mi tornerà sicuramente utile in futuro.

Vi lascio qui le caratteristiche riassuntive che vorrei dallo zaino per il cammino ed i modelli papabili: sono zaini che ho trovato cercando su google e attingendo da thread simili in questo forum, sono ben accetti altri modelli di zaini, unica caratteristica che vorrei fosse presente sono le tasche sulla cintura lombare.

Utilizzo: trekking mattina-sera con sosta in Agriturismo/B&B e ripartenza
Caratteristiche ricercate: comodo, con cinghie e spallacci rinforzati
Attività praticata: via degli dei in 6-6 giorni, sosta in B6B senza sacco a pelo
Esperienza e corporatura: primo trekking "serio", non ho mai fatto trekking per più di 3 giorni consecutivi
Budget: 100€ (a meno di non trovare BestBuy-->120€)
Prodotti già individuati:

- Decathlon MH500 - 30L
- Salomon Out Night 30 + 5
- Deuter Speedlite 32

Grazie a chi risponderà, buon pomeriggio :cool:
Possiedo il deuter Speed lite 32.
Ottimo ultraleggero per trekking veloci in montagna ma un po' delicato diciamo e con spallacci e schienale non sufficientemente imbottiti.
Io , anche per un uso futuro, ti consiglio uno zaino un po'più strutturato :
- Osprey Stratos 36 schienale staccato
-osprey kestrel 38
- Ferrino finisterre 38 schienale staccato
- Deuter futura Pro 36 staccato
Sicuramente questi sono i più multifunzionali anche per i futuro
- Lowe alpine Air zone
- Osprey exos 38 il più comodo tra tutti ma a mio avviso non altrettanto multifunzione rispetto ai precedenti. Non ha nell' ultima versione le tasche sulla cintura ventrale a quel che mi risulta.
 
Ciao ragazzi, intento grazie a tutti per i preziosi consigli, ne farò tesoro :si:

Osprey Exos 38 litri.
Purtroppo ho notato che L'Exos 38 non ha le tasche sulla cintura ventrale che considero fondamentali, quindi passo.

Ti consiglio uno zaino leggero, possibilmente resistente, e poi scegli bene lo schienale.. se sudi molto, valuta uno zaino con schienale tensionato, in modo tale da fare respirare di più la schiena..

Con osprey/deuter non si sbaglia..
Pratichi anche ferrate? Sci alpinismo? Ciaspolate? Arrampicate?
In bocca al lupo per il tuo prossimo viaggio allora ;)

Pensi che un 30/38 sia sovradimensionato, meglio virare su un 28? È il mio primo "lungo" viaggio quindi non ho così tanta esperienza in merito di litraggi.
Al momento non pratico nessuna delle attività da te sopracitate oltre al trekking, ma mi piacerebbe non precludermi nulla, e che l'acquisto di questo zaino possa essere un jolly per tutte le attività.

Possiedo il deuter Speed lite 32.
Ottimo ultraleggero per trekking veloci in montagna ma un po' delicato diciamo e con spallacci e schienale non sufficientemente imbottiti.
Io , anche per un uso futuro, ti consiglio uno zaino un po'più strutturato :
- Osprey Stratos 36 schienale staccato
-osprey kestrel 38
- Ferrino finisterre 38 schienale staccato
- Deuter futura Pro 36 staccato
Sicuramente questi sono i più multifunzionali anche per i futuro
- Lowe alpine Air zone
- Osprey exos 38 il più comodo tra tutti ma a mio avviso non altrettanto multifunzione rispetto ai precedenti. Non ha nell' ultima versione le tasche sulla cintura ventrale a quel che mi risulta.
Grazie Francesco, mi hai salvato da un acquisto incauto allora :)
Sono indeciso tra Osprey Stratos 36 e Ferrino FInisterre 38. Devo dire che l'Osprey mi piace di più del Ferrino per materiali, costruzione e tasche ventrali polivalenti (nel Ferrino ci sta giusto una barretta e qualche moneta :roll:), ma li vale 40€ in più rispetto al Ferrino? Ho trovai il Ferrino a circa 85€ e lo Stratos a circa 115.
Sono promotore del detto del "più spendi, meno spendi" potrei decidere di propendere per lo Stratos, ma ne vale veramente la pena?

Grazie davvero per i consigli, buona serata :lol:

EDIT: Sono alto 170cm e peso 56kg, se può essere utile
 
Ciao ragazzi, intento grazie a tutti per i preziosi consigli, ne farò tesoro :si:



Purtroppo ho notato che L'Exos 38 non ha le tasche sulla cintura ventrale che considero fondamentali, quindi passo.



In bocca al lupo per il tuo prossimo viaggio allora ;)

Pensi che un 30/38 sia sovradimensionato, meglio virare su un 28? È il mio primo "lungo" viaggio quindi non ho così tanta esperienza in merito di litraggi.
Al momento non pratico nessuna delle attività da te sopracitate oltre al trekking, ma mi piacerebbe non precludermi nulla, e che l'acquisto di questo zaino possa essere un jolly per tutte le attività.



Grazie Francesco, mi hai salvato da un acquisto incauto allora :)
Sono indeciso tra Osprey Stratos 36 e Ferrino FInisterre 38. Devo dire che l'Osprey mi piace di più del Ferrino per materiali, costruzione e tasche ventrali polivalenti (nel Ferrino ci sta giusto una barretta e qualche moneta :roll:), ma li vale 40€ in più rispetto al Ferrino? Ho trovai il Ferrino a circa 85€ e lo Stratos a circa 115.
Sono promotore del detto del "più spendi, meno spendi" potrei decidere di propendere per lo Stratos, ma ne vale veramente la pena?

Grazie davvero per i consigli, buona serata :lol:

EDIT: Sono alto 170cm e peso 56kg, se può essere utile
Allora il kestrel è quello che ha le tasche sulla cintura più grandi anche un po' di più dello Stratos. Diciamo che lo Stratos come robustezza è una via di mezzo tra Kestrel ( il più robusto) e l Exos il meno robusto ma il più comodo.
Il kestrel è il più multifunzionale essendo quello che ha anche più cinghie per attacco esterne ad es per materiale invernale. Anche il Finisterre è ben fornito in tal senso e ha la tasca frontale un po' alla kestrel. Il kestrel non ha lo schienale staccato.
Il Finisterre e lo stratos hanno schienale staccato che io non prediligo infatti ho il kestrel ma ammetto che probabilmente farà sudare meno ma comunque farà sudare.
Se hai occasione di provarli, meglio per vedere come ti stanno nella schiena magari mezzi pieni.
Sicuramente come misura dovrai prendere per l osprey la misura S/m poiché hai misure non grandi, sei considerato una femmina in America.
Il Finisterre è un giusto compromesso. Forse pesa 2 etti in più? Ma non conta quello a questi litraggi. Per alcuni lo Stratos è più comodo. Il ferrino ha le tasche a soffietto laterali gli Osprey no. Il ferrino è dotato di cinghie aggiuntive porta materiale.
Anche il deuter futura pro 36 è uno zaino stupendo e molto comodo ma probabilmente il più costoso.
Diciamo che amici col finisterre si sono trovati benissimo , devi vedere quella tasca sulla cintura se ti va bene. Io non ho preso il Finisterre per il discorso dello schienale staccato che non mi va altrimenti lo avrei preso perché è uno zaino robusto ma soprattutto multifunzione.
Comunque se hai occasione provali anche perché il Finisterre non ha lo schienale regolabile come gli altri.
Altri conoscenti hanno lo Stratos e sono contenti per la sua comodità.
Quello che a me non va del Kestrel e stratos è l alloggiamento della sacca idrica. Per me non è un problema perché non la uso però.
Quanto al litraggio essendo tu minuto hai anche materiale più piccolo di me che sono 192cm che ho sacco più grande, giacche più grandi ecc.
Per il cammino degli Dei con appoggio in struttura questo litraggio va bene ed è anche troppo secondo me però devi considerare anche l utilizzo futuro per l acquisto. Vero è anche che 38 litri per una escursione giornaliera sono troppi specie di estate ma se fai un trekking in completa autonomia di più giorni con tenda ecc i 38 litri sono anche pochi e dovresti stare sui 50.
Se fai trekking senza tenda diciamo in bivacchi con solo sacco a pelo, materassino, fornelletto ecc 36-38 basta. Se intendi attaccare fuori del materiale ti tenda ti basta. Se vuoi mettere tutto dentro stai sui 50 litri.
Comunque per uso estivo a breve raggio in giornata presto fai a prendere un Decathlon da 20 litri a pochi soldi.
 
Concordo con Francesco per i LT che ti ha consigliato.. con lo stratos 36 (che ho) è dura farci + di 2 notti in autonomia (con fonti d'acqua reperibili ovviamente)..

Lo zaino in sè è molto comodo, eccezionale, l'unico difetto che riscontro è il suo peso, parliamo di 1,5 kg.. non è molto, ma ci sono zaini che viaggiano su 1 kg con quel litraggio.. quando feci la via degli dei avevo il 40 air plus del deca, per 3 giorni dentro avevo materassino, tarp, sacco a pelo, cibo in autonomia per 2 giorni, giacca antipioggia da 750 gr che occupava un botto di spazio, e cmq avevo ancora dello spazio nello zaino, non tanto, ma almeno 5/6 LT buoni.. considera che avevo tutto nello zaino, non c'era nulla di appeso fuori....

Di Ferrino ho perso un po' la fiducia, acquistai 2 prodotti, di cui storsi un po' il naso poco dopo nel tempo.. 1 non mi ricordo cos'era, l'altro prodotto era il wombat (zaino portabebè) da lì a poco presi anche un deuter portabebè, con la stessa bimba, quindi stesso peso, col deuter si camminava molto meglio...tant'è che col wombat facevo 4 km, col deuter ne facevo il doppio.. ma la mattina dopo mi alzavo senza mal di schiena..

Tornando alla via degli dei, con un 28/30 LT ci stai alla grande, valuterei un talon 33 LT che non ha lo schienale tensionato, ma pesa 900 gr... Se vuoi qualcosa di più grande andrei di un 45/50 LT, in modo tale che tu sia apposto per il futuro senza precludere nulla, ma un talon, se lo compri su Amazon puoi sempre fare il reso, oppure una volta utilizzato, puoi sempre rivenderlo a mio modo di vedere..
 
Io avevo il tuo stesso dilemma, quale zaino prendere per camminate giornaliere, con pernotto in rifugio/casera e trekking di + giorni? Arrivavo da uno zaino leggero ma scomodo (Ferrino HighLab Sky Lite 45.5) e a fine giornata avevo sempre dolori alle spalle e alla schiena. Ho risolto con un Osprey Talon 44, un litraggio che mi permette di fare un po’ tutto in comodità. Niente più mal di schiena, in uscite giornaliere comprimo i lacci e con 7/8 kg di zaino tutto compreso (acqua, cibo, fotocamera ecc) ho fatto fino a 20 km con oltre 1000 m di dislivello. Considera che non sono molto allenato e che non sono più giovanissimo. In futuro penso di prendere un’altro zaino sui 30 litri (seguo il Montane Trailblazer 30) per le uscite giornaliere o per i cammini come la via degli Dei che vuoi fare tu. Ovviamente dietro a questo ci sta anche l’ottimizzazione dei materiali, con un occhio a peso ed ingombro, a partire dalle scarpe fino ad arrivare alla tenda ecc.
Se non hai fretta per l’acquisto ti consiglio per Osprey di dare un‘occhiata alla sezione Second Life del loro sito (ti devi iscrivere), ogni settimana trovi zaini riparati, ex display, ex sample, prototipi alla metà o meno del loro prezzo di listino. Il mio Talon e l’Eja 38 di mia moglie con una piccola riparazione su entrambi li ho pagati 69 e 79 euri.
 
Il Talon è un ottimo zaino, un best seller dell'Osprey ma si tratta pur sempre di uno zaino ultraleggero.
Di questa categoria fanno parte anche Deuter speed lite 26-32 ad es e il nuovo Ferrino Agile 25-35. E' una tendenza ormai moderna per tanti marchi di avere una versione leggera. Tutti gli escursionisti vogliono ormai tutto il materiale ultraleggero e fanno bene ma con lo zaino le cose sono un po diverse.
Io ero indeciso tra Talon 33 e Deuter speed lite 32 e alla fine ho preso Deuter perchè il difetto di questi zaini è lo schienale. Quando vedi uno zaino da 35-.38 L che pesa più di altri vuol dire che se questo pesa 1.6kg e gli altri 0.9-1 kg quasi tutto il peso va nella struttura dello schienale degli spallacci e della cintura ventrale. Questi infatti sono più imbottiti. Poi i tessuti sono anche più fragili.
Ho scelto il Deuter perchè aveva lo schienale un po più strutturato del talon ma poi non tantissimo di più. Hanno telai minimal. Anche gli spallacci del deuter come anche del talon non sono tanto imbottiti. Stesso discorso vale per la cintura ventrale su cui deve gravare almeno il 70% del peso dello zaino.
Se metti all'interno materiale duro tipo Gamelle o borracce in un certo modo poi portandole sulla schiena senti che spingono sulla schiena in questo tipo di zaini leggeri e questa non è una bella cosa.
Inoltre gli spallacci e la cintura ventrale non è sufficientemente imbottiti.
Questi zaini hanno secondo me un loro perchè ma per litraggi bassi ad uso escursionistico giornaliero veloce oppure per cammini in cui vai a portare poco peso e non vai in completa autonomia. Litraggi superiori al 30-35 non li vedo adatti.
Avere uno zaino da 38 litri che pesa 1.6kg non è un problema. Il problema è avere uno zaino da 70L che pesa 3kg. Infatti se hai uno zaino da 38L porterai al max 10-11kg?ed anche se il peso dello zaino è mezzo kg in più non fa la differenza. Se hai invece uno zaino da 70L potresti arrivare a portare 15-16kg e se aggiungi un peso dello zaino di 3kg questo fa molta differenza. Te lo dico perchè è più di 30 anni che faccio trekking anche pesanti.
L'ultraleggero pesa mettiamo 1kg e il finisterre 38 o stratos ecc mettiamo 1.6. Risparmi 600 grammi cosa che puoi fare risparmiando sul peso del materiale che ti porti dietro.
Questi zaini ultraleggeri saranno fatti bene per carità, ma quando devi portare pesi che vanno sopra ai 6-7kg allora dopo molte ore di cammino gli zaini più strutturati fanno la differenza e alla fine la schiena è ti dice grazie. Finchè sei giovane porti anche uno zaino con uno schienale di legno, io invece che ho una età ormai e che ho anche problemi di schiena opterei sicuramente per uno zaino più strutturato. Non è che mezzo kg in più sia un disastro e ne gode la schiena e le spalle.
Con uno zaino infatti più strutturato faresti anche più comodamente trekking in completa autonomia.

Il discorso della scelta del litraggio poi è un discorso molto soggettivo.
Pur avendo 9 zaini perchè ho questa passione direi che uno può cavarsela riassumendo con 2 zaini per coprire tutti gli utilizzi:
-- uno zaino da 30-38 L multifunzionale un po strutturato per cammini non in autonomia completa, per trakking di una notte in autonomia completa; trekking con base in rifugi o bivacchi, ma anche per escursioni giornaliere in tutte le stagioni magari portandoli non pieni in estate
- uno zaino da 60-65 litri ben strutturato e multifunzionale per trekking di più giorni in completa autonomia; ma anche per trekking di una notte in completa autonomia se vedi che per particolari esigenze non ce la fai con il 3-38L.
- poi se uno vuole prendersi uno zainetto della decathlon da 20-25 litri da pochi soldi per uscite rapide giornaliere perchè non gli va di andare in giro specie in estate con il 30-38litri mezzo vuoto lo può fare. ma lì non occorre tante imbotiture di spallacci, schienale o cinghia tanto il peso trasportato andrà max sui 4-5kg

Quella cosa quindi secondo me di cui fare molta attenzione è il peso degli zaini da 50-70litri che non dovrebbe essere superiore ai 2.5 kg. Bisogna con questi litraggi trovare il giusto equilibrio fra robustezza, versatilità e comodità senza superare certi pesi a secco. E stiamo parlando di zaini convenzionali. Se poi uno viole spendere 500-600 euro per zaini con materiali particolari che pesano un po meno ancora e sono ben fatti ok...ma non credo che sia la scelta che possono fare in molti.
Ad es io ho:
- Taschev mount 60+10: 2.0kg
- Osprey Aether 70 : 2.3kg
- Invicta nord 70: 2.0 kg
- Deuter air contact pro 60+15+8: 3.1kg. Che è uno zaino stupendo ma ha questo grave difetto di molti deuer: il peso.
E quando lo prenddi in mano pensi sempre di aver dimenticato dentro qualcosa hahahha.
Il Kestrel 68 ad es è sul 1.8kg ma ha spallacci, cintura e schienale identici al 38 litri. Considerando che con un 68 porti >10kg è meglio scegliere un Aether o un Atmos che pesano un po di più sui 2.3kg ma che hanno spallacci, cintura e schienale molto più imbottiti. Capito il concetto? Poi bisogna sempre vedere uno cosa deve fare, l'utilizzo che ne fa.
 
Ultima modifica:
Il Talon è un ottimo zaino, un best seller dell'Osprey ma si tratta pur sempre di uno zaino ultraleggero.
Di questa categoria fanno parte anche Deuter speed lite 26-32 ad es e il nuovo Ferrino Agile 25-35. E' una tendenza ormai moderna per tanti marchi di avere una versione leggera. Tutti gli escursionisti vogliono ormai tutto il materiale ultraleggero e fanno bene ma con lo zaino le cose sono un po diverse.
Io ero indeciso tra Talon 33 e Deuter speed lite 32 e alla fine ho preso Deuter perchè il difetto di questi zaini è lo schienale. Quando vedi uno zaino da 35-.38 L che pesa più di altri vuol dire che se questo pesa 1.6kg e gli altri 0.9-1 kg quasi tutto il peso va nella struttura dello schienale degli spallacci e della cintura ventrale. Questi infatti sono più imbottiti. Poi i tessuti sono anche più fragili.
Ho scelto il Deuter perchè aveva lo schienale un po più strutturato del talon ma poi non tantissimo di più. Hanno telai minimal. Anche gli spallacci del deuter come anche del talon non sono tanto imbottiti. Stesso discorso vale per la cintura ventrale su cui deve gravare almeno il 70% del peso dello zaino.
Se metti all'interno materiale duro tipo Gamelle o borracce in un certo modo poi portandole sulla schiena senti che spingono sulla schiena in questo tipo di zaini leggeri e questa non è una bella cosa.
Inoltre gli spallacci e la cintura ventrale non è sufficientemente imbottiti.
Questi zaini hanno secondo me un loro perchè ma per litraggi bassi ad uso escursionistico giornaliero veloce oppure per cammini in cui vai a portare poco peso e non vai in completa autonomia. Litraggi superiori al 30-35 non li vedo adatti.
Avere uno zaino da 38 litri che pesa 1.6kg non è un problema. Il problema è avere uno zaino da 70L che pesa 3kg. Infatti se hai uno zaino da 38L porterai al max 10-11kg?ed anche se il peso dello zaino è mezzo kg in più non fa la differenza. Se hai invece uno zaino da 70L potresti arrivare a portare 15-16kg e se aggiungi un peso dello zaino di 3kg questo fa molta differenza. Te lo dico perchè è più di 30 anni che faccio trekking anche pesanti.
L'ultraleggero pesa mettiamo 1kg e il finisterre 38 o stratos ecc mettiamo 1.6. Risparmi 600 grammi cosa che puoi fare risparmiando sul peso del materiale che ti porti dietro.
Questi zaini ultraleggeri saranno fatti bene per carità, ma quando devi portare pesi che vanno sopra ai 6-7kg allora dopo molte ore di cammino gli zaini più strutturati fanno la differenza e alla fine la schiena è ti dice grazie. Finchè sei giovane porti anche uno zaino con uno schienale di legno, io invece che ho una età ormai e che ho anche problemi di schiena opterei sicuramente per uno zaino più strutturato. Non è che mezzo kg in più sia un disastro e ne gode la schiena e le spalle.
Con uno zaino infatti più strutturato faresti anche più comodamente trekking in completa autonomia.
Francesco corretto quello che dici, ma col peso dello stratos 36 lt 1,6 kg, equivale al peso totale di un talon 44lt + la poletent da 1 persona peso 1,7 kg.. sai son numeri che ti fanno "pensare".. perchè poi lo sai anche te, il grosso del peso è dato dallo zaino, sacco a pelo, tenda e materassino, su cibo, acqua e vestiti non è che puoi limare tanto, puoi limare Surina inutile che ti porti dietro, ma quei 4 oggetti, la fan da padrona..

I materiali si sono evoluti, basta pensare ad un pile di 20 anni fa, e confrontarlo con un pile al giorno d'oggi, hanno la stessa tenuta, ma quello del 2020 è ingombrante la metà e pesa di meno, ergo se tutto il materiale nell'arco degli anni è "cambiato" può cambiare anche lo zaino... Magari negli anni 90/00 avevi bisogno di un 70/80 LT, oggi con un 50 fai tutto, sempre se il materiale dentro è un buon compromesso tra qualità, peso, ingombro..

Qui c'è il mio zaino https://lighterpack.com/r/lrcmpu .
Capisci che guardando la lista, la zaino influisce un bel po'..
 
Francesco corretto quello che dici, ma col peso dello stratos 36 lt 1,6 kg, equivale al peso totale di un talon 44lt + la poletent da 1 persona peso 1,7 kg.. sai son numeri che ti fanno "pensare".. perchè poi lo sai anche te, il grosso del peso è dato dallo zaino, sacco a pelo, tenda e materassino, su cibo, acqua e vestiti non è che puoi limare tanto, puoi limare Surina inutile che ti porti dietro, ma quei 4 oggetti, la fan da padrona..

I materiali si sono evoluti, basta pensare ad un pile di 20 anni fa, e confrontarlo con un pile al giorno d'oggi, hanno la stessa tenuta, ma quello del 2020 è ingombrante la metà e pesa di meno, ergo se tutto il materiale nell'arco degli anni è "cambiato" può cambiare anche lo zaino... Magari negli anni 90/00 avevi bisogno di un 70/80 LT, oggi con un 50 fai tutto, sempre se il materiale dentro è un buon compromesso tra qualità, peso, ingombro..

Qui c'è il mio zaino https://lighterpack.com/r/lrcmpu .
Capisci che guardando la lista, la zaino influisce un bel po'..
Il discorso è corretto. Quello che volevo dire è che tra uno zaino ultraleggero da 35 litri che pesa un chilo e uno da 35 strutturato che ne pesa 1.5 ci sono 500 grammi che vanno a pesare sì ma sul comfort quando cominci ad avere sulla schiena più di 6-7 kg. Questi 500 grammi li puoi guadagnare sul sacco, sul materassino, sul fornelletto, sulla tenda. Globalmente potresti guadagnare non solo quei 500 grammi ma molto di più. In ogni caso ammettendo che prendendo uno zaino ultraleggero ci guadagno 500-600 grammi rispetto a uno strutturato dello stesso litraggio andrei a fare pesare tutto compreso +500grammi. Ora a questi litraggi si passerebbe da 6kg a 6.5?, Da 7 a 7.5?.
Alla lunga nel trekking con questi pesi la differenza e la fatica non cambia in cambio di un maggior comfort.
Ciò non accade quando hai un litraggio molto maggiore e quindi pesi globali molto maggiori. Per quel che riguarda la fatica il peso dello zaino gioca un ruolo maggiore poiché partendo da 10kg 2-3 kg in più o in meno alla lunga sono un aggravio significativo.
 
Il discorso è corretto. Quello che volevo dire è che tra uno zaino ultraleggero da 35 litri che pesa un chilo e uno da 35 strutturato che ne pesa 1.5 ci sono 500 grammi che vanno a pesare sì ma sul comfort quando cominci ad avere sulla schiena più di 6-7 kg. Questi 500 grammi li puoi guadagnare sul sacco, sul materassino, sul fornelletto, sulla tenda. Globalmente potresti guadagnare non solo quei 500 grammi ma molto di più. In ogni caso ammettendo che prendendo uno zaino ultraleggero ci guadagno 500-600 grammi rispetto a uno strutturato dello stesso litraggio andrei a fare pesare tutto compreso +500grammi. Ora a questi litraggi si passerebbe da 6kg a 6.5?, Da 7 a 7.5?.
Alla lunga nel trekking con questi pesi la differenza e la fatica non cambia in cambio di un maggior comfort.
Ciò non accade quando hai un litraggio molto maggiore e quindi pesi globali molto maggiori. Per quel che riguarda la fatica il peso dello zaino gioca un ruolo maggiore poiché partendo da 10kg 2-3 kg in più o in meno alla lunga sono un aggravio significativo.
Il discorso è chiarissimo, e concordo col fatto che preferisco 500/600 gr in più per star comodo e fare un trekking più confortevole.. non a caso, ho uno stratos 36 e poi ho tutto ultralight..
Quello che voglio fare passare, è il fatto che a me questi 600 gr, che tra l'altro possono diventare anche 800 e passa, mi stan un po' sulle balle, detta come va detto..e mi sono accorto che non sono l'unico malato al peso in sto forum..
detto questo, al nostro amico, consiglierei di prendere tutta la roba che vuol portare sul cammino, infilarla nello zaino da giornaliero, e capire di quanti LT ha bisogno per la via degli dei.. (26/30 LT max).. e poi un domani che avrà bisogno di spazio e quant'altro prenderà uno zaino più grande..

Anche perchè si parte sempre per acquistare uno zaino per farci tutto, poi ci si rende conto che quello che fa tutto è troppo grande, allora se ne acquista uno più piccolo, poi si cambiano materiali, si fa qualche upgrade e lo zaino grande è troppo grande, quindi si acquista uno zaino medio, ma col medio, non ci fai una settimana di trekking.. vabbè.. in soldoni uno si ritrova sempre almeno a prendere 2/3 zaini come ridere...
 
Il discorso potrebbe filare se ragionassimo su zaini ultralight americani che non hanno nemmeno un frame sulla schiena, ma stiamo parlando di Osprey, Deuter et similia, zaini che della comodità hanno fatto un vanto. Detto questo concordo sulla maggior resistenza di alcuni materiali rispetto ad altri, ma se il nostro “Sistema Escursione” preso nella sua totalità è composto da elementi selezionati ed ottimizzati nel tempo (leggi più leggeri e più compatti) non vedo il pericolo di rotture dello zaino. Io parlo per il mio tipo di escursionismo sia chiaro, cioè camminate su sentieri più o meno battuti, alcune ferrate, cammini classici, escursioni plurigiornaliere in rifugi/casere o con tenda ecc. nulla di estremo. Lo zaino che avevo prima era un 45 litri da 1,2 kg e nonostante 20 e più anni di utilizzo anche assiduo (anche 2 uscite a settimana) non si è mai rotto, le cose basta trattarle con il dovuto riguardo.
 
Buon pomeriggio @francescogulag74 , @Disagiato e @Ferrajeans . Vi ringrazio davvero per il tempo che mi state dedicando, sto davvero capendo molte cose, ma mi avete confuso ancora di più nella scelta dello zaino :rofl::rofl:.

Ricapitolando, il mio primo zaino serio: comodo, che non arrivi a sera con il mal di schiena. Eviterei quindi telai troppo "leggeri". Soggiorno in B&B quindi niente stuoie o sacchi a pelo, ma lo utilizzerò sicuramente per altri cammini (es:Santiago) ma anche per Trekking in giornata o di più giorni dove dormire in sacco a pelo + stuoia e mini tenda, ma questi ultimi saranno sicuramente svolti non in solitaria. Insomma, come dicevo in apertura: un buon primo zaino tutto fare, che non mi precluda l'uscita in giornata come il trekking (certamente non estermi) di più giorni.

Lo zaino conterrà: x3 magliette tecniche, x3 calzini, biancheria, pile, anti-vento, pantaloni di ricambio, poncho, cappello, guida ufficiale, spazzolino, dentifricio, infradito, mini kit di primo soccorso, powerbank, cavi per ricaricare telefono e smartwatch, coltellino multi-uso, un paio di panini per il primo giorno e 3/4 barrette energetiche; bastoncini da trekking da poter essere fissati sullo zaino alla bisogna, sacca 1,5lt di acqua da inserire nell'apposita tasca dello zaino (ho dimenticato qualcosa? o_O)

Non avendo esperienza con il litraggio dello zaino e non avendo negozi specializzati nelle vicinanze dove poterli trovare (l'unico che potrei provare è il Decathlon MH500 - 30L, ma non mi sembra che l'abbiate nemmeno preso in considerazione quindi lascio perdere), alla luce di quanto detto sopra cosa mi consigliate?

Guardando un po' di recensioni sugli zaini, non mi dispiacciono lo Stratos 36 (che a conti fatti sarebbe un 34, dovendo acquistare io la misura S/M) o il Ferrino 28. I miei timori: ho paura che lo Stratos sia ingombrante e sovradimensionato per il viaggio che intraprenderò, e che il Ferrino sia troppo risicato, però potrebbe essere un'opinione soggettiva data dalla poca esperienza). Gli zaini costano uguali al netto di disponibilità e promozioni.

Se non hai fretta per l’acquisto ti consiglio per Osprey di dare un‘occhiata alla sezione Second Life del loro sito (ti devi iscrivere), ogni settimana trovi zaini riparati, ex display, ex sample, prototipi alla metà o meno del loro prezzo di listino. Il mio Talon e l’Eja 38 di mia moglie con una piccola riparazione su entrambi li ho pagati 69 e 79 euri.
Grazie per la dritta, purtroppo partirò a breve :-?

Grazie davvero per l'aiuto ragazzi :)
 
Buon pomeriggio @francescogulag74 , @Disagiato e @Ferrajeans . Vi ringrazio davvero per il tempo che mi state dedicando, sto davvero capendo molte cose, ma mi avete confuso ancora di più nella scelta dello zaino :rofl::rofl:.

Ricapitolando, il mio primo zaino serio: comodo, che non arrivi a sera con il mal di schiena. Eviterei quindi telai troppo "leggeri". Soggiorno in B&B quindi niente stuoie o sacchi a pelo, ma lo utilizzerò sicuramente per altri cammini (es:Santiago) ma anche per Trekking in giornata o di più giorni dove dormire in sacco a pelo + stuoia e mini tenda, ma questi ultimi saranno sicuramente svolti non in solitaria. Insomma, come dicevo in apertura: un buon primo zaino tutto fare, che non mi precluda l'uscita in giornata come il trekking (certamente non estermi) di più giorni.

Lo zaino conterrà: x3 magliette tecniche, x3 calzini, biancheria, pile, anti-vento, pantaloni di ricambio, poncho, cappello, guida ufficiale, spazzolino, dentifricio, infradito, mini kit di primo soccorso, powerbank, cavi per ricaricare telefono e smartwatch, coltellino multi-uso, un paio di panini per il primo giorno e 3/4 barrette energetiche; bastoncini da trekking da poter essere fissati sullo zaino alla bisogna, sacca 1,5lt di acqua da inserire nell'apposita tasca dello zaino (ho dimenticato qualcosa? o_O)

Non avendo esperienza con il litraggio dello zaino e non avendo negozi specializzati nelle vicinanze dove poterli trovare (l'unico che potrei provare è il Decathlon MH500 - 30L, ma non mi sembra che l'abbiate nemmeno preso in considerazione quindi lascio perdere), alla luce di quanto detto sopra cosa mi consigliate?

Guardando un po' di recensioni sugli zaini, non mi dispiacciono lo Stratos 36 (che a conti fatti sarebbe un 34, dovendo acquistare io la misura S/M) o il Ferrino 28. I miei timori: ho paura che lo Stratos sia ingombrante e sovradimensionato per il viaggio che intraprenderò, e che il Ferrino sia troppo risicato, però potrebbe essere un'opinione soggettiva data dalla poca esperienza). Gli zaini costano uguali al netto di disponibilità e promozioni.



Grazie per la dritta, purtroppo partirò a breve :-?

Grazie davvero per l'aiuto ragazzi :)
È verissimo che un 28-30 ti basta per il cammino degli Dei e anche per escursioni giornaliere ma se fai un trekking in completa autonomia con sacco a pelo ecc magari di una notte o 2 no a meno che non ci sia qualcuno con te che si porta tutta la tenda e porta anche il fornello e cartuccia e qualcosa altro.
Come zaino tutto fare si parte con una cosa intermedia sui 36-38 poi si vedrà. Con l'esperienza imparerai a portare cose che avevi lasciato a casa e magari lasciare a casa cose inutili che magari hai portato.
Per il futuro ti accorgerai che con uno zaino non ci fai tutto ed anzi ci sono zaini di diverso litraggio per le diverse stagioni.
Voto per il ferrino Finisterre 38 eventualmente da provare poi se ti appassioni potrai prendere un 20-25 a poco prezzo tipo Decathlon e uno più grande sui 60 se ne vedrai la necessità. Così alla fine copri tutti gli utilizzi.
 
Del Ferrino mi piace la tasca posteriore estensibile, e i lacci supplementari che si possono trasportare attrezzatura sia sul fondo che sullo schienale. Non mi piace il peso 1,70, i porta bastoncini, e le tasche laterali, (ho avuto una cosa simile sul 40 air plus del deca, e non mi è mai piaciuto)

Lo stratos pesa 1,5 kg, ha il porta bastoncini sotto ascella, molto comodo per tirarli fuori e reinserirli, allo stesso tempo possono essere d'intralcio in fase di passaggi su roccia..

Non era nostra intenzione confonderti le idee, ma un forum è bello anche per questo, per uno scambio di opinioni, e punti di vista differenti.
In bocca al lupo per la via degli dei!! ;)
 
A prescindere dai nostri discorsi e dall’attrezzatura che sceglierai, l’importante è uscire e fare ciò che ci piace fare, goditela e basta. Quando sei là fuori tutto il resto è solo brusio di fondo. Buon cammino.
 

Discussioni simili


Alto Basso