Informazione dove è possibile fare bushcraft?

Io possiedo circa 10'000 metri quadrati di terreno in montagna, zone attorno ai 1400 m.s.m, metratura divisa su un paio di appezzamenti. Però a differenza di tutti gli altri, parlo di quelli attorno a me, sono "miei" perché li ho ereditati e per legge, sul registro c'é scritto così. Ma solo a dire, parlando di natura, "di mia proprietà", mi sento anti-natura, egoista, prepotente. Personalmente lascio quei terreni per come sono... delle zone naturali di montagna. Dove deve crescere la natura selvatica, liberamente, animali, ecc... Se non c'é inquinamento, delinquenza, ecc... non proibirò mai agli altri di usufruirne. Perché ok il riparo personale, per la propria famiglia, dove si abita e con dimensioni "ragionevoli", senza esagerare, ma quel comprare terreni interi, boschi, natura e ritenerli di "proprietà propria, esclusività propria" proprio la trovo una cosa deplorevole. Non apprezzo proprio quell'egoismo enfatizzato in quei contesti "...é mio, il bosco é mio..."!! NB: io la vivo così, poi ognuno giustamente fà come vuole. Io di mio non sono un tipo possessivo, se ho quel che mi serve per vivere sono felice, senza cercare sempre di più, non mi faccio altre paranoie e non ne faccio agli altri.

Infatti in quei terreni, negli anni, ho visto persone in tenda, persone stile "bushcraft", pastori che ci lasciavano le Vacche, piuttosto che le Capre, ecc...

Però devo anche ammettere che per nessun motivo potrei vedere e trattare la natura come una "ruota di scorta", "come un luogo in cui andare semplicemente per staccare dalla vita moderna in società, ecc..." Assolutamente no, la natura la sento ancora parte di me, anzi... prevale su qualsiasi altro sentimento di appartenenza.

Secondo me é una questione di retaggi, la differenza nelle nazioni, basta guardare alla situazione attuale. Ci sono luoghi in cui basta mettere un pelo di paura e richiamare alla razionalità, rispetto, e non servono tanti obblighi, leggi, pugni di ferro e comunque sia le reazioni delle persone sono chiaramente differenti. Ci sono altri luoghi in cui palesemente le persone sembrano essere sempre lì, pronte e delinquere, a fare il caxxo che vogliono senza rispetto, ecc... A predicare che tutto và a rotoli, ma comportandosi esattamente in maniere ideale per fare andare tutto male,... Infatti i governi, le autorità in ogni luoghi sono in inferiorità numerica... quindi quello che non funziona o quello che funziona e gran parte merito della popolazione in generale, che fà la società di quel posto.

Da notare che personalmente é una soddisfazione enorme notare, quando passo, che quegli spazi naturali vengono usati per quello che sono. Senza quelle dinamiche tipiche che si ritrovano tipicamente in città... in cui l'importante é avere proprietà private anche se non necessarie e impegnarsi perché tutti lo capiscano e guai a metterci un dito, ahah Anche se non cambierebbe nulla, anche se non metterebbero a repentaglio la sicurezza, la vita, il tutto, dei così definiti "proprietari".
 
Ultima modifica:
Scusa Giulio, ma tu sai meglio di me che è quasi tutto proibito...

Praticamente non si può fare bushcrat da nessuna parte.

Se proprio lo si vuol fare, è farlo con giudizio ma assumendosi la responsabilità di eventuali conseguenze, ovviamente.

Sai benissimo, però che sono cose che non si possono fare...
Sì, è esatta, la tua conclusione, e comunque ignorantia legis non excusat.
Per questo di solito mi muovo con il mio gruppo (e con gli scout) in terreni di proprietà privata e con il permesso scritto della proprietà.
Non è difficile, si fa esattamente come negli anni 90 (e dal 1911 con gli scout) abbiamo sensibilizzato i proprietari di terreni di gioco, i Comuni e le Autorità con il softair, cioè facendoci conoscere di persona, creando ASD e Statuti, e muovendoci "al sole", non nell'ombra.
Poi può accadere che siamo in gita CAI o con amici, in ambiente selvaggio, fuori da ogni raggio d'azione di terzi, e si fa lo stesso qualcosa di scorretto, tipo un fuocherello...
A quel punto è esattamente come dici tu, se lo fai con giudizio e non arrechi danni, è anche molto probabile che l'agente di PS di turno lasci correre, se invece fai lo spavaldo e l'arrogante, cercando di difendere un diritto che ad oggi NON è riconosciuto, è molto probabile che ci siano conseguenze, amministrative e penali. E uno poi se le deve tenere, come diceva mia nonna "zitto e mosca" (che poi non so da cosa dervia la storiella della mosca...).
Chi di noi ha sempre seguito le regole, scagli la prima pietra, diceva quello, e io per primo ammetto di aver "infranto" alcune di queste regole nel tempo.
E non ci sono giustificazioni, la cosa può sempre scappare di mano (Murphy docet).
 
Sì, è esatta, la tua conclusione, e comunque ignorantia legis non excusat.
Per questo di solito mi muovo con il mio gruppo (e con gli scout) in terreni di proprietà privata e con il permesso scritto della proprietà.
Non è difficile
, si fa esattamente come negli anni 90 (e dal 1911 con gli scout) abbiamo sensibilizzato i proprietari di terreni di gioco, i Comuni e le Autorità con il softair, cioè facendoci conoscere di persona, creando ASD e Statuti, e muovendoci "al sole", non nell'ombra.
E' un lavoro se ad ogni escursione si deve fare sempre una preparazione così... :(

Poi può accadere che siamo in gita CAI o con amici, in ambiente selvaggio, fuori da ogni raggio d'azione di terzi, e si fa lo stesso qualcosa di scorretto, tipo un fuocherello...
A quel punto è esattamente come dici tu, se lo fai con giudizio e non arrechi danni, è anche molto probabile che l'agente di PS di turno lasci correre, se invece fai lo spavaldo e l'arrogante, cercando di difendere un diritto che ad oggi NON è riconosciuto, è molto probabile che ci siano conseguenze, amministrative e penali. E uno poi se le deve tenere, come diceva mia nonna "zitto e mosca" (che poi non so da cosa dervia la storiella della mosca...).
Per farla breve, sappiamo benissimo quali siano le zone più battute dai Forestali e quali dove la possibilità di incontrarne è pressochè nulla...
I forestali li ho visto solo in prossimità di stradelli che si possono percorrrere col fuoristrada...

Quando si è a qualche ora di cammino dal punto più accessibile su sentieri impervi, stai tranquillo che non incontri nessuno.

Anche perchè tu hai la tenda per passare la notte e non devi rifarti il percorso inverso, al buio, per tornare alla "civiltà". :poke:

Chi di noi ha sempre seguito le regole, scagli la prima pietra, diceva quello,
Io di pietre ne posso scagliare ZERO :rofl:

e io per primo ammetto di aver "infranto" alcune di queste regole nel tempo.
E non ci sono giustificazioni, la cosa può sempre scappare di mano (Murphy docet).
Per fare un bel gesto, dovresti andare a costituirti :p
 
Anche io in quota possiedo vari appezzamenti di terreni dai 800 ai 1200 metri ma comunque per legge non posso accendere fuochi anche se si tratta di propietà privata
 
Anche perchè tu hai la tenda per passare la notte e non devi rifarti il percorso inverso, al buio, per tornare alla "civiltà". :poke:
Ma dai... che accoglienza pari zero, ahahah (scherzo ovviamente)

Ricordo ancora una tre giorni di pesca vicino ad un laghetto alpino... vengo avvicinato da un guarda-pesca che mi fà mille-mila paranoie sui pesci, dimensione per tipo, ecc... e manco sapeva fare le distinzioni, ahah Tra l'altro penso avesse 20 anni in meno, ahahah Perché ovviamente ogni tanto ci sono delle "ibride" o comunque hanno colorazioni, dimensioni, ecc... anormali. Lo faceva con la solita "simpatia" delle autorità, ahah Inoltre c'é la stupida legge che non permette di tagliare la testa al pesce in loco... ovvero... te lo devi cucinare tutto intero ed io avevo avuto la splendida idea di tagliare i filetti per farli sulla pietra, ahah Vabbé,...

Però... io ero organizzato per trascorrere fuori la notte,... lui no, ah Non ha mai alzato lo sguardo al cielo in tutte le ore che girovagava da quelle parti... perché poi é venuto giù di tutto, ahah Acqua, nevischio, vento... ed eravamo oltre i 2500 m.s.m e da bravo "pirla" gli ho detto di entrare in tenda e di restare quanto serviva per far passare il peggio. Ovvero... é rimasto fino la mattina dopo... ahahah

Ma ormai... lui stava facendo solo il lavoro che aveva scelto, stava solo eseguendo, facendo rispettare delle leggi,... ahah Ma ha imparato anche ad apprezzare il fatto che io ero lì per interesse, passione... che pescavo un pesce o due per nutrirmi.... mentre solitamente gli altri, che rispettano la legge, cercando di fare numero... ovvero il mx giornaliero consentito.

Insomma... indifferentemente da tutto, ma veramente da tutto... ogni persona può essere razionale, rispettosa, ecc... o essere il peggio possibile, a priori. Indifferentemente anche dal fatto se l'autorità moderna di dice che hai o meno un diritto.
 
Sei stato troppo buono :lol:
Lo sò, ahah Diciamo che a sentire le mie convinzioni, i miei approcci, filosofie, ecc... potrebbe proprio sembrare che sono uno di quelli anarchici irrispettosi di tutto e tutti, invece sono quasi l'esatto opposto, estremo. Mi faccio una miriade di problemi nel rispetto degli altri,... ma poi "nel mio", "che riguarda" me, pretendo appunto la pace e libertà più assoluta.

Ma alla fine sono proprio le base su cui posano le mie convinzioni... che poi non saprò esporre in maniera chiara o che comunque scontrandosi con altre realtà non piacciono comunque.

... poi s'é pure mangiato parte del pesce per cui aveva reclamato, quindi ho creato un precedente, ahah
 
Da noi si chiama corruzione :rofl:
ahah,... no, era pura "cortesia" ;) Che dovevo fare... mangiare di fronte a lui senza offrire nulla?? AHAH
Corruzione o soccorso ad un'autorità poco organizzata? ahahah

La soluzione più logica in natura era lasciare il pesce e cucinare qualcosa di più grande sul fuoco,...
e che avrebbe eliminato il problema, ahahahah

Scherzi a parte... mi sono sempre preso la responsabilità senza giri e rigiri, di fronte ai lavoratori delle autorità. Anche perché mi sentirei un "vigliacco" a fare di testa mia e poi nascondermi, ahah Nemmeno nei casi peggiori, non mai preso in giro le autorità... essendo entrambe le parti di fronte a qualcosa che per la "legge umana" erano palesemente non tollerate ;) Anche perché essendo tutti uguali, mostrare timori solo per una divisa... non sarebbe da uomini adulti.
 
Tra l'altro... dimenticavo nell'altra mia risposta, se in futuro andrà meglio... e se ci saremo ancora, ahah
Calcola che le mie offerte per fare uscite in comune saranno sempre valide (a meno che non viene fuori che non c'é compatibilità sugli interessi, passioni, attività, ecc... altrimenti é logico che é inutile), non ci sono problemi per il prestarti quel minimo di materiale che magari ritieni necessario, indispensabile, ecc... ovviamente se già non l'hai. Così non devi spendere. Insomma... non devi preoccuparti di un certo tipo di spese, ma puoi concentrarti solo su quelle realmente necessarie "per partire" e vivere nuove esperienze ;) Che é ciò che conta,... tutto il resto é "contorno", ahah L'importante é che ci siano interessi, passioni vere, radicate, profonde... Insomma... vivi la natura e rispetta la natura, se quello che fai rispecchia gli equilibri naturali, ovvero é facile capirlo...basta guardare chì vive nella natura in maniera selvatica, primitiva... che siano animali o tribù poco conta... ecco, se segui quello non potrai mai sbagliare, su ciò che é naturale, normale, corretto, giusto, equilibrato, ecc... Tutto il resto sono variati.

Perché ricorda bene che non é l'essere umano ad avere la ragione su tutto, lui crea leggi scritte in base a dei parametri che ha deciso la società di maggioranza, fà rispettare ciò che vuole. Le vere leggi, gli equilibri, il rispetto per la natura... sono cose presenti fin da quando l'essere umano ha iniziato a convivere con la natura, per ovvi motivi. Quindi rispetta quello e sei a posto,... poi ovviamente vivendo in questa società si é obbligati a rispettare le regole "umane", ma sempre per una questione di "coerenza", si vive in quel sistema... bisogna accettare qualche sacrificio, fare qualche eccezione. Ma non perché l'umano ha la ragione, ma per altro. Le autorità, gli esseri umani fanno rispettare le "leggi", non la "giustizia" e sicuramente vivendo nella tecnologia... non é un far rispettare gli equilibri naturali, ma quel che fà comodo ai bipedi.

Ma é tutta roba logica, se si é persone mature e razionali, ma soprattutto per il "vivi e lascia vivere", che di fondo vuol dire rispettare gli altri, anche se si hanno visioni differenti. Finché non si fà torto gli uni agli altri, concretamente,.... nessuno ha il diritto, vero, di ridire. Anche perché le persone possono fare scelte diametralmente opposte, senza che questo vuol dire intaccare gli altri. Anzi... spesso gli estremisti della natura sarebbero come qualsiasi altro animale selvatico... e sicuramente meno impattati per gli altri, rispetto al resto.

Quindi, io ho visioni completamente diverse dalla maggior parte delle persone, ma sò come funzionano le cose... ti consiglio di informarti bene, per le zone che intendi vivere. Così ti eviti problemi che poi ti tiri dietro.

Non sò rispetto a dove vuoi andare, ma quì sul forum facevano diversi raduni a Trebbana... proprietà privata, da quel che ho capito.... potresti provare e cercare e chiedere, non sò se devi pagare, si possono tutti o loro conoscevano qualcuno, ecc... ma potrebbe essere una soluzione. Prova a cercare,...

NB;: per evitare fraintendimenti... e per evitare di ricevere certi messaggi in privato, per approfittarne. Queste cose ovviamente valgono per quelle persone, come in questo caso, che mi ispirano umiltà, semplicità, ecc....
Non per tutti a priori, ahah
grazie mille davvero =) fortunatamente ho tutto il necessario , anche se realmente mi serve molto poco,.... faccio gia spesso molte uscite trekking e adoro crearmi degli attrezzi ( coltelli vari ecc..) sei stato davvero molto gentile =)
grazie mille
 
...io penso che se esistono Leggi, volenti o nolenti, vanno rispettate.
L'alternativa sono sanzioni commisurabili in centinaia di euro e, nell'ipotesi peggiore, cartoline verdoline con avviso di conclusione indagini e rinvio a giudizio con data di udienza fissata.
Ognuno faccia la sua scelta, ma prima di fare asserzioni un po' temerarie , bisognerebbe passare attraverso determinate esperienze per capire se ne vale REALMENTE la pena.
 
Condivido, ognuno dovrebbe farsi un esamino e valutare bene con quale carattere, approccio, ecc... ha vissuto la sua vita, per valutare al meglio il tutto e comportarsi coerentemente con se stessi. Azioni e conseguenze, sono parte integrante di tante cose, della società, e purtroppo vittimizzarsi "dopo", senza aver pensato "prima" é troppo facile.

Detto questo, sono dell'idea diametralmente opposta, soprattutto quando concerne questioni legate alla vita "selvatica". NB: non da merederos, ogni tanto, per moda, per divertimento,... ma nel momento che si decide per uno "stile di vita" differente e che riguarda la natura e non la modernità umana. Insomma, se c'é coerenza e non solo quando fà comodo.

NB: parlo per cognizione di causa, non per un'esperienza, ahah ma per una vita di esperienze riguardanti sia la questione "natura", che "leggi umane" a confronto, ahah ;)

Ricordo un'uscita, anni fà quando praticavo ancora "dowhill" in MTB, una due giorni in un comprensorio apposito, con un amico "amante" dei furgoni. Voleva fare il figo, probabilmente per via di qualche film con quegli pseudo avventurosi in giro per il mondo con il camperino,.... e sostare e dormire in un parcheggio normale, senza annunciarsi e pagare la tassa per i parcheggi appositi. Insomma si atteggiava e voleva fare il ribelle,... poi, avevo la "pisciarella" quella notte, ad un certo punto mi fà "...non si dovrebbe più uscire fino a mattina e se si sentono dei rumori stare fermi...". A quel punto gli ho risposto "...fuori fare il figo ma poi sei il tipico che lancia il sasso e nasconde la mano?? Vigliacco e ipocrita...". INSOMMA, L'APOTEOSI DEL VOLER FARE QUALCOSA SENZA ACCETTARNE LE CONSEGUENZE E SENZA ACCETTARNE IL CARATTERE SOTTOMESSO DALLA LEGGE, REGOLE, CONCETTI DECISI DA ALTRI, ECC...

Quindi prima di tutto,... RAGIONARE E VALUTARE SE STESSI e comportarsi in base a ciò, senza voler strafare avendo però caratteri di un certo tipo. Per poi vittimizzarsi o comportarsi da vigliacchi. Da notare che comunque, purtroppo, la popolazione che la vede diversamente, sottomessa, programmata e le autorità,... l'hanno sempre vinta. Quindi bisogna accettare anche questo,... oppure incorrere in cose molto, ma molto più gravi... che dalla natura di tengono lontano per tanto tempo.
 
Ultima modifica:
Quindi, al tempo del Fascismo, era giusto perseguitare gli Ebrei perchè lo diceva una legge?
...non penso che il paragone (paradossale) regga, peraltro paragonando norme emanata da un regime dittatoriale a norme emanate nel pieno rispetto della democrazia.

Altrimenti potrei ribatterti asserendo che :se riesco a procedere nel viale di un centro abitato a 120km/h, non vedo perché dovrei limitarmi ai 70km/h sol perché lo prescrive il CdS.
E magari anche senza le fastidiose cinture di sicurezza, perché no?

Le Leggi vengono emanate con scopi specifici, si può non condividerle ma bisogna rispettarle.
 
Per me è sacrosanto che siano vietati il campeggio e l'accensione di fuochi nei boschi.
Sapete quanti milioni di ettari di vegetazione sono andati in fumo a causa del fuoco di un campeggiatore? Non contando il fattore disturbo che provocherebbero campeggiatori di liberi di scorrazzare in ogni dove.
 
Per me è sacrosanto che siano vietati il campeggio e l'accensione di fuochi nei boschi.
Sapete quanti milioni di ettari di vegetazione sono andati in fumo a causa del fuoco di un campeggiatore? Non contando il fattore disturbo che provocherebbero campeggiatori di liberi di scorrazzare in ogni dove.
Non ho dati alla mano, ma sono convinto che il 99% degli incendi boschivi sia di origine dolosa piuttosto che colposa...
--- Aggiornamento ---

Le Leggi vengono emanate con scopi specifici, si può non condividerle ma bisogna rispettarle.
Quindi per dire anche le leggi sui vitalizi, emanate in piena democrazia, vanno bene... :(
 
No, no... tutto vero e corretto, tranne l'ultima parte. La vita é fatta di scelte.

Si può condividerle e rispettarle.
Si può non condividerle e rispettarle.
Ma si può anche non condividerle e non rispettarle.

In nessun caso descritto, significa che a priori una persona si comporta nella maniera giusta, o sbagliata, buona o cattiva. Queste sono cose estranee alla legge. Tutto il resto, ma indifferentemente da tutto, per tutto e tutti, si basa su interpretazioni personali,... Legge o non legge, democrazia o dittatoriale, ecc... nulla é assoluto, é qualcosa che qualcuno ha deciso secondo certi parametri, che non tutti sono obbligati a rispettare, se non li condividono.

Le ripercussioni, visto il sistema di gestione... é tutt'altra storia. Quella della consapevolezza e accettazione,... tutto quì.


Ma di Pecorelle bianche che reclamano tutti i giorni, ma sottomettendosi sempre e comunque, incapaci di formulare concetti e ragionamenti individualmente, ne é piena la società. Basta "vittimizzarsi, ma seguire a testa bassa, perché qualcuno, la massa, XXX, han detto che é la maniera giusta. AHAHAHAHAH Soldatini programmati e manovrati,... infatti non serve nemmeno più tutto il peso del cervello, basterebbe una nocciolina,... per seguire le indicazioni.

Non sò se é poi così un male ragionare individualmente, rispettando tutto secondo certe basi,... ma essendo ritenuti Pecore nere,... cioé, lo sò cosé meglio,... ma solo secondo le interpretazione come le mie, ah Nulla é assoluto.

Ad ognuno il suo,... ma triste vede amanti, presunti, della natura,... dare più valore alle regole umane, che quelle naturali.
Che poi per scelta, dovere, mancanza di carattere si accettino dei sistemi lontani dalla natura, ci stà anche,... ma senza rinnegare e sminuire ciô che é naturale, basico...


SALUTI.... PERCHÈ MI VIENE IL VOLTA STOMACO A SENTIRE CERTI DISCORSI, DA AMANTI DELLA NATURA.... AHAH
 
Ultima modifica:
Quindi per dire anche le leggi sui vitalizi, emanate in piena democrazia, vanno bene... :(
...a rigore di regola democratica: si.
Se invece ne vogliamo discutere sul piano morale, possiamo trovare molto da obiettare.
Purtroppo democrazia rappresentativa e moralità non sempre vanno di pari passo.
Questo è senza troppi giri di parole e filosofie.
 

Discussioni simili



Alto Basso